E' uscito il numero 43, aprile 2018

Gli abbonati riceveranno il nuovo numero della rivista nel mese di maggio.

n+1 rivista n°43

Editoriale: Si fa presto a dire moneta

Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica

Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop

Terra di confine: Elementare, Watson

Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo

Recensione: Verso un nuovo paradigma

Doppia direzione: Il computer e la coscienza

 

Appuntamenti

15-17

Giu

70° incontro redazionale
L'incontro si terrà presso la sede di Torino.
Temi da definire.

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

11

Mag

Conferenza, ore 21.00, sede di Torino
Che differenza passa tra una caserma e un albergo di lusso? Rispondendo a questa provocatoria domanda faremo un viaggio fra le modalità del cohousing.

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  5 settembre 2017

Aderire ad una corrente storica

La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata prendendo spunto dall'articolo "Necessarie dissoluzioni" (n+1, n. 36) ed in particolare dalla dissoluzione della lotta politica entro il partito.

In un partito organico la lotta politica non dovrebbe neppure essere pensabile. Le differenze tra militanti sono positive quando innescano una dialettica di ricerca e di approfondimento sui temi. Noi contrapponiamo al concetto di uguaglianza quello di organicità: le cellule di un organismo vivente sono differenziate e partecipano al tutto in quanto tali; un tutto organico esalta sempre le funzioni delle sue parti, perché solo in questo modo ogni cellula individuale può dare all'organismo collettivo il meglio delle proprie potenzialità (come del resto osserva Marx negli appunti su Stuart Mill, del 1843).

I cristiani, ad esempio, hanno trovato molto presto un loro canone, fissandolo in regole scritte, per cristallizzare il loro agire nei millenni. Nell'articolo "Un programma: l'ambiente" (L'Avanguardia, 1913) si dice: "Tutto l'ambiente borghese conduce all'individualismo. La nostra lotta socialista, anti-borghese, la nostra preparazione rivoluzionaria deve essere diretta nel senso di gettare le basi del nuovo ambiente." Sul tema Lenin, ne la "Lettera ad un compagno sui nostri compiti organizzativi" (1902), è chiaro: quello che conta è l'informazione, l'osmosi tra compagni ed un sano ambiente anti-formista. Il nostro canone non è, ovviamente, quello dei cristiani, ma presenta anch'esso un'aderenza ad una corrente storica ed è tutt'altro che contingente. L'adesione al comunismo non è una faccenda politica legata a questa o quella questione (sindacale, nazionale, ecc.), ma una diversa concezione dell'universo. Affermava Bordiga nel 1926 al congresso di Lione del PCd'I:

"Non si è in diritto di dichiararsi marxisti, e nemmeno materialisti storici, solo perché si accettano come bagaglio di partito certe tesi di dettaglio, che possono riferirsi vuoi all'azione sindacale, economica, vuoi alla tattica parlamentare, vuoi a questioni di razza, di religione, di cultura; ma si è giustamente sotto la stessa bandiera politica solo quando si crede in una stessa concezione dell'universo, della storia e del compito dell'Uomo in essa". (Una intervista ad Amadeo Bordiga).

Quando parlano, molto spesso gli uomini hanno in testa le idee di altri uomini, mentre l'universo è fatto di cose, dinamiche, processi materiali continui che non dipendono dalle pensate di qualcuno. Costretti a "fare gli austrolopitechi", gli esseri umani sono portati all'affermazione di "posizioni" di uomini e gruppi che sostengono determinate teorie contro altri uomini e gruppi; ma tali dinamiche altro non sono che gli effetti dello scontro tra modi di produzione. Oggi, nonostante la situazione sfavorevole, è possibile lavorare in continuità con chi ci ha preceduto, prima di tutto in difesa del patrimonio esistente.

Si è poi passati a commentare quanto accade in Nord Corea. Sicuramente le notizie riguardo il lancio di missili e le possibili ritorsioni hanno qualcosa di farsesco, mentre può essere utile chiedersi perchè nell'area avvenga tale fibrillazione. Che il nipote di Kim Il-sung sia "strano" è normale; lo è un pò meno il fatto che The Economist raffiguri su una sua copertina un fungo atomico con i volti del dittatore coreano e di Trump titolando "potrebbe succedere", e descriva nel relativo articolo ("How to avoid nuclear war with North Korea") una situazione fuori controllo: "Tuttavia il pericolo più grave non è che un paese improvvisamente cercherà di devastare l'altro. È che entrambe le parti faranno degli errori e che una spirale di escalation porterà ad una catastrofe che nessuno vuole."

