Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  8 gennaio 2013

Crisi del movimento rivendicativo e miseria crescente

Segna un nuovo record storico il tasso della disoccupazione in Grecia. A ottobre la percentuale dei senza lavoro è salita all'incredibile 26,8% rispetto al 26,2% del mese precedente e dal 19,8% dell'ottobre del 2011, un anno prima. Lo dichiara l'Istituto di statistica ellenico che, scorporando i dati, rende noto che sotto i 24 anni la disoccupazione tocca quota 56,6% e tra le donne il record del 30,4%. Secondo gli analisti il numero di senza lavoro in Grecia crescerà ancora, almeno nel 2013, anche a causa dei massicci licenziamenti nel settore pubblico previsti dal governo Samaras e imposti dall'Unione Europea. La disastrosa situazione greca trova oramai sempre meno spazio sulle pagine dei giornali. Paese con meno di dodici milioni di abitanti e con poche aeree urbane, la Grecia si trova per ora isolata rispetto agli altri paesi europei e, nonostante i numerosi scioperi generali e i quotidiani focolai di lotta, potrà uscire dallo stallo solo se nasce un'organizzazione a livello continentale. I governi dei PIIGS, dal canto loro, utilizzano una forte pressione psicologica sulle rispettive popolazioni accusando i lavoratori di aver vissuto sopra le proprie possibilità: la crescita del debito pubblico ne sarebbe la dimostrazione.

Le borghesie nazionali non sanno più che altro dire per rendere in qualche modo plausibili i tagli "lacrime e sangue" dettati dalle politiche di austerity, arrivando persino a promuovere, attraverso le proprie propaggini di sinistra, insulse campagne contro il debito.

In questa situazione molto fluida, a Roma ma anche in altre città, assistiamo alla ribellione dei lavoratori delle cooperative della logistica, per la maggior parte immigrati poco inclini a seguire le vie riformistiche e a favore, invece, di scioperi selvaggi che rivendicano, senza tante storie, quello che c'è da rivendicare (salario e migliori condizioni lavorative). Alcuni compagni presenti alle assemblee di questi lavoratori riferiscono di una atmosfera frizzante.

Chicago86, sito per "il coordinamento dei lavoratori in lotta", presta attenzione a queste lotte tenendosi pronto a captare tutto quello che può accadere di qui in avanti nell'ambito dello scontro capitale/lavoro: "Continuando a lottare ognuno nel proprio posto di lavoro non andremo da nessuna parte. Dobbiamo cominciare a mettere in campo la nostra forza, l'unico linguaggio che i nostri avversari capiscono."

Per adesso i lavoratori della Sda/Poste hanno ottenuto quello che chiedevano ma si aspettano ritorsioni da parte padronale. In questa situazione di ricatto continuo potrebbe prendere piede un'organizzazione territoriale per mettere in collegamento i lavoratori di Roma, quelli dell'Ikea e quelli dei grandi centri distributori (Dhl, Brt, Tnt, aeroporti, ecc.). All'Ikea di Piacenza si segnala una prima vittoria; picchetti, scontri con la polizia ed una campagna di solidarietà ben organizzata hanno dato i lorofrutti. La lotta dei lavoratori delle cooperative si è diffusa a/in rete, anche tramite immigrati che si tengono in contatto di città in città.

Il Si Cobas è molto presente in queste lotte. Nato da una scissione dello Slai Cobas proprio sulla questione della centralità o meno delle lotte nelle cooperative, questo sindacato di base si è trovato a fare da hub. Potrebbe capitare a chiunque sia attivo in quel settore fungere da catalizzatore: come visto nella vertenze alla Sda/Poste di Roma, chi arriva per primo, è bene organizzato e ha qualcosa da dire, prende in mano la situazione e lascia la sua impronta.

Altre notizie che arrivano dal mondo "sindacale" riguardano la Sardegna, dove i figli degli operai delle miniere in dismissione si sono accampati sotto la Regione, dando vita ad una manifestazione in stile Occupy. Anche a Taranto vediamo modalità organizzative che ricordano OWS, il comitato "lavoratori e cittadini" si muove su base territoriale e rivendica un salario per vivere.

