Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  23 ottobre 2012

Malattie croniche e "invarianti" del movimento operaio

Sulla base di alcuni appunti estrapolati dal testo di Riechers, "Gramsci e le ideologie del suo tempo", sono state fatte alcune considerazioni sui concetti di coscienza e volontà. Gramsci interpreta la società secondo il metodo idealista del primo '900, stravolgendo idealisticamente il marxismo a cui si approccia per le contingenze storiche del periodo. Secondo il filosofo sardo, la catarsi rappresenta un movimento della coscienza che permette di superare, grazie alla consapevolezza, i piccoli interessi economici. Il meccanismo politico prende così il sopravvento e determina dei cambiamenti sul meccanismo economico, poiché coscienza e volontà si trovano al di là dei limiti posti dalla struttura materiale dell'economia. Per questo motivo il proletariato altro non deve fare che scalzare dal potere la borghesia lasciando più o meno inalterata la struttura economica.

In realtà con il concetto di coscienza, o di falsa coscienza (come la definisce Marx), si "travestono" i meccanismi economici che rappresentano, invece, il perno da rompere affinché si possa verificare qualsivoglia cambiamento sociale. Sono i rapporti di produzione a determinare i rapporti sociali all'interno della società, non il contrario, e nel capitalismo la libertà economica è la libertà dei borghesi non certo del proletariato. Però tali rapporti sociali si trovano all'interno di un meccanismo economico a cui entrambe le classi devono sottostare: gli stessi capitalisti diventano meri funzionari del Capitale. Se si pone la coscienza come motore di trasformazione e superamento si negano le leggi di funzionamento del capitalismo sintetizzate da Marx ed Engels nel Manifesto.

Lo stesso ragionamento vale per il concetto di volontà. Il capitalismo rimane l'economia dominante anche quando ci sono movimenti anti-formisti che cercano di rovesciare la prassi. La teoria può anticipare il movimento e intercettare le leggi effettive del divenire storico - per questo cerchiamo di dar vita ad un ambiente che non sia capitalistico, un piccolo rovesciamento della prassi - ma è il movimento oggettivo ad andare in una determinata direzione, al di là della nostra volontà individuale e della "presa di coscienza". E' lo sviluppo stesso del capitalismo a generare le determinazioni materiali per cui prendono piede movimenti anti-sistema. Ma, come scritto in "Tavole immutabili della teoria comunista del partito", il rovesciamento della prassi è proprio di un insieme sociale che viene da fuori, che si pone cioè nei fatti al di là delle categorie economiche vigenti. Pur essendo all'interno dell'insieme capitalistico, il partito (storico e formale) non fa parte del sistema e lo nega nella prassi. Tutti ricordano la definizione di militante che citiamo spesso e volentieri: è militante comunista chi si strappa di dosso le caratteristiche segnate all'anagrafe di questa società e si confonde con tutto l'arco millenario che va dall'uomo-primate all'uomo veramente sociale.

In ultima analisi lo studio della filosofia di Gramsci passa in secondo piano rispetto al fatto oggettivo che egli è stato una pedina in mano agli stalinisti e ha contribuito alla lotta contro la nostra corrente. A noi interessa di più il fatto politico che quello accademico. Ne "I fondamenti del comunismo rivoluzionario" si mostra la continuità politica tra Proudhon, Stalin e Gramsci:

