Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  30 ottobre 2012

Linee di forza negli scontri di classe

La riunione è cominciata con un rapido commento circa gli scontri avvenuti martedì 30 ottobre tra studenti e polizia in quel di Torino. Dal sito Macerie: "In mattinata i reparti della celere fanno irruzione nella residenza universitaria occupata di Via Verdi 15 e eseguono lo sgombero. Il presidio che si forma lì davanti si trasforma presto in corteo e si dirige verso Piazza Castello. La polizia schierata in difesa del palazzo della Regione carica ripetutamente gli studenti, ferisce alcuni tra i manifestanti, ma riceve in cambio un lancio di oggetti vari. Dopo avere sfilato sino al Comune, gli studenti vanno da un altro dei mandanti dello sgombero: l'ente proprietario della residenza. La mensa dell'EDISU viene saccheggiata. In serata da Palazzo Nuovo un bel gruppo di ragazzi si sposta a Porta Nuova dove rallenta il traffico ferroviario e ripiega poi verso la sede delle facoltà umanistiche, occupata in seguito allo sgombero."

Di fronte alle lotte degli studenti e dei giovani in generale possono tornare utili volantini e documenti presenti sul nostro sito e pronti per essere fatti circolare in Rete.

Un'assemblea in Sudafrica tra sindacati e imprenditori è stata presa d'assalto dagli operai in lotta; la polizia ha sparato per difendere i sindacalisti. Il Sudafrica è uno stato a capitalismo ultra-maturo rispetto agli altri paesi africani, con una classe operaia che non è stata mai aristocratizzata. Possiamo vedere nelle lotte dei minatori un esempio di quello che può succedere in tutti i paesi di vecchio capitalismo. A proposito, a Taranto ci sono sviluppi interessanti dal Comitato cittadini liberi e pensanti: la tragica morte di un operaio di 29 anni nello stabilimento dell'Ilva ha fatto esplodere la rabbia dei lavoratori, nell'immediato sono stati organizzati uno sciopero e un raduno dei lavoratori di fronte alla Prefettura mentre in serata è stata convocata un'assemblea davanti al palazzo del sindacato che è stato occupato:

"A fronte di tutto ciò, alle ore 18.00 il comitato ha convocato una conferenza stampa ed un'assemblea straordinaria in Piazza Bettolo, di fronte al palazzo in cui risiedono i sindacati confederali. I sindacalisti presenti nel palazzo, stimolati e chiamati a gran voce ad esprimere le loro posizioni in piazza, non si sono degnati di rispondere e hanno invece provveduto ad abbassare le serrande, come se gli operai fossero solo un fastidio e non l'oggetto delle loro ipotetiche tutele nonché l'unica ragione della loro stessa istituzione. Com'era prevedibile, i sindacati si sono dimostrati sordi alle richieste degli operai. Dopo ore di attesa, il Comitato ha simbolicamente restituito la dignità agli operai entrando nel palazzo pagato con gli stipendi dei lavoratori." Se è vero che la soluzione dei problemi non è la semplice occupazione delle Camere del Lavoro queste rimangono sempre un simbolo importante, e i simboli hanno un loro peso materiale.

Martedì 30 ottobre alle ore 17.30 si è svolta a Milano presso l'Archivio Primo Moroni un incontro pubblico con Jacques Camatte. Si è trattato perlopiù di una discussione tra i presenti, circa una trentina, ed il relatore. Camatte è partito da un'affermazione cara alla nostra corrente sul fatto che il Capitale non esiste più: in America c'è stato un punto di svolta, tutto si è smaterializzato ed è impossibile estrarre nuovo valore dai proletari. Il capitalismo oramai è morto e, di riflesso, il proletariato ha perso il suo ruolo rivoluzionario. Anzi, a dirla tutta, il proletariato in quanto classe non esisterebbe più, il soggetto della prossima "rivoluzione" è la specie umana: "Il godimento si afferma nella gioia di vivere l'invarianza in seno al divenire. Cosa impedisce agli uomini e alle donne di vivere questo godimento e li consegna alla dipendenza?" Insomma, dal "racconto" tutt'altro che lineare di Camatte sono emerse una visione abbastanza spiritualista, la necessità di una ritrovata armonia con il mondo circostante e un approccio universalista. Camatte rivendica il suo passato nella Sinistra Comunista e durante l'incontro ha citato spesso Bordiga e Marx. Egli ritiene di aver elaborato la "sua" teoria in continuità con essi sulla base dei cambiamenti avvenuti nella società (smaterializzazione delle merci). Tutto era già presente in un lavoro come "Il Capitale totale", uno studio del VI° capitolo inedito del Capitale. Questo modo di produzione anche se morto viene tenuto in vita solo per la presenza degli Stati che sorreggono il cadavere che ancora cammina. Non avendo più nemici da combattere ci si può liberare dalla domesticazione: "Je n'ai pas d'ennemis: l'enfermement s'abolit."

