E' uscito il numero 43, aprile 2018

Gli abbonati riceveranno il nuovo numero della rivista nel mese di maggio.

n+1 rivista n°43

Editoriale: Si fa presto a dire moneta

Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica

Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop

Terra di confine: Elementare, Watson

Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo

Recensione: Verso un nuovo paradigma

Doppia direzione: Il computer e la coscienza

 

Appuntamenti

15-17

Giu

70° incontro redazionale
L'incontro si terrà presso la sede di Torino.
Temi da definire.

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

11

Mag

Conferenza, ore 21.00, sede di Torino
Che differenza passa tra una caserma e un albergo di lusso? Rispondendo a questa provocatoria domanda faremo un viaggio fra le modalità del cohousing.

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  5 febbraio 2013

Da Parigi a Vicenza

Sarà forse un caso ma poco prima, durante e poco dopo la riunione tenutasi a Parigi sono arrivate alcune critiche al lavoro di n+1 riferite all'utilizzo di modelli e al ricorso ad astrazioni. Sembrerebbe che il lavoro collettivo mandi in tilt i singoli individui atomizzati e che gli stessi periodicamente si accaniscano nel tentativo di demolire il nostro lavoro e i risultati che esso produce.

Sono in corso le letture dei testi che rientrano nel filone della "Terza Cultura": "Non è vero ma ci credo. Intuizioni non provate, future verità", "Digerati. Dialoghi con gli artefici della nuova frontiera elettronica" e "I nuovi umanisti". Tutti e tre i testi sono stati scritti da John Brockman, per giunta anche editore e "fondatore" del movimento.

E' notizia di questi ultimi giorni il riconoscimento di sindacati "liberi" da parte della Foxconn. In Cina finora i sindacati sono sempre stati controllati dai quadri dirigenti del partito e dai governi locali. "Il processo con cui i rappresentanti della Foxconn erano nominati fino a oggi non era democratico, trasparente e la maggior parte dei membri era scelta dai dirigenti", ha spiegato al Financial Times una delle persone che sta definendo la nuova modalità di voto. I comitati che dovranno essere eletti entro il 2014 in tutte le fabbriche sono ben 18.000. Un corso prevede la formazione degli operai, per istruirli sul funzionamento della rappresentanza sindacale. Niente di nuovo, ai capitalisti conviene che si aprano contrattazioni anche permanenti, piuttosto che si organizzino scioperi selvaggi. La pressione esercitata dai lavoratori è insita nella dialettica delle cose e se i numeri sono reali, si formerà di certo un'organizzazione capillare sullo stile dei comitati di fabbrica italiani.

Raccogliamo dati utili relativamente all'avanzare della robotizzazione del lavoro da alcuni articoli comparsi sui quotidiani. Il tono e i contenuti sono alquanto rassegnati: l'avanzare del processo è incessante e irrefrenabile, di questo passo raggiungeremo in tempi sempre più brevi i 3/4 della popolazione in stato di disoccupazione. Come spesso accade, questi giornalisti non sanno immaginare altro e si fermano alla depressa constatazione della degenerazione in corso. Ben diverso quanto scritto da Marx più di un secolo fa: "Uno sviluppo delle forze produttive che avesse come risultato di diminuire il numero assoluto degli operai, che permettesse in sostanza a tutta la nazione di compiere la produzione complessiva in un periodo minore di tempo, provocherebbe una rivoluzione perché ridurrebbe alla miseria la maggior parte della popolazione. Si manifesta qui nuovamente il limite specifico contro cui urta la produzione capitalistica e si dimostra chiaramente come essa non solo non rappresenti la forma assoluta per lo sviluppo delle forze produttive e della produzione della ricchezza, ma debba necessariamente, ad un certo punto, trovarsi in conflitto con questo sviluppo."

Il Washington Post presenta un progetto del governo federale Usa relativo all'intenzione di realizzare una super rete Wi-Fi che possa attraversare la nazione. Tale rete sarebbe così potente da permettere agli utenti di telefonare o navigare sul Web senza pagare il canone telefonico. I team di tecnici che lavorano alla costruzione di queste strutture sono obbligati ad affrontare contraddizioni reali come quella della liberazione dell'uomo dal lavoro. Anche i servizi di trasporto pubblici iniziano ad essere completamente automatizzati, esempio ne è la nuova linea metro milanese o la metropolitana di Torino. Per noi si tratta di conferme materiali di come la massima contraddizione del capitalismo sia quella di negare la legge del valore attraverso la sua massima enfatizzazione.

