E' online il numero 43 di n+1 (aprile 2018)

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°43

Editoriale: Si fa presto a dire moneta

Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica

Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop

Terra di confine: Elementare, Watson

Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo

Recensione: Verso un nuovo paradigma

Doppia direzione: Il computer e la coscienza

 

Appuntamenti

15-17

Giu

70° incontro redazionale, Torino
Temi: Il 200° anniversario di un Marx inesistente, Governo 2.0, Il rovesciamento della prassi. Leggi la locandina >>>

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

11

Mag

Conferenza, ore 21.00, sede di Torino
Che differenza passa tra una caserma e un albergo di lusso? Rispondendo a questa provocatoria domanda faremo un viaggio fra le modalità del cohousing.

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  10 gennaio 2017

Sistemi automatici di elaborazione

La teleconferenza di martedì, presenti 14 compagni, è iniziata commentando alcune notizie sullo sviluppo dell'intelligenza artificiale (IA).

Il fondo di investimenti Bridgewater, il più grande al mondo, ha annunciato di essersi affidato quasi completamente a sistemi automatici di elaborazione per gran parte delle sue attività, dalla gestione quotidiana degli investimenti all'organizzazione del personale, fino alle assunzioni ed ai licenziamenti. Al di là dei facili entusiasmi, nessuno sembra accorgersi che introducendo automi e software si escludono irreversibilmente gli umani dal ciclo produttivo; IA, robot, automazione, nonostante la potente coltre di nebbia ideologica che li avvolge, sono i sintomi evidenti della società futura, quelli ben descritti in Traiettoria e catastrofe:

"Al macero le leggi del valore, dello scambio equivalente e del plusvalore: con la loro caduta nel nulla cade la forma stessa di produzione borghese. Le prime valgono fino a che la seconda vive, e quando la scienza e la tecnologia, per quanto secolare monopolio di classe, le infrangeranno, non sarà che l'esempio supremo della rivolta delle forze produttive contro le forme che devono crollare. Questa dottrina dell'automatismo nella produzione si riduce a tutta la nostra deduzione della necessità del comunismo, fondata sui fenomeni del capitalismo".

A tal riguardo interessante l'articolo Noi siamo le rane, l'automazione è l'acqua che bolle, pubblicato sulla pagina Facebook "Disoccupazione Tecnologica - TES":

"Se mettiamo una pentola di acqua sul fuoco essa comincia pian piano a diventare più calda, aumentando sempre più di temperatura. Ciò però non avviene all'infinito, dal momento che ad un certo punto le cose cambiano in maniera drastica: l'acqua comincia ad bollire e si trasforma in vapore. In fisica questo fenomeno si chiama passaggio di stato".

Argomenti importantissimi che molto spesso vengono trattati con sufficienza dal milieu marxista. Mentre in altri ambienti, ad esempio tra gli attivisti del Venus Project, temi quali la disoccupazione, l'automazione, i robot e gli sconvolgimenti sociali che ne verranno, vengono regolarmente dibattuti. Se non si coglie la dinamica generale, ovvero lo scontro tra modi di produzione, tutto ricade sul terreno immediatista-sindacale, focalizzando l'attenzione solo sul come impiegare la forza lavoro in esubero.

E a proposito di lavoro, abbiamo parlato dell'ultimo "scandalo" in casa CGIL. In alcune strutture territoriali, soprattutto quelle legate allo SPI, il sindacato dei pensionati, alcuni "volontari" che svolgono compiti di piccola burocrazia sarebbero retribuiti con i tanto odiati voucher. Viene in mente che già qualche tempo fa un gruppo di ex-lavoratori aveva aperto un blog per denunciare le condizioni di lavoro e i licenziamenti all'interno del più grande sindacato italiano; ma anche allora non si trattava di nulla di nuovo: sono almeno 30 anni che la CGIL, come qualsiasi altra azienda, comune o sindacato, esternalizza i suoi servizi. Gli enti bilaterali rispondono a pieno all'esigenza di gestire le problematiche legate ad uno specifico settore lavorativo e vedono seduti allo stesso tavolo i datori e i sindacati, confermando l'impianto classico del corporativismo fascista. Tuttavia i sindacati, pur essendo diventati un'appendice del Ministero del Lavoro, restano degli organismi composti da lavoratori e quindi non sarà mai possibile dire di essi quello che si dice del parlamento, ossia che sono suscettibili solo di una direzione borghese.

