E' uscito il numero 43, aprile 2018

Gli abbonati riceveranno il nuovo numero della rivista nel mese di maggio.

n+1 rivista n°43

Editoriale: Si fa presto a dire moneta

Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica

Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop

Terra di confine: Elementare, Watson

Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo

Recensione: Verso un nuovo paradigma

Doppia direzione: Il computer e la coscienza

 

Appuntamenti

15-17

Giu

70° incontro redazionale
L'incontro si terrà presso la sede di Torino.
Temi da definire.

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

11

Mag

Conferenza, ore 21.00, sede di Torino
Che differenza passa tra una caserma e un albergo di lusso? Rispondendo a questa provocatoria domanda faremo un viaggio fra le modalità del cohousing.

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  9 luglio 2013

Sincronizzazione delle lotte immediate

La discussione, presenti 15 compagni, è iniziata analizzando quanto si sta muovendo sul fronte sindacale italiano. In particolare si è preso spunto dalle varie assemblee che si stanno tenendo intorno alla lotta nel settore della logistica, segnalando che anche a Torino sta partendo una vertenza territoriale. Cresce l'interesse verso la parola d'ordine del salario a occupati e disoccupati insieme alla drastica riduzione della giornata lavorativa, la controparte non sono più i padroni in genere ma lo Stato; si tratta infatti di imporre con la forza una rivendicazione che diventa legge:

"Questa organizzazione dei proletari in classe e quindi in partito politico torna ad essere spezzata ogni momento dalla concorrenza fra gli operai stessi. Ma risorge sempre di nuovo, più forte, più salda, più potente. Essa impone il riconoscimento in forma di legge di singoli interessi degli operai, approfittando delle scissioni all'interno della borghesia. Così fu per la legge delle dieci ore di lavoro in Inghilterra." (Karl Marx e Friedrich Engels, Il Manifesto del Partito Comunista)

La lotta potrebbe estendersi a tutto il territorio nazionale coordinandosi attraverso la Rete, come ha insegnato il movimento Occupy Wall Street. La piattaforma "99 Pickets Line" ha organizzato le mobilitazioni dei precari dei fast food newyorchesi coordinando i picchetti attraverso reti aperte e rifuggendo strutture piramidali. Dalla ristorazione veloce alle lotte dei precari della Walmart passando per gli scioperi ad Oakland e nei porti della West Coast, l'organizzazione territoriale e tanta solidarietà organizzata hanno fatto la differenza.

A Fabriano è stato indetto per il 12 luglio uno sciopero cittadino; come già avvenuto negli anni '70, i lavoratori dell'Indesit protestano contro la chiusura dell'azienda. Quanto potrà durare ancora la rivendicazione del posto di lavoro e cioè di qualcosa che non c'è più? Il vecchio paradigma sta morendo, di conseguenza la pratica rivendicativa compatibile col sistema si estingue e, simmetricamente, qualcosa di completamente diverso emerge. La situazione oggi è molto fluida: le lotte tendono a sincronizzarsi, aumentano gli scioperi selvaggi e le proteste "senza preavviso", perde senso l'organizzazione per cellule di fabbrica o per mestiere. Anche il presidente della Camera Boldrini sente che qualcosa sta cambiando e afferma che in Italia, anche se a differenza di altri paesi non vi è uno scontro sociale aspro, "senza risposte concrete, la situazione potrebbe anche repentinamente cambiare in peggio". La situazione è disastrosa per il Capitale: non passa giorno in cui non si chiudano fabbriche, scada qualche cassa integrazione, disoccupati si suicidino, famiglie perdano la casa. Superata una certa soglia le lotte diventano incontrollabili. I margini di contrattazione si riducono e le lotte sindacali trascendono immediatamente in scontro politico, addirittura i militanti della sinistra della Cgil invocano nuove "Piazza Statuto".

L'apparato sindacale è inglobato dallo Stato ma se il meccanismo della contrattazione/concertazione dovesse incepparsi, allora sarebbe costretto a recepire le spinte dalla base, pena lo svuotamento con la formazione di altri organismi di lotta. Per quanto integrato nella struttura statale, il sindacato deve lottare per salvaguardare la propria sopravvivenza e quindi deve organizzare operai e proclamare scioperi. Lo schema della Sinistra Comunista "italiana" resta sempre valido: affinché ci sia polarizzazione di classe, deve esserci un movimento di massa, consistenti strati di proletari che hanno la capacità di dar luogo a organismi di tipo intermedio tra classe e partito, e una parte di questi proletari deve fare proprio un programma in grado di rovesciare la prassi. Nelle diatribe all'interno del Partito Comunista Internazionale (il programma comunista) e tra i gruppi fuoriusciti, il vizio di fondo era inventare formulette statiche. La Sinistra ha sempre rifiutato questo approccio, verificatosi nelle spaccature del 1945-47 e del 1949-52, ribadendo che bisogna tenere aperte le prospettive di intervento: non sappiamo come si svilupperà il "movimento reale", ma sicuramente ci saranno proletari in grado di organizzarsi in organismi immediati, coordinamenti o sindacati e da questi si dovrà poter sviluppare una direzione politica di classe.

