Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  2 ottobre 2012

Struttura dell'economia e forza produttiva sociale

Si è commentata la traiettoria di OWS: gli americani continuano a ri-lanciare date e appuntamenti internazionali ma sembra che, ad oggi, la forma (organizzativa) prevalga sul contenuto (politico). In tutti i casi il movimento Occupy, o quello che nascerà dalle sue ceneri, sarà obbligato a raggiungere una coincidenza tra forma e contenuto per passare ad un livello superiore.

In Italia si assiste al massimo al lancio del "No Monti day" fissato per il 27 Ottobre. Nella penisola la protesta sembra attenuata ma, applicando la legge di potenza anche ai movimenti sociali, l'esplosione sarà di certo poderosa proprio per l'energia accumulata. Le manifestazioni in Spagna anticipano quanto potrebbe accadere anche qui da noi e, essendo l'Italia un importante hub europeo, la sua influenza sugli altri nodi della rete sarà inevitabile. Lo possiamo già riscontrare, seppur in maniera contraddittoria, in quanto sta accadendo a Taranto: anche se il Comitato Cittadini Liberi e Pensanti spinge verso il blocco della produzione piuttosto che della città, la rivendicazione che affiora è quella di un salario per vivere.

Circolano diversi articoli dedicati al calo dei salari dei precari e il riscontro lo si ha leggendo siti come il Manifestino, il quale riporta che il costo medio di un lavoratore delle cooperative della logistica non supera i 4 euro all'ora. In questo sfaldarsi di garanzie e certezze la saldatura di lotta tra precari e non, fino a qualche tempo fa difficile da immaginare, oggi appare l'unica soluzione possibile.

Il tentativo più che disperato del governo italiano di rimediare ad una situazione disastrosa resta quello della razionalizzazione degli enti governativi con il taglio a Province e Regioni, in quest'ottica vanno lette le recenti indagini della Magistratura. Monti probabilmente non si tirerà indietro per il prossimo mandato: se il golpetto è andato in porto, il "golpone" inizia a profilarsi all'orizzonte.

A livello internazionale circolano voci più o meno fantasiose su uno Yuan utilizzato come moneta convertibile nella compravendita di petrolio in sostituzione a dollaro ed euro. Ma proprio il doppio vincolo in cui si trova lo Yuan ne impedisce l'affermazione come moneta internazionale: se, ad esempio, la Cina comprasse dall'Argentina e pagasse in Yuan, l'Argentina sarebbe costretta a comprare solo dalla Cina proprio perché lo Yuan non è convertibile.

Per i compagni che non hanno partecipato alla riunione redazionale di Pesaro, si è fatta una breve sintesi delle relazioni a partire da quella su Gramsci.

Gramsci trasporta tutto il suo retroterra ideologico-concretistico nel movimento socialista e comunista teorizzando che dall'analisi dei fatti contingenti sia possibile modellare volontaristicamente la sovrastruttura della società. Egli sostiene, nel periodo torinese dell'Ordine Nuovo, che le classi subalterne devono conquistare il potere attraverso la gestione gradualista, pezzo per pezzo, del sistema di produzione; gli operai attraverso i consigli di fabbrica si appropriano gradualmente del controllo della società. Successivamente nelle contro-tesi di Lione del 1926, egli sembra presentare una posizione rivoluzionaria per cui l'assalto allo Stato deve avvenire attraverso un partito ispirantesi al modello russo (bolscevizzazione) quasi fosse possibile fornire una formula magica per fare la rivoluzione. Nei Quaderni del carcere (1929-1935), invece, egli ritorna alla teoria della conquista della società civile pezzo per pezzo proponendo, al posto dell'operaio e dei consigli di fabbrica, la figura dell'intellettuale organico come colui che opera per l'egemonizzazione ideologica della società. Nella relazione sono stati messi in luce questi tre passaggi per sottolineare proprio la coerenza nell'incoerenza a cui ogni volta Gramsci è costretto per modellare la "sua" teoria in base a quanto accade.

