Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  1 aprile 2014

Occupy the commons

Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 18 compagni, si è affrontato il tema dei beni comuni. Nel discorso tenuto ai manifestanti di Zuccotti Park, il 9 ottobre 2011, Slavoj Žižek ha affermato: "L'unico senso in cui noi siamo comunisti è che ci preoccupiamo per i beni comuni, i beni comuni della natura, i beni comuni della conoscenza che sono privatizzati dalla proprietà intellettuale, i beni comuni della biogenetica, per questo e solo per questo dovremmo combattere. Il comunismo è fallito assolutamente, ma i problemi dei beni comuni sono qui." Secondo il filosofo sloveno la difesa dei beni comuni, dopo il fallimento del comunismo, è l'unico orizzonte praticabile di lotta.

Il tema negli ultimi tempi è molto dibattuto. Sociologi, intellettuali e politici, nel tentativo di ricondurre le istanze anti-capitalistiche nell'alveo istituzionale, scrivono libri, organizzano conferenze e, in qualche caso, danno vita a non meglio precisate costituenti. Anche la Chiesa Cattolica se ne è occupata e in una delle Costituzioni scaturite dal Concilio Vaticano II ha proposto la seguente definizione: "Dall'interdipendenza sempre più stretta e piano piano estesa al mondo intero deriva che il bene comune - cioè l'insieme di quelle condizioni della vita sociale che permettono tanto ai gruppi quanto ai singoli membri di raggiungere la propria perfezione più pienamente e più speditamente - oggi vieppiù diventa universale, investendo diritti e doveri che riguardano l'intero genere umano" (da Gaudium et Spes).

In Italia i commons sono divenuti popolari con il movimento referendario per l'acqua bene comune. Alcuni intellettuali hanno proposto di istituire delle "zone franche" affinché determinati beni possano essere ritenuti non commerciabili. Stefano Rodotà ha presentato al Senato un disegno di legge delega per una riclassificazione dei beni comuni in base alla natura economico-sociale. Il concetto in realtà è abbastanza lasco e potrebbe essere applicato a tutto, dall'acqua all'ambiente, dai trasporti al lavoro.

Secondo Wikipedia "i beni comuni o risorse comuni (in inglese commons) sono beni utilizzati da più individui, rispetto ai quali si registrano - per motivi diversi - difficoltà di esclusione e il cui "consumo" da parte di un attore riduce le possibilità di fruizione da parte degli altri: sono generalmente risorse prive di restrizioni nell'accesso e indispensabili alla sopravvivenza umana e/o oggetto di accrescimento con l'uso". Il movimento americano OWS fra le sue tendenze programmatiche ha una forte attrazione verso il problema dei commons. La rivista americana "n+1" ha pubblicato alcuni opuscoli sul tema immedesimandosi non solo nel movimento, ma facendo proprio un orizzonte che possiamo tranquillamente definire Occupy the commons.

Siamo ovviamente distanti da ogni singola elaborazione che scaturisce dal magmatico movimento, ma l'insieme è chiaramente determinato dalla contraddizione estrema del capitalismo, e cioè dalla antitesi mortale fra la produzione sociale e l'appropriazione privata. Mentre l'evoluzione della nostra specie è ormai più "esterna" che "biologica" (Leroi-Gourhan) e quindi l'organismo sociale con la sua tecnica, organizzazione, ecc. è prevalente su quello individuale, l'esemplificato 1% si pappa tutto e affama il mondo. Quel complementare 1/99, lungi dall'essere un espediente pubblicitario, è un meme che ha avuto successo proprio perché la "legge assoluta del Capitale" non ha mai lavorato così a fondo: il movimento "era nell'aria", pronto a produrre iconografia, liturgia e (purtroppo) teoria.

