Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  29 ottobre 2013

Insopprimibili manifestazioni di futuro

La teleriunione di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata dal commento di un articolo del Corriere, secondo cui varie imprese e uomini d'affari cercano, dietro pagamento, di influenzare le voci di Wikipedia. In realtà questo fenomeno non è nuovo, e il fatto che qualcuno venga pagato per lavorare all'enciclopedia "on line" non rappresenta di per sé un problema, perché se vengono osservate le regole della community e viene seguito il codice redazionale, Wikipedia continua a svilupparsi. Ma non solo: essendo una struttura che si autoprotegge, è in grado di ripararsi da sé. Per far fronte al fenomeno del "sockpuppetry", e cioè la pubblicazione di testi per favorire questo o quell'altro committente oppure per colpire qualche soggetto in particolare, la comunità si è data nuovi meccanismi di intervento e una maggiore rigidità nella compilazione delle voci; di conseguenza qualche nuovo iscritto è incappato in questa "autodifesa" e si è visto cancellare le modifiche apportate.

Quest'anno Wikipedia ha compiuto 12 anni e contemporaneamente superato il milione di voci in italiano. Per quel che riguarda la versione in lingua inglese, gli utenti attivi che contribuiscono e collaborano alla stesura delle voci sono in diminuzione: il numero di editori ha raggiunto un picco nel 2007 (più di 51.000) ed è in discesa da allora, raggiungendo la scorsa estate la cifra di 30.000 utenti. Anche il numero delle nuove voci è in calo: come un qualsiasi organismo vivente, ha seguito una curva di crescita che all'inizio è stata esponenziale, ha raggiunto poi un punto di flesso e adesso continua con andamento asintotico. Da un punto di vista generale, esistono altre piattaforme wiki a cui viene dedicato tempo e lavoro, prima fra tutte Wikidata, un progetto di centralizzazione a cui tutte le wiki possano accedere: l'intento è quello di creare un database di conoscenze libere sul mondo che possa essere letto e modificato tanto dagli umani quanto dalle macchine, e che possa fornire dati a tutte le versioni linguistiche dei progetti Wikimedia, in modo simile a quanto fa Wikimedia Commons per i file multimediali.

"Dicono che Wikipedia si è burocratizzata, che i suoi membri hanno problemi di convivenza, che si abbassa il numero dei redattori regolari, che sta diminuendo l'attività di compilazione delle voci. Nelle società decadenti la burocrazia è un fenomeno endemico: da utile organizzatore collettivo diventa una piovra che si autoalimenta. Ovviamente ogni organizzazione in questa società non può fare a meno di avere rapporti con il denaro, lo stato, il fisco, ecc. quindi anche Wikipedia non può fare a meno di assomigliare a un'azienda. Niente di strano, semmai c'è da stupirsi che dopo 12 anni l'enciclopedia esista ancora." (n+1, Un milione di voci)

In effetti Wikipedia non è solo un'enciclopedia digitale che ha fatto fuori le enciclopedie di carta, è una delle manifestazioni pratiche del movimento reale che abolisce il capitalismo. Non è un individuo, è un fenomeno sociale, un'intelligenza collettiva. All'interno di questa società si possono già osservare categorie inerenti a quella futura, basta saper esplorare il futuro senza lasciarsi fagocitare dal presente. Quando si manifesta un'intelligenza collettiva deve cambiare qualcosa nella società, come avvenne, per esempio, quando fu "inventata" la scrittura: il passaggio dalla trasmissione orale a quella scritta ha consentito di immagazzinare informazione in alcuni punti della società affinché milioni di persone potessero successivamente accedervi. La rivoluzione informatica ha pari importanza: attraverso lo sviluppo delle reti e l'aumento di potenza dei processori, la società nel suo complesso ha sviluppato forze produttive che stanno trasformando velocemente i rapporti sociali. Per ora il capitalismo non è in pericolo se non a causa di se stesso, ma si fa strada la convinzione che possa non essere l'unica forma sociale possibile.

Come intuisce Baricco in uno scambio epistolare con Scalfari sul tema dei "nuovi barbari", il mondo dell'intelligenza collettiva sta prendendo il sopravvento sulla somma delle stupidità individuali. E' in corso una mutazione che sta portando a una nuova civiltà: "... il sistema di pensiero dei barbari sopprime il luogo e il mito della profondità. Non elimina il senso, ma lo ridistribuisce su un campo aperto che solo per comodità definiamo ancora superficialità, ma che in realtà è una dimensione per cui non abbiamo ancora nomi, e che comunque ha poco a che fare con la superficialità intesa come limite, come soglia inattraversata del senso delle cose, come facciata semplicistica del mondo." (Alessandro Barrico, Il mondo senza nome dei nuovi barbari)

La polverizzazione della conoscenza, facilitata dall'avvento di Internet, è una potenza distribuita a rete, un cervello sociale all'opera. Per Scalfari invece, la vera conoscenza è quella depositata nel cervello dell'intellettuale.

