E' online il numero 43 di n+1 (aprile 2018)

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°43

Editoriale: Si fa presto a dire moneta

Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica

Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop

Terra di confine: Elementare, Watson

Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo

Recensione: Verso un nuovo paradigma

Doppia direzione: Il computer e la coscienza

 

Appuntamenti

21-23

Set

71° incontro redazionale
Temi: - Le rivoluzioni come fatto fisico, - Gli enciclopedisti e la rivoluzione europea, - Sintomatici consensi, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

11

Mag

Conferenza, ore 21.00, sede di Torino
Che differenza passa tra una caserma e un albergo di lusso? Rispondendo a questa provocatoria domanda faremo un viaggio fra le modalità del cohousing.

Corrispondenza sulle perquisizioni dell'11 luglio 2003

ATTIVITÀ FISIOLOGICA DELLO STATO, REAZIONI DEMOCRATICO-GIURIDICHE E LAVORO COMUNISTA

Crediamo di fare cosa utile nel pubblicare una selezione del materiale circolato dopo l'operazione dei ROS dell'11 luglio. I messaggi sono appositamente mescolati e il lettore saprà trovare da sé i prodotti di un certo milieu pseudorivoluzionario, democratico e resistenziale, partigianesco e integrato, non dissimile da quello che si vorrebbe criticare nei degni eredi di Stalin e Togliatti, oggi omologati al centro e perfettamente intercambiabili con il pattume destrorso. Non c'è nulla di comunista nei luoghi comuni che non escono dalla logica borghese del diritto, come non c'è nulla di razionale in una borghesia che ha terrore del suo stesso terrore e crede di esorcizzarlo incolpando fantasmi creati ad hoc.

Comunicato della nostra redazione in seguito alle perquisizioni e ai sequestri di computer e materiali

Venerdì 11 luglio 2003, squadre del Raggruppamento Operativo Speciale dei Carabinieri (ROS) hanno perquisito le abitazioni di 56 persone che dal luglio 2001, come si legge nel decreto di perquisizione emesso dalla Procura di Bologna, erano venute per vari motivi in contatto con il Centro di Ricerca per l'Azione Comunista (CRAC), oggi indagato per "associazione eversiva".

Dallo stesso documento risulta che nel dicembre del 2001 al circolo "La Vereda" di Bologna "alcune persone" facenti riferimento alla rivista "n+1" avrebbero partecipato ad una riunione organizzata dal CRAC. In realtà si era trattato di una delle conferenze pubbliche che noi stavamo tenendo in diverse città sull'attacco alle Twin Towers e sulla successiva guerra all'Afghanistan. Alla conferenza avevano partecipato alcuni militanti del CRAC, gli stessi che ci avevano invitato e trovato il locale. Alcune considerazioni a margine di questo giro di conferenze le avevamo pubblicate sul n. 8 della nostra rivista nell'ambito dell'articolo Orizzonte di lavoro.

Ad ogni modo, dichiaratamente, per il solo fatto della conferenza pubblica bolognese, sono state perquisite la nostra sede di Torino e sette abitazioni di redattori in diverse città. Nell'operazione ci sono stati sequestrati sette computer, materiali diversi su supporto magnetico e cartaceo, agende, ecc.

Mentre operazioni di questo tipo rientrano nella normale routine informativa dello Stato, i motivi specifici non possono che essere oggetto di inutili ipotesi. Compagni e lettori ci conoscono benissimo attraverso un lavoro pluridecennale e le nostre pubblicazioni parlano più chiaro di qualsiasi comunicato contingente possiamo ora redigere.

Dal punto di vista pratico immediato c'è stato un intoppo nella posta, nell'invio delle newsletter, nella gestione del sito e nel lavoro redazionale, che si svolge per la maggior parte in rete. Contiamo di ripristinare in breve tempo il nostro piccolo network e sicuramente il n. 12 della rivista, previsto per settembre, non subirà ritardi.

La redazione di n+1.

[ L'operazione su vasta scala di cui qui si tratta non è l'unica di quest'anno; tutte hanno un significato che va certamente al di là delle caratteristiche dei singoli gruppi politici presi di mira. Calcoliamo che nel caso specifico siano state coinvolte complessivamente circa 300 persone e 400 carabinieri dei ROS ].

