E' online il numero 44 di n+1

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°44

Editoriale: Duecento anni nel nome di Marx

Articoli: Marx 1818-2018 - Imperialismo in salsa cinese - Plaidoyer per il cemento - A che punto è la "crisi" - Comunismo e agricoltura

Terra di confine: Il capitalismo non è eterno

Rassegna: Dennett, Dai batteri a Bach e ritorno

Doppia direzione: La misura e la scienza - La sovrapposizione fra modi di produzione

Appuntamenti

24

Mar

Seminario: "La socializzazione fascista e il comunismo"
Comitato di lotta Viterbo - Officina Dinamo
via del Suffragio 18 (VT) - ore 15.30

15-17

Mar

73° incontro redazionale
Temi: - La transizione alle classi, - In margine alla teoria rivoluzionaria della conoscenza, - Lo strano caso Olivetti, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

14-16

Dic

72° incontro redazionale
Temi: - Taylorismo, managerialismo e impersonalità del Capitale, - Lo stato a pezzi, - Fiorite primavere delle rivoluzioni, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

Non trascurate il Sudamerica

Avete parlato della necessità, da parte del Capitale, di un centro esecutivo internazionale che possa dare un indirizzo al caotico muoversi dei capitali nazionali e anche individuali. Avete concluso, naturalmente, che solo gli Stati Uniti hanno la potenza necessaria per farlo, e che lo faranno soprattutto per sé. Ma in questo processo si stanno inserendo paesi già potenti come la Cina e l'India, per non parlare dell'Europa che però non sembra avere capacità unitaria d'intervento. Anche paesi del Sudamerica, un tempo ritenuto il cortile di casa degli Stati Uniti, si stanno coalizzando, se pure in modo non ancora formale, a parte gli accordi per le aree di libero scambio.

Brasile, Argentina, Venezuela e Bolivia sono a diversi gradi in concorrenza con Washington, quando non in rotta di collisione, e certo ciò avrà conseguenze. In una quindicina di anni s'è visto un accorrere di capitali da investimento, che si sono trasformati in speculazione locale e internazionale e in seguito hanno abbandonato alcune sfere e alcuni paesi provocando gravi difficoltà alle economie, come ha dimostrato il caso dell'Argentina, il più eclatante.

Le esportazioni di questi paesi, a parte il petrolio venezuelano e alcuni metalli come il rame cileno e lo stagno boliviano, sono basate in gran parte su prodotti agricoli; adesso che il prezzo di questi aumentano, i capitali stanno ritornando, specie quelli americani e spagnoli, con la novità di quelli cinesi. Ma il fenomeno è ciclico: non avendo un'industria sviluppata a sufficienza da cui estrarre il plusvalore supplementare necessario per sostenere la produzione agraria, come invece in USA e in Europa, i paesi sudamericani si troveranno nuovamente di fronte a un'invasione di capitali altrui, capaci di nuovo di provocare sconquassi e andarsene. Vale a dire tensioni sociali, sommosse come quelle argentine e boliviane. Vedo l'esempio del Brasile, che fa un accordo direttamente con Bush per coltivare canna da zucchero da cui ricavare biocarburanti: l'intera filiera sarà come un esercito di occupazione a favore delle automobili americane. Perciò il Brasile è destinato a scoppiare.

Oggi la capacità organizzativa delle masse è estremamente facilitata dai mezzi tecnici, come avete sottolineato voi stessi con l'articolo sulla UPS. Non è successo solo in USA, anche in Argentina e Bolivia i telefonini e Internet sono stati meglio delle barricate, ormai da relegare fra i ricordi romantici. Altri esempi sono venuti dai moti scoppiati in Corea, in Indonesia e nelle altre cosiddette tigri asiatiche dopo la crisi del '97. Ma il Sudamerica mi sembra per il momento il polo più delicato ed esplosivo nell'intero arco capitalistico e, come del resto avete scritto a suo tempo, "Argentina è il mondo". La crisi argentina aveva prodotto delle interessanti forme assembleari, poi recuperate dalle organizzazioni esistenti in chiave democratica e parlamentare, ma vi furono indubbiamente degli aspetti da "cervello sociale" in moto. Anche alcune espressioni apparentemente retrograde, come il ritorno ai costumi degli antenati indios possono essere interpretati come un bisogno di comunità contro il rullo compressore capitalistico.

