Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  27 maggio 2014

Rivolte sociali e statistica elettorale

La statistica ci dice che in un sistema a tre partiti si verifica una convergenza verso il centro, dove per convergenza non s'intende tanto la media dei voti degli elettori ma la corsa verso il centro dei partiti in gara. Renzi o, per fare un altro esempio, Le Pen in Francia hanno percorso questa strada e, senza dire nulla di nuovo ma aggiungendo un pò di liberismo da sinistra e da destra, sono stati tra i vincitori delle ultime elezioni europee. Molte sono le considerazioni che si potrebbero fare in merito: l'ascesa dell'uomo anziché del partito, l'alto consenso popolare, il voto di protesta dei grillini, la rinuncia esausta di chi non è andato a votare, ecc. Durante la teleconferenza di martedì sera, presenti 19 compagni, abbiamo preferito soffermarci sulle dinamiche generali in corso che determinano tali avvenimenti. Sarebbe uno sforzo inutile analizzare queste elezioni sulla base delle opinioni o dei presunti significati delle espressioni di voto, conviene piuttosto riflettere sui risultati elettorali ragionando in termini di fisica sociale (L'atomo sociale, Buchanan).

Abbiamo ricordato l'articolo Elezioni al tempo della statistica: è matematicamente dimostrato che quando si stabiliscono delle condizioni che è necessario soddisfare per mantenere sistemi di aggregazione sociale eticamente accettabili e non arbitrari, non esiste alcun metodo non dittatoriale che soddisfi tutte le suddette condizioni. In Italia il blocco moderato-reazionario ha deciso di votare Renzi nel tentativo (disperato) di conservare le garanzie conquistate, e si è quindi coagulato intorno a quell'elemento che rappresenta una certa stabilità. Si sta andando verso la situazione descritta dall'economista K. Arrow, in cui si impone un unico elemento in grado di prendere delle decisioni, mentre la parvenza di democrazia, la finzione imbonitrice e la sua etica edulcorante, si fa sempre più evanescente. Così come per il capitalismo la crisi è diventata il suo modo d'essere, lo stesso vale per la politica, dove non funziona più il sistema di alternanze per cui al battilocchio del momento ne segue uno nuovo e poi ancora un altro. Si consolidano invece esecutivi forti legittimati da un grande consenso popolare, che marciano come schiacciasassi al suon di riforme e manovre, non vengono intralciati da chiacchiere parlamentari e "disfunzioni" varie, e agiscono in nome di una democrazia "snella".

Le misure che Mario Draghi ha annunciato per il prossimo giugno (una manovra di sostegno della BCE all'economia europea che prevede l'abbassamento dei tassi e l'acquisto"espansivo e su ampia base" di titoli sovrani) rispondono alla stessa esigenza, e cioè dare ossigeno e tenere in vita il più possibile il "moribondo". Ma a che serve dare ancora soldi agli istituti bancari quando milioni di automobili rimangono invendute e arrugginiscono sui piazzali delle fabbriche? In una crisi di sovrapproduzione non serve a nulla pompare liquidità nel sistema bancario, se non ad aumentare il capitale alla ricerca di una valorizzazione che non trova. Prendiamo ad esempio il consumo di energia elettrica in Italia: rispetto all'aprile dello scorso anno ha registrato un calo del 3%, il dato è indice di un sistema produttivo in seria difficoltà tra delocalizzazioni e chiusure. Investire non è più conveniente, sale la deflazione, e ottanta euro in busta paga non cambiano nulla. La vera politica keynesiana si fa aumentando il numero dei salariati e abbassando il loro salario, ma le due cose, in termini di mercato, sono assolutamente in contraddizione.

In Italia la disoccupazione continua a crescere e i consumi a calare. A proposito di bassi salari, ha avuto una certa eco quanto avvenuto qualche giorno fa ai mercati generali di Torino (Caat) quando un picchetto operaio è sfociato in rivolta. Vedendo i video comparsi sul Web ci sono venuti in mente i "teppisti" della lotta di classe di Rosarno, quelli impegnati in agricoltura per 15-16 ore di lavoro con un salario di pochi euro al giorno. I neri di Rosarno avevano dipinto sui volti segni antichi di guerra rivendicando una "comunità umana" che non c'è più, ma la loro esplosione era quella del salariato moderno, per il quale si sta facendo sempre più indistinto il confine fra la rivendicazione sindacale e la ribellione all'intero sistema.

