E' online il numero 44 di n+1

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°44

Editoriale: Duecento anni nel nome di Marx

Articoli: Marx 1818-2018 - Imperialismo in salsa cinese - Plaidoyer per il cemento - A che punto è la "crisi" - Comunismo e agricoltura

Terra di confine: Il capitalismo non è eterno

Rassegna: Dennett, Dai batteri a Bach e ritorno

Doppia direzione: La misura e la scienza - La sovrapposizione fra modi di produzione

Appuntamenti

14-16

Dic

72° incontro redazionale
Temi: - Taylorismo, managerialismo e impersonalità del Capitale, - Lo stato a pezzi, - Fiorite primavere delle rivoluzioni, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

21-23

Set

71° incontro redazionale
Temi: - Le rivoluzioni come fatto fisico, - Gli enciclopedisti e la rivoluzione europea, - Sintomatici consensi, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  10 maggio 2016

I movimenti non si creano, si dirigono

Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 12 compagni, abbiamo commentato quanto sta accadendo nelle piazze francesi nelle ultime settimane.

Il governo Valls ha accelerato le pratiche per l'approvazione della Loi Travail: nel corso di un consiglio dei ministri convocato d'urgenza all'Eliseo, l'esecutivo ha dato il via libera all'uso dell'articolo 49.3 della Costituzione che permette l'entrata in vigore della legge senza il voto del Parlamento. Una decisione dettata dall'assenza di una maggioranza e dal fallimento delle trattative con i principali sindacati, sette dei quali hanno lanciato per giovedì 12 maggio un nuovo sciopero, il quinto in due mesi. In risposta al passaggio per decreto, Nuit Debout ha chiamato a raccolta il "movimento" davanti all'Assemblea Nazionale di Parigi, dove successivamente si sono verificati momenti di tensione con la polizia.

I manifestanti francesi protestano contro la democrazia violata e da alcuni giorni, in Rete, circola una petizione per la dichiarazione d'insurrezione. Gli estensori del documento si appellano all'art. 35 della Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino (1793): "Quando il governo viola i diritti del popolo, l'insurrezione è per il popolo e per ciascuna parte del popolo il più sacro dei diritti e il più indispensabile dei doveri."

Sin dalla sua nascita, Nuit Debout ha espresso elementi di passato (molti) ma anche saggi di futuro (pochi). All'inizio il movimento aveva un carattere perlopiù sindacale: dopo lo sciopero generale del 31 marzo ci sono stati blocchi in alcuni porti del nord della Francia e davanti ai Mc Donald's di Parigi. Ultimamente è stato organizzato un sit-in all'interno di uno store della Lego per protestare contro il lavoro domenicale. Azioni interessanti che ricordano l'esperienza di 99 Pickets negli Usa e che potrebbero generalizzarsi in Europa.

Il riferimento a Occupy Wall Street nell'appello per un #GlobalDebout il prossimo 15 maggio è stato forse il risvolto più importante. Durante l'assemblea internazionale del 7 e 8 maggio scorsi a Place de la République, hanno preso la parola componenti di OWS e sui social del movimento abbiamo notato una certa schizofrenia: da una parte post e foto che ricordavano il primo Occupy, dall'altra slogan e documenti in difesa di diritti e democrazia. Resta sempre aperta la possibilità che il movimento critichi sé stesso passando ad un livello superiore, è difficile ma non impossibile.

Movimenti come Nuit Debout, e più in generale situazioni di fibrillazione sociale, stimolano l'attivismo di singoli e gruppi di sinistra; in molti si chiedono se/come/quando intervenire, ignorando che non si può cambiare il corso della storia a colpi di manovre o di tatticismi. Lenin e i bolscevichi sono rimasti nei Soviet seppur in minoranza, evitando scorciatoie attivistiche, fermi nel difendere il programma della rivoluzione, e quando hanno conquistato la maggioranza hanno dato "tutto il potere ai Soviet".

Abbiamo letto alcuni passi da Attivismo ("Battaglia comunista" n. 6 e 7 del 1952):

"È necessario dunque affinché la società esca dal marasma in cui è piombata, e che la classe dominante è impotente a sanare, perché impotente a scoprire le nuove forme adatte a scarcerare le forze di produzione e avviarle verso nuovi sviluppi, che esista un organo di pensiero e di azione rivoluzionario collettivo che convogli ed illumini la volontà sovvertitrice delle masse."

Può esserci dunque una situazione di marasma sociale e di collasso dello Stato, ma se manca un organo collettivo che abbia nel suo Dna il "rovesciamento della prassi", siamo a tutti gli effetti in una fase controrivoluzionaria:

"La ripresa del movimento rivoluzionario non si verifica ancora perché la borghesia, operando audaci riforme nell'organizzazione della produzione e dello Stato (capitalismo di Stato, totalitarismo ecc.) ha enormemente sconquassato, seminando il dubbio e la confusione, non le basi teoriche e critiche del marxismo, che restano inattaccate e inattaccabili, ma sibbene la capacità delle avanguardie proletarie a giustamente applicarle nella interpretazione della fase odierna borghese."

I movimenti sociali non si creano, si dirigono. In un'assemblea operaia, in una piazza occupata oppure sul Web, l'unica cosa che possiamo fare è ribattere i chiodi "sul filo del tempo".