Guardando alle ultime lotte condotte dai lavoratori, è curioso constatare come nonostante l'alto livello di automazione raggiunto dalla società, non si riscontrino fenomeni di luddismo (attacco e distruzione di macchine). Lo stesso fenomeno del luddismo è stato evidentemente criticato e superato dagli stessi operai ed oggi una sua riproposizione risulterebbe senza dubbio una farsa. A ben guardare, invece, si assiste ad una forma di luddismo rovesciato: si utilizzano le macchine per sabotare altre macchine o strumenti informatici per infrangere le barriere della proprietà privata. L'attacco è diretto e appare chiaro il tentativo di mettere in discussione l'uso capitalistico del General Intellect. Il luddismo moderno, pertanto, non è distruttivo ma è più che altro alternativo: spinge per un utilizzo comunistico dei risultati tecnici raggiunti, come hanno dimostrano negli ultimi anni i "pirati" informatici.

A proposito di robotizzazione della società e di effetti diretti sulla popolazione mondiale, in Spagna i disoccupati hanno raggiunto la cifra di cinque milioni e ultimamente si susseguono manifestazioni contro il governo per via dello scandalo sui fondi neri del partito popolare. Ma la Spagna non è isolata, in tutta Europa vi sono manifestazioni in corso: Slovenia, Croazia, Grecia, Belgio. Insomma, l'organizzazione di questi momenti di protesta è perennemente in corso. Non abbiamo notizie approfondite su quanto sta accadendo in questi giorni in Egitto. In un pezzo dal titolo piuttosto eloquente "Marx e lotta di classe per capire il nuovo Egitto" pubblicato su Repubblica, l'articolista ammette senza mezze misure che quanto sta accadendo in Egitto è determinato da fattori come disoccupazione e miseria crescente e che si tratta di vera e propria lotta di classe. L'articolo è molto interessante perché riconosce che la "teoria marxista" continua ad essere una valida chiave di lettura per capire quanto succede intorno a noi. E come dargli torto? L'Egitto ha una storia antica, il suo capitalismo si può dire più vecchio di quello europeo: agli inizi del 1800 gli inglesi portano lì ferrovie e danno il via al primo sviluppo industriale. E' come se l'Egitto avesse vissuto una rivoluzione di tipo francese, quasi un'anticipazione, anche se ad un livello più basso, di quanto sarebbe accaduto in seguito in Europa con Bismark. In Egitto potrebbe verificarsi la stessa dinamica che si ebbe nel ciclo polacco delle lotte (Solidarność): al primo livello scontro tra democratici e militari e poi il sopravvento della parte più radicale, urbana e proletaria.

Un paio di settimane fa è stata organizzata a Vicenza una conferenza di Serge Latouche. L'incontro si è tenuto in un teatro e vi hanno preso parte circa duemila persone. Alcuni compagni sono riusciti a prendere la parola durante l'incontro mettendo in luce l'idealismo sotteso alla teoria della decrescita: "I partigiani della decrescita" non possono comprendere che non c'è nulla da progettare all'interno di questa forma sociale, perché siamo immersi in una rete mondiale di produzione e di scambio che ha ormai saturato il mondo, ed è con questa che bisogna fare i conti. Non c'è più spazio per ipotetiche "comunità locali che resistano al paradigma della globalizzazione" rimanendo prigionieri delle categorie del valore e del profitto (impossibilmente equo). La futura forma sociale (comunismo) non avrà nulla da costruire ma dovrà distruggere il sovrappiù di schifezze accumulato, disinvestire, abbassare il tasso di crescita, demineralizzare la vita degli uomini che abitano la biosfera, liberare energia sociale in modo che la nuova forma di produzione, le cui potenzialità sono già presenti in questa, possano esprimersi con tutta la loro capacità in armonia con l'ambiente. A tutto ciò è pregiudiziale il rovesciamento del modo capitalistico di produzione, fattore che a tutti quei signori obbedienti ai padroni che ipotizzano una moralistica "riconversione" dello stile di vita individuale, non passa affatto per la testa".

