Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  18 marzo 2014

In marcia!

marchadeladignidad - mapLa teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sulla Marcha de la Dignidad. La marcia, organizzata in colonne provenienti da diversi punti del paese, culminerà il 22 marzo quando collettivi, sindacati, gruppi di lavoratori, disoccupati e precari, si riverseranno nella capitale spagnola per chiedere un cambiamento reale. Le rivendicazioni avanzate dai manifestanti riguardano casa, sanità, reddito e reclamano un lavoro dignitoso per tutti. Come al solito, quello che conta è il contesto generale in cui tali movimenti si inseriscono.

Il video della Cgt, dove si vedono gli attivisti in cammino arrivare nei centri urbani e ristorarsi in mense comuni, mostra l'alto livello di logistica necessariamente approntato per sostenere le migliaia di persone in marcia, e ricorda quanto scritto dagli occupiers americani in merito all'importanza del mutuo soccorso:

"Il movimento può fare molto di più che protestare. Noi possiamo anche fare qualcosa gli uni per gli altri. In giro per il mondo ci sono persone ancora senza tetto, intrappolate nella povertà, in debiti e pignoramenti. Le sperequazioni economiche sono tremende. Ma oggi ricordiamo a noi stessi e al mondo che possiamo essere soddisfatti della solidarietà [che abbiamo messo in pratica]. Oggi da Oakland a Washington, ovunque siano presenti, gli occupiers sono seduti alla mensa comune" (OWS home page, 24/11).

La marcia, organizzata da diverse sigle e movimenti, è diventata espressione di un movimento generalizzato che, come già accaduto in Turchia e Brasile, supera e ingloba le numerose organizzazioni esistenti. Anche gli strumenti utilizzati mostrano questa dinamica, come ad esempio il sito wiki (#15Mpedia) costruito dagli indignados per organizzarsi e coordinarsi. Il fatto è interessante perché il metodo wiki è quanto di più avanzato possa mettere a disposizione lo stesso capitalismo: è universale, anonimo e peer to peer, "è una delle tante manifestazioni del cervello sociale, individuato fin dalle origini dell'industrializzazione nelle macchine intese non come singolarità meccaniche ma come sistema. Se un secolo e mezzo addietro fu solo Marx a sottolinearlo, oggi sono in molti a riconoscerlo. Wikipedia è un buon esempio di simil-organismo dotato di intelligenza collettiva, che supera di gran lunga il vecchio modello dell'alveare come corpo disaggregato fatto di cellule-individuo differenziate per compiti" (Wikipedia, il caos e l'ordine).

I movimenti attuali, per quanto possano avere le idee confuse sui metodi e sui fini della lotta, sono oggettivamente anti-formisti, visto che non esiste più alcuna possibilità di migliorare le condizioni di vita rimanendo all'interno di questo sistema. Da Zuccotti Park è partito un messaggio forte e chiaro: andiamo oltre alle noiose manifestazioni con servizio d'ordine e comizio finale. Dal cuore pulsante del capitalismo, Wall Street, è arrivata l'indicazione a occupare in pianta stabile le piazze per fare community. Poi è stata la volta del movimento turco e "la prima cosa che balza all'occhio è l'emergere velocissimo (pochi giorni) di una struttura organizzativa centralizzata, 'Solidarity Taksim'. Si tratta di un'aggregazione democratica e frontista, ovviamente interclassista, formata da 116 organismi diversi che vanno dai partiti tradizionali d'opposizione ai gruppi calcistici di ultras normalmente nemici, dai sindacati ai gruppi anarchici o 'marxisti' che rappresentano nell'insieme strati proletari. Ma queste forze sociali, per quanto eterogenee, si sono polarizzate con velocità incredibile, fornendo non solo coordinamento ma centralizzazione tramite l'ormai consueta rete dei social network. Tra l'altro il governo turco, a differenza ad esempio di quello egiziano, non ha potuto bloccare Internet per non danneggiare la struttura economica che sulla rete basa il 100% del commercio B2B (business to business). Questa centralizzazione raggiunta dai fieri rivoltosi turchi è inedita fra gli indignados, gli occupiers americani e i rivoltosi arabi. È possibile che si precisi e che abbia dei riflessi sull'intero movimento globale" (Newsletter del 20 giugno 2013). La spagnola #MarchasdelaDignidad è una novità rispetto alle solite mobilitazioni indette da partiti e sindacati, perché si è configurata come un movimento capillare distribuito sul territorio e prolungato nel tempo.

Inoltre, a proposito di Turchia, è da segnalare quanto accaduto recentemente con la morte di Berkin Elvan, il quindicenne colpito da un lacrimogeno mentre andava a comprare il pane. I genitori ne hanno annunciato il decesso via Twitter e subito la notizia si è propagata memeticamente portando a scontri in decine di città e determinando una forte polarizzazione di classe tra l'1% (assassino e corrotto) e il 99% (solidale con la famiglia e gli amici di Berkan). Leggiamo da Repubblica del 13 marzo: "Solo con l'hashtag #BerkinElvanOlumsuzdur (#BerkinElvanIsImmortale) sono stati prodotti fino a ieri 11,9 milioni di tweet. Il 75% dei tweet dedicati al ragazzo è stato ritwittato e, secondo i dati di Keyhole, 70 milioni di utenti in tutto il mondo sono stati raggiunti da messaggi sul giovane ucciso. Si tratta di un vero record, se si considera che gli utenti di Twitter in Turchia sono circa 12 milioni."