Chiusa la parte sull'incontro camattiano, si è passati ad analizzare il risultato delle recenti elezioni regionali in Sicilia. Ne traiamo due valutazioni importanti: lo spappolamento dei vecchi raggruppamenti politici esistenti e l'alto grado di astensionismo, in un'area dove clientela e corruzione hanno da sempre un ruolo importante nelle elezioni locali e nazionali. Il Movimento 5 stelle rappresenta una novità per i delusi, Grillo pesca tra coloro che votano esprimendo una sorte di voto di protesta/rifiuto verso la "politica".

Successivamente abbiamo avuto modo di affrontare la concezione materialistica della nostra corrente in merito alla geopolitica. Rispetto alla "cerniera" geostorica europea e al fatto che essa potrebbe essere rappresentata da un "asse" che separa paesi molto diversi, nel senso di giovane e vecchia accumulazione, e non da un paese o un insieme di diversi paesi, si è fatto riferimento all'articolo "La grande cerniera "balcanica" e il futuro dell'Unione Europea":

"L'Europa d'oggi è stata disegnata allora da queste determinazioni, e il capitalismo non ha fatto altro che impiantarsi sulle zone agrarie e industriali che ha trovato pronte, rafforzandosi, spazzando il vecchio modo di produzione, ma senza poter sconvolgere più di tanto le condizioni materiali accumulate in un millennio sul territorio. Infatti, se noi tracciamo lo schema delle aree agrarie e industriali capitalistiche, le stesse che ci indicano la quantità di capitale radicato per chilometro quadrato (cfr. il nostro Convulsioni di nazioni e classi...), vediamo una fascia che va da Nord a Sud attraversando l'Europa. La penisola italiana, proiettata sul Mediterraneo, continua ad essere il prolungamento naturale e imprescindibile di quell'asse, come osservò Engels a proposito di Po e Reno, Nizza e Savoia, territori le cui vicende mostravano l'interesse tedesco per l'Italia e non contro di essa, mentre opposti erano gli interessi della Francia."

Nel Filo del tempo "Il pianeta è piccolo" viene detto che il cuore del mondo è l'Asia Centrale e si mette in evidenza che la finitezza del mondo costringe i capitalisti a metter i piedi per terra, abbassare la testa e imparare dal marxismo. Noi parliamo da decenni di geostoria e studiamo le linee di forze negli scontri di classe perchè l'integrazione tra sviluppo storico ed economico e le condizioni materiali derivanti dalla geografia ci permettono di stabilire assi tra paesi. I vecchi paesi imperialisti, pur non conoscendo la geopolitica, si preoccupavano delle aree da controllare.

La riflessione di un compagno riguardo al lavoro su Gramsci ci ha permesso di approfondire la materia. Il filosofo-politico sardo è stato una costruzione dei servizi segreti russi, era un idealista classico ad un livello teorico alto per i borghesi ma non è mai stato marxista. Storici come Canfora e Lo Piparo hanno fatto una lettura filologica delle lettere e dei quaderni dal carcere ricavandone un'immagine di grande italiano del Pantheon liberale. Probabilmente hanno ragione nell'inserirlo nella lista dei padri nobili della Patria.