L'argomento commons ha molto a che fare anche con il vasto mondo del peer to peer (P2P). Michael Bauwens, nell'articolo From the Communism of capital to a Capital for the Commons, pone in evidenza il paradosso per cui grazie alla più comunista delle licenze di condivisione, la General Public License, le multinazionali usano il software libero a fini capitalistici (un esempio su tutti quello di IBM e Linux). Da una parte si verifica la condizione per cui chiunque può utilizzare, modificare e condividere il codice sorgente di un free software, e questo è tecnicamente comunismo: da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo i propri bisogni. Dall'altra operatori capitalistici sfruttano anch'essi tale sistema ma per ricavarne profitto a proprio esclusivo vantaggio. In questo modo l'accumulo di beni comuni immateriali, nati da un processo partecipativo e orientato alla condivisione degli stessi, viene sussunto dal processo di accumulazione del Capitale. Per questo motivo Bauwens propone, per eliminare il paradosso, l'istituzione della Peer Production License. La PPL è progettata per attivare e potenziare l'economia reciproca "anti-egemonica", che unisce gli enti cooperativi no-profit mentre prevede la riscossione di un canone per quelli for-profit, che adoperano i software senza contribuire allo sviluppo della condivisione. L'adozione di questo tipo di licenza faciliterebbe la crescita di una "contro-economia", quella dei commons, che potrebbe essere la base di una trasformazione politica e sociale.

Ovviamente la soluzione avanzata non risolve il problema dello sfruttamento dei beni comuni da parte del Capitale, anzi le categorie che si vogliono negare – plusvalore, denaro, scambio, ecc. – verrebbero invece riprodotte. Bauwens però non può fare a meno di notare la sempre più evidente contraddizione tra appropriazione privata e lavoro associato, l'involucro che soffoca un contenuto che più non gli corrisponde.

Prendiamo ad esempio il mondo delle applicazioni e le trasformazioni che si sono avvicendate nel mondo dei servizi online legati a determinati prodotti. Nell'articolo 2014: Year Of The Open Ecosystem si trova una piccola cronistoria sul potere dirompente della tecnologia e delle sue innovazioni. Al giorno d'oggi, con lo sviluppo della app economy e con la predominanza della fornitura dei servizi (continui) sulle merci (discrete), i maggiori marchi si stanno trasformando in ampie piattaforme, basate meno sulle caratteristiche dei loro prodotti e più sull'ampiezza e la qualità delle loro connessioni. Mettendo inoltre a disposizione, in un processo di apertura e feedback con l'ambiente circostante, kit di sviluppo o API per avvantaggiarsi della collaborazione esterna. Apple, Intuit e Kareo, ad esempio, hanno migliaia di sviluppatori che lavorano per migliorare i prodotti e non costano un centesimo alle aziende.

Più che semplici piattaforme sembrano piuttosto degli ecosistemi. E la cosa interessante è che non sono isolati ma interconnessi a loro volta in un ecosistema più grande, dove è fondamentale l'integrazione delle conoscenze che si sviluppano all'esterno delle mura aziendali. Il capitalismo prima genera e poi tenta di adeguarsi proprio a quei meccanismi che rappresentano la sua negazione.

Nell'articolo si sostiene che le innovazioni importanti sono quelle che cambiano il mondo così profondamente che l'ordine precedente diventa insostenibile. Eppure il vero impatto non inizia con l'invenzione, ma con l'adozione della stessa: l'automobile è stata importante non tanto perché ha sostituito il cavallo, ma perché ha creato strade, stazioni di servizio e centri commerciali. La stessa cosa avviene con gli smartphone e le relative app. Esempio: Waze è un'applicazione gratuita di navigazione stradale per dispositivi mobile basata sul crowdsourcing. Più informazioni l'utente immette nel sistema, più interagisce con l'app, più riceve informazioni e aggiornamenti. Secondo un recente studio del politecnico di Milano l'economia legata alle applicazioni varrà 40 miliardi nel 2016, pari al 2,5% del prodotto interno lordo.

