Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  9 ottobre 2012

Contraddizioni capitalistiche insanabili ed emersione del "nuovo"

La riunione è cominciata prendendo in esame due notizie apparentemente scollegate: la proposta del Governo italiano di modificare il Titolo V della Costituzione e il negoziato tra le parti sociali sulla produttività, il quale si dovrebbe concludere al massimo entro il 18 ottobre per poi essere portato "in dono" al Consiglio europeo di Bruxelles. Il Titolo V rappresenta la fine del federalismo? Secondo il Governo l'obiettivo della sua modifica è blindare i tagli agli enti locali (quelli già fatti e quelli che arriveranno con la legge di stabilità) e riportare sotto un maggiore controllo statale le regioni a statuto speciale. Si tratta, negli intenti, di operare sia una drastica riduzione di tutti gli sprechi concessi in epoca di vacche grasse, sia una maggiore centralizzazione istituzionale. Il movimento reale sta lavorando per semplificare gli esecutivi politici: si fa strada uno Stato sempre più invasivo che da una parte potenzia i propri organi istituzionali, mentre dall'altra restringe gli spazi di mediazione sociale ed elimina le false alternative al sistema ormai inutili ed ingombranti.

Monti (o chi verrà dopo di lui) deve risolvere un problema che è sul tappeto da anni: dato che, in ultima istanza, qualunque esecutivo dovrà agire sulla forza-lavoro e sulla possibilità di cavare da essa maggiore plusvalore, occorrerà liberare completamente la forza-lavoro da ogni vincolo, estendere la mobilità dei lavoratori, legare il salario minimo alle esigenze dell'economia e controllare la sua tendenza a crescere. Insomma, c'è bisogno di rilanciare un nuovo e più forte "patto fra i produttori". La sovrastruttura politica che serve a tutto ciò è una democrazia sempre più blindata, con un esecutivo forte e "snello", cioè non troppo intralciato da cretinismo parlamentare e disfunzioni varie. Non a caso si sta producendo ideologia apposita (come quella sui costi sociali della "Casta") veicolata da efficaci manipolatori mediatici.

Berlusconi sembrerebbe disposto a farsi da parte pur di dar vita ad una vasta alleanza che converga verso il centro, magari con un listone in sostegno a Monti. Pur essendo la borghesia italiana la più antica e quindi la più putrescente, essa dimostra sempre una certa abilità nel cambiare tutto purché nulla cambi. Scriveva la nostra corrente a proposito dell'avvento del fascismo al potere nel 1922: "Abbiamo semplicemente assistito alla legalizzazione di uno stato di fatto che era ormai connaturato al regime, saldo ed accettato da tutti i gruppi della borghesia italiana [...]. Il disaccordo fra i vari gruppi borghesi verteva non già sulla necessità di raggiungere questo risultato, ma sui modi di conseguirlo" (S.E. Mussolini governa l'Italia, in Rassegna Comunista, 31 ottobre 1922). E ancora: "Non siamo dei metafisici ma dei dialettici: nel fascismo e nella generale controffensiva borghese odierna non vediamo un mutamento di rotta della politica dello Stato italiano, ma la continuazione naturale del metodo applicato prima e dopo la guerra dalla 'democrazia'. Non crederemo alla antitesi tra democrazia e fascismo più di quello che abbiamo creduto alla antitesi tra democrazia e militarismo. Non faremo miglior credito, in questa seconda situazione, al naturale manutengolo della democrazia: il riformismo socialdemocratico".

"La caduta della repubblica parlamentare contiene in germe il trionfo della rivoluzione proletaria", dice Marx a proposito del colpo di stato di Luigi Bonaparte, anche se, nell'immediato, si vede il trionfo di Bonaparte sulla repubblica parlamentare. Nella Lettera ai compagni "il 18 Brumaio del partito che non c'è" si scrive che il capitalismo tenta di superare, anche se non lo può, le sue contraddizioni nei modi che la maturità storica e lo stadio dei rapporti di classe permettono, ed è questo tentativo a provocare mutamenti politici nella sovrastruttura. Forse Monti rappresenta questo partito che ancora "non c'è". La propaganda contro la corruzione serve a screditare la "politica" e a puntellare l'azione governativa, ma al tempo stesso è un'arma a doppio taglio perché esaspera la situazione sociale (vedi crescita dell'astensionismo). Il fatto che si renda manifesta l'inutilità delle Province, delle Regioni e pure del Parlamento è da prendere in seria considerazione. Questa volta potrebbe non essere il solito bluff. La sovrastruttura risponde alle esigenze della struttura, anche se non in maniera meccanica. E' vero che la borghesia italiana è abile nella manovra ma oggi il cambiamento da attuare è più difficile e quindi sarà più radicale. La situazione economica è peggiorata di molto rispetto a venti anni fa, pertanto gli scenari che si profilano sono diversi rispetto alla stagione di Mani pulite.

