Il numero 44 di n+1 è in tipografia

Invitiamo tutti ad abbonarsi alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche. Gli abbonati riceveranno il nuovo numero tra i mesi di dicembre e gennaio.

n+1 rivista n°44

Editoriale: Duecento anni nel nome di Marx

Articoli: Marx 1818-2018 - Imperialismo in salsa cinese - Plaidoyer per il cemento - A che punto è la "crisi" - Comunismo e agricoltura

Terra di confine: Il capitalismo non è eterno

Rassegna: Dennett, Dai batteri a Bach e ritorno

Doppia direzione: La misura e la scienza - La sovrapposizione fra modi di produzione

Appuntamenti

14-16

Dic

72° incontro redazionale
Temi: - Taylorismo, managerialismo e impersonalità del Capitale, - Lo stato a pezzi, - Fiorite primavere delle rivoluzioni, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

21-23

Set

71° incontro redazionale
Temi: - Le rivoluzioni come fatto fisico, - Gli enciclopedisti e la rivoluzione europea, - Sintomatici consensi, - Prospettiva di lavoro. Leggi la locandina >>>

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  28 novembre 2017

Denaro, moneta, salario... categorie transitorie

La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con un accenno alla lettera di Papa Francesco ai partecipanti alla conferenza internazionale "Dalla Populorum progressio alla Laudato si", rivolta in particolare alle forze sindacali.

Nel messaggio il Pontefice, dopo la glorificazione del lavoro (che "non può essere considerato come una merce né un mero strumento nella catena produttiva di beni e servizi, ma, essendo basilare per lo sviluppo, ha la priorità rispetto a qualunque altro fattore di produzione, compreso il capitale"), ricorda che la persona "non è solo lavoro; ci sono altre necessità umane che dobbiamo coltivare e considerare, come la famiglia, gli amici e il riposo". Le forze sociali sono quindi sollecitate a non ignorare "il resto dei poveri, emarginati ed esclusi dal sistema", sindacati e movimenti dei lavoratori devono "essere esperti in solidarietà".

Non saranno gli appelli del Santo Padre o quelli dei sindacalisti a fermare l'aumento delle diseguaglianze sociali. La legge della miseria crescente è la legge assoluta dell'accumulazione capitalistica e sarà la polarizzazione economica a spingere i proletari a spezzare gli attuali schemi corporativi - mandando a quel paese preti e sindacalisti - e a ritrovare la forza nell'organizzazione immediata territoriale.

Si è poi passati a commentare lo sciopero dello scorso 24 novembre nell'hub piacentino di Amazon.

La protesta, organizzata da Cgil, Cisl e Uil per il giorno del Black Friday e la prima ad interessare un magazzino dell'azienda in Italia, ha visto una partecipazione non troppo numerosa dei lavoratori, e soprattutto di quelli precari - i più facilmente ricattabili - che nei periodi di picco rappresentano una nutrita componente della forza lavoro impiegata. Inoltre durante la mobilitazione non sono stati organizzati picchetti davanti ai cancelli (i confederali non hanno mostrato l'intenzione di fermare il via vai di merci tantomeno di persone), ma solo un semplice sit-in. Dopo lo sciopero, l'incontro che i sindacati erano riusciti a strappare per il 27 novembre è stato rinviato da Amazon al 18 gennaio, con il periodo natalizio alla spalle. Di contro Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto un tavolo delle trattative entro il 6 dicembre, minacciando nuove iniziative proprio durante le feste.

Al solito, se il punto di partenza è la trattativa, il punto di arrivo diventa lo sciopero. Tutto il contrario di come dovrebbe essere. Per questi sindacati lo sciopero non è più un'arma di lotta per raggiungere un risultato, una vittoria nello scontro, ma un espediente, un mezzo di pressione per sostenere la trattativa in corso.

Nella giornata del Black Friday altri scioperi hanno coinvolto gli hub di Amazon: importanti centri di smistamento merci sono stati chiusi in Germania, nelle città di Bad Hersfeld, Lipsia, Rheinberg, Werne, Creuser e Koblenz. Per seguire le lotte nei magazzini è nata un'apposita piattaforma di coordinamento, "Make Amazon Pay", mentre centinaia di manifestanti hanno sfilato per le vie di Berlino e Lipsia; tra questi un gruppo di lavoratori polacchi del magazzino Amazon di Poznań, in contatto da tempo con i colleghi tedeschi. Angelo Mincuzzi, sul Sole24Ore, riguardo alle proteste in Germania e Italia scrive che si è trattato del primo sciopero sincronizzato ai danni della web company, sottolineando come "la sincronia delle due astensioni dal lavoro non può non colpire."

Da segnalare che nella stessa data anche i rider del food delivery di Torino, Bologna, Milano, ma pure di Brighton e Bruxelles, hanno incrociato le braccia.

