Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  25 febbraio 2014

Il lato umano della sincronia

La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 18 compagni, è iniziata dal commento di Occupy, Solidarities, and Social Movement Creation, articolo pubblicato qualche tempo fa sul sito di Occupy Wall Street. Il testo, scritto da una componente del progetto InterOccupy, propone un'analisi dell'infrastruttura, nata dal movimento Occupy, basata sui concetti di net work, keyword e comunicazione rizomatica. Per net work si intende l'utilizzo delle proprie capacità, nella vita quotidiana e durante l'orario di lavoro, al servizio di progetti che coinvolgono molteplici competenze, conoscenze, tecnologie e persone. Fondamentale nello sviluppo di questo tipo di progetti è l'utilizzo di keywords, parole chiave che sul Web servono a collegare ambienti simili. Nella rete di Occupy esse hanno permesso al movimento di diventare multi-modale poiché capaci di connettere l'organizzazione online con quella offline, le decine di piattaforme Web con le piazze, le strade e le acampadas. La keyword #OccupyWallStreet non rappresenta perciò solo un indirizzo a cui collegarsi, ma uno schema organizzativo improntato sulla solidarietà, per cui prendere parte al movimento non significa solamente identificarsi con esso ma aderire ad una posizione di classe - quella del 99% contro l'1% - e impiegare le proprie capacità sociali per progetti tesi al cambiamento.

L'autrice racconta che durante l'evolversi del movimento questo tipo di infrastruttura è nata spontaneamente e si è sincronizzata senza che nessuno lo decidesse a priori ma agendo secondo il principio mutuato dal mondo hacker don't propose, just do (non proporre, datti da fare). La straordinaria capacità connettiva dell'infrastruttura è data dalla forma rizomatica della comunicazione: non esiste un centro o un posto di comando, ma si instaura piuttosto una struttura organizzativa tentacolare che utilizza più canali per rinforzare le connessioni di rete che spargono le idee da un gruppo all'altro, e la fanno evolvere. Tale forma diventa poi un modello per organizzare iniziative e manifestazioni offline.

Interessanti le considerazioni in merito all'utilizzo delle comunicazioni mobili come smartphone, tablet, ecc.: nell'articolo si sostiene che i movimenti globali contro il capitalismo sono stati capaci di re-immaginare queste tecnologie a proprio vantaggio. Ed è in in questo tipo di contesto che prendono piede il net work e tutte quelle attività tese a soddisfare le esigenze della comunità (postare, linkare, mettere "mi piace", aggiungere contatti alle proprie liste di amici sui social network, diffondere inviti, condividere, twittare, retwittare, seguire, pubblicare foto su Instagram, diffonderle, trasmettere, commentare, bloggare, mandare mail, scrivere testi, chiamare, guardare, donare, registrare, editare, documentare, prendere appunti, incontrarsi e, alla fine, protestare).

Il progetto più sofisticato nato da OWS è Occupy Sandy. Alla fine dell'ottobre 2012 il ciclone Sandy si abbatte su New York creando moltissimi danni e isolando diverse zone. La rete di Occupy si attiva e in breve tempo l'intera infrastruttura del movimento partecipa all'organizzazione dei soccorsi. Viene utilizzato lo stesso modello impiegato per organizzare il sostegno alle acampadas e allo stesso tempo viene elevato il livello delle tecnologie di comunicazione per rispondere più efficacemente all'emergenza. Quiescente sotto il terreno, il rizoma Occupy riesce a mettere in piedi una rete di soccorso capace di far arrivare gli aiuti anche nelle zone maggiormente danneggiate dalla tempesta, muovendo non solo informazione ma anche beni di prima necessità e persone. Il New York Times scriverà: Where FEMA Fell Short, Occupy Sandy was There.

La base di tutte le piattaforme Web, delle iniziative, delle manifestazioni, dei progetti Occupy, e non solo negli Stati Uniti, è il mutuo soccorso (Mutual Aid). Questo meme, insieme al potente We are the 99%, ha attecchito in tutto il globo. Cosa potrebbe accadere se una infrastruttura simile si mobilitasse in situazioni di scontro più radicale? Ci vengono in mente Bosnia e Ucraina, e tutte quelle situazioni in cui, al di là di quello che dicono gli attivisti di se stessi, conta quello che sono costretti a fare di fronte all'emergenza.

