E' online il numero 44 di n+1

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°44

Editoriale: Duecento anni nel nome di Marx

Articoli: Marx 1818-2018 - Imperialismo in salsa cinese - Plaidoyer per il cemento - A che punto è la "crisi" - Comunismo e agricoltura

Terra di confine: Il capitalismo non è eterno

Rassegna: Dennett, Dai batteri a Bach e ritorno

Doppia direzione: La misura e la scienza - La sovrapposizione fra modi di produzione

Appuntamenti

24

Mar

Seminario: "La socializzazione fascista e il comunismo"
Comitato di lotta Viterbo - Officina Dinamo
via del Suffragio 18 (VT) - ore 15.30

15-17

Mar

73° incontro redazionale
Temi: - La transizione alle classi, - In margine alla teoria rivoluzionaria della conoscenza, - Lo strano caso Olivetti, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

14-16

Dic

72° incontro redazionale
Temi: - Taylorismo, managerialismo e impersonalità del Capitale, - Lo stato a pezzi, - Fiorite primavere delle rivoluzioni, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  19 gennaio 2016

"Inquietanti parallelismi"

La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata dal commento di una serie di dati macroeconomici.

Di fronte ai vistosi crolli delle borse e all'inesorabile calo del prezzo del petrolio, si moltiplicano gli appelli allarmanti di economisti ed esperti. In un'intervista a Repubblica Nouriel Roubini, l'economista statunitense che aveva previsto la crisi del 2008, definisce quali inquietanti parallelismi la mancata crescita globale, il prezzo dei combustibili, la situazione della Cina e, per ultimo, un’Europa inesistente che brancola nel buio:

"Rispetto al 2008, quando furono le banche, sovraccariche di debiti, a cedere e aprire la crisi sistemica, gli istituti sono più capitalizzati in tutto il mondo. Bisogna allora tener d'occhio il mercato delle obbligazioni Usa, tanto importante quanto debole. È in corso una massiccia svendita di corporate bond legati appunto al settore energetico che rischia di destabilizzare il sistema. E' il più grande punto interrogativo del 2016. Nessuno sa quale sia il vero stato di salute reale del comparto, ma il settore energetico è esposto: bisogna vedere se siamo di fronte a una serie di fallimenti individuali o una vera 'epidemia' che avrà effetti sistemici e gravi."

 

Il guaio, per il capitalismo, è che non può ritornare a funzionare alla vecchia maniera: nella misura in cui l'attività economica produttiva si raffredda, i capitali si investono altrove, ad esempio nelle azioni, ma anche in titoli vari che, come s'è visto, impacchettano spazzatura. Non c'è da stupirsi se ogni tanto avviene qualche cancellazione di capitali in esubero. Che cosa succederà in futuro? Che i capitali se ne andranno in misura ancora maggiore di quanto non stiano già facendo non solo verso le borse ma soprattutto verso strumenti finanziari sofisticati, dietro ai quali non c'è nulla di concreto.

Spettacolo già visto. Solo che questa volta, essendo la seconda dopo una crisi che non ha modificato in nulla la predisposizione del Capitale a combinare disastri contro sé stesso, lo scoppio della bolla sarà molto più catastrofico. Qualcuno potrà dire: "ma che vuoi peggio di così?". Il peggio non finisce mai: potrebbe persistere un encefalogramma piatto del sistema economico, quindi una deflazione del 5 o 6%. Potrebbe formarsi una enorme sovrappopolazione assoluta che non riesce più a sopravvivere. Potrebbe verificarsi il collasso dei paesi emergenti, Cina e India in testa. La quantità di moneta "creata" in questa crisi è sfuggita al controllo, dato che nessuno sa dire a quanto ammonti il totale generale. Questo denaro fittizio però sta circolando, ma senza dirigersi verso la produzione. Che significa che la prossima bolla esploderà per gli stessi motivi che fecero esplodere quella vecchia più tutte le aggiunte enormi di capitale "creato" appositamente dagli Stati.

Attualmente i capitali non si indirizzano più verso il mattone o l'oro, e cioè verso la ricchezza materiale. Gli edifici privati non vengono più costruiti ex novo ma ristrutturati; le case risalenti all'epoca del boom degli anni 50'-60', essendo state costruite con criteri di speculazione, sono fatiscenti e cominciano a sgretolarsi. A questo si assomma una generazione precaria, disoccupata, ridotta a sovrappopolazione assoluta, che avrà pochissime possibilità di curare la manutenzione degli immobili.