Pare che Latouche non abbia saputo come e cosa rispondere. Il pubblico ha ascoltato con attenzione l'intervento e nessuno è intervenuto a difesa del conferenziere francese. L'alta presenza di partecipanti all'incontro denota di certo un tentativo generalizzato di cercare risposte alternative a questo sistema, probabilmente iniziano a circolare in maniera sempre più diffusa domande che mettono in discussione l'attuale paradigma e non solo parti di esso, come se ci trovassimo sempre più prossimi ad una biforcazione (Renè Thom - teoria delle catastrofi).

Articoli correlati (da tag)

  • La dis-organizzazione mondiale del commercio

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, si è aperta con alcuni commenti riguardo l'imposizione, da parte del governo degli Stati Uniti, di nuovi dazi sull'importazione di acciaio e alluminio.

    Nell'edizione dello scorso 10 marzo, l'Economist riportava in copertina una caricatura del volto di Donald Trump a forma di bomba a mano. L'intento era quello di evidenziare la pericolosità della politica intrapresa dal Presidente, ritenuta una "minaccia al commercio mondiale" poiché potrebbe portare allo sgretolamento di quel sistema di accordi tra paesi che ha sorretto il mondo capitalistico a partire dal secondo dopoguerra:

    "Quali che siano i problemi dell'Organizzazione Mondiale del Commercio, sarebbe una tragedia minarla. Se l'America persegue una politica commerciale mercantilista sfidando il sistema commerciale globale, altri paesi sono tenuti a seguirla. Ciò potrebbe non portare a un immediato collasso dell'OMC, ma gradualmente eroderebbe uno dei fondamenti dell'economia globalizzata."

  • Riduzione dell'orario di lavoro

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, è iniziata commentando le news in arrivo dal Venezuela, dove in seguito agli assalti a supermercati e negozi da parte della popolazione, ormai ridotta alla fame, il governo Maduro ha costretto gli esercenti ad abbassare i costi dei beni di prima necessità. Nel paese i prezzi delle merci sono arrivati alle stelle a causa di un'inflazione a livelli da record, mentre il Bolivar, la moneta locale, non viene più accettata nelle transazioni.

    La situazione economica in cui versa il paese è molto simile a quella di altre aree del mondo dove storicamente vengono attuate misure per calmierare i beni di prima necessità. Quando le condizioni economiche peggiorano e tali misure non possono più essere mantenute, quando i governi non riescono più a sfamare le popolazioni, scattano le rivolte, i saccheggi e le manifestazioni.

  • Corporativismo a tutti i livelli

    La teleconferenza di martedì, presenti 15 compagni, è iniziata commentando quanto accade in Argentina.

    Nei giorni scorsi ci sono state grosse manifestazioni e scontri con la polizia a Buenos Aires, in seguito all'annunciata riforma delle pensioni. Secondo l'Osservatorio sul debito sociale dell'Università Cattolica di Buenos Aires i poveri sono il 31,4% della popolazione e il 48,4% dei minori di 14 anni vive in famiglie povere. Praticamente un terzo della popolazione argentina si trova in condizione di povertà strutturale e l'ennesima misura di austerity non farà altro che peggiorarne la situazione. In questo clima la riforma delle pensioni rappresenta la classica goccia che fa traboccare il vaso, diventa l'innesco di situazioni esplosive pre-esistenti.

    A proposito di miseria crescente è stato citato un articolo pubblicato su il manifesto, "La lotta di classe vinta dall'1%" dove si riportano i risultati di uno studio realizzato da un centinaio di economisti di tutto il mondo, coordinati nel World Wealth and Income Database (WID, world). La giornalista Anna Maria Merlo ne ricava un quadro indicativo:

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 228, 29 aprile 2018

f6Socialismo, dove?
f6Le mezze classi inglesi e l'austerity
f6Il gorilla
f6Metamorfosi
f6Viva Bio
f6Integrando
f6Guardie e ladri
f6Terre amare

Leggi la newsletter 228
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email