E' online il numero 42, ottobre 2017

Invitiamo tutti ad abbonarsi alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°42

Editoriale: L'immane mistificazione

Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre

Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti

Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)

Spaccio al bestione trionfante: Coppi, Bartali e i vaccini

Recensione: Lavorare è bello

Doppia direzione: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  14 aprile 2015

Saggi di putrefazione

La teleconferenza di martedì, presenti 14 compagni da più località, è iniziata commentando l'intervista ad un ragazzo italiano tornato dal fronte di Kobane. In un mondo capitalistico ultramaturo la partigianeria è il modo di fare la guerra e quindi regolarmente salta fuori la tendenza a parteggiare per questa o quella parte. Nello specifico i sinistri si dichiarano contro lo Stato Islamico e per il "confederalismo democratico", ritrovandosi loro malgrado schierati con gli odiatissimi yankee.

A proposito di guerra è stato citato un articolo del sito filo-Mossad Debka file che attribuisce al governo siriano e all'IS un accordo per massacrare i palestinesi di Yarmuk. Follie della disinformazione o realtà ormai folle? Nei giorni scorsi l'Autorità palestinese aveva comunicato che con Damasco c'era un'intesa per combattere unitamente lo Stato Islamico; poi è arrivata la smentita dall'Agenzia ufficiale palestinese, la quale comunica che le 14 frazioni combatteranno l'IS da sole. Hamas ha già inviato qualche dozzina di combattenti. Sembra che l'infiltrazione dell'IS sia avvenuta da sud perché lì l'esercito siriano non riuscirebbe a controllare il territorio. Infatti 1.500 miliziani jihadisti avrebbero rotto l'accerchiamento siriano e 700 di loro sarebbero entrati a Yarmuk. C'è da chiedersi cosa ci facessero 1.500 jihadisti tra il Golan e Damasco, zona pullulante di soldati siriani, ONU e, dietro la frontiera contestata, israeliani.

Si è passati poi a commentare la dura presa di posizione del Papa sul massacro degli armeni, ovviamente in chiave anti-turca. In occasione del Giubileo la chiesa si mobilita, con tutta la sua organizzazione economico-religiosa, sul terreno della guerra in corso in Medioriente con una chiara posizione anti-islamica e a favore delle comunità cristiane. Il direttore di Civiltà cattolica, la rivista dei gesuiti, aveva annunciato che non si poteva stare a guardare e di fatto la chiesa entra in campo con l'artiglieria pesante, con una posizione diversa rispetto alle borghesie nazionali. Oltre a denunciare i turchi per il genocidio degli armeni li si accusa di non aver fatto nulla per permettere l'esodo dei cristiani dai territori conquistati dallo Stato Islamico. Il governo turco toccato sul vivo (su curdi e armeni non vuole sentire ragioni) ha risposto con altrettanta durezza. Lo scenario generale è quello di schieramenti tra alleati che si tradiscono alla prima occasione, una schizofrenia dove si muovono pedine di nascosto in contraddizione rispetto alle mosse ufficiali.

Sempre nell'ottica delle prese di posizione ecclesiastiche un compagno ha letto un passaggio da un articolo di Curzio Maltese pubblicato su Il Venerdì di Repubblica, Bergoglio come Piketty: la prossima guerra sarà tra ricchi e poveri:

"L'entusiasmo che circonda questo Papa non ha nulla a che vedere con le sue posizioni teologiche, piuttosto irrilevanti, ma con la sua predicazione sociale. Il Papa dice, così sembra, cose "di sinistra". Parla di povertà, disoccupazione, sfruttamento, guerra. Francesco, gesuita colto e intelligente, ha di sicuro letto gli studi di Thomas Piketty sulla trasformazione della società in oligarchia, dove l'uno per cento della popolazione, attraverso crisi periodiche e ormai strutturali, si arricchisce sistematicamente rispetto al restante 99 per cento".

La Chiesa ha una struttura millenaria di gestione delle informazioni in input e output dalla società, che gli permette di anticipare, come dice il giornalista, scenari catastrofici. In più occasioni ha lanciato segnali d'allarme circa la delicatissima situazione sociale, come nell'ultimo summit delle Americhe. Papa Francesco chiama alla ridistribuzione della ricchezza perché un mondo che precipita nella miseria il 99% non ha grandi possibilità di sopravvivere.

