Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  11 febbraio 2014

Strutture emergenti

La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 13 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sulle proteste in Bosnia-Erzegovina. La scintilla è partita da Tuzla il 5 febbraio scorso quando, alla notizia della privatizzazione di alcune industrie e del conseguente licenziamento degli operai, si è formato un raduno di lavoratori, disoccupati e studenti subito sciolto in modo violento dalle forze dell'ordine. In tutta risposta circa 3.000 persone sono scese in piazza occupando le principali strade della città. L'intervento della polizia antisommossa ha alimentato la protesta che, nei giorni successivi, è dilagata su tutto il territorio bosniaco toccando oltre venti città, tra cui la capitale Sarajevo dove sono stati dati alle fiamme gli uffici governativi e sono avvenuti scontri durissimi con la polizia. Il gruppo Facebook 50.000 za bolje sutra ("50.000 persone per un domani migliore") è diventato un centro di coordinamento, e sembra che la "rabbia popolare" abbia permesso di superare gli steccati ideologici e confessionali che affliggono l'area.

La piazza vuole che i politici se ne vadano perché corrotti e incapaci di risolvere i problemi dell'economia. Il manifesto degli operai e dei cittadini del cantone di Tuzla chiede ai dimostranti di non abbandonare le strade ma di mantenere l'ordine pubblico (a Tuzla in alcuni casi le forze dell'ordine si sono schierate con i dimostranti), e al governo di annullare i contratti di privatizzazione delle industrie e "restituire le fabbriche ai lavoratori riavviando la produzione dove possibile". Al di là delle rivendicazioni interclassiste che di volta in volta caratterizzano le proteste, è tutta l'area slava ad essere in subbuglio: nel 2012 è nato Occupy Slovenia/Lubiana e scontri con la polizia si sono verificati in Croazia, Romania e continuano tuttora in Bulgaria. Alcuni giornali hanno posto l'accento sulle cause materiali che hanno provocato la rivolta in Bosnia, altri su quelle politiche. Un articolo de La Stampa, di cui riportiamo un passo, coglie un'invarianza di fondo tra quanto succede in Egitto, Brasile, Turchia e Bosnia:

"La Bosnia, uno dei paesi più poveri d'Europa, con la disoccupazione al 44%, un abitante su 5 al di sotto della soglia di povertà e i salari medi che si aggirano sui 300/400 euro, aggiunge la sua voce al coro multilingue del malcontento sociale che da tre anni rimbalza dal mondo arabo alle piazze occidentali di Madrid, New York, Tel Aviv, Atene, dalla Turchia all'Ucraina, dalla Russia alla Thailandia. Le ragioni sono tante, diverse. Ma comune è la sensazione che la politica, tanto quella esercitata democraticamente quanto il pugno di ferro delle dittature militari e religiose, si sia allontanata troppo e fatalmente dai bisogni delle persone reali. Come se prima ancora che piazza tra Tahrir, Taksim, Maidan, Puerta del Sol, Syntagma, ci fosse un filo rosso a legare l'arroganza dei governanti antistoricamente convinti di essere indiscutibili, siano essi gli ingiustificabili satrapi mediorientali (ma anche asiatici) o i nerboruti uomini di Putin, i santoni della finanza o i tecnocrati europei."

Dal mondo arabo alle piazze occidentali le ragioni del malessere sono tante, ma il comune denominatore rimane un sistema economico che affama e impoverisce sempre più. E' chiaro che la rabbia, gli slogan e le maschere di Anonymous sono le stesse ovunque. All'inizio gli indignados si facevano manganellare gridando "No violencia!", oggi in Bosnia incendiano e assaltano i palazzi del potere. Evidentemente, un'escalation è in corso.

Basti pensare a quanto avvenuto circa un mese fa con i fatti di Gamonal, il quartiere di Burgos in Spagna teatro di una contestazione contro la costruzione di un parcheggio sotterraneo. La protesta è presto degenerata in scontri con la polizia, coinvolgendo nell'agitazione altre città e altre componenti sociali, tra cui i vigili del fuoco di Madrid e Barcellona. Sul sito di Occupy Wall Street è stato pubblicato un comunicato di solidarietà e altre iniziative di sostegno sono state organizzate in altri paesi. Una protesta locale ha prodotto un effetto globale, l'#EfectoGamonal. Un recente documento di ¡Democracia real YA! cerca di fare il punto della situazione: il movimento degli indignados è nato, come testimonia lo slogan "un altro mondo è possibile", su obiettivi generali, nel corso di qualche anno si è legato alle istanze provenienti dal mondo del lavoro ed è poi arrivato alla conclusione che bisogna organizzare uno sciopero totale. Anche sul sito dell'Assemblea Generale di New York si fa un bilancio dello stato dei lavori: il movimento ha posto all'ordine del giorno il problema della diseguaglianza economica. Il meme Occupy è diventato virale e molti attivisti, si dice nel documento, sono impegnati nelle lotte operaie, nella formazione di associazioni sindacali, nell'organizzazione dei precari. Assistiamo quindi a un doppio fenomeno: in alcuni casi le proteste nascono per motivi particolari e alla fine portano in piazza i lavoratori con scioperi generali, in altri è il "movimento" che si riversa nei luoghi di lavoro supportando lotte come quelle nei Fast food americani oppure alla Walmart.

