E' online il numero 43 di n+1 (aprile 2018)

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°43

Editoriale: Si fa presto a dire moneta

Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica

Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop

Terra di confine: Elementare, Watson

Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo

Recensione: Verso un nuovo paradigma

Doppia direzione: Il computer e la coscienza

 

Appuntamenti

14-16

Dic

72° incontro redazionale
L'incontro si terrà presso la sede di Torino.
Temi da definire.

21-23

Set

71° incontro redazionale
Temi: - Le rivoluzioni come fatto fisico, - Gli enciclopedisti e la rivoluzione europea, - Sintomatici consensi, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  10 maggio 2016

I movimenti non si creano, si dirigono

Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 12 compagni, abbiamo commentato quanto sta accadendo nelle piazze francesi nelle ultime settimane.

Il governo Valls ha accelerato le pratiche per l'approvazione della Loi Travail: nel corso di un consiglio dei ministri convocato d'urgenza all'Eliseo, l'esecutivo ha dato il via libera all'uso dell'articolo 49.3 della Costituzione che permette l'entrata in vigore della legge senza il voto del Parlamento. Una decisione dettata dall'assenza di una maggioranza e dal fallimento delle trattative con i principali sindacati, sette dei quali hanno lanciato per giovedì 12 maggio un nuovo sciopero, il quinto in due mesi. In risposta al passaggio per decreto, Nuit Debout ha chiamato a raccolta il "movimento" davanti all'Assemblea Nazionale di Parigi, dove successivamente si sono verificati momenti di tensione con la polizia.

I manifestanti francesi protestano contro la democrazia violata e da alcuni giorni, in Rete, circola una petizione per la dichiarazione d'insurrezione. Gli estensori del documento si appellano all'art. 35 della Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino (1793): "Quando il governo viola i diritti del popolo, l'insurrezione è per il popolo e per ciascuna parte del popolo il più sacro dei diritti e il più indispensabile dei doveri."

Sin dalla sua nascita, Nuit Debout ha espresso elementi di passato (molti) ma anche saggi di futuro (pochi). All'inizio il movimento aveva un carattere perlopiù sindacale: dopo lo sciopero generale del 31 marzo ci sono stati blocchi in alcuni porti del nord della Francia e davanti ai Mc Donald's di Parigi. Ultimamente è stato organizzato un sit-in all'interno di uno store della Lego per protestare contro il lavoro domenicale. Azioni interessanti che ricordano l'esperienza di 99 Pickets negli Usa e che potrebbero generalizzarsi in Europa.

Il riferimento a Occupy Wall Street nell'appello per un #GlobalDebout il prossimo 15 maggio è stato forse il risvolto più importante. Durante l'assemblea internazionale del 7 e 8 maggio scorsi a Place de la République, hanno preso la parola componenti di OWS e sui social del movimento abbiamo notato una certa schizofrenia: da una parte post e foto che ricordavano il primo Occupy, dall'altra slogan e documenti in difesa di diritti e democrazia. Resta sempre aperta la possibilità che il movimento critichi sé stesso passando ad un livello superiore, è difficile ma non impossibile.

Movimenti come Nuit Debout, e più in generale situazioni di fibrillazione sociale, stimolano l'attivismo di singoli e gruppi di sinistra; in molti si chiedono se/come/quando intervenire, ignorando che non si può cambiare il corso della storia a colpi di manovre o di tatticismi. Lenin e i bolscevichi sono rimasti nei Soviet seppur in minoranza, evitando scorciatoie attivistiche, fermi nel difendere il programma della rivoluzione, e quando hanno conquistato la maggioranza hanno dato "tutto il potere ai Soviet".

Abbiamo letto alcuni passi da Attivismo ("Battaglia comunista" n. 6 e 7 del 1952):

"È necessario dunque affinché la società esca dal marasma in cui è piombata, e che la classe dominante è impotente a sanare, perché impotente a scoprire le nuove forme adatte a scarcerare le forze di produzione e avviarle verso nuovi sviluppi, che esista un organo di pensiero e di azione rivoluzionario collettivo che convogli ed illumini la volontà sovvertitrice delle masse."

Può esserci dunque una situazione di marasma sociale e di collasso dello Stato, ma se manca un organo collettivo che abbia nel suo Dna il "rovesciamento della prassi", siamo a tutti gli effetti in una fase controrivoluzionaria:

"La ripresa del movimento rivoluzionario non si verifica ancora perché la borghesia, operando audaci riforme nell'organizzazione della produzione e dello Stato (capitalismo di Stato, totalitarismo ecc.) ha enormemente sconquassato, seminando il dubbio e la confusione, non le basi teoriche e critiche del marxismo, che restano inattaccate e inattaccabili, ma sibbene la capacità delle avanguardie proletarie a giustamente applicarle nella interpretazione della fase odierna borghese."

I movimenti sociali non si creano, si dirigono. In un'assemblea operaia, in una piazza occupata oppure sul Web, l'unica cosa che possiamo fare è ribattere i chiodi "sul filo del tempo".

