Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  29 gennaio 2013

Finanza "bluff" e primavera araba

La riunione pubblica di n+1 "Non è una crisi congiunturale", che si è svolta a Parigi lo scorso 25 gennaio e che ha visto l'inaspettata presenza di una quarantina di persone, ha seguito un percorso espositivo suddiviso in tre fasi: una parte metodologica, una centrale di approfondimento ed infine una dedicata alle previsioni per il futuro. Il pubblico presente ha mostrato interesse ed attenzione per tutta la durata della conferenza.

Al termine della relazione alcuni intervenuti hanno criticato il lavoro di n+1 sia perché non sarebbe abbastanza incentrato su temi fondamentali, quali la rivoluzione e il partito, sia per "evidenti" tendenze all'ecologismo e al comunitarismo. Decisamente più stimolante invece l'interessamento di un giovane, estraneo agli ambienti terzinternazionalisti, che ha proposto uno studio di approfondimento delle tabelle sulla mineralizzazione. Tra gli intervenuti anche i rappresentanti di un gruppo di ferrovieri (Assemblea Generale interpo "Gare de l'Est et Île de France") i quali hanno espresso un giudizio positivo sulla relazione e sul lavoro presentato. L'esperienza parigina è stata molto positiva e proficua per il lavoro.

Sempre a proposito di crisi strutturale del capitalismo, la recente vicenda dei conti truccati alla banca Monte Paschi di Siena è un'ulteriore verifica di quanto andiamo dicendo da anni, poiché dimostra l'andazzo autoreferenziale e autonomizzato del capitale finanziario. L'alto rendimento di uno strumento finanziario è di tipo paradossale: può essere dovuto ad un solido retroterra produttivo (i classici "fondamentali") oppure basarsi su di un piedistallo talmente fragile che il rischio corso dev'essere pagato con criteri da strozzini. Anni fa, notando che i titoli ad alto rischio si vendevano bene, qualcuno inventò i cosiddetti junk bonds, i titoli spazzatura. Il rischio era compensato dal rendimento, almeno finché al tavolo del poker non si fu costretti ad andare a "vedere", scoprendo il bluff. Era l'epoca pionieristica. Da allora gli strumenti si sono affinati e non compaiono più con il loro vero volto, ma sono impacchettati in altri strumenti dal contenuto variegato. Negli USA sono state stanziate decine e decine di miliardi di dollari al mese, tutti i mesi, per ripianare lo scoperto delle banche in titoli tossici. Quando le banche vengono salvate in questo modo sono oggettivamente nazionalizzate, anche se non è ammesso ufficialmente. Della serie: costi pubblici, profitti privati.

Tutte le banche hanno fatto operazioni dello stesso genere di quelle effettuate da MPS, ma alcune sono state scoperte ed altre no. Probabilmente il fatto che a Siena vengano a galla solo adesso determinati "traffici", rientra nei giochi politici legati alla prossima tornata elettorale: si colpisce il PD (che ha un ruolo importante nel controllo della Fondazione MPS) in modo da avvantaggiare il listone montiano.

La crisi continua a mordere anche in Egitto dove proseguono situazioni di forte tensione sociale. A tal proposito gli alti vertici dell'esercito hanno dichiarato che c'è il forte rischio di "collasso dello Stato"; il clima instabile, anche di guerriglia, sta facendo scricchiolare l'impalcatura istituzionale. Di fronte a questa situazione gli organismi preposti al mantenimento dell'ordine non possono che rispondere con un abbondante uso della forza: nelle ultime manifestazioni ci sono state parecchie vittime e a Port Said, Suez e Ismailiya è stato proclamato il coprifuoco. Inoltre la Camera del Parlamento ha dato ai militari la possibilità di arrestare i civili conferendogli lo stesso potere delle forze di polizia.

Come scritto nel volantino "L'Egitto in rivolta al centro di un ampio marasma sociale", gli scontri non potevano certo concludersi con la semplice caduta di Mubarak dati i motivi materiali che hanno fatto scatenare la sommossa. Gli scioperi non sono mai terminati dalla caduta del "faraone".

Quanto accade in Egitto è solo un aspetto di un più vasto ribollire sociale. In un articolo dell'"Economist" sul Mali, viene fatto un parallelo con la situazione dell'Afghanistan dove le truppe occidentali sono impantanate da un decennio. Se la guerra civile in corso in Siria si estende a tutta l'area, la situazione risulterà molto vicina ad uno scenario di tipo catastrofico.