La maggior parte dei sinistri si scaglia acriticamente contro i voucher, diventati il male assoluto; a noi invece ricordano - al netto dello sfruttamento capitalistico - i buoni lavoro descritti da Marx nella Critica al programma di Gotha. Immaginiamo l'industria che utilizza la forza-lavoro disponibile nella società, magari organizzata da un'agenzia nazionale: la immetterà nel ciclo produttivo secondo le esigenze della società stessa. Ogni lavoratore "riceverà dalla società uno scontrino da cui risulta che egli ha prestato una quantità di lavoro (dopo la detrazione di un'altra quantità del suo lavoro per i fondi comuni) e con questo scontrino egli ritirerà dal fondo sociale tanti mezzi di consumo quanto costa il lavoro corrispondente. La stessa quantità di lavoro che egli ha dato alla società in una forma, la riceve in un'altra".

Il capitalismo difficilmente generalizzerà a tutta la forza-lavoro il sistema dei voucher, anche perché la classe operaia diverrebbe immediatamente organizzata territorialmente e non per mestiere o, peggio ancora, per azienda. Con la manodopera completamente libera sul mercato, non ci sarebbe nessun precario perché lo sarebbero tutti e tutti diverrebbero pendolari da un posto all'altro intascando i buoni lavoro, che per adesso sono monetizzabili ma in caso estremo potrebbero essere non cumulabili. Marco Biagi, con la sua riforma, probabilmente non si rendeva conto di quello che aveva introdotto.

Abbiamo poi accennato ai problemi di schieramento del M5S dentro il Parlamento europeo. I grillini sono affetti da cretinismo parlamentare non meno degli altri partiti; d'altronde se non si ha un programma che prevede il superamento rivoluzionario di questa forma sociale, si è costretti a dibattersi nell'esistente.

Anche la notizia del cyberspionaggio ai danni delle massime cariche politiche e istituzionali ha quasi dell'assurdo: è strano immaginare che due hacker improvvisati abbiano spiato per anni le alte cariche dello stato bypassando senza problemi le forze di polizia. Che regni il caos anche al loro interno?

In chiusura di teleconferenza si è accennato al progetto di colonizzazione di Marte di Elon Musk. Il problema tecnico più difficile da superare riguarda il carico da "spingere", e cioè il combustibile necessario per portare e far atterrare sul pianeta rosso la mission. I progetti e gli investimenti, sia di capitalisti privati che della Nasa, fanno pensare che ci troviamo alla vigilia di un nuovo "affare lunare": vedremo quindi ripetersi l'ubriacatura spaziale di sessant'anni fa?

Musk è un personaggio curioso, esempio di un capitalismo che non somiglia più a se stesso, in transizione. Nei suoi interventi e nelle interviste ci tiene a ribadire di non essere tanto interessato ai guadagni, quanto al fatto che l'umanità rischia l'estinzione se continuerà a produrre e a consumare a questo ritmo, e per questo motivo un pianeta abitabile non basterà più, converrà averne due.

Articoli correlati (da tag)

  • La guerra nell'epoca della swarm intelligence

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, ha preso le mosse dalla notizia del raid della coalizione a guida Usa in territorio siriano.

    Ufficialmente l'azione bellica è stata la risposta al presunto attacco chimico su Douma da parte del regime di Assad. Gli Usa, coadiuvati da Inghilterra e Francia, hanno bombardato una serie di obiettivi tra cui uno stabilimento di ricerche a Damasco, alcuni centri di stoccaggio di armi vicino Homs, e alcune postazioni di comando, lanciando oltre 100 missili da navi e sottomarini presenti nel Mediterraneo Orientale e da aerei da caccia. Secondo fonti occidentali l'antiaerea siriana avrebbe abbattuto una quindicina di missili, mentre il Ministero della Difesa di Damasco ha parlato di oltre 60 abbattimenti.