L'esperienza di Solidarność in Polonia dimostra che un movimento sindacale di massa può trascrescere velocemente in movimento politico. I lavoratori polacchi tra il 1976 ed il 1980, con una combattività enorme e nonostante fossero in presa diretta con il Papa e gli americani, demolirono il vecchio sindacato stalinista e ne formarono uno nuovo, il quale poi andò oltre sè stesso e prese il potere politico come partito. Anche in Egitto i sindacati liberi nascono sulle ceneri dei vecchi sindacati di regime dell'era Mubarak. Come si legge in Partito rivoluzionario e azione economica del 1951:

"I sindacati, da chiunque diretti, essendo associazioni economiche di professione, raccolgono sempre elementi di una medesima classe. È ben possibile che gli organizzati proletari eleggano rappresentanti di tendenze non solo moderate ma addirittura borghesi, e che la direzione del sindacato cada sotto l'influenza capitalista. Resta tuttavia il fatto che i sindacati sono composti esclusivamente di lavoratori e quindi non sarà mai possibile dire di essi quello che si dice del parlamento, ossia che sono suscettibili solo di una direzione borghese".

Negli schemi aperti della Sinistra il baricentro è lo scontro di classe indipendentemente dagli organismi formali che di volta in volta nascono, e poi muoiono (la rivoluzione non è questione di forme di organizzazione!). Il sindacalismo burocratico del dopoguerra ogni qualvolta si sia trovato in difficoltà ha dovuto cavalcare la tigre proletaria; tutto è sempre rientrato perché di valore da redistribuire nella società ce n'era. Oggi invece, date le difficoltà di accumulazione, non c'è più la carota e rimane solo il bastone.

Quanto previsto dalla nostra corrente si sta realizzando: vasti settori di senza riserve, manifestazione di massa e tentativi di coordinamento territoriale. Su scala globale. Oggi nascono movimenti generalizzati che spazzano via nello spazio di un mattino movimenti locali e regionali, ondate di collera che muovono milioni di persone facendo passare in secondo piano gradualismi di ogni sorta.

In Egitto le condizioni di miseria crescente in cui vive la popolazione non sono cambiate dopo il golpe dei militari. Il paese sopravvive grazie agli aiuti (soldi, denaro, benzina) di Usa, Arabia Saudita e altri stati arabi; i Fratelli Musulmani sono stati bruciati politicamente dall'aggravarsi della crisi economica e in generale il fenomeno dell'islamismo sta mostrando il fiato corto. Lo stesso colpo di mano dell'esercito appare più come un tentativo preventivo nei confronti del movimentoTamarrod, che mirava alla cacciata, con le proprie forze, del governo islamico di Morsi mobilitando un movimento di piazza senza precedenti nella storia. E' evidente che è più proficuo, per la borghesia, far cadere il governo per opera dei militari anziché lasciare spontaneamente il compito alla piazza. Meglio gestire la transizione anziché lasciarla sviluppare dal basso in modo caotico e, soprattutto, con esiti imprevedibili. Nella nascita del movimento egiziano fu fondamentale l'apporto degli strati proletari che trovarono nel movimento 6 aprile, coordinamento di giovani focalizzato sulle lotte di Mahalla, un centro organizzativo diffusosi poi a livello nazionale. L'opposizione sociale che si cristallizzò il 25 gennaio 2011 nell'occupazione di piazza Tahrir fu imprevista e colse di sorpresa gli ignari generali e la stessa attentissima rete di spionaggio americano.