Nel testo Teoria e azione nella dottrina marxista (1951) e negli schemi allegati, si descrivono le spinte fisiologiche elementari che portano alla polarizzazione sociale e, attraverso l'organismo di classe, al "rovesciamento della prassi". Abbiamo letto una corrispondenza pubblicata sul numero 26 della rivista in cui si scrive della necessità di superare le concezioni inorganiche del partito tuttora in voga. Negli anni '20 "e anche nel secondo dopoguerra da parte del nuovo PCInt vi furono difficoltà enormi a digerire l'approccio bio-cibernetico, e ciò fu forse una delle cause principali del suo collasso finale. Quel partito possedeva le necessarie cariche 'analogiche' e 'digitali' ma in modo troppo sbilanciato a favore di queste ultime. Come un bambino nato vecchio, a dispetto di alcuni suoi elementi di punta, privilegiava una razionalizzazione già fatta e lasciava in un angolo possenti intuizioni e moti istintivi che avevano preso a volte l'aspetto di opere semilavorate, altre volte di vere e proprie opere letterarie. Il paradigma organico vale a tutti i livelli dei sistemi complessi. Non per niente la teoria generale dei sistemi, i cui sviluppi recenti sono molto utili per capire la complessità sociale, è dovuta a un biologo."

Il duplice approccio, "analogico" e "digitale", nella formazione e nell'azione del partito lo troviamo in maniera abbastanza esplicita nelle Tesi di Roma del PCd'I (1922), e il titolo della nostra rubrica Doppia direzione è ispirato al funzionamento organico-cibernetico ricordato nelle Tesi di Milano (1966). L'approccio "organico" alla teoria di partito è specifico della nostra corrente fin dal 1921, e nel dopoguerra il discorso viene ripreso con molta più precisione, con esempi non solo di tipo biologico ma di tipo "cibernetico", che poi sono la stessa cosa, perché qualsiasi organismo ha meccanismi autoregolatori nei confronti dell'ambiente. Purtroppo non abbiamo ricevuto in eredità un "Trattato sul centralismo organico", ma possiamo tranquillamente utilizzare il materiale disseminato nei vari testi per affrontare l'argomento. Leggiamo nelle Tesi di Milano:

"La organicità del partito non esige affatto che ogni compagno veda la personificazione della forma partito in un altro compagno specificamente designato a trasmettere disposizioni che vengono dall'alto. Questa trasmissione tra le molecole che compongono l'organo partito ha sempre contemporaneamente la doppia direzione; e la dinamica di ogni unità si integra nella dinamica storica del tutto. Abusare dei formalismi di organizzazione senza una ragione vitale è stato e sarà sempre un difetto ed un pericolo sospetto e stupido."

Nonostante queste potenti affermazioni, nel PCInt serpeggiava un approccio dualistico e perciò si ponevano ciclicamente le "questioni" (nazionale, sindacale, ecc.), dimenticando le infinite relazioni che legano ogni tema al tutto e il procedere nel lavoro "per argomenti concatenati".

I movimenti anticapitalisti contemporanei operano e si organizzano su piattaforme globali: dal gioco molecolare delle spinte iniziali si determina una doppia direzione tra il particolare e il generale. Saggi scientifici come Ubiquità, Nexus e L'Atomo sociale di Mark Buchanan, assumono oggi una certa importanza per il nostro lavoro. Significativi alcuni passaggi in cui l'autore sostiene che l'unico modo per capire l'improvvisa esplosione di una sommossa oppure il crollo dei mercati finanziari consiste nel pensare alle strutture e non alle persone. Da L'Atomo sociale:

"Stando a una vecchia impostazione mentale il mondo sociale è complesso perché la gente è complessa. Per questo, ritengono molti, non siamo mai riusciti a comprendere il mondo umano tramite teorie affidabili come quelle della fisica o della chimica. Gli atomi sono semplici, le persone no; fine della storia. Spero di riuscire a spiegare perché questo modo di pensare sia sbagliato [...] Le strutture rivelano regolarità che mostrano come ciò che in apparenza è complicato, in realtà non lo è. E spesso le leggi naturali sottese a tali strutture permettono, in seguito, di avanzare previsioni."

