Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  8 dicembre 2015

Il collasso del sistema imperialista globale

Durante la teleconferenza di martedì, presenti 18 compagni, si è discusso di guerra e marasma sociale in corso.

Secondo alcune stime, l'ultimo trimestre economico avrebbe registrato una forte contrazione della crescita a livello europeo. Nonostante la guerra, che storicamente serviva anche a rilanciare l'industria, l'apparato produttivo non trova sfogo. D'altro canto, non si può spremere di più un proletariato... che non lavora. Se è vero che sale il numero dei proletari in Cina e India, è altrettanto vero che in Europa aumenta quello dei senza lavoro. E siccome non si può estrarre da un solo operaio lo stesso plusvalore che si può cavare da 10, i consumi ristagnano e le conseguenze si ripercuotono sulle economie dei "paesi emergenti". Disoccupazione, marasma sociale e guerra: questo è il presente capitalistico.

Dal punto di vista delle dottrine e dei metodi ogni nuova guerra incomincia là dove è finita quella precedente. Dov'è finita la guerra mondiale precedente? Con le partigianerie (Achtung! Banditen, cioè "terroristi"), con la teoria della "guerra limitata", o blitzkrieg, o guerra di movimento (Tukhacevskij, Fuller, Guderian, Liddel Hart) e con le operazioni di commando, cioè terrorismo istituzionalizzato (il bombardamento a tappeto sulle città e l'arma atomica rappresentano l'estremo limite del terrorismo). Nasce il "soldato politico" (teorizzato dalle SS, ma incarnato in tutti gli eserciti della II GM, oggi esportatore di democrazia nella "Guerra infinita").

Si dice che all'occorrenza gli eserciti di specialisti pagati saranno rimpiazzati da quelli di leva. Con i criteri della II GM, che mise in campo una cinquantina di milioni di soldati, ne occorrerebbero alcune centinaia di milioni. L'ipotesi è una stupidaggine: ammesso e non concesso che si arrivi a tanto, la borghesia non distribuirà mai armi e controllo di sistemi come quelli attuali a un numero così stratosferico di soldati di leva.

Questa è una guerra mondiale combattuta a "pezzi", come predica Papa Francesco. L'imperialismo è il capitalismo di oggi, ed è uno solo, nel quale si muovono nazioni, classi, paesi "imperialisti". Se l'insieme è unico e non frammentato in "patrie", allora la guerra d'oggi è già guerra civile.

Al solito, bisogna partire dall'assetto materiale del capitalismo, dalla legge tendenziale della caduta del saggio di profitto e da quella della miseria crescente. Fatta nostra questa chiave di lettura, allora possiamo capire il perchè delle migrazioni e i loro effetti sociali, come la vittoria della destra di Le Pen in Francia. Il sistema è fatto così, nessun uomo o gruppo ha la possibilità di invertire volontaristicamente la situazione. I mercati si muovono in un certo modo, il capitale è autonomizzato e i capitalisti annaspano cercando di stare dietro ai movimenti caotici della finanza mondiale (bello il film Margin Call di J. C. Chandor).

Abbiamo quindi ripreso alcuni dei temi trattati sul numero 38 della rivista (prossimo all'uscita), in particolare quello dell'intelligenza diffusa a rete. Una concezione sballata della guerra sottointende una concezione sballata anche della lotta di classe e della funzione del partito nella rivoluzione. Il partito di domani non potrà essere al di sotto del sistema reticolare di comunicazione che fa il giro del globo configurandosi come un vero e proprio cervello sociale. Anche in ambito borghese sono sempre di più coloro che si accorgono che qualcosa di nuovo sta emergendo. Notevole quanto scriveva nel 1938 H.G. Wells:

"Una chiarificante organizzazione universale della conoscenza e delle idee, ossia l'emergere di ciò che ho chiamato Cervello mondiale, rimpiazzerà la nostra molteplicità di gangli scoordinati... in quella e in quella soltanto, è certo, vi è l'unica chiara speranza di trovare un Amministratore Competente per le questioni mondiali. Non vogliamo dittature, oligarchie o domini di classe, vogliamo un'intelligenza diffusa a livello mondiale e autocosciente." (Il Cervello Mondiale)

La borghesia è come l'apprendista stregone incapace di controllare le potenze sotterranee da lui stesso evocate (Manifesto). Pur avendo a disposizione un sistema capace di collezionare enormi quantità di informazione, non sa che farsene della potenza dei big data. La raccolta di dati è essenziale affinchè un sistema conosca se stesso e riesca ad auto-organizzarsi, ma il mondo capitalistico utilizza la scienza esclusivamente per vendere merce e fare profitto. L'intelligenza della nostra specie è sciupata in un sistema siffatto.

Secondo il Censis la rete Internet rende sempre più d'attualità un'economia basata sulla condivisione: nell'ultimo anno 2 milioni di italiani, il 4% della popolazione, hanno utilizzato il car sharing. Cresce anche il coworking e il couchsurfing, modi per lavorare e viaggiare insieme. Cresce il crownfounding, la raccolta fondi attraverso piattaforme specializzate su Internet. Il comportamento spontaneo di milioni di "atomi sociali" sta dando vita a una nuova forma di economia, a nuovi stili di vita che coinvolgono la società nel suo insieme. Microsoft ha implementato Windows 10 gratuitamente in milioni di computer, e anche se è coinvolta solo una base ristretta di utenti (i possessori di Windows 7 e 8), ciò che una volta era venduto oggi è regalato. Se prevale l'aspetto della condivisione su quello della concorrenza, il capitalismo non ha più ragione d'essere.