L'accordo prossimo venturo sulla produttività ha come obiettivi la blindatura ed allo stesso tempo il superamento dell'accordo del 28 giugno 2011. Il nocciolo della questione è il tentativo di legare ancora di più i salari alla produttività. Sostanzialmente l'accordo da portare al Consiglio europeo si muove in direzione dello smantellamento definitivo del contratto collettivo (e dello Statuto dei Lavoratori) per dare spazio al contratto di secondo livello aziendale/territoriale. Il fatto che si cerchi di coinvolgere tutti i sindacati dimostra l'ampiezza della manovra in atto. In quest'ottica si possono leggere gli scontri all'interno della Fiom dove vengono fatte fuori senza tanti giri di parole le componenti "ostili" alla linea di maggioranza. Ma la tendenza all'aziendalizzazione dei contratti di lavoro è generale oppure è solo un esperimento italiano? E' generale: il caso Chrysler, dove i sindacati hanno usato i fondi pensione dei lavoratori per comprare azioni del gruppo, sta a dimostrare che il corporativismo sindacale è un fenomeno storicamente dato. Il semilavorato "Irrazionalità e immediatismo dell'economia politica" affronta il processo di smantellamento dei contratti nazionali prendendo spunto dalla Lettera ai compagni "Come un logaritmo giallo". Nessuna novità quindi, ma il compimento di un lungo processo che parte da lontano... dal famoso Patto di Roma del 1944 che decreta la fine dell'esperienza della CGL "rossa".

Si è commentato poi quanto sta accadendo nelle piazze di mezza Europa, soprattutto in Grecia (manifestazioni ad Atene per l'arrivo della Merkel) e in Spagna dove la situazione politica è in continua evoluzione. Occupy Wall Street ha postato sul proprio sito un video sulla violenza della polizia in Spagna durante le ultime manifestazioni contro l'austerità. Scene di violenza contro la popolazione inerme che ricordano le immagini pubblicate su Facebook durante la Primavera araba. E' stata infine segnalata l'iniziativa per il prossimo 3 novembre contro l'austerità da parte di Occupy Portland che chiama a raccolta tutti quelli che lottano contro la distruzione delle loro comunità, in solidarietà coi i lavoratori di Grecia, Spagna e Sudafrica. Stiamo assistendo all'inizio di un processo di organizzazione su scala globale: prelevamento di informazione dalla Rete, cancellazione di quella che non serve ed inserimento dell'informazione modificata. Reti e piattaforme organizzative si sono formate e adesso si stanno intersecando.

A proposito della situazione disperata in cui versa la stragrande maggioranza della popolazione greca, abbiamo fatto un parallelo con la situazione delle lotte operaie chiuse nell'ambito aziendale (Sulcis, Alcoa, ecc.). Se non si esce dai sistemi chiusi, le lotte sono destinate a spegnersi per mancanza di ossigeno. Una fonte di ossigeno potrebbe essere il coordinamento attraverso il Web (99 Picket Lines).

Cosa possono risolvere i proletari greci o quelli italiani se non riescono ad uscire dai rispettivi orticelli? Sotto la spinta della crisi del Capitale, i proletari dovranno per forza coordinarsi a livello internazionale. Marx ed Engels nel Manifesto scrivevano: "Gli operai non hanno patria. Non si può togliere loro quello che non hanno".

Altra esperienza di lotta da tenere d'occhio è quella tarantina poichè si sta sviluppando mettendo in campo organizzazione territoriale, uso dei social network e la rivendicazione del salario ai disoccupati. Sabato 13 ottobre (lo stesso giorno del Global Noise) è stata indetta una manifestazione a Taranto. Il Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti nasce in risposta all'immobilismo sindacale e coinvolge lavoratori dell'Ilva, disoccupati e precari: "Siamo uomini e donne stanchi di dover scegliere tra lavoro e salute. Imputiamo all'intera classe politica di essere stata complice del disastro ambientale e sociale che da cinquant'anni costringe la città di Taranto a dover svendere diritti in cambio del salario. Siamo stanchi di essere rappresentati da sindacalisti che invece di difendere i diritti dei lavoratori salvaguardano i profitti dell'azienda. Pretendiamo che chi ha generato questo dramma, lo Stato prima, la famiglia Riva poi, paghi per il disastro prodotto. Non vogliamo più pagare con le nostre vite e con i nostri corpi le conseguenze di una crisi ambientale, economica e sociale di cui si conoscono i colpevoli."

Tra le molecole individuali che compongono l'insieme della nostra specie esistono innumerevoli relazioni, dovute non solo ai contatti fra individui ma all'intera storia umana da essi rappresentata mentre la vivono. Per questo, ad ogni stadio cruciale del suo corso, si sono sempre innescati processi di auto-organizzazione in rottura con gli equilibri precedenti.