Il general intellect evolve e anche in questo ambito si manifesta la lotta di classe. Ad esempio nell'ambiente del Peer to Peer (P2P) si formano diatribe feroci tra movimenti per il software completamente libero (open non è free) e gruppi riformisti. Il nostro lavoro è quello di seguire i caratteri del movimento che abolisce lo stato di cose presente e metterci in sintonia con esso. Nel nostro piccolo, siamo passati dal classico sito "contenitore" a una piccola rete di siti. Questa modalità di crescita assomiglia molto a quello che la nostra corrente chiamava centralismo organico.

Partendo da queste basi, da una società altamente cibernetica, possiamo intuire come potrebbe svilupparsi un futuro scenario di rivoluzione, e quindi la formazione di un organismo politico che diriga il cambiamento sociale? Per rispondere a questa domanda non dobbiamo pensare alla riproposizione della presa del Palazzo d'Inverno, ma piuttosto allo sviluppo di reti sociali che si organizzano su basi diverse da quelle di una volta. L'immagine è quella di miliardi di atomi sociali collegati per mezzo di piattaforme globali, magari di una serie di rivolte di massa sincronizzate a livello mondiale sulla scia della Primavera araba, ma senza obiettivi di basso livello come la caduta di un dittatore oppure di un governo. Milioni di uomini non si sentono rappresentati dalle istituzioni e dai partiti attuali e, da un momento all'altro, potrebbero nascere comunità in grado di anticipare le forme della società comunista. L'individuo-molecola trova le connessioni adatte e passa dall'alienazione al senso di appartenenza, si aggrega, si polarizza, si fa organismo nuovo e completo. Il quale diventa per questo stesso motivo il principale nemico della forma attuale, anzi, l'unico vero nemico.

La teleconferenza è proseguita con il commento delle ultime notizie sulle intercettazioni compiute dalla National Security Agency ai danni del resto del mondo. Da quanto si apprende dai giornali, le telefonate ascoltate e immagazzinate sono milioni, una quantità di informazioni tale che si fatica a comprendere come possa essere gestita. Probabilmente oltre alla questione politica conta anche l'aspetto economico. Si tratta infatti di un'operazione in grande stile di spionaggio industriale, messa in atto, con mezzi tecnologici all'altezza dei compiti, per raccogliere dati-bit che hanno un prezzo di mercato in quanto merci e un valore politico in quanto necessari a mantenere il controllo globale. Chi ne colleziona di più, e soprattutto sa leggerne il significato, controlla il mondo. Le "campagne di denuncia" di leniniana memoria contro i misfatti del sistema sono ormai condotte dalle molteplici fazioni della borghesia in lotta l'una contro l'altra.

A tal proposito, dal fronte politico italiano, Beppe Grillo propone l'impeachment per il presidente Napolitano, reo di aver violato la Costituzione repubblicana: "Napolitano - si legge in un post firmato dal M5S di Camera e Senato - si è riunito insieme a 5 rappresentanti della maggioranza per decidere la legge elettorale. (...) Non accetteremo mai una legge elettorale decisa dal garante dei partiti che hanno distrutto l'Italia negli ultimi vent'anni. Non accetteremo mai un Napolitellum. Napolitano è ormai oltre la democrazia e oltre la Costituzione. Presenteremo al più presto la richiesta di impeachment per Napolitano".

La traiettoria politica del Movimento 5 Stelle è veramente interessante. I grillini, sull'onda di un programma politico "alternativo", si sono presentati alle scorse elezioni raccogliendo quasi nove milioni di voti. Una volta entrati in parlamento sono stati fagocitati dallo stesso e, nel giro di pochi mesi, sono diventati come gli altri, finendo per fare i moralisti e difendendo la democrazia dai costosi cialtroni parassiti. E mentre chiacchierano di leggi elettorali e si scontrano sulle proposte di legge, i dati economici dimostrano che il malato Italia non ha scampo.