A sostenere la stessa preoccupazione della Chiesa è stato Scalfari nel suo editoriale Senza appoggio popolare la sinistra diventa un inutile club, dove oltre ad evidenziare le crepe profonde del governo Renzi afferma che: "Chi vive il presente e non vede il tempo lungo, chi ama il potere per il potere e non guarda al bene dei figli e dei nipoti, rischia di annaspare in una palude di acque morte. È quello il rischio, è quello il pericolo che ci sovrasta e neppure Francesco riuscirà ad evitarlo". I difensori del presente partecipano, inutilmente, alla terapia per rianimare il capitalismo, le forze in sintonia con il futuro spingono, invece, per ammazzare l'osceno zombie e lasciar nascere una società nuova. Marx chiamò "comunismo" il movimento concreto di demolizione dei vecchi rapporti di produzione e delle vecchie ideologie, e chiamò "comunisti" coloro che avrebbero dovuto rappresentare il futuro del processo.

A proposito di zombie e di capitalismo ultra maturo quanto avverrà all'Expo non è un semplice ritorno alla schiavitù. Nell'articolo di Repubblica Expo, l'esercito dei volontari in 17mila pronti a lavorare gratis "Ma non chiamateci schiavi" uno degli organizzatori precisa che non si tratta di schiavitù ma di un investimento sul capitale volontariato: nella "busta paga" ci sono colazione, pranzo e cena, spostamenti sui mezzi pubblici, aiuto nel trovare un alloggio e il tablet utilizzato per accogliere i visitatori (di proprietà del volontario alla fine della prestazione). In realtà la condizione è quella del vero schiavo perché non essendoci differenza tra tempo di lavoro necessario e tempo di pluslavoro, tutto il tempo di lavoro viene devoluto all'Expo. Siamo al nocciolo della natura dell'operaio, si tratta di un esperimento sociale importantissimo per utilizzare forza lavoro ridondante. Siamo ad un capitalismo marcio che non riesce ad estrarre nè la quota di pluslavoro nè a garantire la quota di lavoro necessaria alla sopravvivenza di tutti i disoccupati.

La superficie del fenomeno è data da 17 mila volontari che lavorano gratis e contenti di farlo per fare curriculum, esperienza e partecipare all'evento-show, mentre in profondità il "modello Expo" somiglia agli scenari delineati dal Rapporto da Iron Mountain, dove si auspicava l'avvento della schiavitù per risolvere i conflitti all'interno della società: una volta eliminato il lavoratore salariato lo scontro tra salariati e padroni non esisterebbe più. Non sarà più sufficiente: la società borghese è già arrivata al punto di non potersi nutrire con il lavoro dei propri schiavi ma deve nutrirli (Marx, Il Manifesto). Con questo ricorso alle risorse umane esterne (outsourcing), con questo divenire del salariato completamente libero ma, nello stesso tempo, senza la possibilità di produrre altro per sè, che fine fa il capitalismo? Assistiamo ad interessanti squarci di futuro: all'uomo che lavora nel tempo di vita non serve altro che il sostentamento e la possibilità di riprodursi in quanto essere umano. Sempre più saggi di putrefazione ci fanno vedere come il cambiamento sia diventato necessario.

Articoli correlati (da tag)

  • Denaro, moneta, salario... categorie transitorie

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con un accenno alla lettera di Papa Francesco ai partecipanti alla conferenza internazionale "Dalla Populorum progressio alla Laudato si", rivolta in particolare alle forze sindacali.

    Nel messaggio il Pontefice, dopo la glorificazione del lavoro (che "non può essere considerato come una merce né un mero strumento nella catena produttiva di beni e servizi, ma, essendo basilare per lo sviluppo, ha la priorità rispetto a qualunque altro fattore di produzione, compreso il capitale"), ricorda che la persona "non è solo lavoro; ci sono altre necessità umane che dobbiamo coltivare e considerare, come la famiglia, gli amici e il riposo". Le forze sociali sono quindi sollecitate a non ignorare "il resto dei poveri, emarginati ed esclusi dal sistema", sindacati e movimenti dei lavoratori devono "essere esperti in solidarietà".

