E' online il numero 43 di n+1 (aprile 2018)

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°43

Editoriale: Si fa presto a dire moneta

Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica

Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop

Terra di confine: Elementare, Watson

Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo

Recensione: Verso un nuovo paradigma

Doppia direzione: Il computer e la coscienza

 

Appuntamenti

21-23

Set

71° incontro redazionale
Temi: - Le rivoluzioni come fatto fisico, - Gli enciclopedisti e la rivoluzione europea, - Sintomatici consensi, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

11

Mag

Conferenza, ore 21.00, sede di Torino
Che differenza passa tra una caserma e un albergo di lusso? Rispondendo a questa provocatoria domanda faremo un viaggio fra le modalità del cohousing.

La rivolta delle banlieues era proletaria?

C’è stato un dibattito a distanza tra i gruppi di sinistra, non necessariamente legati alla vostra tradizione, che ricorda per certi aspetti quello del decennio '68-'78. Lasciamo perdere le motivazioni un po' cervellotiche, ma allora si trattava di capire chi fossero realmente i proletari produttivi entro la sfera dei salariati, mentre adesso sembra si discuta su di un fatto più generale: alcuni affermano che i banlieusards sono più assimilabili al lumpenproletariato che alla classe operaia, altri invece riconoscono che il nuovo proletariato è composto anche da elementi che non rientrano più nel classico rapporto fra capitalista e salariato, fra Capitale e Lavoro. Quest'ultima sembra essere la vostra posizione.

Ma io mi chiedo, pur senza saper dare una risposta precisa rispetto ai due filoni: come può far parte del proletariato chi non rientra in un rapporto di sfruttamento? Com'è possibile assimilare gli arrabbiati delle banlieues con i giovani proletari immigrati di Torino che scioperarono e impegnarono la polizia nel '62 in durissimi scontri di piazza durati più giorni? Si tratta con tutta evidenza di strati sociali completamente differenti e il parallelo che voi ne avete ricavato mi sembra piuttosto arbitrario.

 

L'analizzare i fatti francesi dal punto di vista sociologico o marxologico non porta da nessuna parte. E comunque non è esatto ciò che anche tu ci attribuisci. Ci troviamo infatti di fronte a una situazione generalizzata cui hanno partecipato sia proletari puri, sia semiproletari, sia lumpen, quelli che Sarkozy ha chiamato feccia, rapportando l'intero movimento al livello che gli conveniva. Detto questo, per noi è ovvio che la rivolta non è stata di segno proletario, ma aggiungiamo subito che è esplosa a un livello politico più alto rispetto alle lotte "proletarie" che siamo abituati a vedere e che vedremo ancora per molto tempo.

Abbiamo fortunatamente dei fatti eclatanti che ce lo dimostrano, come ad esempio le grandi manifestazioni, sempre in Francia, contro il CPE, contratto di primo impiego. Le prime di esse raccolsero circa due milioni di persone, giovani studenti, lavoratori precari operai di fabbrica. Si trattava di un esteso movimento rivendicativo di tipo riformista classico, che infatti si risolse al tavolo delle trattative, accettato da tutte le componenti politiche e sindacali del movimento, che erano almeno una dozzina. Noi non siamo assolutamente d'accordo con coloro che diedero molta importanza a queste manifestazioni oceaniche, motivando il loro entusiasmo con il fatto che i principali protagonisti erano i giovani, futuri proletari disoccupati. La rivendicazione era sindacale, ma di un tipo un po' speciale: gli studenti o ex studenti disoccupati e precari, rivendicavano di avere un "posto" adeguato agli studi che avevano compiuto (una protesta identica, quasi neppure annotata sui giornali, vide in corteo a Roma almeno centomila persone). Tutti gli altri richiedevano allo Stato una diversa politica del lavoro. Le oceaniche manifestazioni contro il CPE erano politiche e riformiste, come la manifestazione, celebre, contro il terrorismo e per l'articolo 18 in Italia, che a detta degli organizzatori aveva mobilitato tre milioni di persone.