La disoccupazione ha toccato livelli massimi: 6 milioni di disoccupati, quasi tutti giovani, ovvero il 25% della popolazione in grado di produrre e, comprendendo bambini e anziani, il 10% della popolazione nazionale. Un esercito di schiavi che in qualche modo il Capitale è costretto a sfamare, ma per quanto potrà reggere? Il PIL dall'inizio della crisi (2007) è caduto del 9% (11% pro capite), si tratta del peggior dato da quando l'Italia esiste e infatti dal 1929 al 1934 era caduto solo del 5%. E' esclusa una ripresa prima del 2015, e pure se si avverasse tale profezia e il PIL crescesse al livello degli anni '90, nel 2021 recupereremmo appena il livello del 2007. Ma la situazione critica è anche dovuta al debito collocato a basso prezzo per sostenere la spesa improduttiva, perciò ci vorrà più tempo di quello preventivato per recuperare il rendimento del sistema. Prima dell'euro si poteva ricorrere a svalutazioni competitive, adesso si svaluta semplicemente il salario e si licenzia per recuperare competitività. Le cifre in ballo con le ultime manovre governative, poche centinaia di milioni di euro, sono ridicole in confronto a quelle che sarebbero necessarie e stando così le cose, gli investitori esteri scappano o comprano le aziende portando via i profitti. L'aumento della tassazione progressiva non dà più gettito perché sono troppi i poveri e troppo pochi i ricchi. Infine dall'Europa non arrivano politiche di sviluppo, ma solo diktat sui "sacrifici".

Un quadro d'insieme indicativo di una situazione al limite del collasso. Il Titanic galleggia ancora. L'iceberg si fa più vicino.

Articoli correlati (da tag)

  • Marasma sociale e cibercomunismo

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 15 compagni, è iniziata con un breve resoconto sulla condizione dei Rohingya in Myanmar, un'etnia di religione musulmana perseguitata dal governo centrale birmano. Lo scorso agosto, dopo alcuni attacchi alle stazioni di polizia da parte di ribelli armati nella regione di Rakhine, l'esercito ha reagito duramente operando violenti rastrellamenti che hanno dato inizio ad un esodo nel vicino Bangladesh. In più parti del pianeta milioni di esseri umani si muovono alla disperata ricerca di condizioni di vita migliori, fuggendo da guerre, persecuzioni religiose o etniche, e finendo per ingrossare le fila di immensi campi profughi.

    La riunione è proseguita con il commento dell'articolo dell'Economist "Once considered a boon to democracy, social media have started to look like its nemesis" sull'influenza dei social network nella formazione delle idee. Secondo il settimanale inglese, i social, che hanno avuto un ruolo primario nelle rivolte degli ultimi anni (in Ucraina a partire da piazza Maidan, in Egitto con la caduta di Mubarak), sono anche utilizzati per manovrare la cosiddetta opinione pubblica e tale settore è caratterizzato da una limitata libertà in cui grandi gruppi come Facebook, Twitter e Google monopolizzano l'informazione, condizionando milioni di esseri umani. Quello che l'Economist non dice è che la guerra moderna si combatte online e che la Rete è diventata un'arma più efficace di un cannone; e come in ogni guerra, gli Stati cercano di intervenire per difendere i loro interessi e, soprattutto, per controllare il loro grande avversario, il proletariato.

  • I nodi vengono al pettine

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 15 compagni, si è aperta con un breve accenno a quanto sta accadendo negli Stati Uniti riguardo l'indagine sull'interferenza della Russia nelle scorse elezioni presidenziali. Mentre parlavamo, le agenzie di stampa battevano le prime notizie sull'attentato a New York.

    Pur sembrando eventi scollegati, il Russiagate e l'attacco a Manhattan sono entrambi segnali di una stessa difficoltà, e cioè della grande instabilità che stanno attraversando non solo gli USA ma tutti gli stati in generale. In questi giorni è anche la Spagna a far parlare di sé con le vicende legate alla pretesa indipendenza della regione della Catalogna. Sul tema, interessante l'articolo "Catalan independence drive falters as its wealth fails to provide political leverage" che tenta di individuare le basi materiali che hanno portato alla crisi.