Comunque, dato che nessuno può davvero infastidire gli Usa in ambito oceanico, quest'ultimi possono ritornare in Afghanistan dove hanno perso il controllo di ampie parti del territorio. In un comunicato televisivo tenuto alla nazione lo scorso 21 agosto, Trump ha ammesso di aver cambiato idea sulla guerra ai talebani: dopo 16 anni di non vittoria e visto che i mercenari della Blackwater hanno avuto pessimi risultati, ha deciso di schierare altri soldati, fra i 3.500 e i 5.000 uomini, con l'obiettivo di fondo di non dare ai talebani l'idea che la guerra sia finita. Siamo alla riedizione della guerra infinita.

Però, entro poco tempo, Washington dovrà fare i conti anche con l'attivismo cinese, visto che Pechino si aspetta il loro disimpegno in quel territorio, poichè da lì passerà la nuova via della seta cinese.

L'amministrazione Trump, in cui hanno parecchio peso i generali dell'esercito, non può certo far tornare indietro la ruota della storia: il declino nel controllo del mondo è inesorabile. Significativa la dichiarazione di un fondo di investimenti finlandese che ha deciso di ritirare le proprie risorse dagli Stati Uniti: "A volte, se teniamo presenti i tradizionali valori morali e politici, sembra che non ci sia un vero presidente né una presidenza in carica nella prima potenza economica mondiale".

Anche in "casa" le cose non vanno meglio. Dopo la sua elezione, Trump aveva promesso di aiutare l'industria americana mettendo in piedi un tavolo di discussione tra industriali e governo, a cui, tra gli altri, partecipava anche Elon Musk. Dopodiché i soldi non si son visti e il tavolo si è sgretolato. Musk è riuscito comunque a diminuire i prezzi delle sue autovetture rendendole così più accessibili; è andato però a produrle in Cina. Nel giro di pochissimo tempo un programma industriale che sembrava perfetto per raccogliere un certo consenso tra gli elettori è stato smentito.

Nel frattempo la bolla finanziaria si sta ri-gonfiando, e a tal proposito si è accennato all'ingigantirsi della rendita nel settore degli alloggi in regime di co-living (circa 80 miliardi di dollari). Il più delle volte la costruzione degli alloggi avviene a livello industriale ed è finanziata da una banca; quando i proprietari hanno finito di pagare il costo di edificazione e affittano una casa oppure una palazzina, iniziano a percepire rendita pura. Rimane però il fatto che il valore in denaro ricavato non può che venire dall'unica fonte possibile: il plusvalore prodotto nella società.

Se uniamo i tasselli che compongono il puzzle capitalistico, vediamo emergere un mondo che viaggia spedito verso il collasso. L'incapacità degli Usa nel tenere sul territorio nazionale le proprie industrie, con lo spostamento delle produzioni di auto (elettriche e non) in Cina, dimostra che le determinazioni materiali in atto sono potentissime e che il Capitale è ormai autonomizzato.

Il sistema si sta avvitando su sé stesso anche in ambito sociale: nelle manifestazioni di Charlottesville si vedono militanti armati, di entrambi gli schieramenti, e in assetto da guerra. Quello che succede in America è un effetto della guerra mondiale; che si tratti di fazioni di destra contro manifestanti di sinistra oppure delle demolizioni di statue di Colombo, poco importa: il marasma generale e la guerra di tutti contro tutti è diventato sistema.

In chiusura di teleconferenza si è accennato allo sciopero globale dei lavoratori dei fast food dello scorso 4 settembre (#FastFoodGlobal), in occasione del Labor day. Per il quarto anno consecutivo, grazie alla piattaforma di coordinamento che ormai è globale, migliaia di lavoratori della ristorazione veloce, ma anche dell'assistenza sanitaria, dei servizi e altro ancora, hanno incrociato le braccia, dagli Usa al Brasile, dall'Indonesia al Giappone. In Italia la Filcams-Cgil si è accodata mobilitando alcune sue strutture territoriali e partecipando (simbolicamente) alla giornata di lotta.

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 228, 29 aprile 2018

f6Socialismo, dove?
f6Le mezze classi inglesi e l'austerity
f6Il gorilla
f6Metamorfosi
f6Viva Bio
f6Integrando
f6Guardie e ladri
f6Terre amare

Leggi la newsletter 228
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email