 

Avevamo detto che "Argentina è il mondo" non solo per gli aspetti generalizzabili della catastrofe da mancata utilizzabilità di capitali, ma anche per l'enorme sviluppo della risposta di classe, anche se finì recuperata al meccanismo democratoide delle rappresentanze. I caratteri della lotta argentina, infatti, sono quelli tipici dei paesi sviluppati, e tutto il Sudamerica è nelle stesse condizioni, fatte le ovvie ma non fondamentali differenze. Solo giornalisti ignoranti potevano trattare, come hanno fatto, l'Argentina da paese del Terzo Mondo.

L’Argentina raggiunge la sua indipendenza con la guerra contro la Spagna nel 1810 e stabilisce la sua costituzione nel 1916, molto presto. Con l'aiuto di consiglieri tedeschi e di capitali inglesi, si dà un esercito e una struttura produttiva di tipo moderno. La storia dell’Argentina, dal punto di vista nazionale borghese, è più vecchia di quella di Italia e Germania. Il proletariato argentino ha sempre avuto delle caratteristiche di altissima combattività e altissima capacità organizzativa, tant’è vero che la borghesia ha dovuto risolvere “alla fascista” il problema dell’organizzazione proletaria: in una maniera molto curiosa, cioè utilizzando i contadini appena diventati proletari urbanizzati, i descamisados, contro i proletari sindacalizzati le cui organizzazioni furono messe fuori legge.

Gli altri paesi del Sudamerica sono più o meno nelle stesse condizioni, e quindi è vero che ogni turbamento dell'equilibrio continentale in grado di mettere in discussione il controllo degli Stati Uniti è potenzialmente catastrofico. Ad esempio sono in aumento gli investimenti esteri non americani e ciò non mancherà di destabilizzare la situazione. Per il semplice fatto che ciò mette in discussione l'esigenza da parte del Capitale di esprimere un suo "direttore del traffico" al di sopra di tutti.

Il Brasile è un altro paese candidato alla rivolta sociale. Ci sono già state manifestazioni contro il programma degli agrocarburanti. Le tensioni sono enormi, dovute al miscuglio esplosivo di sovrappopolazione, arcaismo contadino e modernità capitalistica sfacciata. Come nel caso dell'Argentina, a dare l'impronta al movimento dei rivoltosi (che ci sarà, è solo una questione di tempo) non saranno certo i contadini ma i diseredati urbani, quelli che stanno a contatto di gomito con la civiltà capitalistica più scintillante e degenerata, che vivono nelle baraccopoli all'ombra dei grattacieli e che altrove hanno già mostrato di saper fare meglio dei proletari d'industria americani ed europei. Sarà l'inizio, come paventa anche chi studia le modalità delle guerre future: la miccia sarà accesa dalle masse che vivono nell'immensa banlieue del mondo; il primo impatto sociale sarà puramente distruttivo, senza rivendicazioni che si possano ricondurre agli istituti esistenti di integrazione sociale. Poi dovrà esserci la saldatura con il proletariato organizzato.

Il Sudamerica è un'area vitale della rivoluzione, la sua struttura sociale predominante è molto avanzata e la potenzialità di lotta anche.

(Doppia direzione pubblicata sulla rivista n° 22 - dicembre 2007.)

Articoli correlati (da tag)

  • Previsioni

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 9 compagni, è iniziata con alcune considerazioni intorno alle tendenze economiche in atto e ai processi che potrebbero mettersi in moto nel 2019.

    Non sono pochi gli economisti e gli analisti finanziari che mettono in guardia dal potenziale disastro che potrebbe scatenarsi con lo scoppio della mega-bolla dei derivati, quell'immane quantità di capitale fittizio cui abbiamo accennato più volte, che tutto comanda e condiziona: i bitcoin, ad esempio, che hanno visto aumentare il loro valore fino a quasi 20mila dollari per poi sprofondare intorno a quota 3mila; o le dot-com, che sono garantite soltanto dalla fiducia riposta nel loro valore, la quale, se venisse meno, farebbe crollare tutto il "castello". Nel corso del 2019 varie crisi di borsa (già annunciate da Financial Times ed Economist) potrebbero scuotere i mercati e sarà inutile appellarsi alla buona volontà dei governi o ai pareri degli esperti perché facciano qualcosa: la bolla finanziaria, una volta esplosa, causerà il movimento del capitale fittizio che produrrà sconquassi enormi, coinvolgendo cifre di denaro così grandi che il nostro cervello faticherà a comprenderle. La cancellazione di questa massa di capitale farebbe comodo al capitalismo per riprendere ossigeno, ma potrebbe anche soffocarlo sotto il peso di una reazione a catena che porterebbe al crollo dell'intera economia. Allo stesso tempo, anche se tale capitale non si muovesse e le banche continuassero a dare soldi a chi non ne ha bisogno mentre tutti gli altri vengono taglieggiati, lo scenario rimarrebbe decisamente allarmante.