Per esempio: parlare di attacchi padronali contro i lavoratori non ha alcun senso, il Capitale da quando esiste è sempre all'attacco. Con l'impennata dell'utilizzo dei voucher, il ministro del lavoro italiano è stato costretto ad annunciare nuove misure per limitare il fenomeno: il governo interverrà per evitare "aggiramenti della norma" sui voucher e in sede di "prima modifica dei decreti legislativi del Jobs Act introdurremo una misura che amplia la strumentazione di tracciabilità con obbligo per l'impresa di comunicazione via sms o per via telematica". Per la maggior parte dei sinistri il Jobs Act è un'offensiva padronale a cui bisogna resistere rivendicando maggiore democrazia. Per noi invece, le modificazioni in corso nel mercato del lavoro obbligheranno i proletari ad agire non secondo i vecchi schemi sindacali, bensì a ritrovare la forza nell'organizzazione immediata territoriale, in strutture di mutuo soccorso tipo Occupy. Il capitalismo è in coma, il movimento rivendicativo è finito, i proletari non hanno nulla da perdere all'infuori delle loro catene.

Abbiamo chiuso la teleconferenza ribadendo che è lo stato del sistema economico-sociale a determinare le idee degli uomini, per cui anche la teoria scientifica nasce a posteriori per spiegare, razionalizzare o standardizzare i processi della produzione materiale. Le nostre previsioni non sono altro che il prolungamento di un'analisi sul corso del capitalismo che altri hanno fatto prima di noi, quindi non ci arroghiamo nessun merito particolare. Il fatto è che, invece di basarsi su questa dinamica, è abitudine diffusa fotografare un momento specifico, fissarsi su quello, e correre dietro ai particolari di cronaca smarrendo la linea del futuro della propria classe.

Articoli correlati (da tag)

  • Tutto il mondo è polarizzato

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata con il commento dell'articolo "Tutto il mondo è polarizzato", di Moisés Naím, pubblicato su La Repubblica lo scorso 4 febbraio. Il giornalista, che dal 1989 al 1990 è stato ministro del Commercio e dell'Industria del Venezuela, descrive quasi con le nostre parole la paludosa situazione in cui versa il mondo:

    "Il governo della superpotenza mondiale è in stallo, mentre il governo di un'ex superpotenza — il Regno Unito — è in preda alla paralisi, dopo una raffica di ferite autoinflitte. Angela Merkel, che fino a poco tempo fa era la leader più influente d'Europa, si avvia al ritiro. Il suo collega francese deve far fronte a una sorprendente rivolta, i famosi Gilet gialli. L'Italia, il Paese con la settima economia mondiale, attualmente è governato da una fragile coalizione, con leader così diametralmente opposti e dichiarazioni così sconcertanti che non si sa se ridere o piangere; sembra che gli italiani abbiano deciso di vedere com'è quando il malgoverno viene spinto ai limiti più estremi. In Spagna, il capo del governo non è nemmeno stato eletto da una maggioranza parlamentare, ma è arrivato al potere grazie a un tortuoso processo legislativo."

  • Non potete fermarvi...

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata commentando le ultime manifestazioni dei gilet gialli in Francia.

    Sabato 5 gennaio si è svolto l'atto ottavo (#ActeVIII) della protesta, durante il quale migliaia di persone hanno riempito le strade di Parigi, Bordeaux, Lione, Tolosa, e di altre città minori. Pare che ci sia stata una flessione nel numero di manifestanti, ma al tempo stesso si è verificata una recrudescenza degli scontri con diversi feriti, auto date alle fiamme e blocchi davanti a porti, hub logistici e raffinerie. Questa forma di lotta ha perso ormai i connotati originari legati all'aumento del prezzo del carburante e si è trasformata in protesta contro lo status quo, anche se alcuni settori dei gilet jaunes stanno cercando uno sbocco parlamentare. La caratteristica dei movimenti nell'epoca del capitalismo senescente è di essere tendenzialmente antisistema, nonostante il vecchio mondo tenti di recuperarli proponendo la via referendaria o quella elettorale.

  • Gilet gialli e altro ancora

    La teleriunione di martedì sera, presenti 10 compagni, è iniziata con il commento di alcune notizie provenienti dalla Francia sul "movimento" dei gilet jaunes.

    In un intervento durante una trasmissione televisiva, il giornalista Giovanni Minoli ha affermato che i grillini rappresenterebbero la manifestazione italiana del più noto movimento francese. Gli ha fatto eco Beppe Grillo, che in un'intervista su Rainews ha dichiarato che i gilet jaunes hanno lo stesso programma del Movimento 5 Stelle. Entrambi dimenticano che quest'ultimo, una volta entrato in Parlamento, è stato macinato dallo stesso meccanismo che diceva di voler cambiare.

    L'articolo di Repubblica "Insieme ma diversi contro l'Europa: la Grande Alleanza dei gilet gialli" (Andrea Bonnani, 10.12.18) è focalizzato invece sull'emergere di manifestazioni anti-sistema: "Dilagano in Francia, sconfinano in Belgio, spuntano in Olanda, si manifestano in Italia e ora sfilano pure per le vie di Londra. La protesta dei gilet jaunes si sta rapidamente estendendo a mezza Europa dando vita ad un fenomeno senza precedenti in cui la forma, cioè la divisa dei giubbetti catarifrangenti pescati nelle dotazioni automobilistiche di sicurezza, accomuna istanze assai diverse."

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 232, 12 febbraio 2019

f6Per qualche dollaro in meno
f6La lunga notte della sonda cinese
f6Le nuove armi di Pechino
f6Shutdown
f6Venezuela
f6La valle della morte
f6Italia
f6Gilet gialli

Leggi la newsletter 232
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email