E' online il numero 44 di n+1

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°44

Editoriale: Duecento anni nel nome di Marx

Articoli: Marx 1818-2018 - Imperialismo in salsa cinese - Plaidoyer per il cemento - A che punto è la "crisi" - Comunismo e agricoltura

Terra di confine: Il capitalismo non è eterno

Rassegna: Dennett, Dai batteri a Bach e ritorno

Doppia direzione: La misura e la scienza - La sovrapposizione fra modi di produzione

Appuntamenti

24

Mar

Seminario: "La socializzazione fascista e il comunismo"
Comitato di lotta Viterbo - Officina Dinamo
via del Suffragio 18 (VT) - ore 15.30

15-17

Mar

73° incontro redazionale
Temi: - La transizione alle classi, - In margine alla teoria rivoluzionaria della conoscenza, - Lo strano caso Olivetti, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

14-16

Dic

72° incontro redazionale
Temi: - Taylorismo, managerialismo e impersonalità del Capitale, - Lo stato a pezzi, - Fiorite primavere delle rivoluzioni, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  28 gennaio 2014

Evidenza della trans-forma

La teleconferenza di martedì sera è iniziata prendendo spunto dall'articolo de La Stampa "Ipocrita e marxista", l'America dei Tea Party contro Francesco. L'ultima esortazione papale, l'Evangelii gaudium, ha fatto venire il mal di pancia a molti negli ambienti della destra americana, tanto che alcuni dei finanziatori del Vaticano hanno minacciato la riduzione delle sovvenzioni. Nel documento pontificio si affrontano, tra i vari temi, l'ineguaglianza sociale e la polarizzazione della ricchezza, e viene data una valutazione negativa dell'attuale sistema economico basato sul primato del denaro. In particolare nel secondo capitolo si indica la finanza come colpevole di aver fatto dimenticare all'umanità la centralità dell'uomo, ridotto invece a mero consumista:

"Si accusano della violenza i poveri e le popolazioni più povere, ma, senza uguaglianza di opportunità, le diverse forme di aggressione e di guerra troveranno un terreno fertile che prima o poi provocherà l'esplosione. Quando la società – locale, nazionale o mondiale – abbandona nella periferia una parte di sé, non vi saranno programmi politici, né forze dell'ordine o di intelligence che possano assicurare illimitatamente la tranquillità".

La nostra corrente è sempre stata attenta alla produzione "teorica" dalla Chiesa che, forte della sua millenaria esperienza, sa rispondere in anticipo alle catastrofi sociali in arrivo. Afferma ancora Papa Francesco:

"Come conseguenza di questa situazione, grandi masse di popolazione si vedono escluse ed emarginate: senza lavoro, senza prospettive, senza vie di uscita. Si considera l'essere umano in se stesso come un bene di consumo, che si può usare e poi gettare. Abbiamo dato inizio alla cultura dello 'scarto' che, addirittura, viene promossa. Non si tratta più semplicemente del fenomeno dello sfruttamento e dell'oppressione, ma di qualcosa di nuovo: con l'esclusione resta colpita, nella sua stessa radice, l'appartenenza alla società in cui si vive, dal momento che in essa non si sta nei bassifondi, nella periferia, o senza potere, bensì si sta fuori. Gli esclusi non sono 'sfruttati' ma rifiuti, 'avanzi'".

Giusta la legge della miseria crescente, oltre al classico esercito industriale di riserva cresce la sovrappopolazione assoluta, la fetta di chi viene collocato al di fuori del ciclo produttivo "a tempo indeterminato", cioè senza mai più potervi rientrare. Prima dell'elezione dell'attuale pontefice molti sbraitavano contro una Chiesa covo di reazionari, corrotti e affaristi. Sarà vero, per carità. Solo che ora l'organismo millenario ha dimostrato la capacità di sapersi ripulire, di dare per lo meno una parvenza di cambiamento, cosa che nessuna borghesia al mondo riesce più a fare. La Chiesa, come il sindacato che per non sparire sarà costretto a rifondarsi sulle lotte dei lavoratori (occupati e disoccupati), deve tornare a prendere le difese degli ultimi e rinnovare le incancrenite strutture ecclesiali.

Tutte queste grandi trasformazioni, all'apparenza volontarie, sono determinate dall'esigenza del sistema di riformarsi per non soccombere sotto il peso delle proprie contraddizioni. Ha fatto notizia la proposta di Obama per l'innalzamento del salario minimo dei dipendenti pubblici federali (dagli attuali 7,25$ all'ora a 10,10$). Come non collegare questa "scelta" del Presidente alle recenti lotte dei working poor d'America? Le disparità economiche negli Usa sono ormai tali da mettere a repentaglio, oltre la domanda interna, la stessa tenuta sociale del Paese. Alla vigilia del forum di Davos, Oxfam lancia l'allarme: l'aumento della diseguaglianza rischia di portare disordini e squilibri sociali. D'altronde, se 85 super ricchi possiedono l'equivalente di quanto detenuto dalla metà della popolazione mondiale, cosa ci si può aspettare?