Leggendo il materiale della Sinistra Comunista "italiana" sappiamo bene che quando la rivoluzione indietreggia sono in pochi a tenere duro, basta leggere Fiorite primavere del capitale. Ampie critiche alle posizioni idealistiche è possibile trovarle anche ne I fondamenti del comunismo rivoluzionario in cui vengono messi in sequenza storica tutti gli immediatisti, da Proudhon a Stalin. Anche qui non si tratta di prendersela con gli individui, i nomi famosi servono solo per identificare determinate fasi dello sviluppo della società.

Una delle relazioni pesaresi ha riguardato il copyright e la difesa della proprietà intellettuale. Il dibattito sulle nuove tecnologie, oggi, sembra finisca col diventare una questione di tipo morale. Dal potenziale computer universale (general purpose) che le tecnologie consentirebbero, siamo costretti dalle leggi di mercato, e lo saremo sempre più, ad utilizzare macchine limitate, circoscritte al proprio hardware e a poche funzioni come ad esempio una lavatrice o un ferro da stiro. L'effetto è duplice: limitare lo sviluppo delle tecnologie e circoscrivere l'hardware a poche funzioni, obbligando i consumatori ad acquistare un flusso continuo di merci magari attraverso il versamento di un canone a vita. Le merci continue tendono a soppiantare quelle discrete e l'unico modo per difendere questo meccanismo è frenare la forza produttiva sociale, costringendola in sistemi chiusi. Di sicuro questa si ribellerà, come è sempre accaduto nella storia, e troverà i modi per rivelarsi. Lo studioso Cory Doctorow nella sua analisi sui sistemi informatici si spinge sulle terre di confine tra capitalismo in coma e società futura.

Un esempio di "chiusura" potrebbe essere quello dell'Iran che da qualche tempo sta cercando di dotarsi di una rete Internet propria nel tentativo di rendere il meccanismo della Rete controllabile.

L'ultima relazione esposta a Pesaro ha affrontato la struttura frattale dell'economia politica. A partire dal testo di Minsky Potrebbe ripetersi? Instabilità e finanza dopo la crisi del '29, si è dimostrato come l'economia politica attraversi fasi destinate ad essere superate per anticipazione delle successive e per saturazione delle precedenti. La prima fase capitalistica è quella che fa leva sulla produzione. La seconda procede verso un sistema speculativo-finanziario e quella successiva ad una finanziarizzazione massima del Capitale che viene ben descritta nel libro Shock economy di Naomi Klein. Se si prendono in maniera separata le singole fasi e le si trattano come dei frattali, si ritrova la stessa struttura anche a scale più ridotte. Minsky opera una ripartizione che vede il primo livello del corso del capitalismo manifestarsi attraverso la produzione mentre il secondo attraverso la sovrapproduzione. Fin qui l'economista post-keynesiano intravede possibilità di aggiustamenti da parte di "volenterosi" Stati. Al terzo livello siamo al caos totale: gli Stati non possono più nulla e l'intervento della finanza e gli aspetti di un economia assolutamente globalizzata rendono il Sistema fragile e passibile di crollo.

Facendo uno zoom su quest'ultimo periodo, ci troviamo dinanzi alla famosa biforcazione che vede la massima autonomizzazione del Capitale contrapposta alla necessità borghese di un governo mondiale che metta ordine nel caos politico sociale ed economico. Come spesso diciamo, se vuole salvarsi il Capitale è costretto a negarsi, dando vita a strutture sovranazionali... ma ad un certo punto l'involucro capitalista stenta a riconoscersi.

Articoli correlati (da tag)

  • Droga economica ed esistenza drogata

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 13 compagni, è iniziata con la segnalazione di un articolo del Corriere della Sera in cui si afferma che, sin dal dicembre del 2019, alcuni medici di Wuhan segnalarono alle autorità la presenza di un virus anomalo. Il governo cinese decise, però, di tenere nascosta la notizia e mandò la polizia ad ammonire i "propagatori di voci", oscurando la loro chat online. La guerra commerciale (e non) tra le borghesie concorrenti si combatte sempre, e passa anche attraverso il monopolio dell'informazione. Ed è una guerra, nell'epoca di Internet, che viene combattuta con la disinformazione, con le fake news, il terrorismo psicologico o la minimizzazione di fenomeni pericolosi.

  • Rovesciare la prassi

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 13 compagni, è iniziata commentando le ultime notizie provenienti dalla Francia.

