E' online il numero 42, ottobre 2017

Invitiamo tutti ad abbonarsi alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°42

Editoriale: L'immane mistificazione

Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre

Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti

Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)

Spaccio al bestione trionfante: Coppi, Bartali e i vaccini

Recensione: Lavorare è bello

Doppia direzione: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Bordiga e la scienza

Nel vostro libro La passione e l'algebra, in alcuni passi del n. 15-16 della rivista sulla teoria marxista della conoscenza, in Scienza e rivoluzione e in alcuni articoli, affermate che Amadeo Bordiga conosceva bene i fondamenti della scienza della sua epoca e che quindi la sua critica ad essa era fondata su conoscenza diretta. Vorrei aggiungere che allora non dovrebbe trattarsi di critica alla scienza, dato che l'umanità non può che esprimere quello che sa in una determinata epoca in rapporto alla forma sociale; insomma, non potrebbe esservi altra scienza. E neppure potrebbe essere critica alla scienza "borghese" dato che in questo caso l'utilizzo non dipende dalla scienza in quanto tale ma dagli interessi di una determinata classe. In entrambi i casi la critica sarebbe sterile perché colpirebbe dei bersagli scontati. Quindi ho l'impressione che nell'accanimento di Bordiga contro la scienza di quest'epoca vi sia qualcosa in più della "critica".

D'altra parte Bordiga rifiuta la filosofia e la tratta come un ramo morto nell'albero della conoscenza, mentre nel corso del '900 si potrebbe addirittura vedere un salto di qualità della filosofia: in un certo senso risulta verificato l'assunto di Marx, secondo il quale i filosofi sono sempre più costretti a parlare di scienza fino a realizzare un'identità quasi completa tra scienza e filosofia, come dimostrano sia i neopositivisti della scuola di Vienna, sia i vari Kuhn, Popper, Lakatos, Feyerabend e anche Geymonat, maoista politicamente un po' confuso, da voi stranamente recensito.

 

Da qualunque parte si guardi la questione del rapporto di Bordiga con la filosofia, l'arte e la scienza, risulta chiaro che egli salvava l'arte (non si pronunciò su quella contemporanea) e condannava a morte gli altri due rami della conoscenza di quest'epoca. Estremizzando i suoi concetti, cioè sintetizzandoli ancor di più di quanto non abbia fatto egli stesso, possiamo affermare che non credeva possibile, finché durerà il capitalismo, l'esistenza di forme unitarie della conoscenza, cioè artistiche, scientifiche e "filosofiche" nello stesso tempo. Il capitalismo è una società dualistica per sua natura e quindi deve negare nella prassi e nella teoria l'unione di arte e scienza. Se avesse scritto intorno ai filosofi o epistemologi che citi, avrebbe semplicemente detto, con Marx, che la filosofia è stata costretta ad annullarsi nella scienza. In pratica per Bordiga non sarebbe oggi possibile l'integrazione che fu tipica in altre epoche, quelle che espressero un Leonardo o un Galileo.

Di conseguenza la filosofia, ormai giunta a negare sé stessa, schiacciata dalla supremazia della scienza, non ha più senso, mentre la scienza, tronfia del proprio successo totalizzante, s'involgarisce diventando mera tecnologia al servizio della società di classe. Per questa ragione la scienza si piega all'ideologia (non alla filosofia) e cade in una mistica di tipo religioso, inventandosi un mondo dualistico a più livelli: 1) quello della separazione fra scienza e umanesimo (Croce, Gramsci, ecc.); 2) quello della separazione fra materia e spirito; 3) quello della separazione fra mondo visibile e mondo microscopico (quindi fra mondo del determinismo, che viene definito "meccanicistico", e mondo dell'indeterminismo assurto a neo-religione).

Bordiga sembra ricavare la sua granitica certezza sulla decadenza scientifica del capitalismo da una notevole anticipazione epistemologica: il capitalismo è la società più autoreferente che sia mai esistita e perciò non può produrre nuova conoscenza su sé stessa, può solo ripetere gli assiomi maturati durante la propria ascesa. Questa, con altre, è una proposizione talmente importante che va spiegata.