"Una prima tesi pregiudiziale accomuna come antimarxisti tutti questi conati, basati sulle formule o "ricette" per svariate forme organizzativi dagli effetti miracolosi. Essa orecchia le vecchie e semisecolari banalità dei trafficanti politici e degli imbonitori, che riducevano le vicende della lotta storica ad un succedersi di figurini, come nella "moda" del vestire. Cianciavano questi saputelli: Nella grande rivoluzione francese il motore fu il club politico, e la lotta tra questi (giacobini, girondini, ecc.) fu la chiave degli eventi. Poi quella foggia passò di moda e si ebbero i partiti elettorali... poi si passò ad organismi locali, comunali, preconizzati dagli anarchici... oggi (pensiamo al 1900) si ha la ricetta modernissima: il sindacato operaio di professione, che tende a soppiantare tutto e si contrappone (Giorgio Sorel) col suo potenziale rivoluzionario a Partito e Stato. Vecchissima canzone. Oggi (1957) sentiamo vantare altra forma "autosufficiente": il consiglio di fabbrica, in diversi modi portato sul primo piano rispetto ad ogni altra forma, da "tribunisti" olandesi, gramsciani italiani, titini jugoslavi, cosiddetti trotzkisti, gruppetti di "sinistra" da batracomiomachia. Tutto questo vuoto discorrere è sepolto da una sola tesi (Marx, Engels, Lenin): "La rivoluzione non è una questione di forma di organizzazione". La questione della rivoluzione sta nell'urto delle forze storiche, nel programma sociale di arrivo che sta alla fine del lungo ciclo del modo capitalista di produzione. Inventare il fine invece di scoprirlo nelle determinanti passate e presenti, scientificamente, fu il vecchio utopismo premarxista. Uccidere il fine e mettere l'organizzazione dimenantesi al suo posto è il nuovo utopismo post-marxista (Bernstein, capo del revisioniamo socialdemocratico: il fine è nulla; il movimento è tutto)."

Si tratta di malattie croniche e "invarianti" del movimento operaio, destinate a riaffiorare nella stessa misura in cui l'influenza ideologica, se non il peso sociale, della piccola borghesia continua ad infiltrarsi e a serpeggiare nelle file del proletariato, e a sopravvivere in esse per una specie di inerzia storica che è, fra parentesi, una delle ragioni della necessità dell'esercizio dittatoriale del potere. Se è vero che il riformismo classico abbandona la via rivoluzionaria e si illude di cambiare la struttura sociale in modo riformistico (Kautsky), per lo meno i socialdemocratici storici avevano l'idea della conquista della società non con le idee ma con "fronti" di lotta. Carogne con una certa statura politica: Stalin è stato elemento di rivoluzione borghese in Asia, Gramsci è stato un elemento politico assolutamente controrivoluzionario. Infine non è mancato un riferimento allo scadente "Dialogato con Gramsci" dei "fiorentini".

Conclusa la parte su Gramsci, la discussione si è incentrata su aspetti di natura sindacale.

Ad una assemblea indetta a Torino dalla Rete28aprile (opposizione in CGIL), a cui erano presenti una quarantina di elementi tra Rsu, delegati e anche qualche funzionario, Sergio Bellavita ha illustrato la mancanza di democrazia in FIOM, il carattere burocratico della struttura, la torsione autoritaria in corso ed il bisogno di rinnovamento del sindacato (?). Dopo l'introduzione del segretario, una serie di interventi da parte di alcuni delegati ha dimostrato la totale mancanza di prospettive ed espresso il forte disagio nell'interfacciarsi con la base sindacale nei luoghi di lavoro. Da una parte è stata messa in luce l'impossibilità di continuare con gli scioperi puramente dimostrativi, dall'altra si richiamava un passato che è stato spazzato via e non può ritornare. Di qui tutta la noiosa discussione sullo smantellamento del CCNL e dello Statuto dei lavoratori.

La speranza di riunificare il mondo del lavoro, riconquistando un potere di contrattazione collettiva, sembra essere per la cosiddetta sinistra sindacale l'unica battaglia degna di essere combattuta. Per noi invece si tratta di una posizione di retroguardia perché quello dei "diritti" è un terreno di lotta imposto dall'avversario. E poi, che dire a quei milioni di giovani (e non) senza lavoro e quindi senza possibilità di contrattazione?

Unica nota positiva della serata è stato l'intervento di un delegato della FIOM in quota Rete28aprile, in cui veniva messa in discussione la parola d'ordine della "difesa del posto di lavoro" anche in critica ai contenuti della manifestazione promossa dalla CGIL il 20 ottobre a Roma ("Il lavoro prima di tutto"). Continuando con la richiesta di lavoro, il passo successivo, ha sostenuto il sindacalista, sarà quello di organizzare una manifestazione dal titolo Arbeit macht frei ("Il lavoro rende liberi"): non si tratta di lottare per avere più lavoro ma per la difesa del salario e della salute (riferimento all'ILVA di Taranto).

