E' online il numero 42, ottobre 2017

Invitiamo tutti ad abbonarsi alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°42

Editoriale: L'immane mistificazione

Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre

Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti

Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)

Spaccio al bestione trionfante: Coppi, Bartali e i vaccini

Recensione: Lavorare è bello

Doppia direzione: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

53° incontro redazionale, 13-14-15 settembre 2013 Torino

L'incontro si svolgerà presso l'Hotel Sharing di Torino con il seguente programma:

- presentazione programma lavori. Panoramica sulla situazione economica e sociale: crollo dei fattori della produzione; caos politico in Italia; collasso in Egitto; manovre di guerra in Siria.

Relazioni sui temi:

- Una cosa che chiamiamo arte
Nella Encyclopédie la voce "Arte" è scritta da Diderot e inizia così: "Termine astratto e metafisico. Si incomincia col fare osservazioni sulla natura, sull'utilità, sull'impiego, sulle qualità degli esseri e dei loro simboli; dopo di che si attribuisce il nome di scienza, di arte o di disciplina in generale al punto centrale in cui si sono messe in relazione le osservazioni eseguite, per formare un sistema di regole o di strumenti che tendono al medesimo scopo… Esempio: si è riflettuto sull'uso e l'impiego delle parole e s'è in seguito inventata la parola 'Grammatica'. Essa è il nome di un sistema di strumenti e di regole relativi a un determinato oggetto, cioè il suono articolato, il segno, l'espressione del pensiero e tutto ciò che vi si rapporta. Ciò vale per tutte la altre scienze o arti". Due secoli e mezzo dopo, la storia dell'arte di Ernst Gombrich inizia con una provocazione paradossale: "Non esiste in realtà una cosa chiamata Arte, esistono solo gli artisti". Vi sono dipinti preistorici sulle pareti delle caverne e cartelloni pubblicitari sulle pareti delle metropolitane e qualcuno li ha realizzati per uno scopo. Nel 1750 Diderot poteva dire "Arte o Scienza" assimilando il significato dei due termini in base a ciò che sottintendevano, abbozzando una teoria della conoscenza. Oggi, Gombrich registra semplicemente il fatto empirico in senso utilitaristico. L'arte come attività per uno scopo è registrata da entrambi, ma il significato è completamente diverso. Di fatto, la cosiddetta Arte ha un inizio: quando l'uomo realizza intenzionalmente una modifica della natura e perciò anche di sé stesso. Quando, per usare un'espressione nostra, applica un "rovesciamento della prassi". L'arte è dunque la realizzazione di tutto ciò che non esiste in natura.

- L'emergere palese della nuova forma sociale
Lo sviluppo delle forze produttive, all’interno della forma capitalistica, getta le basi per la società futura. Fenomeni come la produzione/distribuzione just-in-time che prevedono l'unificazione fra il monitoraggio del mercato, la produzione diffusa e la distribuzione capillare, quasi a prefigurare un sistema integrato intelligente, sono già al confine fra il capitalismo e la società futura. Fenomeni ancora più eclatanti, come la grande espansione delle attività "peer to peer", testimoniano il bisogno di una produzione non alienata, in grado di fornire beni senza la mediazione del denaro. I progressi straordinari nel campo dell’informatica, delle telecomunicazioni, della cibernetica rendono evidente la possibilità di un ricambio organico tra l’uomo e la natura non più regolato dalle leggi del Capitale. Dal ventre della balena capitalistica si levano dunque, sempre più frequentemente, voci che, pur partendo da orizzonti diversi, parlano di un futuro senza denaro, senza lavoro salariato, senza la folle dissipazione di risorse dovuta all’anarchia della produzione borghese, insomma un futuro n+1 (nel corso dell'esposizione si farà accenno a tre esempi: il Progetto Venus, un articolo sulla possibilità di realizzare un "piano sociale" e uno sulla produzione peer to peer).

- Il nostro piano di lavoro e la sua struttura
Più eventuali ulteriori domande e risposte sulle relazioni del sabato. Resoconti sulle varie attività generali e locali.

Leggi il resoconto dell'incontro

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°41, aprile 2017

copertina n°41f6Editoriale: Non possiamo ingannare la natura
f6Articoli: Assalto al pianeta rosso - Il secondo principio - Il grande collasso - Capitale e teoria dello sciupio
f6Rassegna: Ancora Trump - Fuga nel sub mondo
f6Terra di confine: Buoni di non lavoro
f6Recensione: Che cosa c'è dopo il capitalismo?
f6Doppia direzione: Neoluddismo
f6Spaccio al bestione trionfante: Dieci punti per demolire Trump

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 227, 31 gennaio 2018

f6La scintilla
f6Accendere neuroni
f6Animal spirits
f6Reddito di base
f6Giganti scomodi
f6Mi chiamo Sophia
f6Bisogno di guerra
f6Ramoscello d'ulivo

Leggi la newsletter 227
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email