Le spiate erano più che puntigliose: maniacali

[...] L'indagine è stata promossa dal sostituto procuratore del tribunale di Bologna D. Giovagnoli, che dopo due anni di indagini, ormai in scadenza nei termini di legge, si è affrettato a prolungare l'inchiesta e ha fatto scattare le perquisizioni. Gli atti consegnati agli interessati riportano una puntigliosa ricostruzione delle iniziative pubbliche degli ultimi due anni (assemblee, presidi...). E private come traslochi e bevute al pub. Durante le perquisizioni effettuate non solo nelle abitazioni, ma anche sui luoghi di lavoro, nelle quali sono rimaste coinvolte molte più persone delle 56 previste, sono stati sequestrati materiali cartacei e informatici di vario genere. Per quanto è stato possibile stabilire fino ad ora i compagni perquisiti si trovano nelle seguenti città: Parma, Bologna, Rovereto, Padova, Roma, Modena, Bari, Venezia, Trieste, Milano, Trento (se avete altre comunicazioni su i compagni perquisiti comunicatecelo).

Contro la repressione - Rompiamo l'isolamento.

Alcuni compagni e compagne inquisiti e/o perquisti

Vibrata protesta: perbacco, ci restringono gli spazi democratici!

All'alba di questa mattina 11 luglio 2003 un centinaio di carabinieri dei Ros di Parma e di altre città hanno perquisito 14 abitazioni di militanti e simpatizzanti dell'area antagonista cittadina, sequestrando materiale personale (diari, agende, cellulari, libri, audiocassette e video), documenti, supporti informatici e computers anche dei loro coinquilini per un totale di 22 persone interessate all'operazione.

L'ordine di perquisizione è partito dalla Procura di Bologna nella persona del p.m. Giovagnoli che complessivamente ha disposto 56 mandati nelle città di Bologna, Milano, Torino, Venezia, Padova, Trento e Parma. Per 8 compagni/e l'accusa è il 270 bis, associazione sovversiva, per i restanti i provvedimenti odierni sono disposti al fine di acquisire informazioni e documentazioni su presunti rapporti con associazioni politiche della sinistra antagonista.

Non si sono registrati fermi o arresti ed al momento non si hanno notizie relative ai compagni /e delle altre città interessate tranne quella di una perquisizione ad un compagno di Modena appartenente al sindacalismo di base.

Con questo comunicato i compagni/e di Parma

DENUNCIANO PUBBLICAMENTE IL GRAVE ATTO INTIMIDATORIO E REPRESSIVO compiuto nei confronti di chi quotidianamente denuncia e lotta contro questo sistema di cose, contro le guerre imperialiste ed ingiuste che in nome del dio-denaro affamano popoli e sterminano diritti e dignità umana, contro i licenziamenti, la flessibilità-precarizzazione del mondo del lavoro, contro l'ingiustizia e la barbarie del sistema capitalista che valorizza solo il profitto per pochi e la miseria dell'eterno bisogno per molti, contro le manovre antioperaie dei padroni della confindustria e dei loro sicari, contro le leggi xenofobe e razziste come la Bossi-Fini-Turco-Napolitano, per un mondo dignitoso e per l'uguaglianza sostanziale di tutti/e.

Questa azione repressiva è l'ultima di una lunga serie che ha visto arresti, denunce, ed incriminazioni, successivamente risultate infondate, di militanti di vari gruppi comunisti ed antagonisti (Carc, Iniziativa Comunista, Rete del sud ribelle dove il leader Caruso dei disobbedienti meridionali è stato incriminato per la medesima associazione sovversiva e poi prosciolto per infondatezza dei reati contestatigli ).

Sempre più si realizza una pratica repressiva di stampo APERTAMENTE FASCISTA (il cui braccio armato si incarna nei Raggruppamenti Operativi Speciali dei carabinieri) che punta ad arrestare, denuciare, reprimere chi ha il coraggio di dichiararsi comunista e lotta attivamente per questa trasformazione sociale oggi più che mai necessaria.

Per tutti/e l'appuntamento è al Circolo Mariano Lupo P.le Allende 1 Parma alle ore 21 per organizzare una forte risposta politica agli attacchi repressivi, una denuncia dell'uso strumentale dei reati associativi volto a restringere gli spazi di democrazia politica sia sui posti di lavoro, sia nelle piazze: seguiranno altri aggiornamenti sulle iniziative di lotta.

Compagni e compagne di Parma

Ora e sempre: resistenza (e democrazia, e libertà e frontismo...)