Questo importante concetto si collega a un paragrafo dell'Antidühring, scelto e riassunto da Bordiga fra molti altri, che ci mostra quanto egli fosse attento agli sviluppi scientifici della sua epoca, senza cadere nell'apologia di una scienza "neutrale". L'osservazione sull'incompletezza della logica formale poteva essere formulata da Engels solo sulla base delle conoscenze raggiunte nel suo tempo, ad esempio da Gauss (Engels lo cita per il calcolo a più di tre dimensioni), Bolyai e Lobacevskij, che furono i precursori della geometria non euclidea e intuirono l'impossibilità di dimostrare alcune proposizioni dall'interno di un dato sistema. Ma Bordiga conosceva certamente i nuovi sviluppi del Novecento, e lo si rileva anche attraverso appunti frammentari che dovevano servire alla divulgazione. Bertrand Russel e Alfred Whitehead avevano tentato, negli anni 1910-13, di condurre ad un sistema "finito" tutte le proposizioni logiche che stanno alla base della matematica, riuscendo però solo parzialmente nel loro intento perché dovettero ricorrere ad assiomi ad hoc per rendere conclusive le loro ricerche. Bordiga non avrebbe potuto scrivere quegli appunti se non avesse conosciuto le conclusioni di Russel. E d'altra parte avrebbe certamente utilizzato espressioni meno caute qualora avesse conosciuto i lavori successivi basati sulle premesse del matematico-filosofo.

Fu solo nel 1931, infatti, che Kurt Gödel pubblicò la sua "prova" che dall'interno di un dato sistema non è possibile dimostrare la validità del sistema stesso. E siccome Gödel aveva sviluppato in un articolo le proposizioni formalmente indecidibili contenute nel lavoro di Russel-Whitehead, abbiamo ricavato un'indiretta conferma sia del percorso conoscitivo di Bordiga che della datazione degli Appunti al periodo di Ustica (1926-27).

La nostra ricostruzione, breve per l'importanza del problema e fin troppo lunga per uno scambio di idee come questo, mostra come la critica di Bordiga alla scienza del presente non sia assolutamente paragonabile a quella di tanti critici odierni. I quali stigmatizzano soprattutto l'uso disumano della scienza da parte borghese e al massimo si spingono ad affermare che essa possiede in sé la capacità di dominare l'uomo e di asservirlo, ma sono intimamente convinti che all'interno di questa società la scienza possa essere qualcosa di diverso da ciò che è. Bordiga, al contrario, vede nella scienza attuale un'incapacità intrinseca e insuperabile di capire il mondo e l'uomo che in esso vive; nello stesso tempo ne è affascinato perché vi vede l'unica possibilità di salvezza della specie umana. Come Marx, sottolinea che la vera natura antropologica dell'uomo non è la propria pseudo-umanità tartassata dai rapporti di classe, ma è la scienza, legata all'industria, che lo rende capace di rovesciare la prassi della società cui la natura, anarchica, l'ha condotto.

Il capitalismo è l'ultima società naturale prima di quella umana. È stato un passaggio necessario e ormai compiuto. La soluzione del doppio nodo da sciogliere sta ora nel rovesciamento sociale: la scienza può essere liberata dal suo attuale limite solo abbattendo il capitalismo stesso.

(Doppia direzione pubblicata sulla rivista n° 22 - dicembre 2007.)

Articoli correlati (da tag)

  • Accumulazione di ricchezza ad un polo

    Durante la teleconferenza di martedì sera, presenti 17 compagni, abbiamo parlato del progetto di "reddito universale" che sarà sperimentato il prossimo anno a Stockton, in California: "Stockton, una città californiana di circa 300mila abitanti sarà la prima comunità a sperimentare il reddito universale negli Stati Uniti. Il programma è costituito di una prova triennale nella quale un gruppo di cittadini selezionati (quanti non è ancora chiaro) riceverà un assegno mensile di 500 dollari al mese, per un totale di 6mila dollari all'anno" ("Per la prima volta Usa sperimentano il reddito universale", WSI).