La teleconferenza è proseguita con la lettura di alcuni passi dal libro Sincronia. I ritmi della natura, i nostri ritmi di Steven Strogatz. Nel decimo capitolo, intitolato Il lato umano della sincronia, si studiano le leggi soggiacenti alla diffusione di sommosse, mode e pubblicità. Nel caso delle rivolte, la decisione di ciascun individuo di insorgere oppure no dipende da ciò che fanno tutti gli altri secondo un effetto domino:

"L'esempio più famoso di Granovetter riguarda il caso di una folla con una distribuzione uniforme della soglia che varia da 0 a 99. In altre parole, un individuo ha una soglia personale uguale a 0, un altro ha una soglia uguale a 1 e così via. E' facile prevedere che cosa accadrà per una folla siffatta. L'individuo con soglia 0 è pronto a dare inizio alla sommossa anche se nessun altro lo è. Questa persona è l'istigatore della sommossa. Subito dopo di lui si attiva l'individuo con soglia 1, dato che gli basta vedere una sola persona (l'istigatore) che spacca delle vetrine. Ora che le persone in rivolta sono due, l'individuo con una soglia pari a 2 si unirà a loro."

Ora, immaginiamo che la persona con soglia pari a 1 sia sostituita con un'altra con soglia pari a 2. Quando l'istigatore dà inizio alla sommossa, nessun altro si unisce a lui, dato che la soglia di tutti è maggiore di 1. La dinamica collettiva di una massa di persone è quindi estremamente sensibile alla sua composizione. Le rivolte globali in corso sono caratterizzate da un disagio sociale crescente che rende possibile l'esplosione spontanea di comportamenti coordinati. Questi fenomeni sono il risultato di un comportamento gregario, in cui ogni persona basa le proprie azioni sulle decisioni prese dagli altri. In Ucraina il tutto è iniziato con una protesta di piazza che, velocemente, si è trasformata in una sommossa generalizzata, per arrivare all'assalto armato del parlamento e dei ministeri. Normalmente quando si analizzano fenomeni sociali come le sommosse lo si fa introducendo il libero arbitrio dei partecipanti. Ma il cervello del singolo conta poco o nulla: non bisogna pensare alle persone, si deve prestare attenzione alle strutture. Bisogna ragionare su un piano globale per comprendere come riescano dei grandi sistemi sociali a sincronizzarsi spontaneamente. La folla si raduna nelle piazze, qualcuno inizia a lanciare sassi oppure a scontrarsi con la polizia, e presto si mettono in moto delle reazioni a catena che oltrepassano i confini nazionali. La Primavera araba è cominciata in Tunisia con la Rivoluzione dei Gelsomini, ha attraversato l'Algeria e contagiato Libia, Egitto, Yemen, ecc. In Europa, dove in pochi anni si è passati dal confuso incendio delle banlieue francesi ai fatti di Kiev, si sta mettendo in moto la stessa dinamica?

Articoli correlati (da tag)

  • Si dissolvono tutti i rapporti stabili e irrigiditi

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata commentando quanto accaduto nella provincia di Foggia dove sono morti 16 braccianti in due distinti incidenti stradali.

    Per la raccolta degli ortaggi nei campi del foggiano, così come a Rosarno, Saluzzo o nell'alessandrino, viene impiegata manodopera composta per lo più da immigrati. Questi lavoratori, solitamente risiedenti in baracche o altre abitazioni insalubri, sono pagati qualche euro al giorno e vengono trasportati nei luoghi di lavoro ammassati in furgoni, spesso in numero superiore rispetto a quanto consentito dalle norme sulla sicurezza per la circolazione dei veicoli. Paghe da fame e condizioni al limite dello schiavismo non riguardano solo le campagne, ma rappresentano la normalità in tante altre situazioni lavorative. Basti pensare che sono più di 400 i morti sul lavoro nel 2018, per la maggior parte registrati nell'industria e nei servizi, e in particolare nel Nord Italia.

    In risposta all'ennesima strage sul lavoro, Cgil-Cisl-Uil hanno proclamato una manifestazione a Foggia per mercoledì 8 agosto, chiedendo diritti e tutele per i lavoratori delle campagne. Anche l'USB ha indetto per quella giornata uno sciopero nei campi e una marcia da Rignano a Foggia. Il Comitato Lavoratori delle Campagne, che si situa più a sinistra, si è fatto sentire rivendicando anch'esso trasporti, documenti e contratti e attivandosi per aprire uno sportello legale contro lo sfruttamento, una scuola di italiano, ecc.

  • Uno spettro continua ad aggirarsi per la Rete

    Durante la scorsa teleconferenza, a cui si sono connessi 11 compagni, abbiamo ripreso alcune corrispondenze girate nella nostra piccola rete di lavoro. La prima riguarda l'importanza di Occupy Wall Street, soprattutto nella prospettiva del riemergere di un nuovo movimento antiforma; la seconda si sviluppa da alcune considerazioni intorno ai processi di delocalizzazione e rilocalizzazione delle produzioni come strategia economica degli stati nell'ottica del cosiddetto sovranismo.