Sul superamento del dualismo uomo-natura: "... se riguardo al mondo umano siamo confusi non sia perché l'uomo è separato dalla natura, ma, in gran parte, perché continuiamo erroneamente a pensarlo."

E infine: "Gran parte del mondo non è in equilibrio anzi, è in genere molto lontano dall'esserlo: lo svilupparsi per feedback di nuove strutture che sostituiscono le vecchie, solo per essere a loro volta sostituite in futuro, lo mantiene in perenne evoluzione".

Riprendiamo ora un passo da Teoria e azione nella dottrina marxista: "Il rapporto dialettico sta nel fatto che in tanto il partito rivoluzionario è un fattore cosciente e volontario degli eventi, in quanto è anche un risultato di essi e del conflitto che essi contengono fra antiche forme di produzione e nuove forze produttive. Tale funzione teorica ed attiva del partito cadrebbe però se si troncassero i suoi legami materiali con l'apporto dell'ambiente sociale, della primordiale, materiale e fisica lotta di classe."

Insomma, c'è un analogia forte tra gli argomenti sviluppati da Buchanan e quelli trattati dalla nostra corrente. La Sinistra ha anticipato di gran lunga le conclusioni a cui oggi arrivano i ricercatori che studiano la complessità, il caos e la "fisica sociale". Da testi come Partito e classe, Partito e azione di classe, Teoria e azione nella dottrina marxista, emerge una concezione unitaria della conoscenza, il contrario della concezione discreta del partito per cui oggi tutte le condizioni sono rivoluzionarie ma manca una direzione rivoluzionaria.

Siamo di fronte ad una crisi generale delle strutture di controllo sociale: partiti, sindacati, scuola, ecc., sono un involucro che non corrisponde più al contenuto. Il paese laboratorio dove si cerca di recuperare la situazione è l'Italia: mentre altrove i parlamenti si bruciano, il Movimento 5 Stelle ha ricondotto la rabbia all'interno delle istituzioni. Dopo la seconda guerra mondiale, di fronte al binomio mortifero DC-PCI, Guglielmo Giannini fondò il Fronte dell'Uomo Qualunque; oggi, a sei anni dall'inizio della crisi, ci sono state solo timide reazioni: invece di esprimere per lo meno leader politici intelligenti, gli indignados italiani si accontentano di personaggi come Grillo e Casaleggio, nemmeno lontanamente all'altezza del populista campano. Un movimento che ha preso il 25% delle preferenze elettorali potrebbe muoversi diversamente e, con un minimo di acume, quanto imparato dall'utilizzo delle reti e dei social media potrebbe tornare utile, magari per lanciare, vista la situazione, campagne sulla riduzione dell'orario di lavoro e il salario ai disoccupati. Ma i grillini, tristemente, preferiscono accusare i politici di essere poco rispettosi della Costituzione e proclamarsi difensori della sacralità del Parlamento.

Ciononostante, la vecchia talpa continua a scavare in Italia e nel mondo. Le prime avvisaglie di "ripresa della lotta di classe" si sono avute negli Stati Uniti con il movimento Occupy Wall Street, che durante le passate elezioni, in un paese in delirio per Barack Obama, ha dichiarato senza timori che gli occupiers non c'entrano nulla con la politica ufficiale, che sono invece di un altro universo: una voce aliena che dal futuro chiama all'appello contro il capitalismo.

Articoli correlati (da tag)

  • Incrementi di sviluppo a saggio decrescente

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata con la segnalazione di alcuni articoli di stampa sulla situazione economica tedesca.

    Abbiamo cominciato commentando l'articolo "Germania, i colossi industriali taglieranno 100mila posti di lavoro" del Sole 24 Ore, per poi passare a quello dell'Huffington Post intitolato "Gli ordini industriali tedeschi crollano ancora con il maggior ribasso da due anni. Più che dimezzate le stime del Pil della Germania". In effetti, a febbraio gli ordini industriali tedeschi hanno segnato una flessione del 4,2% e su base annua dell'8,4%, la più pesante in dieci anni; ciò ha portato i maggiori istituti economici a ridimensionare anche le previsioni di crescita dall'1,9 allo 0,8% per l'anno in corso. La Germania ha una struttura produttiva orientata all'esportazione e, evidentemente, risente della contrazione del commercio mondiale, proprio come l'Italia, tanto che il ministro dell'economia Giovanni Tria, intervistato da Repubblica, ha affermato che la situazione tedesca è sempre più simile a quella nostrana:

    "I Paesi più colpiti in Europa, sono le due principali potenze manifatturiere, ossia Germania e Italia. La Germania parte da livelli di crescita del Pil più alti dei nostri e quindi anche il rallentamento non la porta a livelli di crescita vicini allo zero; ma la differenza tra il nostro Paese e loro si mantiene costante, mentre anche secondo stime di organismi internazionali già nel 2020 il gap di crescita tra l'Italia da una parte e la Germania e l'Eurozona dall'altra, si ridurrà."