Oggi, quindi, il contesto vale più del prodotto, e a questo si aggiunge la necessità di decodificare miliardi di informazioni raccolte in rete e non. Nascono infatti imprese per la gestione dei Big data, enormi volumi di dati provenienti da differenti fonti che, analizzati in tempo reale, determinano un nuovo modo di interpretare e gestire le informazioni, e consentono di ottenere nuove forme di conoscenza aziendale. Anche l'intelligence si è buttata in questo mondo, al fine di prevedere dove potrebbero scoppiare le prossime rivolte: "Prima della rivoluzione dei big data, prevedere il futuro di un paese era un'operazione che coinvolgeva progetti segreti. Le informazioni erano elementi troppo preziosi per condividerle, ma oggi è tutto diverso. E' sempre più difficile mantenere il segreto. E arriva una nuova generazione di modelli di previsione open-source" (Insurrezioni e rivoluzioni, un algoritmo per prevederle: così cambia l'intelligence, da Repubblica del 26 marzo 2014).

Il capitalismo ha la necessità di integrare i lavori differenziati dei singoli operai di fabbrica in un unico prodotto dell'operaio globale e oggi possiamo considerare l'intera produzione capitalistica non come insieme di merci discrete ma come una sola merce continua. Partendo dai caratteri continui della produzione e del valore, Marx definisce il complesso d'industria come mediazione storica, come transizione verso uno stadio sociale più evoluto. Quest'ultimo non sarà creato secondo un modello, come pretendono gli utopisti, ma è già contenuto come elemento comunista in nuce, all'interno della società capitalistica. La rivoluzione sarà liberazione positiva, pratica, di questo elemento esistente.

Articoli correlati (da tag)

  • Marasma sociale e cibercomunismo

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 15 compagni, è iniziata con un breve resoconto sulla condizione dei Rohingya in Myanmar, un'etnia di religione musulmana perseguitata dal governo centrale birmano. Lo scorso agosto, dopo alcuni attacchi alle stazioni di polizia da parte di ribelli armati nella regione di Rakhine, l'esercito ha reagito duramente operando violenti rastrellamenti che hanno dato inizio ad un esodo nel vicino Bangladesh. In più parti del pianeta milioni di esseri umani si muovono alla disperata ricerca di condizioni di vita migliori, fuggendo da guerre, persecuzioni religiose o etniche, e finendo per ingrossare le fila di immensi campi profughi.

    La riunione è proseguita con il commento dell'articolo dell'Economist "Once considered a boon to democracy, social media have started to look like its nemesis" sull'influenza dei social network nella formazione delle idee. Secondo il settimanale inglese, i social, che hanno avuto un ruolo primario nelle rivolte degli ultimi anni (in Ucraina a partire da piazza Maidan, in Egitto con la caduta di Mubarak), sono anche utilizzati per manovrare la cosiddetta opinione pubblica e tale settore è caratterizzato da una limitata libertà in cui grandi gruppi come Facebook, Twitter e Google monopolizzano l'informazione, condizionando milioni di esseri umani. Quello che l'Economist non dice è che la guerra moderna si combatte online e che la Rete è diventata un'arma più efficace di un cannone; e come in ogni guerra, gli Stati cercano di intervenire per difendere i loro interessi e, soprattutto, per controllare il loro grande avversario, il proletariato.

  • Terremoti sociali

    Alla teleconferenza di martedì sera hanno partecipato 10 compagni.

    "Per evitare una generazione perduta dobbiamo agire velocemente", scrive Mario Draghi nell'editoriale al Rapporto 2015 della Banca centrale. Il governatore della Bce teme nuovi shock e vede un'Europa in difficoltà. Chi ne subirà le conseguenze, aggiunge, sarà la generazione istruita: tutti quelli che dovrebbero entrare nel mondo del lavoro e rischiano invece di non trovare una collocazione in questa società.

    Anche il Fmi è preoccupato. I rischi maggiori, secondo il direttore Christine Lagarde, sono la "stagnazione secolare", la possibile uscita del Regno Unito dall'Ue (#Brexit) e la crisi dei rifugiati che sta minando l'integrazione europea. I governi devono prepararsi a possibili scenari avversi, consapevoli che non c'è più margine di errore: le munizioni, come illustrava l'Economist poco tempo fa, si stanno esaurendo.

