E' online il numero 43 di n+1 (aprile 2018)

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°43

Editoriale: Si fa presto a dire moneta

Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica

Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop

Terra di confine: Elementare, Watson

Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo

Recensione: Verso un nuovo paradigma

Doppia direzione: Il computer e la coscienza

 

Appuntamenti

14-16

Dic

72° incontro redazionale
L'incontro si terrà presso la sede di Torino.
Temi da definire.

21-23

Set

71° incontro redazionale
Temi: - Le rivoluzioni come fatto fisico, - Gli enciclopedisti e la rivoluzione europea, - Sintomatici consensi, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  20 novembre 2012

Collegamenti di classe

Uno degli ultimi post pubblicati sul sito di OWS intitolato Occupy Wall Street, Not Palestine (è stato rimosso!) affronta in modo interessante l'attuale conflitto israelo-palestinese. Le guerre, dicono gli occupiers, sono frutto degli interessi dell'1% e bisogna rivoltarsi contro il nemico interno: bisogna prendersela con la propria classe dirigente evitando la guerra tra poveri. Nel suddetto post si riportava pure il "Manifesto dei giovani di Gaza", scritto l'anno scorso sull'onda della Primavera araba.

Nella east coast americana dopo Sandy c'è stata una bufera di neve e quindi altri danni. Lo Stato è andato in tilt, soprattutto a New York, dove in migliaia vivono in roulotte e tende organizzati male. Le strutture di Occupy al contrario funzionano bene e sono ormai permanenti, supplendo al ruolo delle pubbliche autorità. Ultimamente si è verificata una curiosa alleanza tra alcune Unions e Occupy Wall Street. Tale alleanza si è verificata sia sul terreno della piattaforma di mutuo soccorso Occupy Sandy che per l'agitazione dei dipendenti ultra-precari della Walmart.

In continuità con lo sciopero del 14 novembre, sul sito European strike, è stata lanciata per il 1° dicembre un'altra iniziativa di lotta con flash mob e manifestazioni. L'appello è stato scritto in più lingue ed è stato pubblicato anche su Chicago86. Queste iniziative sono aperte alla creatività dei partecipanti. Ognuno, dai gruppi organizzati ai collettivi, può aggiungere contenuti all'iniziativa ed influenzare gli altri nodi della rete. Il tutto ci ricorda lo stile di Occupy, un modus operandi che sta prendendo piede a livello mondiale. In Grecia, i lavoratori pubblici hanno occupato 4 ministeri e 250 sedi comunali e regionali per protestare contro i licenziamenti e la messa in mobilità. I licenziamenti sono una delle clausole richieste dalla cosiddetta Troika per erogare il prestito alla Grecia. E' interessante che vengano occupate sedi e centri nevralgici per il funzionamento della macchina statale. Sempre ad Atene, un paio di anni fa, era apparso uno striscione sul Partenone che chiedeva ai popoli d'Europa di sollevarsi. Il 14 novembre 2012 la Confederazione dei Sindacati Europei è stata costretta ad organizzare uno sciopero generale europeo e, sul Web, circola da qualche tempo lo slogan People of europe rise up!

Ultima notizia a testimonianza del baratro in cui stanno precipitando anche i più grandi paesi europei, Moody's ha declassato la Francia che ha perso la tripla A. Il 7 novembre il governatore della BCE Mario Draghi dice che la recessione ha colpito pure la Germania, sta di fatto che la locomotiva tedesca dall'estate scorsa non riesce più a tenere il passo e l'Unione Europea nel suo insieme arranca. Se adesso la situazione è preoccupante, immaginiamo quando il motore tedesco sarà costretto a fermarsi. E' come se ci fosse una spirale che dai paesi periferici sta arrivando a stringersi intorno al cuore politico-economico dell'Europa. Come andiamo dicendo da tempo, se salta la Germania, salta tutta la struttura economica europea. Ma questo discorso va sempre contestualizzato nell'ambito del sistema-mondo: la Germania sta all'Europa come gli Stati Uniti stanno al mondo.