Tutti i movimenti sviluppatesi dopo la Primavera araba sono dei tentativi pratici di fuoriuscita dall'attuale sistema economico, delle esplorazioni collettive nel domani. La tendenza globale è quella alla costruzione di una piattaforma unificante che tenga insieme le varie istanze. Anche in Ucraina è successo qualcosa di simile con l'occupazione di Majdan, divenuta quartier generale della rivolta. Per quanto non si possa trovare una legge soggiacente se non quella della pressione capitalistica sulle popolazioni, la radicalizzazione e la sua propagazione virale sembrano inarrestabili, e anche se ci sono strutture frontiste che tentano di imbrigliare il movimento all'interno dell'alveo istituzionale, la dinamica complessiva tende ad inglobare chi vi fa parte. Ogni rivolta particolare è un piccolo tassello della rivoluzione incessante, qualunque sia il risultato locale raggiunto. E le rivoluzioni hanno sempre marciato da sé, hanno sempre utilizzato chi credeva di utilizzarle. Quando la storia si ionizza, come in Russia nel 1917, chi ha le idee chiare sul futuro, influenza il movimento e, in alcuni casi, lo può dirigere.

La teleconferenza è poi proseguita con un breve commento delle notizie provenienti dalla Crimea, sul referendum e la semi-annessione della penisola alla Russia. Come scritto in La grande cerniera "balcanica" e il futuro dell'Unione Europea, la geografia dei paesi determina lo sviluppo delle forze economiche, sociali e politiche; oramai anche i borghesi cominciano a parlare di geostoria invece che di geopolitica. Con la seconda guerra mondiale si è concluso il ciclo delle guerre blocco contro blocco, con il 1975 il ciclo rivoluzionario delle "guerre" di liberazione nazionale, oggi il mondo capitalistico è integrato, e le politiguerre sono fatte per procura mirando più al controllo che all'occupazione del territorio (L'imperialismo delle portaerei, 1957).

Infine si è parlato del tanto discusso Jobs Act. Dietro a roboanti proclami a tempo di slide, l'unico dato oggettivo che resta è l'aumento strutturale della precarietà.

Il piano proposto da Renzi è in perfetta continuità con le politiche di Biagi e Monti: l'obiettivo è quello di estendere la flessibilità a tutto il mondo del lavoro. Con esso si introduce un contratto a tempo determinato senza causale fino a tre anni e vengono riscritte le norme dell'apprendistato rendendo facoltativa la formazione del lavoratore. Si vuole inoltre costituire un fondo giovani per finanziare il sistema degli stage; estendere, insomma, il metodo Expo del lavoro gratuito a tutto il paese. Anche la materia ammortizzatori sociali viene affrontata in modo inconcludente: il Naspi, il nuovo sussidio di disoccupazione spacciato per universale, riguarda in realtà solo una minima parte di precari e disoccupati (secondo i calcoli restano fuori almeno 4 milioni di persone, ma il numero è superiore se si considerano le partite Iva iscritte ad altre gestioni previdenziali). E ricorda, per le modalità di erogazione, il modello tedesco Hartz di cui abbiamo parlato qualche tempo fa. Per reperire i fondi necessari alle riforme si prevedono tagli alle pensioni, agli statali, all'esercito e alla polizia. Certo, sempre che vadano in porto: sono ancora vivide le immagini di un Portogallo dove un nutrito gruppo di poliziotti si scontrava con le forze dell'ordine poste a difesa del Parlamento. Il sistema è arrivato al capolinea: leggi, tagli e riforme, non possono riattivare l'accumulazione di valore, non sono risolutive per l'economia nazionale, interconnessa a quella mondiale. I difensori dell'esistente, dai sindacatoni ai sindacatini fotocopia, si scandalizzano per la perdita dei "diritti" e invitano a lottare per ritornare ad un inquadramento sindacale che non c'è più. Non sono le leggi che producono la precarietà, ma è vero il contrario. Nel frattempo i contratti atipici sono diventati tipici, e anche i lavoratori a tempo indeterminato subiscono il peggioramento delle condizioni di lavoro. Si potrà snellire il mercato del lavoro e annichilire temporaneamente la capacità di contrattazione tradizionale, ma nello stesso tempo, e proprio per questo, si obbligheranno i proletari ad agire non secondo gli attuali schemi, bensì a ritrovare la forza nell'organizzazione immediata territoriale.