Al di là di dissertazioni sulla natura classista o meno del movimento Tamarrod, va sottolineato che mai nella storia in una situazione non ancora rivoluzionaria si sono verificate trasformazioni politiche così rapide e di massa. Anche se per il momento la dinamica di trasformazione si limita a una generale richiesta di cambiamento che risuona nelle piazze a ritmo continuo e persistente, essa sta spazzando via quelli che, a torto o a ragione, ritiene essere i suoi avversari immediati. Un movimento di questo genere, che si basa sull'esperienza di massa interna e internazionale, non potrà che avanzare spedito verso l'individuazione dei suoi autentici nemici di classe. La parola d'ordine: Pane, dignità e giustizia sociale, bandiera del movimento dalla sua costituzione in piazza Tahrir, all'inizio del 2011, conserva integra tutto il suo vigore fino ad oggi, a quasi tre anni di distanza. Quale altro movimento "radicale" europeo degli ultimi decenni può vantare altrettanta coerenza e continuità d'azione?

Articoli correlati (da tag)

  • Guerra diffusa, entropia e marasma sociale

    Durante la teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, si è ricordato il Rapporto segreto da Iron Mountain sulla possibilità e desiderabilità della pace. Quando uscì, nel 1967, il testo suscitò un certo scalpore ed alcuni si spinsero ad identificarne l'autore nell'economista John Kenneth Galbraith. Il libro fu curato dal giornalista Leonard Lewin e nella prefazione venne presentato come un documento segreto commissionato dal governo americano con lo scopo di valutare la possibilità o meno di arrivare ad una pace globale, studiandone rischi e benefici. Il Gruppo che lo redasse, composto da studiosi e ricercatori, consegnò all'esecutivo il Rapporto che fu detto da Iron Mountain per il nome della località in cui si trovava il rifugio segreto, presso lo stato di New York, in cui si sarebbero riuniti gli scienziati.

    Le conclusioni riportate nel documento colpirono l'opinione pubblica. Eccone alcuni passaggi:

  • La dis-organizzazione mondiale del commercio

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, si è aperta con alcuni commenti riguardo l'imposizione, da parte del governo degli Stati Uniti, di nuovi dazi sull'importazione di acciaio e alluminio.

    Nell'edizione dello scorso 10 marzo, l'Economist riportava in copertina una caricatura del volto di Donald Trump a forma di bomba a mano. L'intento era quello di evidenziare la pericolosità della politica intrapresa dal Presidente, ritenuta una "minaccia al commercio mondiale" poiché potrebbe portare allo sgretolamento di quel sistema di accordi tra paesi che ha sorretto il mondo capitalistico a partire dal secondo dopoguerra:

    "Quali che siano i problemi dell'Organizzazione Mondiale del Commercio, sarebbe una tragedia minarla. Se l'America persegue una politica commerciale mercantilista sfidando il sistema commerciale globale, altri paesi sono tenuti a seguirla. Ciò potrebbe non portare a un immediato collasso dell'OMC, ma gradualmente eroderebbe uno dei fondamenti dell'economia globalizzata."

  • La visione della società futura

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 16 compagni, è iniziata dal commento dell'articolo "Il lato oscuro dei mercati: cosa può mandare le Borse in tilt", del Sole 24 Ore, in cui si analizzano le cause non direttamente economiche del crollo dei mercati avvenuto nei giorni scorsi, ovvero l'insieme di espedienti automatici, scambi ad alta frequenza e algoritmi che ormai governano il mondo finanziario.

    Secondo il giornale di Confindustria, uno dei pericoli più grandi che minacciano le piazze economiche di tutto il mondo è rappresentato dalla finanza automatizzata: "Ormai il 66% degli scambi azionari in Borsa è fatto da algoritmi. Cioè da computer che vendono e comprano azioni in autonomia, seguendo complessi calcoli matematici. Il 'flash-crash' ha però mostrato che anche queste macchine, apparentemente perfette, possono prendere cantonate. E far scattare vendite automatiche molto velocemente."

    Se l'intero mercato azionario è controllato per il 66% da programmi che lavorano autonomamente (ma l'automazione non riguarda solo il mondo delle finanza, tutto ormai è in mano agli algoritmi, dall'industria alla complessa gestione di aeroporti e treni, dalla logistica civile e militare alla grande distribuzione organizzata), allora possiamo affermare che non è più l'uomo a subordinare l'economia ma il contrario. Ciò è la dimostrazione pratica dell'incapacità della classe borghese che, sprovvista di una teoria economica, non riesce ad anticipare i processi sociali ma è costretta a subirli. Dacché esiste il capitalismo, non una crisi è stata prevista, mentre le spiegazioni sono sempre arrivate dopo.

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 228, 29 aprile 2018

f6Socialismo, dove?
f6Le mezze classi inglesi e l'austerity
f6Il gorilla
f6Metamorfosi
f6Viva Bio
f6Integrando
f6Guardie e ladri
f6Terre amare

Leggi la newsletter 228
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email