E' online il numero 43 di n+1 (aprile 2018)

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°43

Editoriale: Si fa presto a dire moneta

Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica

Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop

Terra di confine: Elementare, Watson

Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo

Recensione: Verso un nuovo paradigma

Doppia direzione: Il computer e la coscienza

 

Appuntamenti

14-16

Dic

72° incontro redazionale
L'incontro si terrà presso la sede di Torino.
Temi da definire.

21-23

Set

71° incontro redazionale
Temi: - Le rivoluzioni come fatto fisico, - Gli enciclopedisti e la rivoluzione europea, - Sintomatici consensi, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

Appunti sulla questione Luxemburg-Bucharin (e altri)

Le relazioni di Milano (18 ottobre 1959, Marsiglia per Lux. e Milano per Buch.) riprese nell'articolo "Scienza economica marxista" sono molto incomplete sia per quanto riguarda l'esposizione dei rispettivi testi che per quanto riguarda la differenza fra di essi. Soprattutto si tende ad una equidistanza che i testi non meritano, essendo quello di Bucharin formalmente corretto nelle formulazioni ma eccessivamente grossolano dal punto di vista della critica, e non solo per mancanza di rispetto verso la grande rivoluzionaria.

Si potrebbe partire con uno studio su alcune posizioni che sono comuni ad entrambi riguardo la prospettiva dell'accumulazione. Nella Luxemburg la posizione è esplicita: per esempio nel Capitolo Quinto, all'inizio, ma soprattutto nel Capitolo Settimo (pag. 116 e 117 nell'edizione Einaudi) si fa riferimento ad una società socialista in cui l'accumulazione avviene con il solito fondo di riserva già discusso da Marx nella critica al programma di Gotha. Ciò è giusto e sbagliato nello stesso tempo. La trasposizione delle categorie attuali nella società futura va spiegata, per esempio con la necessità di una fase di transizione. Il comunismo è qualitativamente un'altra cosa e parlare di accumulazione è perlomeno improprio. Ma Bucharin, criticando Rosa, ne riprende la stessa argomentazione. Egli nega, per esempio, che in un'economia pianificata di capitalismo statale possa esservi crisi. Naturalmente fa riferimento ad un modello astratto, ma ciò non ha effetti teoricamente controproducenti: la pianificazione può superare in teoria la produzione e la distribuzione anarchica, ma non può eliminare lo sviluppo delle leggi contraddittorie del capitale. Anche col capitalismo di stato aumenta la forza produttiva della società e aumenta quindi la composizione organica del capitale, quindi il fatto che sempre meno operai mettono in moto sempre più capitale. E ciò si risolve nell'aumento della sovrappopolazione relativa, la miseria crescente e quindi la possibilità di consumo della massa dei salariati (tutti, non solo quelli occupati).

Ma con ciò Bucharin aiuta Rosa invece di demolirla: inventando un capitalismo di stato puro che regola le proporzioni della produzione, riconosce che senza questo espediente il capitalismo reale non può farcela (ed è il tema del nostro lavoro sullo sciupìo). Non è una questione di proporzione o di sproporzione, giustamente, ma in Bucharin vi è il riconoscimento implicito che nel socialismo che egli crede di vivere nel 1924 vi sono le stesse categorie che nel capitalismo. Mentre nella Luxemburg ciò rappresenta un incidente di percorso (e ve ne sono altri), per Bucharin sembra una convinzione. Infatti la Luxemburg punta sul meccanismo di realizzazione del plusvalore, mentre Bucharin punta sull'aspetto politico dello sfruttamento. In Russia non ci sarebbe più. Non è chiaro e bisogna studiare bene la faccenda, ma sappiamo che di questo passo si è finiti per ammettere una speciale legge del valore per il socialismo.