Articoli correlati (da tag)

  • Rovesciamento della prassi

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 9 compagni, è iniziata con la segnalazione dell'assemblea europea dei rider avvenuta lo scorso 25 e 26 ottobre a Bruxelles. Circa 60 fattorini, impiegati presso aziende del food delivery quali Deliveroo, UberEats, Glovo e Foodora, e provenienti da Spagna, Italia, Francia, Inghilterra, Irlanda, Scozia, Belgio, Paesi Bassi, Svizzera, Norvegia, Finlandia, Germania, si sono dati appuntamento nella capitale belga per dar vita a un coordinamento di lotta (Transnational Courier Federation). Dalle prime mobilitazioni del 2016 a Londra, il settore ha visto un continuo di scioperi e manifestazioni che hanno coinvolto sempre più paesi, fino a lambire Cina, Hong Kong e Australia. Durante l'incontro di Bruxelles i precari hanno scambiato informazioni sulle rispettive lotte e hanno lanciato uno sciopero europeo per il prossimo 1° dicembre. Il comunicato ufficiale si chiude con queste parole:

    "La lotta contro lo sfruttamento tramite piattaforme di consegna non può essere effettuata all'interno del quadro nazionale. Queste multinazionali si basano sull'elevato tasso di disoccupazione giovanile, le difficoltà per coloro che sono senza documenti di trovare lavoro per trarne profitto. L'approccio internazionalista attorno al quale si costituisce questa federazione rappresenta un passo in avanti per la nostra classe. Mentre il nazionalismo sta guadagnando terreno in Europa e le organizzazioni, anche di sinistra, hanno ripreso il discorso nauseante sui confini, noi rider abbiamo deciso di organizzarci contro queste operazioni e gridare a gran voce che i confini non ci dividono: fattorini di tutti i paesi unitevi!"

  • L'età della magagna

    Durante la teleconferenza di martedì, a cui si sono connessi 11 compagni, abbiamo discusso del crollo del ponte Morandi a Genova. Il bilancio della strage è di 43 morti, decine di feriti e centinaia di famiglie sfollate dal quartiere sottostante alla struttura.

    In questa società, che nella serie di articoli Drammi gialli e sinistri della moderna decadenza sociale la nostra corrente definisce "età della magagna", può accadere che gli ingegneri si sentano frustrati perché soppiantati da architetti divenuti star, e per tutta risposta progettino strutture leggere ed avveniristiche per fare, a loro volta, scalpore e meraviglia. Strutture che ad un certo punto collassano, sono da demolire o non sono comunque più utilizzabili. D'altra parte tutte le case, i ponti e i manufatti costruiti negli anni del boom economico hanno oggi bisogno di manutenzione straordinaria. Ma in epoca capitalistica le opere di conservazione rappresentano un costo passivo, mentre risulta più conveniente demolire e costruire ex novo, bandendo gare dai preventivi fasulli e dagli alti profitti:

    "Esso [Il Capitale] non vuole appalti di manutenzione, ma giganteschi affari di costruzione: per renderli possibili, non bastando i cataclismi della natura, il capitale crea, per ineluttabile necessità, quelli umani, e fa della ricostruzione postbellica 'l'affare del secolo'". ("Piena e rotta della civiltà borghese", 1951).

  • Si dissolvono tutti i rapporti stabili e irrigiditi

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata commentando quanto accaduto nella provincia di Foggia dove sono morti 16 braccianti in due distinti incidenti stradali.

    Per la raccolta degli ortaggi nei campi del foggiano, così come a Rosarno, Saluzzo o nell'alessandrino, viene impiegata manodopera composta per lo più da immigrati. Questi lavoratori, solitamente risiedenti in baracche o altre abitazioni insalubri, sono pagati qualche euro al giorno e vengono trasportati nei luoghi di lavoro ammassati in furgoni, spesso in numero superiore rispetto a quanto consentito dalle norme sulla sicurezza per la circolazione dei veicoli. Paghe da fame e condizioni al limite dello schiavismo non riguardano solo le campagne, ma rappresentano la normalità in tante altre situazioni lavorative. Basti pensare che sono più di 400 i morti sul lavoro nel 2018, per la maggior parte registrati nell'industria e nei servizi, e in particolare nel Nord Italia.

    In risposta all'ennesima strage sul lavoro, Cgil-Cisl-Uil hanno proclamato una manifestazione a Foggia per mercoledì 8 agosto, chiedendo diritti e tutele per i lavoratori delle campagne. Anche l'USB ha indetto per quella giornata uno sciopero nei campi e una marcia da Rignano a Foggia. Il Comitato Lavoratori delle Campagne, che si situa più a sinistra, si è fatto sentire rivendicando anch'esso trasporti, documenti e contratti e attivandosi per aprire uno sportello legale contro lo sfruttamento, una scuola di italiano, ecc.

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 230, 18 ottobre 2018

f6Bomba a orologeria
f6Uno schema Ponzi per sé stessi
f6Umanità minore
f6C'era una volta la teoria del valore
f6Il paradosso di Fermi
f6Il non-Statuto dei gig-lavoratori
f6La strana storia del reddito di base
f6Spread

Leggi la newsletter 230
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email