Il futuro realizza importanti saggi di organizzazione anti-capitalista, per ora a macchia di leopardo (scioperi improvvisi, flash mob, assemblee, ecc.) ma in tendenza sempre più interconnessi. D'altronde, tutti si rendono conto che è impossibile incidere su colossi aziendali come Amazon scioperando in un singolo magazzino per volta. Lo abbiamo visto negli Stati Uniti con la lotta dei lavoratori dei fast food, i quali hanno capito immediatamente che per colpire efficacemente McDonald's bisognava organizzare delle iniziative di sciopero su scala internazionale (#FastFoodGlobal).

Un compagno ha poi letto alcuni passi dall'articolo "Amazon non è più sola e con Walmart prepara così il futuro dello shopping", in cui viene analizzata la situazione di duopolio delle due aziende americane nel settore dello shopping globale. Amazon ha recentemente acquisito la catena di supermercati Whole Foods per 13,7 miliardi di dollari, mentre Walmart ha acquistato l'azienda di abbigliamento maschile Bonobos per 310 milioni e, l'anno scorso, Jet.com, un'azienda di e-commerce in forte espansione. Secondo un'indagine riportata nel testo, il binomio Amazon-Whole Foods sarebbe "il primo caso di una nuova razza di rivenditori cyber-fisici"; la priorità del colosso creato da Jeff Bezos non è tanto quella di spingere sull'aumento dei volumi di vendita, quanto l'acquisizione di dati sui clienti.

Abbiamo parlato anche della crescita vertiginosa del Bitcoin, il cui valore da inizio anno è cresciuto del 900% (ad oggi sfiora i 10 mila dollari). La moneta digitale capitalizza ormai più di Walt Disney e McDonald's, aziende con sedi fisiche e dipendenti, e, vista l'impennata, la borsa di Chicago ha annunciato per dicembre l'emissione di futures.

Attualmente le criptovalute in circolazione sono circa 1328, la cui capitalizzazione è passata, in un anno, da 14 a 264 miliardi di dollari, con una crescita del 1886%. Si tratta di un segnale della difficoltà che il capitale incontra a valorizzarsi e del maturare di una bolla di notevole entità. Il Bitcoin non è una moneta "normale", garantita da uno Stato, ma è legata ad una programmazione, ad un sistema di generazione sorretto da una rete peer to peer (blockchain). Quando tutti i 21 milioni di bitcoin previsti saranno stati emessi, il sistema si plafonerà; nel frattempo il valore della bitmoneta non potrà che crescere, almeno finché ci sarà fiducia in essa. Altre piattaforme, per esempio Ethereum, rappresentano un'ulteriore evoluzione in quanto consentono di creare contratti intelligenti che possono essere descritti come denaro digitale programmabile.

Il Bitcoin è un tentativo del Capitale di superare sé stesso? Si tratta di semplice speculazione? Guardiamo al rapporto tra macchina e uomo: oggi c'è una sproporzione enorme tra la quantità di lavoro morto esistente e la possibilità di rivitalizzarlo tramite lavoro vivo. Il capitale in eccesso, che fatica a valorizzarsi nella cosiddetta economia reale, è alla disperata ricerca di luoghi dove rifugiarsi.

Ci troviamo nella terra di confine tra capitalismo in coma e società futura ed è normale imbattersi in tracce di futuro, elementi di negazione del capitalismo all'interno del capitalismo stesso. Questo vale per il commercio, dove migliaia di piccoli negozi chiudono di fronte al giganteggiare di colossi della grande distribuzione come Amazon e Walmart, e vale anche per il settore monetario, dove le monete stanno diventando "intelligenti". Alcuni fanno notare che l'enorme potenza di calcolo necessaria a produrre i bitcoin potrebbe essere utilizzata per altri scopi; le decine di migliaia di computer impegnate nel risolvere problemi matematici per produrre nuove emissioni potrebbero lavorare, in parallelo, per obiettivi utili alla nostra specie. Da "Uno spettro si aggira per la Rete" (n+1, n. 25):

"La tesi che vogliamo sostenere è che gli attuali rapporti di produzione stanno realizzando concretamente quelli che sembravano solo potenziali anticipati. Ovviamente solo la società futura potrà dispiegare queste anticipazioni, ma il partito rivoluzionario dovrà tenerne conto assai prima della rottura rivoluzionaria. La tecnologia in sé non vuol dire nulla, quello che conta è lo sconvolgimento delle vecchie concezioni politiche di partito, perché il 'movimento reale' impone quella di partito-comunità umana, la Gemeinwesen del futuro che dovrà operare già nel presente."

Il comunismo in divenire produce importanti "capitolazioni ideologiche". Nel libro Quando le cose iniziano a pensare di Neil Gershenfeld, si afferma che viviamo in un mondo in cui macchine intelligenti gestiscono cose stupide come il denaro. Questo dualismo non potrà durare a lungo. La dissoluzione delle vecchie forme sociali avviene quando queste vengono rovesciate dal miglior rendimento delle nuove (Proprietà e Capitale) e un modo di produzione può definirsi superato quando non regge più il confronto oggettivo, materiale, con quello nuovo.

Il fatto che la moneta stia diventando altra cosa rispetto alle sue origini è un fatto inedito nella storia del capitalismo e sarà uno dei temi che approfondiremo nel prossimo incontro redazionale (1-2-3 dicembre 2017, Torino).