La relazione fatta recentemente a Torino sull'articolo "Einstein e alcuni schemi di rovesciamento della prassi", ci ha dato modo di riprendere l'argomento durante la teleconferenza. Come è ben spiegato in "Scienza e rivoluzione", Bordiga rimase colpito dalle teorie del continuum (Maxwell). Nello stesso periodo stava emergendo una teoria opposta a quella del continuo: la teoria della meccanica quantistica. Dal punto di vista della conoscenza la Sinistra voleva dimostrare che le teorie del continuo sono le nostre, perché noi siamo monistici. La scienza-conoscenza non è un contenitore asettico posto all'esterno dell'umanità, al quale ogni cervello singolo possa attingere come elemento cosciente e in quanto tale depositarvi ulteriori elaborati; non è neppure una relazione biunivoca fra l'individuo e la biblioteca del sapere (forma pseudo-illuministica dello Spirito), ma un insieme di saperi, di capacità, di possibilità di apprendimento ed elaborazione che migliaia di generazioni ci hanno tramandato, e che tramanderemo in una dinamica continua, non spezzettata e distribuita in grani di coscienza individuale. Se non c'è dicotomia tra materia ed energia, allora non c'è dicotomia nemmeno materia e spirito. Da "Relatività e determinismo - In morte di Albert Einstein":

"Non sarebbe questa una grande tappa sulla via del Monismo, della nostra concezione del mondo? Se le forme meccaniche, elettriche, magnetiche, ottiche, dell'energia, della materia-energia (tra le quali ultime si annoverano quelle che tengono insieme le ardue costruzioni atomiche e che da esse si liberano quando i nuclei sono spaccati dai proiettili corpuscolari) rispondono ad una sola legge da cui si deduce l'orbita di Sirio a milioni di anni luce e la traiettoria del protone nel cuore del nucleo di milionesimi di millimetro, allora Alberto Einstein è arrivato molto vicino alla assimilazione unitaria anche di quella forma ancora poco nota di energia vitale che chiamiamo pensiero."

Questione epistemologica importantissima: ancora oggi c'è una non compatibilità di fondo tra meccanica quantistica e teoria della relatività. Una delle due è sbagliata. I fisici dicono che finché la meccanica quantistica funziona tutto va bene e non bisogna chiedersi il perché, almeno fino al momento in cui salta fuori una teoria più completa. La teoria della relatività si spiega da sé, mentre la meccanica quantistica pone dei problemi dal punto di vista della teoria della conoscenza, visto che presuppone la creazione dal Big Bang in poi.

Dalla relatività si è poi passati a discutere del patto tra il governo e le cosiddette parti sociali sulla "produttività". La CGIL non firma l'intesa e la Camusso dice che l'accordo non tutela il potere d'acquisto dei lavoratori. In realtà più che di un generico richiamo all'aumento della produttività, l'elemento su cui si cerca di incidere è il saggio di sfruttamento, cioè il rapporto tra salario e valore prodotto. L'aumento dello sfruttamento sulla base del valore si può avere o con l'abbassamento del salario - sono in ballo i minimi salariali - oppure aumentando il valore prodotto. Se si abbassa il salario dei proletari si abbassa anche il prezzo dei beni di prima necessità (vedi Engels su "La questione delle abitazioni"). Potrebbe verificarsi una situazione di aumento della produttività e calo del valore della singola merce. Come conseguenza, solo aumentando la massa della produzione aumenta la cifra che il capitalista mette in tasca. In ultima analisi, aumentando la produttività si va in sovrapproduzione netta. Vulcano della produzione, palude del mercato. Dal 2007, le borghesie nazionali non sono riuscite a tappare la falla dei debiti-crediti e stanno perdendo la testa perché non sanno cosa fare. Monti spara dichiarazioni misere e si prepara a presiedere il prossimo governo. Le vicende politiche italiane risultano da questo punto di vista interessanti in quanto non si può tornare indietro dall'esperimento "tecnico". Se la prospettiva di un Monti-bis è quasi certa, viene spontanea una domanda: cosa potrà fare il Monti-2 che non abbia già fatto il Monti-1? La questione principale da capire è se il capitalismo riesce ancora ad accumulare e quindi a sfamare i propri schiavi. Il Presidente Monti se non è così inutile come sembra, dovrà trovare qualche potente suggeritore che gli spieghi come distribuire il reddito ai senza riserve. L'Italia non può permettersi una deriva di tipo greco. La Grecia è un paese piccolo che, a parte Atene, non ha grandi centri urbani e nelle campagne ci sono ancora possibilità di sopravvivenza. Ogni paese d'Europa marcia per la sua strada: significativo il caso dell'Irlanda che si è stampata 53 miliardi di euro senza chiedere il permesso a nessuno, quando la questione monetaria dovrebbe passare prima dalla Banca Centrale Europea (BCE). Anche l'Islanda ha fatto un referendum "morale" e non ha pagato più nessun debito.