Lo hanno capito quelli del Venus Project e del Movimento per il Paradismo, che descrivono l'avvento di una società comunistica basata esclusivamente sui risultati tecnico-scientifici già raggiunti entro questa società.

Articoli correlati (da tag)

  • Pancia e gambe si muovono prima del cervello

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 7 compagni, è cominciata dal tema del "lavoro", o meglio del lavoro alienato che, come dice Marx, fa sì che l'uomo si senta tale solo quando mangia, beve e si accoppia (attività che condivide con le bestie), e si senta bestia quando lavora (attività che gli sarebbe peculiare).

    Un compagno ha fatto notare che il "lavoro" è un'attività umana invariante, incessante nei millenni (l'arco millenario che lega l'ancestrale uomo tribale lottatore con le belve al membro della comunità futura) nonostante il variare storico dei paesaggi epigenetici innumerevoli volte rivoluzionati. Perciò possiamo indicare la forma, che esprime il "lavoro" della natura sulla materia sia organica che inorganica, come il movimento in quanto tale.

    Ora, il "prodotto" di questo incessante movimento-lavoro della materia per miliardi di anni altro non è che lo stato attuale delle cose. L'uomo è nella fase della sua storia in cui quel primordiale movimento-lavoro ha assunto la modalità capitalistica, alienandosi. Il prossimo balzo evolutivo della specie verso il regno della libertà la emanciperà dal lavoro come cieco movimento della materia sociale. Rovesciata la prassi, per la prima volta l'umanità non sarà solo "cosciente" ma anche "dirigente" il suo proprio lavoro, ossia il suo proprio movimento-lavoro, ad un gradino evolutivo superiore. Scienza dell'uomo e della natura si integreranno e allora non ci sarà che una sola scienza.

  • Squilibri

    La teleconferenza di martedì 16 luglio, a cui hanno partecipato 8 compagni, è cominciata dallo "scandalo" dei fondi russi alla Lega.

    In realtà, per quanto ne dica Repubblica, c'è ben poco di cui scandalizzarsi: la Russia ha sempre agito in questo modo, mettendo da parte quanto necessario per incastrare il malcapitato di turno per poi ricattarlo e costringerlo a fare qualcosa. Da leggere, a tal proposito, il testo di Marx Rivelazioni sulla storia diplomatica segreta del XVIII secolo.

    La Russia è poco europea, ha caratteristiche asiatiche, ed è un paese fortemente centralizzato. Lo afferma lo stesso Vladimir Putin in una recente intervista al Financial Time, in cui denuncia il fallimento del liberalismo, il principio sui cui si reggerebbero i governi dell'Occidente che oggi soffrono di una "frattura tra il popolo e la classe dirigente". Secondo il presidente russo, inoltre, "la guerra fredda era una cosa cattiva, ma almeno c'erano delle regole, che tutti i protagonisti delle relazioni internazionali dovevano rispettare in un modo o nell'altro"; oggi invece il mondo è frammentato e caotico.

    Difficile sapere cosa si celi dietro l'affaire Lega, è decisamente più utile concentrare l'attenzione sulle alleanze e gli schieramenti imperialistici odierni. La situazione è molto fluida e si fatica a capire chi è nemico di chi (vedi atteggiamento schizofrenico degli Stati Uniti verso la Corea del Nord). Non è quindi un'esagerazione dire che siamo alla guerra di tutti contro tutti.

  • Catene di cause ed effetti

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata dalla segnalazione di un articolo del Corriere della Sera, "L'Occidente tramonta davvero", a firma Sergio Romano. Secondo il diplomatico, ex ambasciatore presso la Nato, il pianeta è preda di un caos sistemico, e "la causa maggiore di questo stato di cose è il declino dell'America sulla scena internazionale. Ma anche quasi tutti i membri dell'Unione Europea stanno attraversando crisi esistenziali".

    Temi non nuovi per noi: nell'articolo "Dall'equilibrio del terrore al terrore dell'equilibrio" abbiamo descritto un mondo capitalistico che non è più gestito "in condominio" tra Usa e Urss, ma si è trasformato in un sistema instabile e complesso maggiormente sensibile al classico "effetto farfalla". La guerra moderna non può evitare di confrontarsi con la velocità del flusso di informazioni che viaggiano attraverso la Rete, diventata ormai da anni un fondamentale campo di battaglia (vincere la battaglia informatica vuol dire avere più informazioni di quelle che possiede il nemico).

    I rapporti sociali odierni sono quelli di un capitalismo stramaturo che permea di sé ogni cellula del sistema, la quale si sente in guerra perenne con le altre. Con il capitalismo l'uomo perde in assoluto qualsiasi residuo di rapporto umano con l'altro uomo e ciò si rispecchia nel modo di condurre i conflitti: con il massacro delle popolazioni inermi e lo studio scientifico per produrre sistematicamente sofferenza, con la distruzione e la morte. Attualmente in Libia siamo alla guerra di tutti contro tutti, mentre in Algeria e Sudan si susseguono proteste e rivolte che, dopo la cacciata del tiranno di turno, mettono ora in discussione anche i vertici militari (che in Sudan hanno compiuto un colpo di stato). Sulla situazione algerina un compagno ha segnalato l'articolo del manifesto "Algeria, la natura di classe della rivolta in corso", secondo cui le recenti manifestazioni sarebbero il risultato degli scioperi anche violenti degli ultimi anni.

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 234, 6 luglio 2019

f6Grufolare nell'attico
f6Occupazione simbolica. Per adesso
f6Libra, cos'è?
f6Extinction Rebellion
f6Reddito di cittadinanza alla prova
f6Spionaggio?

Leggi la newsletter 234
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email