Per esempio: parlare di attacchi padronali contro i lavoratori non ha alcun senso, il Capitale da quando esiste è sempre all'attacco. Con l'impennata dell'utilizzo dei voucher, il ministro del lavoro italiano è stato costretto ad annunciare nuove misure per limitare il fenomeno: il governo interverrà per evitare "aggiramenti della norma" sui voucher e in sede di "prima modifica dei decreti legislativi del Jobs Act introdurremo una misura che amplia la strumentazione di tracciabilità con obbligo per l'impresa di comunicazione via sms o per via telematica". Per la maggior parte dei sinistri il Jobs Act è un'offensiva padronale a cui bisogna resistere rivendicando maggiore democrazia. Per noi invece, le modificazioni in corso nel mercato del lavoro obbligheranno i proletari ad agire non secondo i vecchi schemi sindacali, bensì a ritrovare la forza nell'organizzazione immediata territoriale, in strutture di mutuo soccorso tipo Occupy. Il capitalismo è in coma, il movimento rivendicativo è finito, i proletari non hanno nulla da perdere all'infuori delle loro catene.

Abbiamo chiuso la teleconferenza ribadendo che è lo stato del sistema economico-sociale a determinare le idee degli uomini, per cui anche la teoria scientifica nasce a posteriori per spiegare, razionalizzare o standardizzare i processi della produzione materiale. Le nostre previsioni non sono altro che il prolungamento di un'analisi sul corso del capitalismo che altri hanno fatto prima di noi, quindi non ci arroghiamo nessun merito particolare. Il fatto è che, invece di basarsi su questa dinamica, è abitudine diffusa fotografare un momento specifico, fissarsi su quello, e correre dietro ai particolari di cronaca smarrendo la linea del futuro della propria classe.

Articoli correlati (da tag)

  • Uno spettro continua ad aggirarsi per la Rete

    Durante la scorsa teleconferenza, a cui si sono connessi 11 compagni, abbiamo ripreso alcune corrispondenze girate nella nostra piccola rete di lavoro. La prima riguarda l'importanza di Occupy Wall Street, soprattutto nella prospettiva del riemergere di un nuovo movimento antiforma; la seconda si sviluppa da alcune considerazioni intorno ai processi di delocalizzazione e rilocalizzazione delle produzioni come strategia economica degli stati nell'ottica del cosiddetto sovranismo.

    Per comprendere l'apporto del movimento americano Occupy Wall Street (OWS) è necessario ripartire da Marx, quando in Per la critica della filosofia del diritto di Hegel, e poi anche nel Manifesto, afferma che nel capitalismo il proletariato non ha rivendicazioni particolari da portare avanti. Premesso che gli episodi di lotta di classe che costellano la storia della classe proletaria sono importantissimi, e che la mancanza della battaglia quotidiana contro il capitalismo significherebbe l'abdicazione del proletariato al proprio compito storico, sappiamo che le conquiste ottenute in questi frangenti sono effimere perchè, la storia ci insegna, il capitalismo può riprendersele in qualsiasi momento. Storicamente il proletariato non subisce ingiustizie particolari, ma l'ingiustizia tout court e perciò non ha nulla da rivendicare in questa società se non la sua abolizione.

  • #OccupyICE

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata dal commento di alcune notizie provenienti dagli Stati Uniti.

    Nei giorni scorsi un'ondata di indignazione internazionale si è sollevata in seguito alla diffusione di un audio con le voci dei bambini imprigionati nei campi di detenzione al confine tra Messico e Usa, dove vengono separati dai genitori migranti. Va detto che la politica contro gli immigrati non riguarda specificatamente l'amministrazione Trump, in quanto questi centri, gestiti dall'agenzia federale statunitense United States Immigration and Customs Enforcement (ICE), sono attivi almeno dal 2003. Nei primi mesi in cui è entrato in carica il nuovo esecutivo, però, si è registrato un boom di arresti dei migranti non in regola con i documenti:

    "A dirlo sono i dati ufficiali diffusi mercoledì dalla Immigration and Custom Enforcement (ICE), l'agenzia federale responsabile del controllo della sicurezza delle frontiere e dell'immigrazione negli Stati Uniti. Secondo quanto riporta Usa Today, citando i dati diffusi dall'agenzia, nel periodo compreso tra il 22 gennaio e il 29 aprile, sono finiti in manette 41.318 immigrati, per una media di 400 arresti al giorno. Un numero che è aumentato del 38% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente." ("La stretta di Trump sui clandestini: boom di immigrati irregolari arrestati", il Giornale.it del 18.5.17)

  • Guerra diffusa, entropia e marasma sociale

    Durante la teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, si è ricordato il Rapporto segreto da Iron Mountain sulla possibilità e desiderabilità della pace. Quando uscì, nel 1967, il testo suscitò un certo scalpore ed alcuni si spinsero ad identificarne l'autore nell'economista John Kenneth Galbraith. Il libro fu curato dal giornalista Leonard Lewin e nella prefazione venne presentato come un documento segreto commissionato dal governo americano con lo scopo di valutare la possibilità o meno di arrivare ad una pace globale, studiandone rischi e benefici. Il Gruppo che lo redasse, composto da studiosi e ricercatori, consegnò all'esecutivo il Rapporto che fu detto da Iron Mountain per il nome della località in cui si trovava il rifugio segreto, presso lo stato di New York, in cui si sarebbero riuniti gli scienziati.

    Le conclusioni riportate nel documento colpirono l'opinione pubblica. Eccone alcuni passaggi:

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 230, 18 ottobre 2018

f6Bomba a orologeria
f6Uno schema Ponzi per sé stessi
f6Umanità minore
f6C'era una volta la teoria del valore
f6Il paradosso di Fermi
f6Il non-Statuto dei gig-lavoratori
f6La strana storia del reddito di base
f6Spread

Leggi la newsletter 230
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email