Nell'area subsahariana, l'Egitto è il paese più strutturato con uno Stato adatto più di altri a risolvere problemi, anche se sembra vicino al collasso. E' molto armato, industrializzato e con un proletariato urbano forte e combattivo. Ed è l'unico paese dell'area con un secolo di storia antecedente il colonialismo e con un governo borghese rivoluzionario, che con Mehmet Alì ha conquistato la terra santa minacciando seriamente l'impero Ottomano. Per il governo egiziano equiparare il terrorismo agli scioperi diventa problematico. I proletari egiziani sono indomiti, non si fermano nemmeno davanti alle leggi speciali e quello che sta succedendo in queste ultime settimane lo dimostra.

Riguardo alle proteste egiziane, da qualche giorno in piazza sono presenti gruppi di giovani coperti da passamontagna o da maschere antigas (qualche volta indossano anche quella di Guy Fawkes). Il Fatto Quotidiano riporta che i black block "sono stati definiti dal procuratore generale del Cairo un'organizzazione terroristica, resta però il mistero. Non è chiaro, infatti, quale sia la loro organizzazione e quante persone ne facciano parte. Vestono completamente di nero e portano il passamontagna, sono in prima linea negli scontri con la polizia e nelle loro numerose pagine e account sui social media rivendicano attacchi alle sedi di governo e agli uffici del partito dei Fratelli Musulmani". A differenza dei proletari di Israele che faticano a rompere con il clima terroristico promosso dalla propria borghesia, i proletari egiziani si ribellano allo Stato e scendono in piazza.

Un altro paese importante, appena toccato dalla Primavera araba, è l'Algeria che ha avuto una rivoluzione borghese anti-francese sanguinosa e ha un forte proletariato concentrato in aree urbane, proprio come in Egitto. In Mali invece non è ancora chiaro quello che sta succedendo e mentre i francesi avanzano via terra, i tuareg si sono staccati dal resto della guerriglia e hanno occupato una città del nord. Una mossa che rappresenta una boccata d'ossigeno per gli ex colonialisti perché l'alleanza tra tuareg ed islamici sarebbe un vero problema. Sparare un missile ad un tuareg mimetizzato tra le dune è poco razionale e molto dispendioso ed è impossibile combattere nel deserto con l'aviazione a causa dell'assenza di obiettivi concentrati da distruggere. Bisognerebbe mandare fantaccini via terra ma a quel punto i tuareg, grandi combattenti che dotati di armi e tecnologie moderne potrebbero diventare molto pericolosi, rappresenterebbero una minaccia consistente visto che conoscono meglio il territorio.

Nel Bahrein, paese messo da parte dai media, ci sono scioperi continui e violente repressioni poliziesche; le rivolte sono dovute alla mancanza di cibo, alla miseria crescente ed alla questione della rendita.

Evidentemente potenti determinazioni materiali spingono gli uomini a rompere con questa società e muoversi in un'altra direzione. Ripetiamolo: l'effetto politico-sociale di un'ondata che ha coinvolto Algeria, Tunisia, Egitto, Libia, Giordania, Yemen, Libano, Bahrein... non è quello di un terremoto, come hanno scritto i giornali, ma quello dell'energia che si accumula prima di un terremoto. E chi diffonde strane teorie dietrologiche, che stanno circolando sul Web, sui manovratori delle rivolte sembra ritenga non ci sia materia sociale esplosiva a sufficienza in questo mondo.

In conclusione, si è discusso della possibilità di organizzare un calendario di riunioni da tenere nelle sedi di Roma e Torino, da pubblicizzare attraverso la newsletter o altri strumenti. La proposta rientra anche nel progetto di dar vita ad un sito in cui raccogliere e rendere pubblico il materiale semilavorato.

Articoli correlati (da tag)

  • Movimenti senza leader

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata prendendo spunto dal dibattito politico in corso riguardo la riforma del MES.

    Il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche fondo salva-Stati, è un'organizzazione intergovernativa dei paesi della zona euro che ha la funzione di mantenere la stabilità finanziaria dell'area. Il fondo ha una dotazione di 80 miliardi di euro, ma ne può raccogliere sui mercati fino a 700 attraverso l'emissione di titoli con la garanzia degli stati che vi aderiscono. Tutto sommato, si tratta di poco, specialmente se con questi soldi si pensa di poter contrastare gli effetti di un prossimo crack. Per fare un confronto, basti considerare che il PIL dell'eurozona si aggira intorno ai 16mila miliardi di euro.

