54° incontro redazionale, 13-14-15 dicembre 2013 Torino

L'incontro si svolgerà presso l'Hotel Sharing di Torino con il seguente programma:

- presentazione programma lavori. Panoramica sulla situazione economica e sociale.

Relazioni sui temi:

- Sodoma e Mammona
Il Dio-capitale è passato dalla volontà di distruggere l’omosessualità, sulla scorta della tradizione del dio biblico che lo ha nutrito pargoletto, alla capacità di assimilazione della stessa, ora che per non morire è disposto a vendersi l’anima al diavolo. Vedremo gli aspetti economici e politici di questo cambiamento avvenuto dagli anni ’70 ad oggi. E daremo un’occhiata ai riflessi ideologici che ne sono derivati nella tradizione della sinistra borghese, erede del PCI, che si è divisa in stalinisti frikkettoni e stalinisti bacchettoni. Ma prima di vedere gli anni recenti, riprenderemo come necessaria premessa almeno i passaggi storici più importanti trattati nelle due relazioni già svolte a Torino per illustrare la condizione omosessuale sul filo del tempo. Infine cercheremo di districarci teoricamente dalla contraddizione nata tra liberalizzazione sessuale entro il capitale e liberazione sessuale dal capitale.

- La famiglia come fonte di schizofrenia e corruzione reazionaria
L'approccio comunistico non può essere che quello già tratteggiato nell'articolo sulla scuola: la società futura non conoscerà più una divisione tra ambienti di vita e ambiente di lavoro, non ci sarà più separazione tra tempo di lavoro e tempo di vita. Esisterà un tempo di vita all'interno del quale l'umanità si dedicherà alla produzione/riproduzione. In quell'ambito sarà risolto anche il rapporto tra maschio e femmina e tale rapporto sarà ben diverso da quello attuale: dato che non ci sarà più la proprietà privata, sarà impensabile l'attuale appropriazione privata delle persone e del frutto del loro accoppiamento (MIA moglie, MIO marito, MIO figlio). Questo è un risultato acquisito e verificato a partire da innumerevoli esempi storici (Patto di Qumran, Yanomami, intentional communities americane, kibbuz originari, ecc.). Essi dimostrano come una società di produttori che si riproduce attraverso singoli elementi liberi da proprietà, può anche fare a meno del raggruppamento famigliare tradizionale. Resteranno produzione e riproduzione, spariranno tutte le sovrastrutture che ruotano intorno ad esse. E sparirà l'effetto di corruzione bio-sociale che si manifesta sia con patologie tipiche (schizofrenia) sia con il ventaglio delle tipologie famil-mafiose (Cosa NOSTRA, ecc.).

- Questioni inerenti al nostro piano di lavoro e alla sua struttura
Più eventuali ulteriori domande e risposte sulle relazioni del sabato. Resoconti sulle varie attività generali e locali.

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 228, 29 aprile 2018

f6Socialismo, dove?
f6Le mezze classi inglesi e l'austerity
f6Il gorilla
f6Metamorfosi
f6Viva Bio
f6Integrando
f6Guardie e ladri
f6Terre amare

Leggi la newsletter 228
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email