    Il paese è al tredicesimo giorno consecutivo di proteste e scioperi. Secondo la CGT, oggi [martedì 17] sono scesi in strada 1,8 milioni di persone; nell'area intorno a Parigi si sono formati trecento chilometri di code a causa del blocco del trasporto metropolitano, mentre nella zona di Lione e nella regione della Gironda circa 90.000 case sono rimaste a tratti senza luce per le azioni volontarie commesse da esponenti del sindacato CGT nella rete elettrica. Le cinque maggiori sigle sindacali si sono presentate unite alle mobilitazioni, ma il governo sembra non aver alcuna intenzione di fare marcia indietro sulla riforma pensionistica. Uno sciopero ad oltranza che va avanti da 13 giorni è già di per sé notevole, e se il braccio di ferro dovesse continuare, con i blocchi dei trasporti, molto presto potrebbero esserci problemi con gli approvvigionamenti nella capitale. In quel caso potrebbe anche scattare il panico, con tanto di assalti ai supermercati, come visto recentemente in altri paesi.

    Non è da escludere che la situazione francese evolva nella direzione di uno scontro aperto tra le classi, andando oltre la stessa questione delle pensioni. Il proletariato si caratterizza per non avere riserve, e cioè nulla da perdere in questa società; la miseria crescente scava profondi solchi nella società separando irreversibilmente il simbolico 99% dall'1%. Dal punto di vista politico, Italia, Francia e Germania sono paesi molto diversi e può essere utile fare dei paragoni. In Italia la situazione corporativa di vecchia data vede sindacati, imprenditori e governi mettersi d'accordo senza bisogno di trattative, perché ognuno degli elementi sa benissimo cosa fare. In Germania, gli scioperi preventivi vengono iniziati dai metalmeccanici e tutte le altre categorie seguono a ruota. La Francia non è nuova agli scioperi ad oltranza e ciò denota una immaturità del sindacato rispetto a quello italiano, che affonda le proprie radici nel modello corporativo di matrice demo-fascista.

  • Movimenti senza leader

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata prendendo spunto dal dibattito politico in corso riguardo la riforma del MES.

    Il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche fondo salva-Stati, è un'organizzazione intergovernativa dei paesi della zona euro che ha la funzione di mantenere la stabilità finanziaria dell'area. Il fondo ha una dotazione di 80 miliardi di euro, ma ne può raccogliere sui mercati fino a 700 attraverso l'emissione di titoli con la garanzia degli stati che vi aderiscono. Tutto sommato, si tratta di poco, specialmente se con questi soldi si pensa di poter contrastare gli effetti di un prossimo crack. Per fare un confronto, basti considerare che il PIL dell'eurozona si aggira intorno ai 16mila miliardi di euro.

    Al di là delle polemiche tra partiti, tra favorevoli e contrari, ciò che interessa mettere in luce è la contraddizione in cui gli stati dell'Unione Europea si dibattono: da una parte il fondo serve ad intervenire se un paese rischia di andare in default, dall'altra determina un controllo delle finanze sui singoli paesi togliendo autonomia agli esecutivi. Il capitalismo europeo ha la necessità di superare i confini nazionali per poter competere con giganti come Cina e Usa, ma al tempo stesso deve fare i conti con le singole borghesie, vincolate agli interessi nazionali. Un meccanismo in atto che vede le dinamiche centripete scontrarsi con quelle centrifughe. Lo stesso discorso vale per il capitalismo mondiale: essendo un sistema internazionale di scambio di merci e di flussi di valore, richiede organismi sovranazionali come la Banca Mondiale, il Fondo monetario internazionale, l'Organizzazione mondiale della sanità e il WTO, ma questi non funzionano come dei ministeri perché non fanno capo ad un esecutivo unico mondiale, ma alle esigenze dei singoli paesi, in primis di quelli più forti, che hanno maggior potere di ricatto. Non solo dal 2008 ad oggi non è stato recuperato il livello precedente di crescita, ma addirittura il commercio mondiale è sceso. Di fronte a tutto ciò, i provvedimenti della borghesia sono di una leggerezza incredibile: servirebbe un po' di coraggio, smettendo di foraggiare le banche e cominciando a versare i soldi direttamente nei conti correnti dei cittadini, come suggerito dal Wall Street Journal.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email