Tutti i delegati presenti raccontavano di non avere più nulla da dire ai lavoratori visto il ridursi degli spazi di mediazione e la progressiva cancellazione dei "diritti". Tutti esprimevano una certa preoccupazione rispetto alla sorte del sindacato. I sindacalisti di base si trovano con le spalle al muro e sono schiacciati dalla micidiale tenaglia rappresentata da datori di lavoro e burocrazia sindacale. Insomma, se da una parte la logica resistenziale fatica a morire, dall'altra si comincia a percepire che un'epoca sta finendo. Del resto, diciamo noi, occorre superare la forza d'inerzia costituita da decenni di pace sociale, chiacchiere parlamentari, mistificazione democratica e collaborazione di classe. E' necessario che siano spazzati via i residui ideologici di epoche passate, è questa cappa di piombo che pesa come un incubo sulle prospettive di cambiamento che va dissolta il prima possibile.

La teleconferenza è proseguita prendendo spunto dalle manifestazioni in corso a Budapest e Madrid. A proposito di Spagna, abbiamo notato che OWS presta molta attenzione a quanto succede nella penisola iberica ed ha pubblicato un post riguardo al tentativo del Governo Rajoy di approvare una legge che vieta di fare foto e video dei poliziotti mentre picchiano i manifestanti.

Il 14 novembre è stato indetto dalla Confederazione dei Sindacati Europei uno sciopero generale "continentale". Anche la CGIL sembra voler aderire. Nei fatti si tratta di uno sciopero puramente dimostrativo ma è importante che si verifichino dei tentativi di mobilitazione internazionale. Se la causa della miseria crescente è unica per tutti, allora anche la lotta dei lavoratori deve essere unitaria. Non a caso qualcuno a suo tempo diceva: Proletari di tutti i paesi, unitevi!

A Londra il 20 ottobre c'è stata una grande manifestazione contro l'austerità. Secondo l'Ansa circa 100 mila persone sono scese in piazza e, cosa interessante, partecipava e promuoveva la mobilitazione Occupy London. Non passa giorno che non ci siano manifestazioni in Europa e nel mondo. Martedì 23 a Torino un corteo selvaggio di "insegnanti arrabbiati" ha bloccato il traffico per qualche ora. Nel corso della giornata ci sono state altre 4 o 5 manifestazioni che hanno coinvolto, netturbini, studenti, operai, Cobas e gente comune. Il giorno prima c'è stato un presidio Notav al convegno organizzato dal Pd ad Avigliana (come c'era da aspettarsi la zona è stata completamente militarizzata). Per adesso tutte queste iniziative vanno avanti in ordine sparso e sono a difesa di singoli settori e/o categorie, ma qualora si imponesse un programma comune d'azione ne vedremmo delle belle. D'altronde, quello che succede a livello micro in una città come Torino sta succedendo a livello macro in tutta Europa con processi auto-organizzativi in corso a Madrid, Londra, Lisbona, Atene, ...

In conclusione si è brevemente accennato al surriscaldarsi di una vasta area in Medioriente. In Libano nei giorni scorsi c'è stato un grande attentato: il Generale ammazzato rappresentava il collegamento per il rifornimento di armi ai ribelli anti-Assad.

Articoli correlati (da tag)

  • Anniversari

    La teleconferenza di martedì 9 luglio, a cui hanno partecipato 11 compagni, ha avuto come tema principale il ricorso di alcuni anniversari.

    Tra il 7 e il 9 luglio del 1962, in Piazza Statuto a Torino, si verificano violenti scontri tra forze dell'ordine e operai in seguito alla firma di un accordo sindacale separato tra Uil e Fiat. La mattina del 7 luglio i maggiori stabilimenti industriali della città si fermano e gli operai incolleriti si concentrano di fronte alla sede della Uil in Piazza Statuto; ne nascono degli scontri con la polizia che durano per tre giorni con il risultato di più di un migliaio di fermi, quasi un centinaio di arrestati e svariate centinaia di feriti da entrambe le parti.