    Secondo quanto riportato nel testo, una delle maggiori spinte all'indipendentismo viene dalla giovane e rampante imprenditoria catalana, convinta, per la maggior parte, che la regione sia abbastanza forte per potersi reggere autonomamente e per liberarsi dal peso di un'economia nazionale più debole. "La Catalogna produce 314 miliardi di dollari di beni all'anno e la sua economia è la 34a più forte del mondo, davanti a Hong Kong. Il suo GDP è di $35.000, e supera Corea del Sud, Israele e Italia. I separatisti non vedono alcuna ragione per condividere la loro ricchezza con la Spagna" (DEBKAfile). Ma per ora i governanti catalani, volati in Belgio quando l'aria si è fatta un po' più pesante, non hanno ricevuto riconoscimenti ufficiali, e il neo stato, se dovesse nascere, seguirebbe sicuramente la stessa sorte. Gli unici ad aver teso una mano agli esuli belgi sono stati i nazionalisti fiamminghi, che non possono però offrir loro alcun sostegno formale. L'indipendenza della Catalogna è lontana, almeno dal punto di vista della praticabilità.

  • La macchina incorpora conoscenza collettiva

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata commentando la lectio magistralis del prof. Antonio Casilli su "Intelligenze artificiali e digital labour" tenuta durante le Giornate del Lavoro organizzate dalla CGIL a Lecce.

    Nel mondo sono circa 100 milioni i micro-lavoratori impiegati nell'inserimento di dati in piattaforme digitali e questo dimostra, secondo Casilli, che la crescita e il potenziamento dell'intelligenza artificiale sono possibili solo grazie all'erogazione di lavoro umano mal pagato, senza alcun contratto e senza inquadramento sindacale. A parte le conclusioni (lotta per diritti, per le garanzie, ecc.), la lectio offre una panoramica interessante sulle piattaforme di crowdsourcing e sulle modalità di impiego dei lavoratori.

    Siri, l'assistente digitale sviluppato dalla Apple, cresce e "apprende" grazie ai milioni di dati raccolti dagli umani. Lo stesso avviene per Cortana e Alexa, i software di assistenza e riconoscimento vocale messi a punto rispettivamente da Microsoft e Amazon. Facebook a sua volta ha creato M, un assistente virtuale che impara attraverso le informazioni ricavate dalle conversazioni di quel miliardo di utenti che utilizza quotidianamente il social network. Insomma, navigando nella Rete produciamo ricchezza per altri.

Navigazione per Tag

accumulazione ambiente amore anonymous anticipazioni attivismo austerity autonomizzazione del Capitale autorganizzazione bolla finanziaria Bordiga borghesia Brasile capitale capitale finanziario capitalismo capitolazioni catastrofe centralismo organico centralizzazione cervello sociale cgil chiesa cibernetica ciclo coloniale Cina Cipro commons comunismo conoscenza controrivoluzione crisi debito decrescita democrazia determinismo disoccupazione dissipazione dissoluzione dono doppia rivoluzione economia politica Egitto Einstein energia evoluzione expo fascismo feedback finanza forza produttiva francia geostoria Germania Giappone governo governo tecnico gramsci grecia Grillo guerra guerre mondiali Hegel ideologia immediatismo imperialismo indignados informazione internazionale comunista invarianza isis israele Italia Latouche lavoro lavoro di partito lenin linguaggio logistica lotta di classe lotte immediate luogocomunismo macchine manifestazioni manoscritti '44 marasma sociale Marx materialismo medio oriente memi mezze classi militanti minerali miseria crescente moneta movimento operaio mutuo soccorso neotenia no tav occupy sandy ordinovismo OWS palestina partito partito formale partito storico peer to peer piano di produzione polarizzazione popolazione Popper precari preistoria previsione primavera araba produttività produzione sociale programma questione nazionale rabbia sociale rapporti di forza reddito rendita rete rifkin riformismo rinascimento riunioni rivolta rivoluzione rivoluzione borghese rivoluzione proletaria russia salario SCi scienza sciopero sessualità sincronia sindacato social network soviet Stato stato islamico teoria rivoluzionaria Tunisia Turchia uranio usa valore valorizzazione wikipedia

Rivista n°41, aprile 2017

copertina n°41f6Editoriale: Non possiamo ingannare la natura
f6Articoli: Assalto al pianeta rosso - Il secondo principio - Il grande collasso - Capitale e teoria dello sciupio
f6Rassegna: Ancora Trump - Fuga nel sub mondo
f6Terra di confine: Buoni di non lavoro
f6Recensione: Che cosa c'è dopo il capitalismo?
f6Doppia direzione: Neoluddismo
f6Spaccio al bestione trionfante: Dieci punti per demolire Trump

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 227, 31 gennaio 2018

f6La scintilla
f6Accendere neuroni
f6Animal spirits
f6Reddito di base
f6Giganti scomodi
f6Mi chiamo Sophia
f6Bisogno di guerra
f6Ramoscello d'ulivo

Leggi la newsletter 227
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email