Articoli correlati (da tag)

  • Polarizzazioni passate, presenti e future

    La teleconferenza di martedì, connessi 15 compagni, è iniziata dal breve resoconto di un'assemblea sindacale in una grande azienda a cui ha partecipato un compagno. All'incontro, indetto dai confederali per discutere il rinnovo del CCNL di categoria, erano presenti su circa 250 lavoratori solo una trentina di persone, tra cui una decina di sindacalisti. Gli interventi dei bonzi sindacali sono stati tutti imperniati sul rispetto delle cosiddette compatibilità e sulla necessità di far funzionare al meglio gli organismi paritetici, in modo che delegati e azienda abbiano più occasioni di confronto partecipativo.

    E' proprio vero: dal tipo di impostazione corporativa inaugurata dal fascismo nel corso degli anni '20 (patto di Palazzo Vidoni del 1925) non si è più tornati indietro. Anzi, lo stato borghese ha rafforzato questo tipo di struttura burocratizzando in misura sempre maggiore i rapporti tra capitale e lavoro. Nell'articolo "La socializzazione fascista e il comunismo" (n+1, n. 42), abbiamo citato Il Sole 24 Ore che così definisce la natura degli enti bilaterali: essi "esprimono una concreta ed efficace forma di collaborazione tra capitale e lavoro, indicativa della tendenza al superamento del modello esasperatamente conflittuale. Hanno diversi scopi: mutualizzazione di obblighi retributivi (per esempio, mensilità aggiuntive, ferie) per lavoratori che cambiano spesso datore di lavoro (per esempio, nell'edilizia); formazione professionale; sicurezza del lavoro; prestazioni assistenziali. Da qualche anno la legge ha iniziato a promuovere il ruolo degli enti bilaterali, riconoscendogli compiti relativamente al mercato del lavoro, alla formazione professionale, all'assistenza della volontà delle parti nella stipulazione dei contratti e nella disposizione dei diritti."

  • Si dissolvono tutti i rapporti stabili e irrigiditi

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata commentando quanto accaduto nella provincia di Foggia dove sono morti 16 braccianti in due distinti incidenti stradali.

    Per la raccolta degli ortaggi nei campi del foggiano, così come a Rosarno, Saluzzo o nell'alessandrino, viene impiegata manodopera composta per lo più da immigrati. Questi lavoratori, solitamente risiedenti in baracche o altre abitazioni insalubri, sono pagati qualche euro al giorno e vengono trasportati nei luoghi di lavoro ammassati in furgoni, spesso in numero superiore rispetto a quanto consentito dalle norme sulla sicurezza per la circolazione dei veicoli. Paghe da fame e condizioni al limite dello schiavismo non riguardano solo le campagne, ma rappresentano la normalità in tante altre situazioni lavorative. Basti pensare che sono più di 400 i morti sul lavoro nel 2018, per la maggior parte registrati nell'industria e nei servizi, e in particolare nel Nord Italia.

    In risposta all'ennesima strage sul lavoro, Cgil-Cisl-Uil hanno proclamato una manifestazione a Foggia per mercoledì 8 agosto, chiedendo diritti e tutele per i lavoratori delle campagne. Anche l'USB ha indetto per quella giornata uno sciopero nei campi e una marcia da Rignano a Foggia. Il Comitato Lavoratori delle Campagne, che si situa più a sinistra, si è fatto sentire rivendicando anch'esso trasporti, documenti e contratti e attivandosi per aprire uno sportello legale contro lo sfruttamento, una scuola di italiano, ecc.

  • La dis-organizzazione mondiale del commercio

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, si è aperta con alcuni commenti riguardo l'imposizione, da parte del governo degli Stati Uniti, di nuovi dazi sull'importazione di acciaio e alluminio.

    Nell'edizione dello scorso 10 marzo, l'Economist riportava in copertina una caricatura del volto di Donald Trump a forma di bomba a mano. L'intento era quello di evidenziare la pericolosità della politica intrapresa dal Presidente, ritenuta una "minaccia al commercio mondiale" poiché potrebbe portare allo sgretolamento di quel sistema di accordi tra paesi che ha sorretto il mondo capitalistico a partire dal secondo dopoguerra:

    "Quali che siano i problemi dell'Organizzazione Mondiale del Commercio, sarebbe una tragedia minarla. Se l'America persegue una politica commerciale mercantilista sfidando il sistema commerciale globale, altri paesi sono tenuti a seguirla. Ciò potrebbe non portare a un immediato collasso dell'OMC, ma gradualmente eroderebbe uno dei fondamenti dell'economia globalizzata."

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 230, 18 ottobre 2018

f6Bomba a orologeria
f6Uno schema Ponzi per sé stessi
f6Umanità minore
f6C'era una volta la teoria del valore
f6Il paradosso di Fermi
f6Il non-Statuto dei gig-lavoratori
f6La strana storia del reddito di base
f6Spread

Leggi la newsletter 230
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email