Non ci lasciano stare... Non li lasciamo stare! Questa mattina, 11 luglio, su ordinanza del sostituto procuratore di Bologna Giovagnoli, sono state effettuate 56 perquisizioni ad altrettanti compagni e compagne con l'ormai usuale accusa di "associazione sovversiva con finalità di terrorismo" (art. 270 bis). Le città coinvolte sono Bologna, Milano, Parma, Firenze, Torino, Rovereto, Roma, Padova, Modena, Venezia e Trieste. Nelle perquisizioni sono stati coinvolti amici e parenti dei compagni e delle compagne indagate, finanche persone, anche straniere, che si trovavano casualmente ospitati in alcune case. Sono stati sequestrati computers, materiale cartaceo ed addirittura effetti personali o riguardanti il lavoro. L'inchiesta riguarda formalmente la sigla, non più esistente da tempo, del CRAC (centro di Ricerca per l'Azione Comunista), ma ha coinvolto una vasta area del movimento, compresi alcuni nostri compagni. Le indagini dirette dal solerte Giovagnoli riguardano esclusivamente iniziative e documenti di carattere pubblico. Non vengono imputati fatti concreti, ma si contesta agli indagati di essere "comunisti internazionalisti" (pagina 2 del decreto), di considerare che il capitalismo "ha ormai esteso il suo dominio su tutto il pianeta [...] e che con l'aggravarsi delle condizioni sociali di sopravvivenza anche i focolai di scontro si diffondono e si intensificano" (pagina 7). In sostanza, si imputa ai compagni e alle compagne di denunciare il carattere disumano di questo modello economico, sociale e politico e di partecipare al vasto movimento che si oppone e resiste nella prospettiva di una società diversa e libera dallo sfruttamento.

Da Genova 2001 è ormai uno stillicidio continuo di denunce, pedinamenti, perquisizioni, provvedimenti restrittivi, cariche e pestaggi, sevizie e omicidi perpetrati ai danni di chi non piega la testa ai diktat dei poteri forti capitalistici e cerca di individuare una strada radicalmente alternativa per risolvere una crisi economica ormai endemica che produce guerre, miseria, sfruttamento, morti per lavoro su tutto il pianeta.

Contrastiamo questa ennesima intimidazione rafforzando la ricomposizione sociale e politica di classe ed esprimiamo solidarietà attiva nei confronti di tutti i compagni e le compagne indagati, perseguitati o arrestati. Procedendo separati siamo tutti/e più deboli e facilmente reprimibili. Differentemente, radicandoci nei posti di lavoro, sul territorio e nelle scuole, e riuscendo a sviluppare lotte e mobilitazioni unitarie, saremo non solo capaci di affrontare l'inevitabile repressione che colpisce chi si mobilita contro il capitalismo, ma ciò ci aiuterà anche ad individuare e praticare meglio un percorso di reale liberazione dal sistema del mercato.

Solidarieta' ai compagni e alle compagne indagati e perquisiti

Contro il capitalismo e la sua repressione lottiamo uniti

Ora e sempre resistenza

Assemblea Nazionale Anticapitalista

Naïf

Indagati "per il reato di cui all'art. 270 bis C.P., per aver costituito e diretto una associazione, denominata C.R.A.C. - CENTRO di RICERCA per l'AZIONE COMUNISTA, che si proponeva il compimento di atti di violenza con finalità di terrorismo e eversione dell'ordine democratico ed in particolare di compiere delitti con uso di violenza contro l'incolumità personale allo scopo di svolgere attività politica e di propaganda diretta a combattere il capitalismo e a distruggere lo stato".

Con queste parole inizia il decreto di perquisizione emesso dal Tribunale di Bologna, con il quale venerdì 11 luglio 2003 i carabinieri del ROS hanno bussato alle porte di più di cinquanta persone in diverse città d'Italia. A Torino viene perquisita la casa di un compagno del centro di documentazione “Porfido”, e sequestrati computer, floppy disc, corrispondenza e carte varie.

Tanto per parlar chiaro, non solo evitiamo, come molti usano fare in questi casi, di “prendere le distanze”; al contrario, confessiamo che se il CRAC fosse realmente un'associazione in grado di tali pregevoli opere (“eversione dell'ordine democratico” … “combattere il capitalismo” … “distruggere lo Stato”), sicuramente non avremmo esitato a farne parte. Peccato però che non sia così. E non certo a causa di incapacità degli amici e compagni del CRAC; quanto per il semplice fatto che la rivoluzione sociale non è la messa in atto di un progetto elaborato da un gruppo politico, da un'avanguardia, da un partito, armato o meno che sia, quanto piuttosto un processo storico, una catastrofe epocale, frutto dell'esplosione delle contraddizioni insite in una organizzazione sociale in declino.