La logistica è in subbuglio da tempo e probabilmente la soluzione alle vertenze in atto verrà dall'esterno del settore. Lo si è intravisto con i fatti del Caat: mentre scorrevano sui vari social network le notizie relative alla vertenza dei facchini torinesi, ad esse si sovrapponevano quelle di altre lotte nel resto d'Italia, come per esempio il boicottaggio nei punti vendita dell'Ikea oppure i blocchi ai cancelli della Dielle di Cassina de' Pecchi. Come avvenuto in Brasile, dove l'evento dei Mondiali ha fatto da catalizzatore per tutta una serie di istanze di lotta (scioperi e proteste degli insegnanti, degli spazzini, della polizia locale, del movimento contro la Coppa, dei lavoratori senza tetto, degli Indios, ecc.) unificandole; o in Turchia, dove il movimento venuto a galla con le proteste di Gezi Park continua a crescere e coinvolge, dopo esser passato per momenti importanti come le manifestazioni per la morte di Berkin Elvan, i divieti e le proteste dello scorso Primo Maggio e gli scontri per la strage nella miniera di Soma, vari strati della popolazione; anche nel caso della logistica e delle altre lotte in corso in Italia sarà naturale confluire in un movimento generalizzato per cui le peculiarità dei singoli luoghi di lavoro andranno in secondo piano e prenderanno piede parole d'ordine unificanti per tutti i settori, le categorie, i territori. Con lo sciopero cittadino di Oakland del novembre 2011, organizzato e gestito dall'assemblea generale di Occupy, abbiamo assistito ad un'anticipazione del modus operandi che sta sostituendo la concertazione e la gestione a tavolino dei conflitti cui siamo abituati.

L'outsourcing non riguarda solo il Caat e il comparto della logistica. Esso è un fenomeno globale, è il modo di funzionare del sistema produttivo d'oggi. L'integrazione dell'economia mondiale obbliga i vari paesi a sincronizzarsi sulle misure da prendere, ma costringe anche i proletari ad organizzarsi allo stesso livello, come in occasione del primo sciopero globale dei Fast Food Workers dello scorso 15 maggio.

Articoli correlati (da tag)

  • Esorcismi borghesi

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 12 compagni, è iniziata con alcuni commenti sulle notizie riguardo la formazione del governo in Italia.

    La strana unione formata da Lega e Movimento 5 Stelle ha allontanato, almeno per il momento, la proposta di un "governo neutrale", formulata dal presidente Mattarella, e ha lanciato il "governo del cambiamento", attuabile tramite la stipula di un contratto. In Rete circola una bozza di tale accordo che prevede, tra le altre cose, la "cancellazione" di 250 miliardi di euro di titoli di Stato detenuti dalla Banca centrale europea, una pesante revisione dei trattati europei sull'immigrazione e la messa in discussione del patto di stabilità.

    Il Financial Times, nell'articolo "Rome opens its gates to the modern barbarians" (Roma apre le sue porte ai moderni barbari), si è espresso con preoccupazione in merito alla formazione di un governo giallo-verde , affermando che "l'Italia è sul punto di insediare il governo più insolito e inesperto che abbia mai guidato una democrazia dell'Europa occidentale dalla firma dei Trattati di Roma del 1957". Secondo il principale giornale economico del Regno Unito, "l'opinione comune nelle altre capitali Ue e nei mercati finanziari era che un governo Cinque Stelle-Lega sarebbe stato il risultato più inquietante. Ora i barbari non si stanno solamente ammassando alle porte di Roma. Sono entrati dentro le mura della città". Anche la Commissione Ue si è fatta sentire, consigliando al Bel Paese di ridurre debito e deficit e rimarcando che tale approccio sarà mantenuto "indipendentemente dal Governo che ci sarà", in particolare sul tema dei migranti. Confindustria, che fino ad ora aveva tenuto un basso profilo, durante l'audizione sul DEF (il Documento di Economia e Finanza per il 2018) ha manifestato forti perplessità sui fondi necessari ad attuare il reddito di cittadinanza e la flat tax.

  • La borghesia è una classe senza bussola

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 12 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sul tema del reddito di base.