Qualche giorno fa Oxfam ha diffuso uno studio in cui dimostra che la ricchezza prodotta è quasi tutta nelle mani di pochissimi individui, per la precisione 62. Questo il numero degli ultramiliardari che possiedono quanto 3,5 miliardi di persone. Ma una ripartizione dei redditi iniqua, seppur a tal livello, non fa notizia: produce qualche articolo indignato sui giornali, mentre la cosiddetta opinione pubblica permane nello stato di assuefazione che la vede ormai apatica di fronte ad un susseguirsi di eventi tragici. In un curioso articolo de La Stampa circa il funzionamento dei meccanismi automatici che governano le borse, si mette in luce come i software abbiano soppiantato gli uomini in un sistema dove non si sa bene chi comanda cosa:

"Dietro i crolli delle Borse e la grande volatilità che, come in questi giorni, caratterizza il mercato ci sono sempre più i sistemi automatici di trading, computer che attraverso sofisticatissimi algoritmi, implacabili, seguono regole stabilite a priori e danno il via a vendite spesso incontrollate e incontrollabili."

Da tutti i punti di vista, da qualunque angolazione lo si voglia prendere, il sistema risulta fuori controllo.

Guardando a quanto accade nella Penisola, ne è esempio l’evoluzione delle lotte dei facchini della logistica. Picchetti, presidi e blocchi si avvicendano: davanti ai magazzini della Bormioli di Fidenza, del Carrefour di Roma, del Penny Market di Desenzano del Garda e in tanti altri posti. In particolare alla Bormioli si sono avute cariche pesantissime da parte dei carabinieri con inseguimenti in tangenziale e fermi di lavoratori e solidali, in uno scenario al limite della guerriglia e per nulla consueto alle classiche vertenze sindacali.

Il settore della logistica è fondamentale per il commercio on-line, per il flusso costante di merci e di semilavorati; perciò la conflittualità crescente è fonte di grande preoccupazione per le forze di polizia. Uno sciopero coordinato negli interporti di Bologna, Milano, Roma, Torino, ecc. causerebbe, oltre al blocco della consegna delle merci, quello della circolazione stradale, fatti già accaduti in parte nel recente passato e che rendono l'idea di cosa potrebbe succedere in futuro. La dimensione di queste lotte sta assumendo un profilo che va oltre l'aspetto puramente economico. La logistica sta facendo scuola: le lotte dei facchini, coinvolgendo le aree limitrofe, diventano immediatamente territoriali ed è sempre più difficile trovare mediazioni. Il conflitto tra capitale e lavoro assume dinamiche di scontro aperto.

In generale siamo di fronte a movimenti caotici fin che si vuole ma che hanno un loro ordine interno. Il processo di globalizzazione e socializzazione del lavoro non può non avere risvolti dal punto di vista di classe. E la sensazione che sul capitalismo si possa abbattere una seconda grave crisi comincia ad agitare anche i borghesi più convinti. Se in seguito a quella dei mutui subprime ha preso forma un movimento anticapitalista come Occupy Wall Street, è facile immaginare cosa succederebbe con un nuovo e più catastrofico crack finanziario: milioni di persone saranno costrette a coordinarsi su un programma anti-formista.

Noi cerchiamo di dare una spiegazione politica al ribollire della società, che anche i vari Roubini cominciano ad avvertire. Quando la polarizzazione sociale si fa marcata, è tutto il percorso storico precedente a determinare, nel momento della biforcazione, quale strada imboccherà il movimento. Nel 2011 OWS ha rappresentato la fine del vecchio paradigma rivendicativo che per decenni ha permeato il movimento operaio, non ha inscenato tavoli delle trattative o chiesto alcunché al capitalismo. Ma si è messo all'opera per dare vita a una società diversa, adesso.

Articoli correlati (da tag)

  • Africa, marasma sociale e lotta di classe

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 14 compagni, abbiamo ripreso l'articolo "Imperialismo in salsa cinese", pubblicato sul numero 44 della rivista, e in particolare il capitolo "Le mani sull'Africa".

    Il continente africano misura 30 milioni di km/q ed è formato da 54 stati che contano circa 1,2 miliardi di abitanti, una popolazione molto giovane e in costante crescita. Ciononostante, i maggiori media occidentali di rado si occupano delle vicende africane, se non in occasione di guerre particolarmente cruente o in relazione ai flussi migratori. Invece, quel territorio ha un'importanza strategica per molti paesi, a cominciare dalla Cina, che da tempo lì sta costruendo porti, strade e ferrovie.