Grandi numeri, decisamente molto più grandi di quelli che riguardano le banlieues, le quali hanno visto attive un paio di decine di migliaia di persone, ma come un tutt'uno con una popolazione intrinsecamente eversiva. Qui siamo al solito punto già passato alla critica di Marx: una rivolta politica può avere aspirazioni universali fin che si vuole, ma resterà meschina se non è espressione di un movimento reale di cambiamento; mentre una rivolta per spinte reali apparirà meschina fin che si vuole, ma avrà invece un contenuto sovversivo universale. Questa ci sembra la chiave di lettura principale della rivolta francese. I banlieusards non avevano rivendicazioni da avanzare, non volevano niente, erano solo incazzati, soprattutto aborrivano l'integrazione con il nemico, che invece è l'obiettivo di ogni riformismo.

Solo in un secondo tempo si può passare a un'analisi più dettagliata. Ma anche in questo caso vediamo che la "feccia" straniera che Sarkozy s'era inventato non era altro che la seconda o terza generazione, francesissima, di quegli immigrati che hanno fatto con le loro mani il capitalismo francese, lavorando nei cantieri e nelle fabbriche, proliferate non sotto la Tour Eiffel o davanti a Notre Dame, bensì, appunto, nelle banlieues.

In Francia abbiamo solo avuto una piccola avvisaglia di ciò che potrà succedere in futuro, quando un miliardo di diseredati urbani esploderà senza controllo. Perché la banlieue non è un luogo pittoresco, ma una parte vitale del sistema capitalistico. Il Capitale non globalizza solo l'economia, globalizza soprattutto il proletariato, di fabbrica o precario o disoccupato. L'interlocutore storico del Capitalismo non è assolutamente una "moltitudine" né una "classe universale", come va di moda inventarsi oggi: rimane, è, il proletariato, il quale si universalizza, non perché se ne possa fare un censimento sociologico, ma perché all'operaio parziale all'interno della fabbrica deve corrispondere l'operaio globale, così come alla merce discreta corrisponde sempre più la merce continua, quella che si paga a canone, che non è un oggetto fisico da comprare una volta e consumare, ma si paga per tutta la vita, come il tram, il telefono, la televisione, l'energia elettrica.

C'è chi ci accusa di inventare novità rispetto al buon vecchio Marx: la verità è che bisogna saper leggere sia le parole scritte che i fatti maturati da quando esse lo furono. E i fatti sono una conferma clamorosa di ciò che Marx poteva appena intuire per anticiparne la critica. Quello che abbiamo appena detto discorrendo, senza citare esplicitamente, non è una "nostra" analisi sui fatti francesi: è una verifica sperimentale di certi assunti di partenza esposti un secolo e mezzo fa in opere che a volte fa comodo dimenticare.

È sbagliato pensare che nelle banlieues sia successo qualcosa di così eclatante da essere considerato quasi anormale, come i media inducevano a credere. Di fatto c’è stata un’estensione quantitativa, esplosa per un periodo limitato, di un qualcosa che avviene quotidianamente e regolarmente. Il territorio in cui è scoppiata la scintilla è abbastanza preciso e delimitato. Si tratta della banlieue settentrionale, a sua volta suddivisa in diverse fasce urbane, che guarda caso coincide con la vecchia struttura industriale smantellata, dove è concentrato il proletariato parigino. La novità è appunto l’elemento quantitativo, dato che la scintilla ha incendiato l'intera Francia urbana, dove la banlieue dei precari, dei disoccupati e degli incazzati non è altro che il riflesso della vecchia industria morente e di quella nuova, rinascente sotto altra forma. Per questo il proletariato non sparisce affatto, non cambia natura e rimane il direttissimo complemento della nuova industria.

(Doppia direzione pubblicata sulla rivista n° 22 - dicembre 2007.)

Articoli correlati (da tag)

  • Si dissolvono tutti i rapporti stabili e irrigiditi

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata commentando quanto accaduto nella provincia di Foggia dove sono morti 16 braccianti in due distinti incidenti stradali.

    Per la raccolta degli ortaggi nei campi del foggiano, così come a Rosarno, Saluzzo o nell'alessandrino, viene impiegata manodopera composta per lo più da immigrati. Questi lavoratori, solitamente risiedenti in baracche o altre abitazioni insalubri, sono pagati qualche euro al giorno e vengono trasportati nei luoghi di lavoro ammassati in furgoni, spesso in numero superiore rispetto a quanto consentito dalle norme sulla sicurezza per la circolazione dei veicoli. Paghe da fame e condizioni al limite dello schiavismo non riguardano solo le campagne, ma rappresentano la normalità in tante altre situazioni lavorative. Basti pensare che sono più di 400 i morti sul lavoro nel 2018, per la maggior parte registrati nell'industria e nei servizi, e in particolare nel Nord Italia.