  • Africa, marasma sociale e lotta di classe

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 14 compagni, abbiamo ripreso l'articolo "Imperialismo in salsa cinese", pubblicato sul numero 44 della rivista, e in particolare il capitolo "Le mani sull'Africa".

    Il continente africano misura 30 milioni di km/q ed è formato da 54 stati che contano circa 1,2 miliardi di abitanti, una popolazione molto giovane e in costante crescita. Ciononostante, i maggiori media occidentali di rado si occupano delle vicende africane, se non in occasione di guerre particolarmente cruente o in relazione ai flussi migratori. Invece, quel territorio ha un'importanza strategica per molti paesi, a cominciare dalla Cina, che da tempo lì sta costruendo porti, strade e ferrovie.

    Comunque sia, gli investimenti cinesi non saranno mai sufficienti a far diventare l'Africa una valvola di sfogo per il sistema capitalistico in crisi cronica di sovrapproduzione. Pechino investe in infrastrutture, acquista compagnie petrolifere ed estrattive africane, ma se mai dovessero sorgere nuove industrie esse sarebbero ultramoderne e automatizzate, rispecchiando il livello massimo raggiunto dai paesi a vecchio capitalismo. L'accoppiata capitali cinesi e risorse naturali africane potrebbe sembrare vincente, in realtà prepara situazioni esplosive sia a livello geopolitico che a livello ecologico. Pensiamo all'interscambio di persone tra Cina e Africa, che per ora è rappresentato da qualche decina di migliaia di studenti e operai africani che vengono addestrati in Cina, e da tecnici e operai cinesi che vengono mandati a lavorare in Africa: i numeri sono bassi rispetto al numero delle popolazioni in gioco (Cina e Africa messe assieme fanno quasi 3 miliardi di persone), ma in costante aumento.

  • Sintonizzarsi con la transizione di fase in corso

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, abbiamo commentato l'intervista a n+1 andata in onda su Radio Saiuz lo scorso 18 febbraio, e pubblicata il giorno seguente su YouTube.

    Ascoltando la trasmissione, qualcuno potrebbe pensare che i temi trattati siano astrusi e che, in generale, potremmo avere più "successo" tra i proletari parlando in maniera più semplice. Per esempio: parlare di comunismo come del "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente" non sarebbe comprensibile ai più. In realtà, l'idea che le masse non capiscano è una posizione anti-proletaria, ed anzi, sono i bonzi sindacali, i politici e gli intellettuali quelli a non capire. E comunque finché il capitalismo rimarrà in piedi, la sua ideologia sarà dominante:

    "Sul terreno scuola, stampa, propaganda, chiesa, ecc., fin che la classe lavoratrice sarà sfruttata la diffusione della ideologia borghese avrà sempre un immenso vantaggio sulla diffusione del socialismo scientifico. La partita sarà perduta per la rivoluzione fino a che non si fa assegnamento su forti masse che lottano, senza presupporre nemmeno per sogno che siano uscite dalla influenza culturale ed economica borghese, ma per la ineluttabile spinta del contrasto delle forze produttive materiali non ancora divenuto coscienza dei combattenti, e tanto meno poi scientifica cultura!" ("Danza di fantocci: dalla coscienza alla cultura", 1953)

    Ciò che conta, quindi, è il contrasto tra le forze produttive e i rapporti di produzione, che ad un certo momento fa muovere masse di milioni di persone, inizialmente in maniera caotica e poi sempre più sincronizzata fino alla polarizzazione di classe rappresentata dallo schema di rovesciamento della prassi ("Teoria e azione nella dottrina marxista", 1951).

Rivista n°44, dicembre 2018

copertina n°44f6Editoriale: Duecento anni nel nome di Marx
f6Articoli: Marx 1818-2018 - Imperialismo in salsa cinese - Plaidoyer per il cemento - A che punto è la "crisi" - Comunismo e agricoltura
f6Terra di confine: Il capitalismo non è eterno
f6Rassegna: Dennett, Dai batteri a Bach e ritorno
f6Doppia direzione: La misura e la scienza - La sovrapposizione fra modi di produzione

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 233, 24 aprile 2019

f6Cittadinanza del reddito
f6Nostra Signora delle Fiamme
f6Dieta proteica
f6Il paradosso della rendita
f6Il connettivista
f6Mille chilometri di metrò
f6Ventitreesima settimana
f6Gli apprendisti padreterni

Leggi la newsletter 233
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email