    Comunque sia, gli investimenti cinesi non saranno mai sufficienti a far diventare l'Africa una valvola di sfogo per il sistema capitalistico in crisi cronica di sovrapproduzione. Pechino investe in infrastrutture, acquista compagnie petrolifere ed estrattive africane, ma se mai dovessero sorgere nuove industrie esse sarebbero ultramoderne e automatizzate, rispecchiando il livello massimo raggiunto dai paesi a vecchio capitalismo. L'accoppiata capitali cinesi e risorse naturali africane potrebbe sembrare vincente, in realtà prepara situazioni esplosive sia a livello geopolitico che a livello ecologico. Pensiamo all'interscambio di persone tra Cina e Africa, che per ora è rappresentato da qualche decina di migliaia di studenti e operai africani che vengono addestrati in Cina, e da tecnici e operai cinesi che vengono mandati a lavorare in Africa: i numeri sono bassi rispetto al numero delle popolazioni in gioco (Cina e Africa messe assieme fanno quasi 3 miliardi di persone), ma in costante aumento.

  • Tutto il mondo è polarizzato

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata con il commento dell'articolo "Tutto il mondo è polarizzato", di Moisés Naím, pubblicato su La Repubblica lo scorso 4 febbraio. Il giornalista, che dal 1989 al 1990 è stato ministro del Commercio e dell'Industria del Venezuela, descrive quasi con le nostre parole la paludosa situazione in cui versa il mondo:

    "Il governo della superpotenza mondiale è in stallo, mentre il governo di un'ex superpotenza — il Regno Unito — è in preda alla paralisi, dopo una raffica di ferite autoinflitte. Angela Merkel, che fino a poco tempo fa era la leader più influente d'Europa, si avvia al ritiro. Il suo collega francese deve far fronte a una sorprendente rivolta, i famosi Gilet gialli. L'Italia, il Paese con la settima economia mondiale, attualmente è governato da una fragile coalizione, con leader così diametralmente opposti e dichiarazioni così sconcertanti che non si sa se ridere o piangere; sembra che gli italiani abbiano deciso di vedere com'è quando il malgoverno viene spinto ai limiti più estremi. In Spagna, il capo del governo non è nemmeno stato eletto da una maggioranza parlamentare, ma è arrivato al potere grazie a un tortuoso processo legislativo."

  • Polarizzazioni passate, presenti e future

    La teleconferenza di martedì, connessi 15 compagni, è iniziata dal breve resoconto di un'assemblea sindacale in una grande azienda a cui ha partecipato un compagno. All'incontro, indetto dai confederali per discutere il rinnovo del CCNL di categoria, erano presenti su circa 250 lavoratori solo una trentina di persone, tra cui una decina di sindacalisti. Gli interventi dei bonzi sindacali sono stati tutti imperniati sul rispetto delle cosiddette compatibilità e sulla necessità di far funzionare al meglio gli organismi paritetici, in modo che delegati e azienda abbiano più occasioni di confronto partecipativo.

    E' proprio vero: dal tipo di impostazione corporativa inaugurata dal fascismo nel corso degli anni '20 (patto di Palazzo Vidoni del 1925) non si è più tornati indietro. Anzi, lo stato borghese ha rafforzato questo tipo di struttura burocratizzando in misura sempre maggiore i rapporti tra capitale e lavoro. Nell'articolo "La socializzazione fascista e il comunismo" (n+1, n. 42), abbiamo citato Il Sole 24 Ore che così definisce la natura degli enti bilaterali: essi "esprimono una concreta ed efficace forma di collaborazione tra capitale e lavoro, indicativa della tendenza al superamento del modello esasperatamente conflittuale. Hanno diversi scopi: mutualizzazione di obblighi retributivi (per esempio, mensilità aggiuntive, ferie) per lavoratori che cambiano spesso datore di lavoro (per esempio, nell'edilizia); formazione professionale; sicurezza del lavoro; prestazioni assistenziali. Da qualche anno la legge ha iniziato a promuovere il ruolo degli enti bilaterali, riconoscendogli compiti relativamente al mercato del lavoro, alla formazione professionale, all'assistenza della volontà delle parti nella stipulazione dei contratti e nella disposizione dei diritti."

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 232, 12 febbraio 2019

f6Per qualche dollaro in meno
f6La lunga notte della sonda cinese
f6Le nuove armi di Pechino
f6Shutdown
f6Venezuela
f6La valle della morte
f6Italia
f6Gilet gialli

Leggi la newsletter 232
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email