    Al di là delle polemiche tra partiti, tra favorevoli e contrari, ciò che interessa mettere in luce è la contraddizione in cui gli stati dell'Unione Europea si dibattono: da una parte il fondo serve ad intervenire se un paese rischia di andare in default, dall'altra determina un controllo delle finanze sui singoli paesi togliendo autonomia agli esecutivi. Il capitalismo europeo ha la necessità di superare i confini nazionali per poter competere con giganti come Cina e Usa, ma al tempo stesso deve fare i conti con le singole borghesie, vincolate agli interessi nazionali. Un meccanismo in atto che vede le dinamiche centripete scontrarsi con quelle centrifughe. Lo stesso discorso vale per il capitalismo mondiale: essendo un sistema internazionale di scambio di merci e di flussi di valore, richiede organismi sovranazionali come la Banca Mondiale, il Fondo monetario internazionale, l'Organizzazione mondiale della sanità e il WTO, ma questi non funzionano come dei ministeri perché non fanno capo ad un esecutivo unico mondiale, ma alle esigenze dei singoli paesi, in primis di quelli più forti, che hanno maggior potere di ricatto. Non solo dal 2008 ad oggi non è stato recuperato il livello precedente di crescita, ma addirittura il commercio mondiale è sceso. Di fronte a tutto ciò, i provvedimenti della borghesia sono di una leggerezza incredibile: servirebbe un po' di coraggio, smettendo di foraggiare le banche e cominciando a versare i soldi direttamente nei conti correnti dei cittadini, come suggerito dal Wall Street Journal.

  • Ma quale futuro?

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata commentando alcune notizie riguardanti le energie rinnovabili.

    Pare che negli Stati Uniti un gruppo di scienziati abbia sviluppato un sistema di specchi che, sfruttando l'energia solare, riesce a raggiungere la temperatura di 1000 gradi. L'obiettivo dell'esperimento è di arrivare ai 1500, la condizione necessaria per fondere l'acciaio, ed eliminare progressivamente la dipendenza dai combustibili fossili (en passant: i primi esperimenti per ottenere alte temperature attraverso specchi parabolici sono stati condotti dal premio Nobel Carlo Rubbia in Italia con il progetto Archimede, poi esportato in Spagna). Che sia la soluzione per produrre energia senza inquinare l'ambiente? Abbiamo dei dubbi in merito. Basti pensare all'Ilva di Taranto: anche se riuscisse a produrre da sé tutta l'energia necessaria, rimarrebbe comunque un gigante inutile. Insomma, bisogna sempre chiedersi che senso abbia adoperare certe tecnologie ed in funzione di quale produzione. Non è un problema di natura tecnica, riferita al variare delle fonti energetiche (in ultima istanza tutte riconducibili al lavoro del Sole), ma di natura sociale: l'attuale modo di produzione non conosce sé stesso, bada solo al profitto, e quindi continuerà a sprecare energia e a distruggere l'ambiente.

  • Un mondo, una rivolta

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, è iniziata riprendendo il tema della parabola storica del plusvalore, nell'ottica di analizzare le profonde determinazioni che stanno alla base delle proteste e delle rivolte attualmente in corso in diversi paesi.

    Prendiamo il caso di FCA (ex Fiat). L'azienda impiega circa 200mila dipendenti in tutto il mondo, produce circa 5 milioni di autovetture all'anno, e per il 2018 ha dichiarato un fatturato di 110 miliardi di dollari. Pur esistendo un unico marchio che ne identifica le merci, la maggior parte dei componenti che vengono poi assemblati negli stabilimenti è prodotta da una rete di imprese in outsourcing. Da un pezzo la fabbrica è uscita dalle mura aziendali, distribuendosi sul territorio grazie al sistema della logistica; oggi non esiste più la grossa fabbrica verticale di novecentesca memoria che produceva tutto da sé, ma le lavorazioni sono state in prevalenza esternalizzate ("Sull'uscita di Fiat da Confindustria e alcuni temi collegati"). Se in Italia agli inizi del 2000 la Fiat contava 112mila addetti, oggi Fca ne impiega 29mila, comprese Maserati e Ferrari.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 236, 18 novembre 2019

f6La sussunzione della società al capitale
f6Economia e Big Data
f6Di che colore è Hong Kong?
f6Iraq. Verso la guerra civile?
f6Bistecca vegana senz'osso
f6Olocrazia
f6Bisognava pensarci prima

Leggi la newsletter 236
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email