Durante la carcerazione Gramsci rompe con il partito comunista e torna ai suoi ideali liberali giovanili. E' utilizzato da Togliatti successivamente (svolta di Salerno 1944) come santino per mettere in piedi un "partito nuovo". Nel testo "Gramsci a Roma, Togliatti a Mosca", curato da Chiara Daniele, ci sono documenti che dimostrano come il fulcro dell'attività degli stalinisti fosse il manovrare le pedine per fini nazionali anziché interessarsi alle sorti del proletariato mondiale. I documenti presi in esame sono 56 "tra lettere, telegrammi, note informative, verbali di riunioni, risoluzioni del Presidium del Comintern" e provengono in massima parte dagli archivi russi, recuperati in fotocopia tra gli anni sessanta e il 1990; ma – come avverte la curatrice – "sono solo una piccola parte di quelli scambiati tra l'Italia e Mosca nel 1926" (delle lettere escluse viene dato un elenco a parte). Gramsci, Togliatti, Grieco, Ravera e Scoccimarro (gli estensori materiali dei documenti) appoggiano pienamente la maggioranza del Partito russo che pochi mesi prima li aveva aiutati concretamente ad emarginare la Sinistra di Bordiga (e gran parte delle lettere riguardano proprio il processo di "bolscevizzazione" del partito italiano e il controllo delle opposizioni interne).

In conclusione della riunione si è fatta una breve escursione sugli accadimenti in Medio Oriente. Nell'articolo "Marasma sociale e guerra" si affronta anche la situazione in Siria, adesso un vero e proprio campo di battaglia tra molteplici forze statali e non. In quel martoriato territorio si stanno sperimentando le moderne forme di partigianeria e di proxy war (guerra per procura). Come ben detto in un trafiletto presente nell'ultima newsletter, nella guerra civile siriana gli interessi di Stati Uniti, Russia, Turchia, Iran, Arabia Saudita, Francia, Inghilterra e persino Cina sono i fattori più o meno nascosti che alimentano lo scontro armato fra gruppi locali. Sciiti, Sunniti, Salafiti, Drusi, Circassi, Alawiti, Curdi sono attori assai poco autonomi. Tentano di trovare un'estensione del proprio raggio di azione a spese gli uni degli altri pensando di sfruttare gli appetiti imperialistici delle grandi e piccole potenze; ma, com'è ovvio, sono invece queste ultime ad avere un potere di "compellenza" nei loro confronti. La Turchia, aspirante da tempo al ruolo di potenza egemone nell’area, proiettata verso l'Asia, è più della Siria nell'occhio del ciclone. Ha confini comuni con Siria, Iraq e Iran ed è ultrasensibile al problema del Kurdistan, territorio che attraversa le quattro frontiere e i cui combattenti sono variamente foraggiati, dalla Siria soprattutto e, indirettamente, anche dagli Stati Uniti. Non per niente il premier turco manifesta la propria preoccupazione denunciando il fatto che, in Siria e Kurdistan, Russia e Cina sono più attivi degli Stati Uniti. Le scaramucce armate turco-siriane aggravano la situazione in un'area dove da sempre ci vuole poco per far saltare i delicati equilibri "glocali".

Articoli correlati (da tag)

  • Squilibri

    La teleconferenza di martedì 16 luglio, a cui hanno partecipato 8 compagni, è cominciata dallo "scandalo" dei fondi russi alla Lega.

    In realtà, per quanto ne dica Repubblica, c'è ben poco di cui scandalizzarsi: la Russia ha sempre agito in questo modo, mettendo da parte quanto necessario per incastrare il malcapitato di turno per poi ricattarlo e costringerlo a fare qualcosa. Da leggere, a tal proposito, il testo di Marx Rivelazioni sulla storia diplomatica segreta del XVIII secolo.

    La Russia è poco europea, ha caratteristiche asiatiche, ed è un paese fortemente centralizzato. Lo afferma lo stesso Vladimir Putin in una recente intervista al Financial Time, in cui denuncia il fallimento del liberalismo, il principio sui cui si reggerebbero i governi dell'Occidente che oggi soffrono di una "frattura tra il popolo e la classe dirigente". Secondo il presidente russo, inoltre, "la guerra fredda era una cosa cattiva, ma almeno c'erano delle regole, che tutti i protagonisti delle relazioni internazionali dovevano rispettare in un modo o nell'altro"; oggi invece il mondo è frammentato e caotico.

    Difficile sapere cosa si celi dietro l'affaire Lega, è decisamente più utile concentrare l'attenzione sulle alleanze e gli schieramenti imperialistici odierni. La situazione è molto fluida e si fatica a capire chi è nemico di chi (vedi atteggiamento schizofrenico degli Stati Uniti verso la Corea del Nord). Non è quindi un'esagerazione dire che siamo alla guerra di tutti contro tutti.