In questi giorni la Banca d'Italia ci informa sulla situazione nostrana, dove è un 10% delle famiglie a detenere circa la metà (il 46%) del patrimonio nazionale. Nonostante questi numeri, nella penisola ci si ingegna a tagliare i salari. La scorsa settimana l'associazione degli industriali di Pordenone ha annunciato un piano per contrastare la "desertificazione industriale". L'apposito team di tecnici e politici, incaricati di trovare una soluzione al problema, ha proposto tagli al costo del lavoro e l'introduzione di maggiore flessibilità. Detto fatto. Da pochi giorni è diventato pubblico il piano di Electrolux: in cambio di non meglio precisate garanzie occupazionali gli operai dovrebbero accettare una drastica riduzione dei salari, dagli attuali 1400 euro a 700 al mese, per allinearli a quelli polacchi e permettere all'azienda di continuare a produrre in Italia.

Il costo della forza lavoro incide per l'8-10% sul costo di produzione. Questa è l'unica variabile dipendente su cui il Capitale può agire perché costi di energia, trasporti e materie prime sono variabili indipendenti. Gli automatismi spinti della società capitalistica ultra-matura si traducono nel fatto che nessuno "sceglie" cosa fare, ma tutti sono costretti ad inchinarsi davanti al mercato. Nelle moderne produzioni industriali impera il capitale costante (macchine e impianti) e il capitale variabile (forza-lavoro) è ridotto all'osso. A un dato momento, se diminuisce la possibilità di estorsione di plusvalore, non solo diminuisce il profitto del capitale addizionale, ma qualsivoglia profitto si rende impossibile e l'accumulazione s'arresta. Del resto è inevitabile che con l'aumento della forza produttiva sociale, che non diminuisce mai, diminuisca invece l'estorsione di plusvalore: oltre precisi limiti fisiologici e temporali, pur spremendo un operaio come un agrume, non si può estrarre da esso tanto plusvalore quanto se ne può estrarre da cento operai. Di pari passo al vulcano della produzione aumenta la palude del mercato. Lampante è l'esempio della Fiat. Marchionne spinge su produzioni di lusso e sulla fascia alta dell'Alfa Romeo. Viene subito applaudito dagli analisti finanziari. Rimane un dubbio: per restare in concorrenza con i colossi asiatici e tedeschi dovrebbe vendere 7 milioni di automobili di lusso, ma a chi? Forse agli 85 super ricchi di cui sopra.

Di fronte al nuovo "giusto salario" e all'estendersi della massa dei senza-riserve salteranno definitivamente tutti i parametri sindacali consueti, e il salario di sussistenza, complementare alla riduzione della giornata lavorativa, diventerà una necessità vitale. Ma non potrà essere frutto di riforma, dato che il sistema ha come sua legge il valore di mercato. I proletari potranno solo imporre con la forza un cambiamento radicale dell'organizzazione sociale.

Dall'Electrolux siamo quindi passati a discutere del macro-settore della logistica. Dopo l'idea delle consegne con i droni, Amazon, il gigante del commercio on line, ha depositato un brevetto per un sistema di consegne anticipate della merce. La nuova modalità di vendita si basa sulla tracciabilità degli acquisti pregressi, i dati raccolti permettono la ricostruzione della personalità del cliente che riceverà a casa quelle merci che, probabilisticamente, vorrà acquistare. Il meccanismo non solo riduce ma in tendenza elimina i tempi di attesa che intercorrono tra l'ordinazione, la spedizione e la consegna del prodotto. Viene in mente quanto abbiamo scritto nell'ultimo numero della rivista riguardo ad un'altra azienda globale: "I sensori del sistema Walmart acquisiscono informazioni ad ogni livello, dal comportamento dei consumatori nei negozi alle giacenze sugli scaffali, dal percorso lungo la rete logistica a quello che porta a casa del consumatore. Ogni prodotto ha una etichetta tracciabile e appena uscito dai campi o dalla fabbrica diventa un terminale della immensa rete. In questo modo sono sotto controllo 600 milioni di confezioni dei prodotti più diversi ogni settimana per 20 milioni di transazioni alle casse ogni giorno. La potenza di calcolo necessaria al controllo dell'intero sistema è seconda solo a quella del Pentagono, ed è incommensurabile rispetto a quella degli scienziati russi che furono all'opera nella cittadella delle scienze. Al di là degli stupefacenti numeri, la logica soggiacente è già pronta per un utilizzo non mercantile. Una volta eliminato il capitalismo, non vi sarà alcuna mano nascosta a regolare un equilibrio da giungla selvaggia, ma le cose stesse saranno in grado di comunicare col cervello sociale ed essere parte di un piano di specie. Ormai il traffico di dati fra cosa e cosa, macchina e macchina sta superando quello fra uomo e uomo. Sotto il capitalismo l'automazione è un sistema aberrante, sotto il controllo di una società umana e anti-dissipativa è una liberazione, una trasformazione del tempo di lavoro in tempo di vita."