    Per comprendere l'apporto del movimento americano Occupy Wall Street (OWS) è necessario ripartire da Marx, quando in Per la critica della filosofia del diritto di Hegel, e poi anche nel Manifesto, afferma che nel capitalismo il proletariato non ha rivendicazioni particolari da portare avanti. Premesso che gli episodi di lotta di classe che costellano la storia della classe proletaria sono importantissimi, e che la mancanza della battaglia quotidiana contro il capitalismo significherebbe l'abdicazione del proletariato al proprio compito storico, sappiamo che le conquiste ottenute in questi frangenti sono effimere perchè, la storia ci insegna, il capitalismo può riprendersele in qualsiasi momento. Storicamente il proletariato non subisce ingiustizie particolari, ma l'ingiustizia tout court e perciò non ha nulla da rivendicare in questa società se non la sua abolizione.

  • La distruzione delle garanzie, non la loro preservazione

    Durante la teleconferenza di martedì, a cui si sono connessi 10 compagni, abbiamo fatto alcune considerazioni in merito al Decreto Dignità approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 3 luglio.

    I punti salienti del documento riguardano: i contratti a termine, che potranno essere rinnovati 4 volte e non più 5, e la cui durata massima passerà da 36 a 24 mesi con un aumento crescente del costo contributivo dello 0,5% per ogni rinnovo; l'indennità per i licenziamenti, ampliata da 24 mesi ad un massimo di 36; le delocalizzazioni, con l'istituzione di una penale per le imprese che lasciano il paese prima che siano trascorsi 5 anni dalla fine degli investimenti agevolati. Confindustria, superando il ridicolo, ha detto che il decreto rischia di irrigidire il mercato del lavoro. Nel suo complesso il provvedimento, a dispetto del nome pretenzioso che porta, sembra poter fare ben poco per arginare e, tantomeno, eliminare lo stato di precarietà e povertà in cui si trovano milioni di lavoratori in Italia. E non c'è da stupirsene, dato che, come si è visto innumerevoli volte nel passato, le leggi servono piuttosto a prendere atto e a formalizzare una situazione che esiste già. Per questo i critici del Decreto Dignità, come "Il sindacato è un'altra cosa – opposizione Cgil", che accusano i 5 Stelle di fare solo mera propaganda, appaiono come degli ingenui, tanto più se lo fanno rilanciando parole d'ordine come l'abrogazione del Jobs Act e la riconquista dell'articolo 18. Ponendosi sullo stesso piano del governo, ma criticandolo perché credono che davvero basterebbe una legge "giusta" per risolvere i mali che affliggono la classe lavoratrice, si dibattono per il ritorno ad un mercato del lavoro che non esiste più. Ma siamo proprio sicuri che sia il caso di rimpiangere quel vecchio mondo fatto di "pieno impiego" e "stabilità politica"?

Navigazione per Tag

accumulazione ambiente amore anonymous anticipazioni attivismo austerity autonomizzazione del Capitale autorganizzazione bolla finanziaria Bordiga borghesia Brasile capitale capitale finanziario capitalismo capitolazioni catastrofe centralismo organico centralizzazione cervello sociale cgil chiesa cibernetica ciclo coloniale Cina Cipro commons comunismo conoscenza controrivoluzione crisi debito decrescita democrazia determinismo disoccupazione dissipazione dissoluzione dono doppia rivoluzione economia politica Egitto Einstein energia evoluzione expo fascismo feedback finanza forza produttiva francia geostoria Germania Giappone governo governo tecnico gramsci grecia Grillo guerra guerre mondiali Hegel ideologia immediatismo imperialismo indignados informazione internazionale comunista invarianza isis israele Italia Latouche lavoro lavoro di partito lenin linguaggio logistica lotta di classe lotte immediate luogocomunismo macchine manifestazioni manoscritti '44 marasma sociale Marx materialismo medio oriente memi mezze classi militanti minerali miseria crescente moneta movimento operaio mutuo soccorso neotenia no tav occupy sandy ordinovismo OWS palestina partito partito formale partito storico peer to peer piano di produzione polarizzazione popolazione Popper precari preistoria previsione primavera araba produttività produzione sociale programma questione nazionale rabbia sociale rapporti di forza reddito rendita rete rifkin riformismo rinascimento riunioni rivolta rivoluzione rivoluzione borghese rivoluzione proletaria russia salario SCi scienza sciopero sessualità sincronia sindacato social network soviet Stato stato islamico teoria rivoluzionaria Tunisia Turchia uranio usa valore valorizzazione wikipedia

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 229, 6 agosto 2018

f6Dedicato a Karl Marx
f6Maledetta socialdemocrazia
f6Il film
f6Il Vallo Atlantico
f6Organizzazione Mondiale per il Commercio
f6Giganti?
f6Su tre continenti
f6Governicchio

Leggi la newsletter 229
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email