A proposito di salario garantito, il presidente uscente dell'Eurogruppo Jean Claude Juncker, ha lanciato un appello affinché si ritrovi "la dimensione sociale dell'unione economica e monetaria, con misure come il salario minimo in tutti i Paesi della zona euro, altrimenti perderemmo credibilità e approvazione della classe operaia, per dirla con Marx".

Sono decine e decine lungo lo Stivale le fabbriche occupate dagli operai, in tante i lavoratori si arrampicano sui tetti o si barricano all'interno ma, come diciamo da tempo, l'autolesionismo è una pratica che non paga e prima o poi bisognerà scendere in massa nelle piazze. Il fronte unico proletario propugnato dal PCd'I negli anni Venti è ancora un valido indirizzo d'azione.

Su Rassegna.it l'economista Stiglitz ipotizza che "l'Europa vivrà un futuro di violenza", e viene fatto un paragone con la Primavera araba. "La Croce Rossa prevede da due a quattro anni particolarmente difficili in Europa", ha aggiunto il direttore dell'agenzia umanitaria internazionale, Yves Daccord, in un'intervista al quotidiano danese "Politikern". "Osserviamo che nella maggior parte del mondo le persone sono sempre più sotto pressione, anche in Europa", ha aggiunto. "La nostra stima è che i prossimi 2-4 anni saranno drammatici per i paesi della zona euro, davvero molto difficili". In Europa l'arrivo di un'ondata di protesta delle dimensioni della Primavera araba provocherebbe ben altri scenari che non la semplice caduta di qualche presidente, anche perché nei paesi europei c'è una tradizione politica assente altrove. Interessante notare che a due passi dall'Italia, nella piccola Slovenia, si sta sviluppando un forte movimento di lotta, molto simile a quello degli indignados spagnoli e a quello degli occupiers americani.

Vengono sempre più fortemente percepiti un malessere diffuso, una mancanza di prospettive per il futuro, una rabbia crescente verso la vita senza senso. Lo scoppio di una rivolta di massa in Europa si tirerebbe dietro il mondo perché al giorno d'oggi tutto è interconnesso. Un articolo interessante apparso su La Stampa ci dice che l'Fbi ha sabotato Occupy Wall Street. La borghesia americana, ma anche quella degli altri paesi, è preoccupata dall'andamento della crisi e teme il radicalizzarsi dei movimenti anticapitalisti. Quando si presenterà un movimento anonimo e tremendo su scala globale tutta l'energia sociale che si è accumulata in questi decenni farà saltare i paradigmi del passato, come una valanga che, mentre avanza, si ingrossa e travolge tutto.

Ritornando alla situazione locale, le prossime elezioni italiane vedranno probabilmente, non essendoci una maggioranza certa, il riproporsi di un governo tecnico. Dal punto di vista parlamentare dovranno cambiare molti paradigmi ma non c'è più tempo a disposizione per la ri-forma, il sistema arranca e tende al suicidio. In un editoriale di Repubblica, Scalfari consigliava a Monti di virare a sinistra ma il professore ha preferito mantenere la barra al centro. Non è da escludere una degenerazione del sistema, alla greca: se non emerge un indirizzo politico unitario su cui poter confidare, la gente cercherà di cavarsela come può, tuttavia quando si arriva al 37% digiovani disoccupati o di stagisti schiavi, il già indebolito tessuto sociale non può che risentirne.

Di fronte a questa situazione si stanno mettendo in moto spontanee reti di mutuo soccorso che si richiamano, qui e ora, ad un altro modo di vivere: "Co-housing ovvero vivere insieme, co-working ovvero lavorare uniti. E ancora gruppi di acquisto solidale che raggruppano fino a sette milioni di persone, mercatini del baratto e una miriade di orti collettivi nella grandi città. Così sta crescendo un movimento silenzioso che fa fronte alle difficoltà di questi anni."

