E' online il numero 43 di n+1 (aprile 2018)

Invitiamo tutti ad abbonarsi comunque alla copia cartacea per aiutarci a mantenere questo tipo di diffusione, ad esempio presso le biblioteche.

n+1 rivista n°43

Editoriale: Si fa presto a dire moneta

Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica

Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop

Terra di confine: Elementare, Watson

Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo

Recensione: Verso un nuovo paradigma

Doppia direzione: Il computer e la coscienza

 

Appuntamenti

15-17

Giu

70° incontro redazionale, Torino
Temi: Il 200° anniversario di un Marx inesistente, Governo 2.0, Il rovesciamento della prassi. Leggi la locandina >>>

19

Mag

Conferenza, ore 16.30
c/o Il Cosmonauta, via dei Giardini 11 Viterbo

A cinquant'anni dal '68.

11

Mag

Conferenza, ore 21.00, sede di Torino
Che differenza passa tra una caserma e un albergo di lusso? Rispondendo a questa provocatoria domanda faremo un viaggio fra le modalità del cohousing.

70° incontro redazionale, 15-16-17 giugno 2018 Torino

L'incontro si terrà a Torino presso la nuova sede di n+1 con il seguente programma:

- Il 200° anniversario di un Marx inesistente

Il filosofo Costanzo Preve, criticando l'impronta scientifica della nostra rivista (n+1 è il successore di n, quinto assioma di Peano), sostenne che l'errore di Marx fu proprio quello di scambiare per scienza la propria filosofia. Ciò avrebbe dato luogo a una contraddizione: la scienza evolve nel tempo e quindi non è adatta alla previsione sociale, mentre la filosofia è valida per tutti i tempi. La fisica dell'800 non spiegherebbe nulla di fronte alla meccanica quantistica, mentre i Dialoghi di Platone sarebbero eternamente utili per la conoscenza delle relazioni sociali. Questa non è una concezione isolata. In un recente libro su Marx, la filosofa Agnes Heller sostiene qualcosa di simile, e alle stesse conclusioni arrivano tutti coloro che accettano acriticamente l'ipotesi secondo la quale Marx sarebbe il continuatore di Hegel. Ad esempio Massimo Cacciari. Questa mostruosità revisionista, nata e coltivata dalla mai abbastanza maledetta socialdemocrazia austrotedesca, fa di Marx un "pensatore" fra gli altri e non il prodotto di una rivoluzione in corso. Eppure, a partire dai suoi scritti giovanili, si può facilmente dimostrare, con lui, che la filosofia sta alla scienza come l'affabulazione sulle sfere sta alla formula matematica che ci dà il loro volume.

- Governo 2.0

Le conquiste tecnologiche degli ultimi anni hanno risvegliato le ambizioni di coloro che aspirano ad un capitalismo puro, finalmente libero dalle ingerenze dello stato e in cui l'individuo possa giungere alla sua piena realizzazione. Ne è esempio, tra tanti, il progetto Government as a platform, che sulla spinta dei principi anarco-capitalisti che animano il suo ideatore, Tim O'Reilly, propone un modello di società governata da algoritmi in cui intelligenza artificiale e biologica collaborino nella gestione di complesse comunità autopoietiche. Sul solco tracciato da esperimenti del passato, come Mondo 3 (J. Forrester) o il progetto Cybersyn (S. Beer), la borghesia registra sempre più la necessità di una cibernetica sociale, dimostrandosi, ancora una volta, classe inconseguente; e avvicinandosi, inconsapevolmente, alla linea di demarcazione tra capitalismo in coma e società futura.

- Il rovesciamento della prassi

Il Capitale vive del lavoro del proletariato, la sua morte è il risultato di una dinamica interna, come del resto è stato per le forme sociali precedenti. Il proletariato non si sostituisce al "movimento reale" (comunismo) verso la società nuova, ma ne diventa lo strumento. Solo entro tale quadro la classe operaia diventa elemento soggettivo, "volontà", e comunque solo attraverso il suo organo politico, il partito. Quest'ultimo, anticipatore della società futura, sarà il protagonista cosciente di quel fenomeno che la nostra corrente ha definito "rovesciamento della prassi" e guiderà il proletariato fino al funerale del capitalismo. Per la prima volta nella storia tale rovesciamento permetterà il passaggio dalle società "naturali", cioè a funzionamento spontaneo, darwiniano, a una società consapevole, organica, programmata.

- Mattinata interamente dedicata a domande, risposte e interazioni fra compagni.

 

L'incontro è aperto a tutti i lettori, per partecipare scrivere a mail3a

L'incontro redazionale potrà essere seguito anche attraverso Skype. Per collegarsi, inviare la richiesta di contatto al nostro account (ennepiuuno). L'inizio delle relazioni è previsto per le ore 9.00 di sabato 16 giugno.

Materiale ricevuto

Lavori in corso

Doppia direzione

  • Ancora superimperialismo
    Devo dire che la vostra riunione sulla guerra irachena come "capitolo di una guerra generale" mi ha lasciato un po'…
  • Parole d'ordine a ruota libera
    La guerra è un grosso problema e capire quella d'oggi non è facile. È vero, come dite, che si deve…

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 228, 29 aprile 2018

f6Socialismo, dove?
f6Le mezze classi inglesi e l'austerity
f6Il gorilla
f6Metamorfosi
f6Viva Bio
f6Integrando
f6Guardie e ladri
f6Terre amare

Leggi la newsletter 228
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email