Con tutte le sue contraddizioni e imprecisioni la Luxemburg non si pone mai il problema del mercato, del risparmio, della domanda effettiva come categorie utili a spiegare il meccanismo teorico che guida il reale processo di accumulazione. La sua base è lo schema di Marx e non è affatto vero che lo critica. Rosa è dialettica e Bucharin, che la accusa del contrario, in questo caso è un vero immediatista anche se fa quadrare i conti. Infatti, mentre nelle formulazioni di Bucharin si parte dal presupposto che il plusvalore sia già realizzato, il vero problema posto da Rosa è quello della realizzazione di detto plusvalore. Nella sua prefazione all'edizione Einaudi, Sweezy sposa la tesi di Bucharin dicendo che Rosa si dà un presupposto fasullo e di qui prosegue nell'errore. La domanda è: questo presupposto è veramente fasullo? Gli schemi di Marx sembrano confermare che no.

Impressione: Bucharin sembra scientifico e la Luxemburg sembra descrittiva. In realtà Bucharin dimostra soltanto per quale strada potrebbe realizzarsi l'accumulazione e netrova l'equazione. C'è un problema epistemologico: nel campo delle scienze sociali i rapporti matematici rappresentano i rapporti fra le classi, non lo sono. Meglio ancora, possono essere adoperati per rappresentare i rapporti di classe e capirli. L'equazione di Bucharin ci dà una buona idea dell'accumulazione, proprio per questo ci dice anche quali devono essere le condizioni per ottenerla. La Luxemburg ci dice semplicemente che queste condizioni non possono essere date a priori e che il capitalismo stesso si occupa di distruggerle non appena le adoperi per espandersi. La Luxemburg vede la cosa in modo storico e dinamico, Bucharin la vede in modo formalistico e statico, perché la sua apparente dinamica è un presupposto per far funzionare l'equazione. Infatti Bucharin giunge a definire l'imperialismo come una qualità speciale del capitalismo, mentre la Luxemburg cerca di spiegare che è proprio il fatto che il capitalismo funzioni a quel modo che ha bisogno di sbocchi imperialistici.

Bucharin affibbia alla Luxemburg una teoria del crollo del capitalismo. Rosa è senz'altro crollista, ma non sviluppa alcuna teoria, è crollista come lo è Marx. e adopera gli stessi argomenti di Amadeo: se affama la gente il capitalismo salta, se la copre di merci e di cibo crepa lo stesso: l'imperialismo prolunga l'esistenza del capitalismo, ma nello stesso tempo prepara oggettivamente il limite a questa esistenza; "la tendenza a questo punto terminale dello sviluppo capitalistico si manifesta in forme che configurano la fase conclusiva del capitalismo come un periodo di catastrofi", dice Rosa.

Bucharin afferma che la maggiore contraddizione del capitalismo è la rivoluzione d'Ottobre, e va bene, ma dice che per questo il crollo del capitalismo è cominciato. Che vuol dire? Si capisce: il "nuovo sistema economico dell'URSS" si confronta col capitalismo rendendo "acuto e distruttivo il nuovo conflitto". Confronto quindi non con la dittatura del proletariato, ma con "il nuovo sistema economico", ecco dove cade l'asino. E in campo internazionale la confutazione della Luxemburg finisce con l'osannare il leninismo come teoria del collegamento tra la rivoluzione proletaria e la guerra contadina, come teoria della tattica generalizzata della storica "alleanza". Che non è teoria di Lenin, anche se divenuta subito "leninista".

Le riunioni tenute su questo tema dovrebbero essere trascritte con tutti i riferimenti, specie quelli sui Grundrisse.

Testi in cui trovare riferimenti alla Luxemburg e al problema dell'accumulazione: - Prometeo II serie n. 1.

- Filo del tempo n. XXVIII "ancora su marxismo e miseria".

- Econmarx: contatto fra forme borghesi e preborghesi ("giustamente"); aumento del capitale salari; confronto fra Luxemburg e Bucharin.

- Articolo Programma n. 21 del 1960.

- Vulcano della produzione pag. 72.

Proseguire l'elenco man mano che si trovano riferimenti. La parte storica della questione è stata riassunta da Michele.

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 230, 18 ottobre 2018

f6Bomba a orologeria
f6Uno schema Ponzi per sé stessi
f6Umanità minore
f6C'era una volta la teoria del valore
f6Il paradosso di Fermi
f6Il non-Statuto dei gig-lavoratori
f6La strana storia del reddito di base
f6Spread

Leggi la newsletter 230
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email