    La guerra di tutti contro tutti si manifesta con una serie di conflitti sempre più concatenati. L'intervento della coalizione occidentale si configura in funzione anti-Russia e anti-Iran e lancia un messaggio di sostegno alle monarchie del Golfo, in un momento in cui l'espansione sciita nell'area mediorientale è diventata preoccupante. I sauditi sono alle prese con la guerra nello Yemen, ormai fuori controllo, mentre Israele guarda con apprensione la presenza di Hezbollah e degli iraniani ai propri confini. Il conflitto in Siria ha prodotto negli ultimi sette anni 500mila morti, milioni di feriti e un esodo all'interno del paese (circa 2 milioni) e verso l'Europa (4 milioni), riducendo la popolazione del paese di circa 1/3.

  • La corda è tesa

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata commentando l'articolo "The Era of Urban Warfare is Already Here" pubblicato su Foreign Policy Research Institute, il sito di un istituto di ricerca americano che tratta di questioni geopolitiche e di strategie militari.

    Nel testo si afferma che Aleppo, Mosul, San'à, Mogadiscio e Gaza, tutte città devastate dalla guerra, non sono che alcuni esempi della tendenza al conflitto globale metropolitano. Secondo il think tank americano, l'urbanizzazione della popolazione mondiale e la crescita dell'instabilità politica nei paesi in via di sviluppo sono le cause scatenanti delle guerre in corso: "Nel 1990, la popolazione mondiale era per il 43% (2,3 miliardi) urbana. Entro il 2015, era cresciuta fino al 54% (4 miliardi). Entro il 2050, quasi i due terzi della popolazione globale vivranno nelle città." Questo processo, insieme a tutto ciò che esso comporta (flussi migratori, collasso delle infrastrutture, malattie e carestie diffuse), rende sempre più difficile la governance, sia globale che locale. Anche l'Economist, nel report speciale sulla guerra uscito qualche settimana fa, ha dedicato un articolo al tema ("Preparing for more urban warfare - House to house.").

  • Le elezioni come fattore di polarizzazione sociale

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 14 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sull'esito delle elezioni politiche in Italia.

    Il Movimento 5 Stelle è risultato il partito con il più ampio consenso elettorale, mentre la coalizione di centrodestra ha raccolto, grazie ad una Lega nazionalista che ha fatto da traino, il maggior numero di voti senza però raggiungere la soglia necessaria per formare il governo. Notevole, anche se scontato, il tracollo del PD. La situazione di ingovernabilità che si è determinata dopo il voto, tra l'altro largamente prevista, vede un tripolarismo che complicherà il lavoro del presidente della Repubblica. Nulla di nuovo per il panorama europeo, in cui non mancano i precedenti. Paesi come Belgio, Olanda e Spagna sono rimasti per mesi (il Belgio quasi per due anni) senza governo, e ultimamente la stessa sorte è toccata anche alla Germania, che solo dopo molte settimane di consultazioni è riuscita a dar vita ad un governo di larghe intese (Grosse Koalition).

    Il capitalismo perde energia, gli Stati faticano a controllare sé stessi, tramontano le "garanzie" che facevano da collante sociale (welfare, posto di lavoro e pensione) e con esse si dissolvono anche le sovrastrutture politiche come i partiti e i sindacati, sottoposti ad una critica incessante e distruttiva da parte del movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Destra e sinistra sono categorie non più corrispondenti ad un quadro istituzionale che è invece sempre più frammentato e sfumato, e vede aggregazioni governative che si risolvono inevitabilmente in deboli alleanze trasversali, in altri tempi ritenute scandalose. Il dato generale che emerge è quello di un sistema dei partiti che si colloca su di un piano separato rispetto ai "cittadini" che dovrebbe rappresentare.

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 228, 29 aprile 2018

f6Socialismo, dove?
f6Le mezze classi inglesi e l'austerity
f6Il gorilla
f6Metamorfosi
f6Viva Bio
f6Integrando
f6Guardie e ladri
f6Terre amare

Leggi la newsletter 228
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email