A proposito dei diktat provenienti dai mercati, se comincia ad andare in crisi la Germania chi potrà più controllare la situazione?

In un periodo di crisi la ricetta tedesca di abbassare la composizione organica del capitale può esser una soluzione, ma non si può tirare troppo a lungo la corda. Per essere competitivi anche i tedeschi hanno bisogno di automazione, produttività, ecc. E poi, quanto possono resistere i lavoratori tedeschi dato che anche loro prendono un salario al di sotto di quello necessario per vivere?

In chiusura di riunione non è mancata la consueta nota di carattere sindacale: in Grecia approfittando della situazione, IKEA taglia del 15% il salario dei dipendenti. La multinazionale svedese, per limare i costi, avrebbe pure chiesto ai suoi impiegati di rivedere il loro inquadramento professionale. Rinunciando ai contratti di lavoro collettivi per firmare contratti individuali, più facili da rompere. In Germania ad un milione di disoccupati è stato ridotto il sussidio del 30%. Un istituto di studi economici franco-tedesco ha pubblicato un lavoro apposito (Brigitte Lestrade, "Les réformes sociales Hartz IV à l'heure de la rigueur en Allemagne. Juin 2010").

IKEA ha dovuto chiudere un suo sito internet tempestato da email di protesta e in Svezia ci sono stati flash mob in solidarietà con i precari di Piacenza. Attraverso Internet, si è sviluppato in maniera spontanea un collegamento tra Piacenza e Stoccolma. Al direttivo nazionale della CGIL del 16 novembre invece, è stato rigettato un documento di solidarietà ai lavoratori dei magazzini dell'IKEA.

Nelle Coop emiliane poi, la CISL ha scalzato la CGIL, a dimostrazione della rete di interessi che lega CGIL, cooperative "rosse" e sinistra.

Non è una novità lo scavalcamento a sinistra da parte della CISL. Verso la fine degli anni '60 la FIM-CISL aveva tentato di recuperare militanti espulsi dalla CGIL. Siccome nella CGIL stalinista si veniva sbattuti fuori non appena si usciva dal seminato, ecco che la FIM-CISL aprì le porte a tutti i sinistri smaniosi di andare verso le masse, ingrandendo notevolmente i suoi effettivi. Fu così che il suo capo, Macario, con una brillante operazione di marketing politico, raccolse al volo la sinistrissima parola d'ordine degli operaisti più duri e dichiarò anche lui in pubblico (18 ottobre 1969) che il salario è una variabile indipendente. Sempre sulla produttività si segnala un articolo di Cremaschi che mette in luce la continuità tra l'accordo del 2009 non sottoscritto dalla CGIL e quello del 28 giugno 2011 firmato dalla CGIL e rivendicato dalla FIOM contro l'accordo sulla produttività. In un mercato unico mondiale le merci nazionali devono competere con quelle di altri paesi. Quindi, qualunque cosa dicano i sindacalisti, non si può risolvere a livello nazionale una partita che ha origine a livello globale.