    Non c'è molto da aggiungere a queste previsioni, sono i borghesi stessi ad essere catastrofisti di fronte alla spaventosa sovraccapacità produttiva. E siccome al proletariato non possono più chiedere niente, si aprono lotte interne in cui deve intervenire la magistratura (vedi il caso #PanamaPapers): guerre intestine per la ripartizione del valore tra le varie componenti borghesi all'interno dei singoli stati.

  • Appunti su "Lezioni di futuro" di Nòva24 (prima parte)

    Il robot Pippo e l'altra Italia di Roberto Napoletano, 26 novembre 2015

    "Per raccontarvi il sogno italiano di Pippo ci siamo affidati al nostro Piero Angela, che è Luca De Biase, e a un team straordinario qual è quello di Nòva24, e vi vogliamo guidare da oggi per quindici giovedì consecutivi in un viaggio nel futuro che è già dentro le vostre case e i vostri pensieri, al lavoro e in famiglia, ma senza che ce ne rendiamo fino in fondo conto e, soprattutto, senza percepire quanto potrà ancora di più incidere questo pezzo di futuro, con le sue invenzioni e le sue macchine più o meno intelligenti, nella nostra vita quotidiana."

Navigazione per Tag

accumulazione ambiente amore anonymous anticipazioni attivismo austerity autonomizzazione del Capitale autorganizzazione bolla finanziaria Bordiga borghesia Brasile capitale capitale finanziario capitalismo capitolazioni catastrofe centralismo organico centralizzazione cervello sociale cgil chiesa cibernetica ciclo coloniale Cina Cipro commons comunismo conoscenza controrivoluzione crisi debito decrescita democrazia determinismo disoccupazione dissipazione dissoluzione dono doppia rivoluzione economia politica Egitto Einstein energia evoluzione expo fascismo feedback finanza forza produttiva francia geostoria Germania Giappone governo governo tecnico gramsci grecia Grillo guerra guerre mondiali Hegel ideologia immediatismo imperialismo indignados informazione internazionale comunista invarianza isis israele Italia Latouche lavoro lavoro di partito lenin linguaggio logistica lotta di classe lotte immediate luogocomunismo macchine manifestazioni manoscritti '44 marasma sociale Marx materialismo medio oriente memi mezze classi militanti minerali miseria crescente moneta movimento operaio mutuo soccorso neotenia no tav occupy sandy ordinovismo OWS palestina partito partito formale partito storico peer to peer piano di produzione polarizzazione popolazione Popper precari preistoria previsione primavera araba produttività produzione sociale programma questione nazionale rabbia sociale rapporti di forza reddito rendita rete rifkin riformismo rinascimento riunioni rivolta rivoluzione rivoluzione borghese rivoluzione proletaria russia salario SCi scienza sciopero sessualità sincronia sindacato social network soviet Stato stato islamico teoria rivoluzionaria Tunisia Turchia uranio usa valore valorizzazione wikipedia

Rivista n°41, aprile 2017

copertina n°41f6Editoriale: Non possiamo ingannare la natura
f6Articoli: Assalto al pianeta rosso - Il secondo principio - Il grande collasso - Capitale e teoria dello sciupio
f6Rassegna: Ancora Trump - Fuga nel sub mondo
f6Terra di confine: Buoni di non lavoro
f6Recensione: Che cosa c'è dopo il capitalismo?
f6Doppia direzione: Neoluddismo
f6Spaccio al bestione trionfante: Dieci punti per demolire Trump

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 227, 31 gennaio 2018

f6La scintilla
f6Accendere neuroni
f6Animal spirits
f6Reddito di base
f6Giganti scomodi
f6Mi chiamo Sophia
f6Bisogno di guerra
f6Ramoscello d'ulivo

Leggi la newsletter 227
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email