“Il comunismo è il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente”, si è detto.

È all'interno di questo movimento che individui e gruppi si sforzano di accelerarlo, di parteciparvi, cercando di dare forza e consapevolezza alle forze sociali deputate alla sua realizzazione, al superamento della società, alla realizzazione della comunità umana. In questo sforzo si pone Porfido, nel suo piccolo, come i compagni del CRAC.

Nessuna dissociazione, dunque, anche perché in realtà c'è ben poco da cui dissociarsi. Nell'indagine in questione, addirittura, non c'è proprio nulla. Le uniche cose che vengono contestate agli indagati, a quanto risulta dagli atti, sono assemblee pubbliche, presentazioni di libri, riunioni.

Del resto sembrerebbe alquanto assurdo, ma evidentemente non agli occhi di carabinieri e Procura, costituire un'associazione eversiva con il suo bel sito internet, i suoi giornali, un recapito pubblico, ecc. Ma tant'è.

Quel che viene sbandierato negli atti è una presunta analogia con le posizioni dei «gruppi eversivi dichiaratamente autori di atti di violenza e terrorismo, quali le Brigate Rosse partito comunista combattente…». Quel che è certo però è soltanto che i compagni di CRAC, in seguito all'omicidio di Marco Biagi, hanno pubblicamente rifiutato di «unirsi alla canea di voci di coloro che, per opportunismo e infamia, fanno a gara per essere “i più lontani”, “i più democratici”, “i migliori antagonisti delle BR-PCC”».

E visto che questa indagine, anche se indirettamente, in qualche modo chiama in causa anche noi, confessiamo senza pudore che per la morte di chi ha speso la propria vita al servizio dello sfruttamento di classe non abbiamo versato una lacrima. Sarà perché siamo degli estremisti senza cuore, forse. O forse sarà che ne versiamo già abbastanza di lacrime, tutti i giorni, per le vittime di tale sfruttamento, per tutti i ragazzi uccisi sulle strade dalle pallottole della polizia, per tutti i proletari morti di lavoro o rinchiusi e torturati nelle patrie galere; per non parlare di tutti i bombardati, affamati, ammalati, del resto del mondo, e affondati o deportati quando cercano di fuggire dalla sorte che il capitalismo gli ha riservato a casa loro.

Comunque, se da un lato questa indagine è demenziale tanto da far sorridere, dall'altro è preoccupante in quanto spia del clima di cui è figlia. E non ci riferiamo, o per lo meno non esclusivamente, alla repressione nei confronti del “movimento”, ma della generale recrudescenza della repressione a livello mondiale. Chiamare in causa un governo di destra è soltanto un insulso tentativo di rovesciamento causa-effetto.

Il clima di guerra infinita permea prepotentemente tutta la vita sociale, anche nelle metropoli della “fortezza occidente”. La guerra internazionale al terrorismo si traduce in un attacco a ogni spazio di libertà e autonomia in tutto il pianeta, dove le frontiere, blindate per i migranti, non esistono più per soldati e polizie; gli Stati baluardo delle “libertà democratiche”, candidamente, costruiscono lager, applicano la tortura sistematica sui prigionieri, calpestano i trattati internazionali, ecc.

A capo della polizia USA in Iraq si insedia colui che ha combattuto la criminalità nelle strade di New York, braccio destro di Rudolph Giuliani, eroe della “tolleranza zero”; così come a dirigere i pestaggi nelle strade di Genova i giorni del G8, c'erano gli stessi carabinieri che avevano diretto i massacri in Somalia, tanto per ricordarci come sia venuta meno ogni separazione tra tempi di guerra e tempi di pace; “zona di guerra” è ormai l'intera vita sociale. L'amministrazione dell'ordine capitalista si sta sempre più risolvendo in una guerra civile quotidiana, una guerra permanente contro gli uomini per il mantenimento coatto della pace mercantile.

Non è proprio quel che si dice una situazione rosea… sembrerebbe piuttosto il disperato tentativo di scongiurare il crollo di una società in agonia, a qualsiasi prezzo. Non sappiamo quanto potrà reggere, certo non in eterno. Nel frattempo, comunque, confessiamo che non abbiamo intenzione di stare seduti sulla riva del fiume, aspettando di veder passare il cadavere del mostro mercantile.