  • Catene di cause ed effetti

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata dalla segnalazione di un articolo del Corriere della Sera, "L'Occidente tramonta davvero", a firma Sergio Romano. Secondo il diplomatico, ex ambasciatore presso la Nato, il pianeta è preda di un caos sistemico, e "la causa maggiore di questo stato di cose è il declino dell'America sulla scena internazionale. Ma anche quasi tutti i membri dell'Unione Europea stanno attraversando crisi esistenziali".

    Temi non nuovi per noi: nell'articolo "Dall'equilibrio del terrore al terrore dell'equilibrio" abbiamo descritto un mondo capitalistico che non è più gestito "in condominio" tra Usa e Urss, ma si è trasformato in un sistema instabile e complesso maggiormente sensibile al classico "effetto farfalla". La guerra moderna non può evitare di confrontarsi con la velocità del flusso di informazioni che viaggiano attraverso la Rete, diventata ormai da anni un fondamentale campo di battaglia (vincere la battaglia informatica vuol dire avere più informazioni di quelle che possiede il nemico).

    I rapporti sociali odierni sono quelli di un capitalismo stramaturo che permea di sé ogni cellula del sistema, la quale si sente in guerra perenne con le altre. Con il capitalismo l'uomo perde in assoluto qualsiasi residuo di rapporto umano con l'altro uomo e ciò si rispecchia nel modo di condurre i conflitti: con il massacro delle popolazioni inermi e lo studio scientifico per produrre sistematicamente sofferenza, con la distruzione e la morte. Attualmente in Libia siamo alla guerra di tutti contro tutti, mentre in Algeria e Sudan si susseguono proteste e rivolte che, dopo la cacciata del tiranno di turno, mettono ora in discussione anche i vertici militari (che in Sudan hanno compiuto un colpo di stato). Sulla situazione algerina un compagno ha segnalato l'articolo del manifesto "Algeria, la natura di classe della rivolta in corso", secondo cui le recenti manifestazioni sarebbero il risultato degli scioperi anche violenti degli ultimi anni.

  • Conoscenza, marasma sociale e rivoluzione

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 16 compagni, ha preso le mosse dalla lettera di Elio Franzini, filosofo nonché rettore dell'Università di Milano, a Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera, intitolata "Studi umanistici e scientifici. La scissione non ha senso".

    In realtà, a dispetto del titolo, l'autore afferma che la discussione iniziata negli anni '60 da Charles P. Snow sulla necessità di unificare il sapere scientifico con quello umanistico, è superata, dato che le due culture esistono e che "non si può pensare di ridurre la complessità dei saperi ad artificiosi momenti unitari". Per Franzini, la filosofia ha dunque la preminenza su tutte le altre discipline:

    "Nella misura in cui tratta di una questione puramente tecnica, la soluzione dipende dagli strumenti tecnologico-scientifici che si riescono ad approntare. Ma, nel momento in cui il campo si allarga – ed è il caso della nostra contemporaneità – il ritmo del progresso tecnico impone alla coscienza umana l'obbligo di adattare le regole alle circostanze, precisando con le sue scelte i criteri che gli consentono di agire. Ed è qui che il pensiero filosofico innesta ancor oggi la sua forza di propulsione."

    Ciò che conta è quindi la profondità del pensiero filosofico, le altre discipline servono al massimo ad ampliarne l'orizzonte speculativo. Lo scritto di Franzini fa venire in mente lo scambio epistolare avvenuto qualche anno fa sulle pagine di Repubblica tra Eugenio Scalfari e Alessandro Baricco; il tema della discussione era l'avvento dei nuovi barbari, e mentre il primo difendeva l'importanza degli intellettuali e della cultura classica rivendicando il primato della filosofia rispetto all'emergere dell'intelligenza diffusa e distribuita, il secondo valutava abbastanza positivamente la superficialità barbarica.

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 234, 6 luglio 2019

f6Grufolare nell'attico
f6Occupazione simbolica. Per adesso
f6Libra, cos'è?
f6Extinction Rebellion
f6Reddito di cittadinanza alla prova
f6Spionaggio?

Leggi la newsletter 234
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email