  • Rovesciamento della prassi

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 9 compagni, è iniziata con la segnalazione dell'assemblea europea dei rider avvenuta lo scorso 25 e 26 ottobre a Bruxelles. Circa 60 fattorini, impiegati presso aziende del food delivery quali Deliveroo, UberEats, Glovo e Foodora, e provenienti da Spagna, Italia, Francia, Inghilterra, Irlanda, Scozia, Belgio, Paesi Bassi, Svizzera, Norvegia, Finlandia, Germania, si sono dati appuntamento nella capitale belga per dar vita a un coordinamento di lotta (Transnational Courier Federation). Dalle prime mobilitazioni del 2016 a Londra, il settore ha visto un continuo di scioperi e manifestazioni che hanno coinvolto sempre più paesi, fino a lambire Cina, Hong Kong e Australia. Durante l'incontro di Bruxelles i precari hanno scambiato informazioni sulle rispettive lotte e hanno lanciato uno sciopero europeo per il prossimo 1° dicembre. Il comunicato ufficiale si chiude con queste parole:

    "La lotta contro lo sfruttamento tramite piattaforme di consegna non può essere effettuata all'interno del quadro nazionale. Queste multinazionali si basano sull'elevato tasso di disoccupazione giovanile, le difficoltà per coloro che sono senza documenti di trovare lavoro per trarne profitto. L'approccio internazionalista attorno al quale si costituisce questa federazione rappresenta un passo in avanti per la nostra classe. Mentre il nazionalismo sta guadagnando terreno in Europa e le organizzazioni, anche di sinistra, hanno ripreso il discorso nauseante sui confini, noi rider abbiamo deciso di organizzarci contro queste operazioni e gridare a gran voce che i confini non ci dividono: fattorini di tutti i paesi unitevi!"

  • Si dissolvono tutti i rapporti stabili e irrigiditi

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata commentando quanto accaduto nella provincia di Foggia dove sono morti 16 braccianti in due distinti incidenti stradali.

    Per la raccolta degli ortaggi nei campi del foggiano, così come a Rosarno, Saluzzo o nell'alessandrino, viene impiegata manodopera composta per lo più da immigrati. Questi lavoratori, solitamente risiedenti in baracche o altre abitazioni insalubri, sono pagati qualche euro al giorno e vengono trasportati nei luoghi di lavoro ammassati in furgoni, spesso in numero superiore rispetto a quanto consentito dalle norme sulla sicurezza per la circolazione dei veicoli. Paghe da fame e condizioni al limite dello schiavismo non riguardano solo le campagne, ma rappresentano la normalità in tante altre situazioni lavorative. Basti pensare che sono più di 400 i morti sul lavoro nel 2018, per la maggior parte registrati nell'industria e nei servizi, e in particolare nel Nord Italia.

    In risposta all'ennesima strage sul lavoro, Cgil-Cisl-Uil hanno proclamato una manifestazione a Foggia per mercoledì 8 agosto, chiedendo diritti e tutele per i lavoratori delle campagne. Anche l'USB ha indetto per quella giornata uno sciopero nei campi e una marcia da Rignano a Foggia. Il Comitato Lavoratori delle Campagne, che si situa più a sinistra, si è fatto sentire rivendicando anch'esso trasporti, documenti e contratti e attivandosi per aprire uno sportello legale contro lo sfruttamento, una scuola di italiano, ecc.

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 232, 12 febbraio 2019

f6Per qualche dollaro in meno
f6La lunga notte della sonda cinese
f6Le nuove armi di Pechino
f6Shutdown
f6Venezuela
f6La valle della morte
f6Italia
f6Gilet gialli

Leggi la newsletter 232
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email