    In seguito all'annuncio del governo finlandese di voler riformare il welfare state, vari quotidiani italiani hanno pubblicato alcuni articoli sulla sperimentazione in corso nel paese del reddito di base (incondizionato), annunciandone il fallimento. In verità, il test iniziato nel gennaio del 2017 su un campione di 2mila persone terminerà, come previsto, alla fine di quest'anno e solo nel 2019 si inizieranno ad elaborare i dati raccolti. I 2000 disoccupati continueranno quindi a percepire, per tutto il 2018, 560 euro al mese esentasse, senza l'obbligo di accettare un lavoro vincolante all'ottenimento del sussidio, o di rinunciarvi nel caso in cui trovassero una nuova occupazione. La vera notizia, semmai, è che il governo finlandese ha dichiarato di voler ridurre le misure di benefit per il restante dei senza riserve, che in cambio del sussidio di disoccupazione dovranno lavorare almeno 18 ore in tre mesi.

    Nell'articolo de il manifesto "Finlandia, il test sul 'reddito di base' continua" Roberto Ciccarelli scrive:

  • Indici inquietanti (per i capitalisti)

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, è iniziata commentando le difficoltà che si trova a dover affrontare la borghesia italiana nella formazione del nuovo governo.

    Negli ultimi giorni il Movimento 5 Stelle ha inviato segnali distensivi sia alla Lega che al PD. Ma a differenza di quanto vorrebbero i suoi rappresentanti, difficilmente sarà il partito pentastellato l'ago della bilancia di questa tornata elettorale. Subito dopo le elezioni del 4 marzo, Il Sole 24 Ore aveva prospettato la possibilità di un cambio di casacca di circa 70 deputati per consentire al centro destra di ottenere la maggioranza. Non sarebbe nulla di nuovo: la passata legislatura è stata la più instabile della storia della Repubblica: in 57 mesi 207 deputati e 140 senatori hanno cambiato partito almeno una volta, alcuni anche più volte, per una cifra record di 566 passaggi. Lo shopping politico potrebbe essere una soluzione, alla faccia della democrazia e della consultazione dei liberi elettori. D'altra parte, il trasformismo è stato inventato in Italia e nei prossimi mesi vedremo all'opera pesanti determinazioni a favore di un esecutivo forte, senza che però esista la materia prima per fabbricarlo. Dovrebbe in tal caso maturare al di fuori dell'ambiente parlamentare la forma tecnica cui porteranno queste determinazioni.

Navigazione per Tag

accumulazione ambiente amore anonymous anticipazioni attivismo austerity autonomizzazione del Capitale autorganizzazione bolla finanziaria Bordiga borghesia Brasile capitale capitale finanziario capitalismo capitolazioni catastrofe centralismo organico centralizzazione cervello sociale cgil chiesa cibernetica ciclo coloniale Cina Cipro commons comunismo conoscenza controrivoluzione crisi debito decrescita democrazia determinismo disoccupazione dissipazione dissoluzione dono doppia rivoluzione economia politica Egitto Einstein energia evoluzione expo fascismo feedback finanza forza produttiva francia geostoria Germania Giappone governo governo tecnico gramsci grecia Grillo guerra guerre mondiali Hegel ideologia immediatismo imperialismo indignados informazione internazionale comunista invarianza isis israele Italia Latouche lavoro lavoro di partito lenin linguaggio logistica lotta di classe lotte immediate luogocomunismo macchine manifestazioni manoscritti '44 marasma sociale Marx materialismo medio oriente memi mezze classi militanti minerali miseria crescente moneta movimento operaio mutuo soccorso neotenia no tav occupy sandy ordinovismo OWS palestina partito partito formale partito storico peer to peer piano di produzione polarizzazione popolazione Popper precari preistoria previsione primavera araba produttività produzione sociale programma questione nazionale rabbia sociale rapporti di forza reddito rendita rete rifkin riformismo rinascimento riunioni rivolta rivoluzione rivoluzione borghese rivoluzione proletaria russia salario SCi scienza sciopero sessualità sincronia sindacato social network soviet Stato stato islamico teoria rivoluzionaria Tunisia Turchia uranio usa valore valorizzazione wikipedia

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 228, 29 aprile 2018

f6Socialismo, dove?
f6Le mezze classi inglesi e l'austerity
f6Il gorilla
f6Metamorfosi
f6Viva Bio
f6Integrando
f6Guardie e ladri
f6Terre amare

Leggi la newsletter 228
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email