Articoli correlati (da tag)

  • Le curve della catastrofe

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata con la segnalazione di un articolo pubblicato sul Corriere della Sera, sulla relazione tra cambiamenti climatici e crisi finanziarie.

    Proprio in questi giorni si sta svolgendo a Davos il World Economic Forum per discutere delle questioni in materia di salute e di ambiente, ma soprattutto di business. L'ecologismo nasce con le prime organizzazioni di nobili inglesi che erano costretti a respirare i veleni della Londra dei primi dell'800. Essendo un argomento interclassista per eccellenza mette d'accordo tutti, nessuno può negare che l'impronta ecologica è data; mentre si nega invece, per principio, l'incapacità del capitalismo ad affrontare questa situazione. Nell'articolo "Un modello dinamico di crisi" del 2008 avevamo visto come già nel 1961 l'umanità consumava il 50% della biocapacità media del pianeta, mentre nel 2003 ne consumava già il 125%. L'impronta ecologica offre la misura di quanto s'è allargato il divario fra l'equilibrio termodinamico e la dissipazione di energia, cioè di risorse che, perdurando il sistema capitalistico, andranno irreversibilmente perdute, come la foresta primaria o l'acqua di molti fiumi a causa del prelievo per l'agricoltura e per le metropoli. La massa biologica sulla terra è una piccola parte rispetto alla massa del pianeta intero. L'uomo intacca la prima, logorando le possibilità per la sua stessa riproduzione. Tuttavia, la Natura ha prodotto l'uomo il quale si dovrà adeguare alla condizione della biosfera: una delle conseguenze della distruzione di massa biologica innescata dall'attività umana è la perdita di biodiversità sul nostro pianeta per cui si sta andando verso la sesta estinzione di massa, peggiore di quella del Cretaceo quando il 95% delle specie esistenti è scomparso dalla faccia del Pianeta.

  • Lotta contro la guerra, lotta contro il capitalismo

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 13 compagni, è iniziata parlando di quanto accade in Iran.

    Come avevamo detto nella scorsa teleconferenza ("La guerra nel mondo globalizzato esiste sempre"), non è "scoppiata" nessuna particolare guerra tra America e Iran, per la semplice ragione che quest'ultimo paese non ha i mezzi per rispondere alla potenza militare degli Usa; l'attacco dell'8 gennaio alle basi irachene che ospitano anche i militari Usa, non solo ha causato pochi danni, ma secondo alcune fonti giornalistiche sarebbe stato annunciato preventivamente alle autorità locali. Abbattendo il volo ucraino con 176 passeggeri a bordo, l'Iran ha compiuto un grande errore militare, scambiando un aereo civile per un velivolo nemico. In seguito a questa tragedia, gli studenti iraniani hanno manifestato contro il governo e i vertici del regime islamico, in primis contro l'ayatollah Khamenei. Dopo la rivolta di novembre dello scorso anno, repressa nel sangue dalle forze di polizia, la propaganda di regime degli ultimi giorni descriveva una società compatta contro il nemico americano, ed invece le proteste sono tornate mostrando un fronte interno tutt'altro che pacificato.

    La cosa importante del presente "ciclo" di manifestazioni in Libano, Iraq, Cile, Francia, Iran, e in ultimo Martinica e Guadalupe, è il fatto che i manifestanti prendono di mira il proprio governo, la propria borghesia, arrivando alla conclusione che il nemico è prima di tutto in casa.

  • La guerra nel mondo globalizzato esiste sempre

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'attacco missilistico americano vicino all'aeroporto di Baghdad, che è costato la vita al generale iraniano Qassam Soleimani e alla sua scorta.

    Contrariamente a quanto affermato dal settimanale l'Internazionale, gli Stati Uniti non hanno iniziato con questa azione una guerra contro l'Iran, dato che un conflitto è già in corso da tempo: nel mondo globalizzato d'oggi la guerra esiste sempre, anche quando tacciono i cannoni. Nell'articolo "Dall'equilibrio del terrore al terrore dell'equilibrio", analizzando le trasformazioni avvenute negli ultimi cinquant'anni, abbiamo scritto che "la guerra all'ultimo sangue tra concorrenti non avviene più per conquistare aree di sbocco alle proprie merci e capitali ma per ripartire il plusvalore prodotto in un mondo ormai interamente conquistato dal Capitale."

    Soleimani rappresentava un importante hub nella rete di rapporti che l'Iran ha costruito negli anni in Libano, Yemen, Siria e Iraq, ottenendo risultati militari e politici non indifferenti. Il missile che ha colpito il suo generale nella capitale irachena è quindi un avvertimento, al quale potrà rispondere solo con azioni simboliche, o al massimo creando fastidi intorno all'importante stretto di Hormutz. Ma in ogni caso non potrà pestare troppo i piedi agli Stati Uniti, per il semplice motivo che non ne ha la forza.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email