Per dirla con la Sinistra, "finché tutta l'esperienza dei passati disastrosi errori non sarà stata utilizzata, la classe lavoratrice non sfuggirà alla esosa protezione dei suoi vantati salvatori da offese minacce e provocazioni che potrebbero sorgere domani, e che gli si presentano intollerabili. E' almeno da un secolo che il proletariato ha davanti e sopra ciò che non può tollerare, e che quanto più tempo passa, più intollerabile diverrà, secondo la legge di Marx." (Lotta di classe e "offensive padronali", 1949)

Articoli correlati (da tag)

  • Si dissolvono tutti i rapporti stabili e irrigiditi

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata commentando quanto accaduto nella provincia di Foggia dove sono morti 16 braccianti in due distinti incidenti stradali.

    Per la raccolta degli ortaggi nei campi del foggiano, così come a Rosarno, Saluzzo o nell'alessandrino, viene impiegata manodopera composta per lo più da immigrati. Questi lavoratori, solitamente risiedenti in baracche o altre abitazioni insalubri, sono pagati qualche euro al giorno e vengono trasportati nei luoghi di lavoro ammassati in furgoni, spesso in numero superiore rispetto a quanto consentito dalle norme sulla sicurezza per la circolazione dei veicoli. Paghe da fame e condizioni al limite dello schiavismo non riguardano solo le campagne, ma rappresentano la normalità in tante altre situazioni lavorative. Basti pensare che sono più di 400 i morti sul lavoro nel 2018, per la maggior parte registrati nell'industria e nei servizi, e in particolare nel Nord Italia.

    In risposta all'ennesima strage sul lavoro, Cgil-Cisl-Uil hanno proclamato una manifestazione a Foggia per mercoledì 8 agosto, chiedendo diritti e tutele per i lavoratori delle campagne. Anche l'USB ha indetto per quella giornata uno sciopero nei campi e una marcia da Rignano a Foggia. Il Comitato Lavoratori delle Campagne, che si situa più a sinistra, si è fatto sentire rivendicando anch'esso trasporti, documenti e contratti e attivandosi per aprire uno sportello legale contro lo sfruttamento, una scuola di italiano, ecc.

  • La dis-organizzazione mondiale del commercio

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, si è aperta con alcuni commenti riguardo l'imposizione, da parte del governo degli Stati Uniti, di nuovi dazi sull'importazione di acciaio e alluminio.

    Nell'edizione dello scorso 10 marzo, l'Economist riportava in copertina una caricatura del volto di Donald Trump a forma di bomba a mano. L'intento era quello di evidenziare la pericolosità della politica intrapresa dal Presidente, ritenuta una "minaccia al commercio mondiale" poiché potrebbe portare allo sgretolamento di quel sistema di accordi tra paesi che ha sorretto il mondo capitalistico a partire dal secondo dopoguerra:

    "Quali che siano i problemi dell'Organizzazione Mondiale del Commercio, sarebbe una tragedia minarla. Se l'America persegue una politica commerciale mercantilista sfidando il sistema commerciale globale, altri paesi sono tenuti a seguirla. Ciò potrebbe non portare a un immediato collasso dell'OMC, ma gradualmente eroderebbe uno dei fondamenti dell'economia globalizzata."

  • Riduzione dell'orario di lavoro

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, è iniziata commentando le news in arrivo dal Venezuela, dove in seguito agli assalti a supermercati e negozi da parte della popolazione, ormai ridotta alla fame, il governo Maduro ha costretto gli esercenti ad abbassare i costi dei beni di prima necessità. Nel paese i prezzi delle merci sono arrivati alle stelle a causa di un'inflazione a livelli da record, mentre il Bolivar, la moneta locale, non viene più accettata nelle transazioni.

    La situazione economica in cui versa il paese è molto simile a quella di altre aree del mondo dove storicamente vengono attuate misure per calmierare i beni di prima necessità. Quando le condizioni economiche peggiorano e tali misure non possono più essere mantenute, quando i governi non riescono più a sfamare le popolazioni, scattano le rivolte, i saccheggi e le manifestazioni.

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 230, 18 ottobre 2018

f6Bomba a orologeria
f6Uno schema Ponzi per sé stessi
f6Umanità minore
f6C'era una volta la teoria del valore
f6Il paradosso di Fermi
f6Il non-Statuto dei gig-lavoratori
f6La strana storia del reddito di base
f6Spread

Leggi la newsletter 230
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email