Centro di documentazione “Porfido”

Il 270 e 270 bis (dittatura di classe e organizzazione sovversiva) non si addicono agli anarchici

All'interno delle indagini riguardanti i CRAC sono state perquisite 5 abitazioni a Rovereto. Il capo d'accusa è il solito 270bis. Le perquisizioni sono avvenute in tutta Italia oggi tra le 5 e le 6.30 di mattina. Complessivamente gli indagati (e quindi perquisiti) sono 53 con il 270bis + 8 per altri capi di imputazione non meglio chiari. Praticamente tutte le case dei compagni di Rovereto hanno subito perquisizioni questa mattina presto.

Anarchici roveretani


Indietro 1/4 Avanti »

Articoli correlati (da tag)

  • Rete, informazione e potere

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata dalla lettura di un passo dall'articolo "In senso lato e in senso stretto":

    "Può esservi teoricamente una rete senza legami forti, ma una rete senza legami deboli è impensabile. Per usare la terminologia di Lenin, il partito in senso stretto è una rete a legami forti; con lo sviluppo dei legami deboli verso la classe abbiamo il partito in senso lato."

    Attraverso i siti, la corrispondenza, i social network, riceviamo riscontri positivi al lavoro che da anni portiamo avanti e più in generale notiamo un certo interesse nei confronti della Sinistra Comunista "italiana". Tale "attenzione" è probabilmente dovuta all'aggravarsi della crisi da una parte, e dall'altra al farsi sempre più evidente delle anticipazioni di organizzazione comunistica futura. Grazie alla Rete, il patrimonio storico della corrente cui facciamo riferimento si apre al mondo e si universalizza.

  • Partigianerie, jihadismo e guerra permanente

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 19 compagni, ha preso le mosse dal commento di un articolo de La Stampa, La globalità del nuovo islamismo. Domenico Quirico, l'autore del pezzo, descrive con queste parole l'elemento che accomuna, secondo la sua esperienza diretta (viene rapito in Siria nel 2013 e tenuto in ostaggio per mesi), i militanti dell'IS:

    "[...] ciascuno di loro si sentiva la piccola parte di un tutto, e il tutto era visibilmente una parte di loro. E se fosse questa globalità, psicologica ma anche pratica, operativa, militare, il segreto della loro pestifera potenza, e quello che ci impedisce di capire? Il totalitarismo islamico è, nella sua essenza, senza confini. Li vuole distruggere i confini, le frontiere, le nazioni: un'unica ecumene, quella di Dio. Mentre noi occidentali, laudatori della globalizzazione, in realtà, penosamente, continuiamo a ragionare nei limiti dei vecchi confini nazionali: soprattutto quando sono i nostri."

  • QuinternaLab: on line il laboratorio di n+1

    La teleriunione di martedì sera, presenti 18 compagni, è iniziata con la presentazione di QuinternaLab, il sito-laboratorio di n+1 on line da lunedì 15 luglio. Parlando delle potenzialità del nuovo sito è stata ribadita l'importanza di una piattaforma anonima e leaderless, qualcosa di completamente diverso da quanto abbiamo visto in passato. D'altronde il mondo intero funziona o tende a funzionare in questo modo. Come ricorda Alessandro Baricco, un cervello collettivo composto da barbari sta sostituendo il cervello profondo dell'individuo geniale:

    "Da questi barbari stiamo ricevendo un'impaginazione del mondo adatta agli occhi che abbiamo, un design mentale appropriato ai nostri cervelli, e un plot della speranza all'altezza dei nostri cuori, per così dire. Si muovono a stormi, guidati da un rivoluzionario istinto a creazioni collettive e sovrapersonali, e per questo mi ricordano la moltitudine senza nomi dei copisti medievali: in quel loro modo strano, stanno copiando la grande biblioteca nella lingua che è nostra. È un lavoro delicato, e destinato a collezionare errori. Ma è l'unico modo che conosciamo per consegnare in eredità, a chi verrà, non solo il passato, ma anche un futuro." (I nuovi barbari, Wired)

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 229, 6 agosto 2018

f6Dedicato a Karl Marx
f6Maledetta socialdemocrazia
f6Il film
f6Il Vallo Atlantico
f6Organizzazione Mondiale per il Commercio
f6Giganti?
f6Su tre continenti
f6Governicchio

Leggi la newsletter 229
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email