    Il tema della ridistribuzione della ricchezza è oggi all'ordine del giorno. Joseph Stiglitz, in un intervento alla conferenza organizzata dall'Istituto Cattaneo di Bologna su "Non si esce dalla crisi senza politica redistributiva della ricchezza", ha affermato che "l'1 per cento della popolazione controlla il 90 per cento della ricchezza mondiale"; e Romano Prodi, anch'egli presente all'incontro bolognese, ha dichiarato: "Io credo che ci sarebbe bisogno di un organismo mondiale in grado di redistribuire le risorse ma da questo punto di vista sono tutt'altro che ottimista. Le difficoltà che si incontrano ad esempio nel tassare le nuove multinazionali come Google e Apple sono significative. Comunque penso che spetti alla politica, ai governi invertire questo trend. Ma non mi pare che ci siano progetti credibili."

    Questi professori pensano che la polarizzazione della ricchezza sia dovuta alle politiche dei governi e che intervenendo nel modo giusto si possa invertire questa tendenza. Per Marx invece la "legge della miseria crescente" è la legge assoluta dell'accumulazione capitalistica, un fatto fisico che nessun governante o gruppo di governanti può annullare:

  • Superare i vecchi standard

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 12 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo i temi sviluppati durante il 67° incontro redazionale.

    La relazione di sabato mattina, dal titolo "Invarianza e trasformazione", ha analizzato lo standard che si è affermato con la Rivoluzione d'Ottobre. E' stato specificato che se il paradigma è la configurazione di una rivoluzione, lo standard riguarda il canone, lo stile e il linguaggio dopo che essa si è imposta. In Europa la socialdemocrazia del primo '900 aveva un programma riformista; i comunisti russi producevano invece testi come Stato e rivoluzione e Che fare? che contribuirono a far emergere uno schema anti-formista. Nelle passate rivoluzioni si è sempre sentita la necessità di fissare un canone basato sul nuovo paradigma; così è successo, ad esempio, per i cristiani quando Costantino, dopo la battaglia di ponte Milvio del 312 e il primo concilio ecumenico di Nicea del 325, ordinò al Papa di fissare una regola a cui tutti dovevano sottostare. Anche la borghesia di metà '700 si diede un canone ricavato da un paradigma, che trovava la sua massima espressione nell'opera gigantesca de l'Enciclopedia o Dizionario ragionato delle scienze, delle arti e dei mestieri.

    Oggi è assurdo fissarsi sul vecchio standardterzinternazionalista, soprattutto dopo la lucida analisi che ne ha fatto la Sinistra Comunista "italiana". I rivoluzionari di oggi, pur facendo proprie le lezioni delle controrivoluzioni, pensano e agiscono secondo paradigmi nuovi.

  • Il secondo principio

    La teleconferenza di martedì, presenti 13 compagni, è iniziata commentando le relazioni svolte durante l'ultimo incontro redazionale a Torino.

    La prima relazione ha affrontato il tema della salute nella società capitalista. Oggi la medicina vive una pesante dicotomia: da una parte esiste una conoscenza di tipo "occidentale" che prende origine da Galileo, dall'altra quella che abbiamo definito di stampo "leonardesco-orientale". In questa situazione, c'è chi attacca la prima utilizzando pedestremente la seconda, oppure, viceversa, chi si barrica dietro a concezioni e principi cartesiani e riduzionisti. In entrambi i casi domina l'omologazione e la scienza viene piegata all'ideologia, come accaduto con la tifoseria pro o contro vaccini. Il massimo a cui è giunta la nostra epoca è l'interdisciplinarità, ovvero la conferma dell'esistenza di discipline che in qualche modo devono dialogare fra loro. Tutt'altra cosa è invece l'identità monistica e materialistica della conoscenza umana propugnata dalla nostra corrente.

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°41, aprile 2017

copertina n°41f6Editoriale: Non possiamo ingannare la natura
f6Articoli: Assalto al pianeta rosso - Il secondo principio - Il grande collasso - Capitale e teoria dello sciupio
f6Rassegna: Ancora Trump - Fuga nel sub mondo
f6Terra di confine: Buoni di non lavoro
f6Recensione: Che cosa c'è dopo il capitalismo?
f6Doppia direzione: Neoluddismo
f6Spaccio al bestione trionfante: Dieci punti per demolire Trump

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 227, 31 gennaio 2018

f6La scintilla
f6Accendere neuroni
f6Animal spirits
f6Reddito di base
f6Giganti scomodi
f6Mi chiamo Sophia
f6Bisogno di guerra
f6Ramoscello d'ulivo

Leggi la newsletter 227
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email