    Dalle fila del PCI ai sinistri dei Quaderni Rossi, si alza un coro unanime di condanna dei fatti di piazza Statuto, giudicati una "squallida degenerazione" di una manifestazione di protesta operaia. L'Unità del 9 luglio definisce la rivolta come "tentativi teppistici e provocatori", ed i manifestanti "elementi incontrollati ed esasperati", "piccoli gruppi di irresponsabili", "giovani scalmanati", "anarchici, internazionalisti". Al contrario, il programma comunista n. 14 del 17 luglio 1962, esce con un potente articolo intitolato "Evviva i teppisti della guerra di classe! Abbasso gli adoratori dell'ordine costituito!", in cui si afferma che ha poco senso essere non violenti quando quotidianamente si subisce la violenza del lavoro salariato.

  • Argomenti concatenati

    La teleconferenza di martedì, presenti 14 compagni, è iniziata con una breve rassegna stampa su diversi temi, tra cui il trattato di Aquisgrana, il disastro sociale ed economico in corso in Venezuela, e il cambio al vertice del maggiore sindacato italiano.

    Nella sua prima apparizione in TV come segretario della Cgil, nel programma "1/2 ora in più" di Lucia Annunziata, Maurizio Landini ha affermato di voler cambiare il sindacato proponendo una "contrattazione inclusiva" per aprire l'organizzazione al territorio dato che "il problema è la solitudine": bisogna "tornare alle origini per cui sono nate le Camere di lavoro" ha spiegato, "tornare alle nostre radici, che fanno i conti con le nuove condizioni di lavoro che ci sono." A parte le buone intenzioni, su cui ci sarebbe molto da dire, sappiamo che per cancellare l'effetto storico della assunzione del sindacato entro lo stato borghese occorre molto di più, e cioè uno stravolgimento sociale di potenza gigantesca. Se ciò invece non avverrà, ogni organizzazione sindacale non potrà far altro che mediare fra capitale e lavoro, secondo le regole della concertazione/contrattazione. E non basterà l'elezione di un leader movimentista per cambiare direzione, tanto più ad un sindacato corporativo come la Cgil.

  • Polarizzazioni passate, presenti e future

    La teleconferenza di martedì, connessi 15 compagni, è iniziata dal breve resoconto di un'assemblea sindacale in una grande azienda a cui ha partecipato un compagno. All'incontro, indetto dai confederali per discutere il rinnovo del CCNL di categoria, erano presenti su circa 250 lavoratori solo una trentina di persone, tra cui una decina di sindacalisti. Gli interventi dei bonzi sindacali sono stati tutti imperniati sul rispetto delle cosiddette compatibilità e sulla necessità di far funzionare al meglio gli organismi paritetici, in modo che delegati e azienda abbiano più occasioni di confronto partecipativo.

    E' proprio vero: dal tipo di impostazione corporativa inaugurata dal fascismo nel corso degli anni '20 (patto di Palazzo Vidoni del 1925) non si è più tornati indietro. Anzi, lo stato borghese ha rafforzato questo tipo di struttura burocratizzando in misura sempre maggiore i rapporti tra capitale e lavoro. Nell'articolo "La socializzazione fascista e il comunismo" (n+1, n. 42), abbiamo citato Il Sole 24 Ore che così definisce la natura degli enti bilaterali: essi "esprimono una concreta ed efficace forma di collaborazione tra capitale e lavoro, indicativa della tendenza al superamento del modello esasperatamente conflittuale. Hanno diversi scopi: mutualizzazione di obblighi retributivi (per esempio, mensilità aggiuntive, ferie) per lavoratori che cambiano spesso datore di lavoro (per esempio, nell'edilizia); formazione professionale; sicurezza del lavoro; prestazioni assistenziali. Da qualche anno la legge ha iniziato a promuovere il ruolo degli enti bilaterali, riconoscendogli compiti relativamente al mercato del lavoro, alla formazione professionale, all'assistenza della volontà delle parti nella stipulazione dei contratti e nella disposizione dei diritti."

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 234, 6 luglio 2019

f6Grufolare nell'attico
f6Occupazione simbolica. Per adesso
f6Libra, cos'è?
f6Extinction Rebellion
f6Reddito di cittadinanza alla prova
f6Spionaggio?

Leggi la newsletter 234
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email