Nella logistica le aziende lavorano just in time: Tnt, Granarolo, Gls, Dhl, Amazon, tutte vogliono velocizzare i tempi di consegna e l'unica maniera per farlo è quella di aumentare lo sfruttamento dei lavoratori contrastando, di conseguenza, l'organizzazione sindacale. L'efficienza richiesta si basa su lunghe catene di esternalizzazione, un sistema che abbiamo definito l'outsourcing globale, ma talvolta accade che la fluidità della circolazione della merce sia compromessa dalle agitazioni e dai picchetti dei lavoratori. Alla Granarolo di Bologna pochi lavoratori riescono da mesi a bloccare il magazzino mandando in tilt il traffico dell'Interporto (zona ad alta densità di aziende e magazzini). La lotta dei precari dell'Ups nel 1997 ha inaugurato un nuovo modo di condurre la battaglia sindacale, dimostrando che la congiunzione tra coordinamento territoriale, strumenti moderni (cellulari, Internet, Gps, ecc.) per picchetti volanti e tanta solidarietà organizzata, può battere i più blindati padroni, i sindacati reazionari e persino gli Stati.

Si è quindi passati a discutere del rallentamento delle economie emergenti e della decisione della Federal Reserve di proseguire con il tapering, la diminuzione del ritmo di riacquisto di asset sul mercato. Ridurre gradualmente la droga monetaria da iniettare nel circuito finanziario dovrebbe significare un ritorno alla normalità, ma diventa invece un provvedimento eccezionale vista la situazione in cui versa l'economia mondiale. I mercati fibrillano a causa dei disordini sociali in corso in molti paesi, le economie di Cina, India, Indonesia e Turchia cominciano ad arrancare, l'Europa deve fare i conti con la deflazione.

Paesi come l'Argentina, poco protetti dal punto di vista finanziario, soffrono particolarmente ed appena la crisi globale si acutizza la popolazione non riesce più a mangiare e si ribella. Gli economisti qualche tempo fa parlavano di ripresa, puntando sulle economie emergenti di BRICS e MINT (Messico, Indonesia, Nigeria e Turchia). Ora si scopre che la Turchia si ritrova con forti debiti in dollari e riserve valutarie ormai al lumicino, e i BRICS da salvezza del capitalismo sono diventati fonte di preoccupazione perché ulteriore fattore di destabilizzazione. In Brasile, ad esempio, impazzano i flashmob dei giovani delle favelas che si danno appuntamento nei grandi magazzini per svuotarli; il governo è nel panico e nessuno sa come fermare le manifestazioni organizzate via social network.

In Ucraina la rivolta continua: ci sono scontri durissimi, incendi e saccheggi, morti e feriti; ufficialmente i manifestanti si battono per far entrare il paese nell'orbita economica dell'Unione Europea (proprio mentre in Europa prendono piede movimenti che spingono per l'uscita dall'Euro). Ma non importa quello che dicono i manifestanti di se stessi, importa ciò che spinge materialmente le persone a scendere in piazza. Quello che emerge è sempre un senso di insicurezza sociale altissimo, un chiaro segnale che la potenzialità di rottura ha raggiunto livelli da allarme rosso.

Nel mentre, il parlamento italiano è alle prese con la discussione sul modello elettorale, ovvero se spostare il premio di maggioranza dal 35 al 37%. Sempre nel mentre, trasporti, sanità, servizi pubblici vanno a pezzi e la disoccupazione giovanile cresce senza sosta. L'1% continua a pensare esclusivamente a se stesso, in barba ad una situazione in cui il 40% della popolazione vive con un reddito al di sotto di 600 euro.

E' un sistema in transizione che ci obbliga a cambiare paradigma rispetto al passato poiché ci costringe a collegare il singolo episodio, locale o nazionale che sia, al contesto mondiale in cui questo avviene.