    In risposta all'ennesima strage sul lavoro, Cgil-Cisl-Uil hanno proclamato una manifestazione a Foggia per mercoledì 8 agosto, chiedendo diritti e tutele per i lavoratori delle campagne. Anche l'USB ha indetto per quella giornata uno sciopero nei campi e una marcia da Rignano a Foggia. Il Comitato Lavoratori delle Campagne, che si situa più a sinistra, si è fatto sentire rivendicando anch'esso trasporti, documenti e contratti e attivandosi per aprire uno sportello legale contro lo sfruttamento, una scuola di italiano, ecc.

  • La distruzione delle garanzie, non la loro preservazione

    Durante la teleconferenza di martedì, a cui si sono connessi 10 compagni, abbiamo fatto alcune considerazioni in merito al Decreto Dignità approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 3 luglio.

    I punti salienti del documento riguardano: i contratti a termine, che potranno essere rinnovati 4 volte e non più 5, e la cui durata massima passerà da 36 a 24 mesi con un aumento crescente del costo contributivo dello 0,5% per ogni rinnovo; l'indennità per i licenziamenti, ampliata da 24 mesi ad un massimo di 36; le delocalizzazioni, con l'istituzione di una penale per le imprese che lasciano il paese prima che siano trascorsi 5 anni dalla fine degli investimenti agevolati. Confindustria, superando il ridicolo, ha detto che il decreto rischia di irrigidire il mercato del lavoro. Nel suo complesso il provvedimento, a dispetto del nome pretenzioso che porta, sembra poter fare ben poco per arginare e, tantomeno, eliminare lo stato di precarietà e povertà in cui si trovano milioni di lavoratori in Italia. E non c'è da stupirsene, dato che, come si è visto innumerevoli volte nel passato, le leggi servono piuttosto a prendere atto e a formalizzare una situazione che esiste già. Per questo i critici del Decreto Dignità, come "Il sindacato è un'altra cosa – opposizione Cgil", che accusano i 5 Stelle di fare solo mera propaganda, appaiono come degli ingenui, tanto più se lo fanno rilanciando parole d'ordine come l'abrogazione del Jobs Act e la riconquista dell'articolo 18. Ponendosi sullo stesso piano del governo, ma criticandolo perché credono che davvero basterebbe una legge "giusta" per risolvere i mali che affliggono la classe lavoratrice, si dibattono per il ritorno ad un mercato del lavoro che non esiste più. Ma siamo proprio sicuri che sia il caso di rimpiangere quel vecchio mondo fatto di "pieno impiego" e "stabilità politica"?

  • Sul rifiuto delle categorie capitalistiche basiamo il nostro lavoro

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata dalla segnalazione di alcune notizie di stampa sul ruolo non proprio umanitario svolto dalle Organizzazioni Non Governative.

    Nell'epoca dell'imperialismo qualsiasi attività è sussunta al capitale e trasformata in valore. Questo vale anche per le ONG che sono presenti negli scenari di guerra e in tutte quelle situazioni al limite, dove gli Stati non ci sono o non riescono ad affermarsi.

    La sigla ONG è stata stabilita a livello internazionale per definire tutte quelle organizzazioni private e "no profit" il cui statuto le identifica come enti di sussistenza e beneficenza. Tali enti dovrebbero intervenire quando le popolazioni soffrono la fame o la guerra, ma nella maggior parte dei casi raccolgono fondi per la sopravvivenza delle loro stesse strutture. Nelle situazioni in cui gli stati sono collassati, come in Siria, Yemen e Iraq, i finanziamenti internazionali passano direttamente dal Fondo Monetario alle ONG, bypassando le autorità statali. Con il diffondersi dell'attuale guerra civile globale, questo tipo di organizzazioni, che gestiscono anche gli immensi campi profughi sparsi per il pianeta, non potrà che aumentare.

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 229, 6 agosto 2018

f6Dedicato a Karl Marx
f6Maledetta socialdemocrazia
f6Il film
f6Il Vallo Atlantico
f6Organizzazione Mondiale per il Commercio
f6Giganti?
f6Su tre continenti
f6Governicchio

Leggi la newsletter 229
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email