Aumentare la compressione verso il basso dei redditi, stringere cioè la cinghia ancora di più, significa alimentare tutte quelle spinte sociali che invece la borghesia avrebbe tutto l'interesse a contenere. Anche perché oramai si sta sguazzando in una palude senza più vulcani. Nei paesi industriali, con l'eccezione degli Stati Uniti, siamo ad un figlio per donna; la popolazione europea si mantiene stabile solo grazie agli immigrati, ma tra un pò tenderà a diminuire. Quando una società non fa più cuccioli è pronta per morire. E come abbiamo scritto nell'articolo "Una vita senza senso", oggi la famiglia, la parrocchia, la fabbrica, i partiti, i sindacati, cioè i ghetti di ordine superiore che contenevano razionalmente le spinte sociali, secondo i Servizi segreti italiani hanno esaurito la loro funzione:

"L'evolversi della società postindustriale ha profondamente modificato alcuni di questi 'pilastri sociali'. Il progressivo incremento del numero di persone escluse dal mondo del lavoro (soprattutto nel comparto industriale e nel settore giovanile) ha, infatti, ridimensionato la classe dei lavoratori e spinto all'espansione un nuovo gruppo sociale identificabile negli esclusi."

Cosa può proporre un sindacato oggi agli "esclusi"? Anche le briciole corruttrici sono finite, un intero paradigma sta morendo e l'involucro non corrisponde più al contenuto. La famiglia è un elemento (storico) di riproduzione della specie per cui ci vogliono almeno due figli per donna, se si scende al di sotto la famiglia decade. Il figlio unico è un'anomalia del nostro tempo. Il fascismo incentivava la nascita dei figli come pure la stessa Francia di De Gaulle (a tal proposito la Cina si troverà nei guai quando crescerà la generazione dei figli unici).

Sempre nell'ambito dello sgretolamento dei rapporti sociali in atto e delle convulsioni che genera, un articolo recuperato in rete mette in luce come il disagio giovanile stia alimentando fortemente l'espansione di gang violente in America. In sintesi, vi sono 1 milione e 400mila appartenenti a queste gang; dal 2009 a oggi il numero di appartenenti è aumentato con un balzo del 40%. La forte disoccupazione giovanile, la disgregazione familiare e l'emigrazione clandestina impossibilitata a sostentarsi col lavoro sono i fattori scatenanti di questa impennata.

Al giovane senza riserve non viene fatta un'ingiustizia particolare e non gli sono negati particolari diritti; su di lui ricade l'ingiustizia universale e non può far altro che "spezzare le catene", cioè liberare la forma nuova dai legami che non la lasciano sorgere.

Ecco dunque un fatto nuovo: la "politica" del futuro, di cui abbiamo avuto qualche saggio significativo benché per ora non influente, non mette più al centro la "rivendicazione", qualunque essa sia. Il movimento rivendicativo è in via di estinzione, come dimostrano le manifestazioni di massa, che per i partecipanti valgono più per sé stesse che per le motivazioni accampate dagli organizzatori.

Il progetto di dar vita a un sito internet che renda pubblici i resoconti delle teleconferenze ed i semilavorati presenti nella Wiki, potrebbe aprire un'altra finestra per comunicare con il mondo. Anche le corrispondenze, in alcuni casi, sarebbero da rendere pubbliche. Questo sito sarebbe collegato a quello principale di "n+1" e fungerebbe da palestra per allenarsi a dialogare con l'esterno. La difficoltà sta nell'evitare di scadere in sterili dibattiti e chiacchiere da bar.

In margine alla discussione, s'è fatto cenno di una relazione da farsi a breve su Galileo, che continua e integra gli argomenti trattati dalle relazioni su Einstein e Popper.

Articoli correlati (da tag)

  • Movimenti senza leader

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata prendendo spunto dal dibattito politico in corso riguardo la riforma del MES.

    Il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche fondo salva-Stati, è un'organizzazione intergovernativa dei paesi della zona euro che ha la funzione di mantenere la stabilità finanziaria dell'area. Il fondo ha una dotazione di 80 miliardi di euro, ma ne può raccogliere sui mercati fino a 700 attraverso l'emissione di titoli con la garanzia degli stati che vi aderiscono. Tutto sommato, si tratta di poco, specialmente se con questi soldi si pensa di poter contrastare gli effetti di un prossimo crack. Per fare un confronto, basti considerare che il PIL dell'eurozona si aggira intorno ai 16mila miliardi di euro.