Articoli correlati (da tag)

  • Le conseguenze del futuro

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 15 compagni, è iniziata dalla segnalazione di un video della Casaleggio Associati intitolato "La Fine del Lavoro come lo Conosciamo". In circa 10 minuti il filmato, pubblicato su YouTube e ripreso dal sito del Sole 24 Ore con il titolo "2054, al lavoro l'1% del tempo: la visione di Casaleggio", ripercorre la storia dell'umanità, dalle popolazioni di cacciatori-raccoglitori alla rivoluzione industriale, per giungere infine agli ultimi decenni in cui il processo evolutivo subisce un'accelerazione vertiginosa. Il video ha un taglio positivista: la storia umana diviene storia del progresso (non delle lotte di classe) nei termini di un miglioramento continuo delle condizioni degli uomini, il quale passa dall'introduzione della scuola dell'obbligo, delle pensioni, del diritto alle ferie e ai giorni festivi, ecc. E dato che le nuove tecnologie aumentano la produttività del lavoro ed eliminano forza-lavoro, il prossimo step di questo processo sarà il reddito di base incondizionato.

  • Ionizzazione delle molecole sociali

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata parlando dei riscontri positivi avuti recentemente riguardo al lavoro di "n+1". Questo ci ha dato modo di fare il punto su quella che comunemente viene chiamata "propaganda".

    Tutti i mezzi di comunicazione sono validi per riverberare il nostro lavoro all'esterno, ma nell'epoca di Internet acquistano una certa importanza siti, blog e, soprattutto, social network. Detto questo, la discriminante non è data dal mezzo di comunicazione, ma dall'atteggiamento che si ha quando lo si adopera: che si intervenga in una radio oppure sul Web, l'importante è non partecipare a parlamentini o dibattiti, tenendo sempre presente che il compito dei comunisti è quello di conservare la linea del futuro della propria classe. Per Engels, come per la nostra corrente, l'opportunismo è il metodo che sacrifica l'avvenire del Partito al successo di un giorno. E come scritto nelle "Considerazioni sull'organica attività del partito..." del 1965, rivendichiamo tutte le forme di attività proprie dei momenti favorevoli nella misura in cui i rapporti reali di forze lo consentono. In quasi tutti gli ambienti politici si pratica il dibattito, perciò siamo stati piacevolmente colpiti dal fatto che alcuni compagni che abbiamo conosciuto recentemente hanno spontaneamente metabolizzato il lavoro della Sinistra Comunista "italiana" (SCi) e di n+1 rendendo possibile una proficua doppia direzione.

  • Superamento di soglia

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, è iniziata dalle notizie di stampa sulle manifestazioni dei "gilet gialli" in Francia.

    Il "movimento" è nato sui social network (#GiletsJaunes) e ha indetto le prime manifestazioni lo scorso 17 novembre quando si è dato appuntamento nelle piazze di circa 600 città francesi. I servizi segreti dicono di aver identificato i promotori: 5 uomini e 3 donne, abitanti della regione Ile de France, tra i 27 e i 35 anni. La motivazione ufficiale del flash mob sembra sia stata il rincaro del prezzo dei carburanti ma, generalizzandosi la lotta, sono state messe in discussione le troppe tasse, la diminuzione dei servizi sociali, il disinteresse verso le città medie e piccole da parte di Parigi. I partiti di opposizione stanno cercando di cavalcare la protesta, anche se con magri risultati, almeno per adesso. Sulla loro pagina Facebook i "gilet gialli" dicono di essere persone "come me e te... un pensionato, un artigiano, uno studente, un disoccupato, un uomo d'affari... soprattutto una persona che è preoccupata di non arrivare alla fine del mese." Finora sono scese in strada circa 250 mila persone, ci sono stati 500 arresti, centinaia di feriti e due morti in incidenti stradali dovuti al caos provocato dai blocchi. Durante le mobilitazioni sono state bloccate importanti vie di comunicazione, raffinerie e hub logistici. Per Christophe Castaner, ministro dell'Interno francese, "siamo di fronte a una disorganizzazione totale, hanno tentato di entrare nelle prefetture, ci sono state azioni di grande violenza". Per il prossimo 24 novembre i "gilets jaunes" hanno annunciato una nuova manifestazione nazionale con l'obiettivo di "dare un colpo di grazia e convergere tutti su Parigi con tutti i mezzi possibili... perché è lì che si trova il governo."

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 232, 12 febbraio 2019

f6Per qualche dollaro in meno
f6La lunga notte della sonda cinese
f6Le nuove armi di Pechino
f6Shutdown
f6Venezuela
f6La valle della morte
f6Italia
f6Gilet gialli

Leggi la newsletter 232
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email