    Non saranno gli appelli del Santo Padre o quelli dei sindacalisti a fermare l'aumento delle diseguaglianze sociali. La legge della miseria crescente è la legge assoluta dell'accumulazione capitalistica e sarà la polarizzazione economica a spingere i proletari a spezzare gli attuali schemi corporativi - mandando a quel paese preti e sindacalisti - e a ritrovare la forza nell'organizzazione immediata territoriale.

  • Invarianza della forma corporativa

    Durante la teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, abbiamo affrontato alcuni dei temi sviluppati sulla rivista n. 42, attualmente in stampa, partendo dall'articolo "La socializzazione fascista e il comunismo".

    Negli anni '20 lo scontro tra modi di produzione si acuisce: "In Russia la fase rivoluzionaria era matura per urgere in breve ciclo di forze nuove e disgregarsi di morte forme; fuori in Europa la situazione era falsamente rivoluzionaria e lo schieramento non fu decisivo, l'incertezza e mutevolezza di atteggiamento fu effetto e non causa della deflessione della storica curva del potenziale di classe." (Struttura economica e sociale della Russia d'oggi, 1955)

    In Italia si afferma il fascismo che, nato da una costola del sindacalismo rivoluzionario, non è però la causa dell'annichilimento del movimento proletario italiano; al contrario, è la sconfitta di quest'ultimo a permettere al fascismo di imporsi. L'opportunismo, afferma la nostra corrente, non è questione morale, "è un fenomeno di natura sociale e storica per cui l'avanguardia proletaria, invece di disporsi sullo schieramento che si pone contro il fronte reazionario della borghesia e degli strati piccolo-borghesi, più di essa ancora conservatori, dà l'avvio ad una politica di saldatura fra il proletariato e le classi medie." (Tesi di Napoli).

  • Localismi e nazionalismi fuori tempo massimo

    La teleconferenza (connessi 16 compagni) è iniziata con le notizie provenienti dalla Spagna e in particolare dalla Catalogna, dove nella serata di martedì il Presidente della Generalitat ha dichiarato e, subito dopo, sospeso l'indipendenza della regione dallo stato centrale di Madrid: "La Catalogna sospende la dichiarazione di indipendenza per avviare il dialogo, perché in questo momento serve a ridurre la tensione".

    La "piroetta" del presidente Puigdemont non è che l'ennesimo esempio dell'ambiguità politica della piccola borghesia e, piuttosto che alle dichiarazioni dei politici di turno, dobbiamo prestare attenzione alle forze di natura impersonale che operano nel sottosuolo della società. Anche se nell'immediato ciò che percepiamo ci fa credere che le cause scatenanti degli eventi siano le opinioni politiche e i relativi scontri tra individui e gruppi, sappiamo che è la crisi capitalistica a mettere in moto meccanismi strutturali, che come i terremoti incidono nel profondo del sistema e producono spaccature in superficie. La storia la fanno gli uomini, ma questi sono degli strumenti, di certo non i motori della rivoluzione. Oltre alla Spagna, anche in altri paesi d'Europa si rinvigoriscono spinte indipendentiste, per esempio in Corsica e in Scozia. La ragione è sempre la stessa e riguarda la distribuzione del valore, perchè dietro alle parole roboanti di identità, cultura, tradizione, si nasconde l'appetito economico delle mezze classi senza futuro.

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°41, aprile 2017

copertina n°41f6Editoriale: Non possiamo ingannare la natura
f6Articoli: Assalto al pianeta rosso - Il secondo principio - Il grande collasso - Capitale e teoria dello sciupio
f6Rassegna: Ancora Trump - Fuga nel sub mondo
f6Terra di confine: Buoni di non lavoro
f6Recensione: Che cosa c'è dopo il capitalismo?
f6Doppia direzione: Neoluddismo
f6Spaccio al bestione trionfante: Dieci punti per demolire Trump

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 227, 31 gennaio 2018

f6La scintilla
f6Accendere neuroni
f6Animal spirits
f6Reddito di base
f6Giganti scomodi
f6Mi chiamo Sophia
f6Bisogno di guerra
f6Ramoscello d'ulivo

Leggi la newsletter 227
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email