    Al di là delle polemiche tra partiti, tra favorevoli e contrari, ciò che interessa mettere in luce è la contraddizione in cui gli stati dell'Unione Europea si dibattono: da una parte il fondo serve ad intervenire se un paese rischia di andare in default, dall'altra determina un controllo delle finanze sui singoli paesi togliendo autonomia agli esecutivi. Il capitalismo europeo ha la necessità di superare i confini nazionali per poter competere con giganti come Cina e Usa, ma al tempo stesso deve fare i conti con le singole borghesie, vincolate agli interessi nazionali. Un meccanismo in atto che vede le dinamiche centripete scontrarsi con quelle centrifughe. Lo stesso discorso vale per il capitalismo mondiale: essendo un sistema internazionale di scambio di merci e di flussi di valore, richiede organismi sovranazionali come la Banca Mondiale, il Fondo monetario internazionale, l'Organizzazione mondiale della sanità e il WTO, ma questi non funzionano come dei ministeri perché non fanno capo ad un esecutivo unico mondiale, ma alle esigenze dei singoli paesi, in primis di quelli più forti, che hanno maggior potere di ricatto. Non solo dal 2008 ad oggi è stato recuperato il livello precedente di crescita, ma addirittura il commercio mondiale è sceso. Di fronte a tutto ciò, i provvedimenti della borghesia sono di una leggerezza incredibile: servirebbe un po' di coraggio, smettendo di foraggiare le banche e cominciando a versare i soldi direttamente nei conti correnti dei cittadini, come suggerito dal Wall Street Journal.

  • Ma quale futuro?

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata commentando alcune notizie riguardanti le energie rinnovabili.

    Pare che negli Stati Uniti un gruppo di scienziati abbia sviluppato un sistema di specchi che, sfruttando l'energia solare, riesce a raggiungere la temperatura di 1000 gradi. L'obiettivo dell'esperimento è di arrivare ai 1500, la condizione necessaria per fondere l'acciaio, ed eliminare progressivamente la dipendenza dai combustibili fossili (en passant: i primi esperimenti per ottenere alte temperature attraverso specchi parabolici sono stati condotti dal premio Nobel Carlo Rubbia in Italia con il progetto Archimede, poi esportato in Spagna). Che sia la soluzione per produrre energia senza inquinare l'ambiente? Abbiamo dei dubbi in merito. Basti pensare all'Ilva di Taranto: anche se riuscisse a produrre da sé tutta l'energia necessaria, rimarrebbe comunque un gigante inutile. Insomma, bisogna sempre chiedersi che senso abbia adoperare certe tecnologie ed in funzione di quale produzione. Non è un problema di natura tecnica, riferita al variare delle fonti energetiche (in ultima istanza tutte riconducibili al lavoro del Sole), ma di natura sociale: l'attuale modo di produzione non conosce sé stesso, bada solo al profitto, e quindi continuerà a sprecare energia e a distruggere l'ambiente.

  • Un mondo, una rivolta

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, è iniziata riprendendo il tema della parabola storica del plusvalore, nell'ottica di analizzare le profonde determinazioni che stanno alla base delle proteste e delle rivolte attualmente in corso in diversi paesi.

    Prendiamo il caso di FCA (ex Fiat). L'azienda impiega circa 200mila dipendenti in tutto il mondo, produce circa 5 milioni di autovetture all'anno, e per il 2018 ha dichiarato un fatturato di 110 miliardi di dollari. Pur esistendo un unico marchio che ne identifica le merci, la maggior parte dei componenti che vengono poi assemblati negli stabilimenti è prodotta da una rete di imprese in outsourcing. Da un pezzo la fabbrica è uscita dalle mura aziendali, distribuendosi sul territorio grazie al sistema della logistica; oggi non esiste più la grossa fabbrica verticale di novecentesca memoria che produceva tutto da sé, ma le lavorazioni sono state in prevalenza esternalizzate ("Sull'uscita di Fiat da Confindustria e alcuni temi collegati"). Se in Italia agli inizi del 2000 la Fiat contava 112mila addetti, oggi Fca ne impiega 29mila, comprese Maserati e Ferrari.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 236, 18 novembre 2019

f6La sussunzione della società al capitale
f6Economia e Big Data
f6Di che colore è Hong Kong?
f6Iraq. Verso la guerra civile?
f6Bistecca vegana senz'osso
f6Olocrazia
f6Bisognava pensarci prima

Leggi la newsletter 236
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email