Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  15 dicembre 2015

Lezioni di futuro

La teleconferenza di martedì sera, presenti 16 compagni, è iniziata dalle notizie del nuovo crollo del prezzo del petrolio.

Mentre in passato l'Opec riusciva a mantenere alta la quotazione del greggio tramite il coordinamento dei paesi produttori, oggi non solo non riesce più a farlo, ma si trova nella condizione per cui tale operazione è materialmente impossibile: evidentemente la guerra e il marasma sociale in corso sono più profondi di quanto si percepisca.

La Russia ha annunciato di poter resistere per anni ad un petrolio venduto a 40 dollari al barile, ma è una stupidaggine dato che Mosca dalla vendita di combustibili ricava la maggior parte delle sue entrate. Le dichiarazioni dei governi lasciano il tempo che trovano e, al massimo, rivelano il livello di conflittualità tra le principali potenze mediorientali e mondiali. Nessun produttore di "oro nero" è in grado di resistere a lungo a prezzi così bassi. Per il petrolio vale la legge della rendita: quello che viene intascato dai paesi nel cui sottosuolo giacciono delle riserve è sovraproffitto, mancando il profitto nel settore industriale, il meccanismo di ripartizione del valore si inceppa. Senza contare gli enormi investimenti fatti dagli Stati Uniti nello shale oil dove sono sempre di più le aziende in fallimento.

Si è quindi accennato al possibile rialzo dei tassi d'interesse negli Usa e alla vicenda delle quattro banche italiane (Carife, Carichieti, Marche ed Etruria).

Molti si chiedono cosa potrebbe succedere se la Fed desse l'ok all'aumento dei tassi. Di sicuro, qualunque intervento monetario verrà attuato, esso non porterà effetti significativi. Le banche da oltre otto anni vengono foraggiate con fiumi di denaro-bit: Fed, BCE e Banca del Giappone hanno inondato i mercati di liquidità che è finita ad ingigantire le bolle finanziarie, che prima o poi scoppieranno.

Il piccolo esempio nostrano, in cui il governo interviene e salva quattro banche sull'orlo del fallimento, è il paradigma di una condizione globale dell'economia. I 30 maggiori istituti bancari del mondo hanno denunciato perdite per 1.200 miliardi di dollari solo nella gestione di equity assets, cioè di mezzi propri; gli stati hanno speso cifre enormi per mettere in salvo le banche, lasciando affondare solo quelle insalvabili come Lehman Brothers. In questa situazione le banche diventano esse stesse subprime: pur essendo in difficoltà, rastrellano capitale offrendosi come investimento a rischio dietro obbligazioni.

Nella fase senile del capitalismo si tende a passare da D a D' bypassando la produzione, ma sappiamo che non si può creare valore nella sfera della circolazione: il denaro aggiuntivo lo si "crea" prendendolo da qualcun altro. E' il casinò della finanza. Il piano Draghi, che proroga il Quantitative Easing fino al marzo 2017, ha come scopo quello di far riprendere la crescita e portare l'inflazione ad un tasso del 2%. Ma tutta questa liquidità immessa nella circolazione monetaria in realtà non produce nessuna crescita, permette solo al malato di continuare a rantolare in sala di rianimazione. Se non c'è accumulazione, allora c'è riproduzione semplice, non capitalismo.

Nemmeno il governo USA ha il potere di controllare i movimenti del Capitale autonomizzato. Venerdì, alla fine di una settimana in cui le borse europee hanno ceduto il 10%, "scadranno qualcosa come 1100 miliardi di dollari di opzioni sull'indice S&P 500, il principale di Wall Street. E' una cifra record, che sfiora la metà del debito pubblico italiano. Più della metà (670 miliardi di dollari) sono opzioni "put", ossia strumenti finanziari che permettono di guadagnare se il mercato scende" (Il nodo dei 670 miliardi di opzioni che venerdì potrebbero far male alle Borse, Il Sole 24 Ore). Le attenzioni degli economisti sono quindi puntate al fine settimana, vedremo cosa succede.

Le voci che si alzano contro questa obsoleta società si fanno sempre più numerose. Interessante l'intervista del sito Vice all'informatico Peter Sunde, uno dei fondatori di The Pirate Bay, la piattaforma che ha consentito, tra mille battaglie legali, di condividere e scambiare negli anni milioni di file tramite Torrent. L'informatico spera "che la tecnologia ci dia robot che faranno sparire tutti i posti di lavoro, che causeranno una massiccia disoccupazione in tutto il mondo: qualcosa come il 60 per cento. La gente sarà molto infelice. Sarebbe fantastico, perché allora si potrà finalmente vedere il capitalismo distruggersi in modo rapido. Ci sarà tanta paura, tanto sangue versato, tante vite perse per arrivare fino a quel punto, ma credo che sia l'unica cosa positiva che vedo, intendo il fatto che stiamo per avere un crollo totale del sistema. Speriamo il più velocemente possibile [...] Sono un socialista. So che Marx e il comunismo non hanno funzionato prima, ma credo che in futuro si abbia la possibilità di avere comunismo totale e la possibilità di accesso a tutto per tutti. La maggior parte delle persone che incontro, non importa se comuniste o capitaliste, sono d'accordo con me su questo, perché capiscono il potenziale."

Non possiamo che essere d'accordo con quanto dice Peter: il capitalismo produce le condizioni per il suo superamento. E' un tema che abbiamo sviscerato a fondo nell'ultimo numero della rivista, in particolare negli articoli Fare, dire, pensare, sapere e Dalla necessità alla libertà. Proprio in questi giorni il Sole 24 Ore esce con una raccolta di opuscoli (Lezioni di futuro) sugli stessi argomenti: robot, automazione, big data, sharing economy, internet delle cose, intelligenza collettiva e segreti del cervello. Tutti temi che fanno già parte di un'altra società.

Articoli correlati (da tag)

  • Le curve della catastrofe

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata con la segnalazione di un articolo pubblicato sul Corriere della Sera, sulla relazione tra cambiamenti climatici e crisi finanziarie.

    Proprio in questi giorni si sta svolgendo a Davos il World Economic Forum per discutere delle questioni in materia di salute e di ambiente, ma soprattutto di business. L'ecologismo nasce con le prime organizzazioni di nobili inglesi che erano costretti a respirare i veleni della Londra dei primi dell'800. Essendo un argomento interclassista per eccellenza mette d'accordo tutti, nessuno può negare che l'impronta ecologica è data; mentre si nega invece, per principio, l'incapacità del capitalismo ad affrontare questa situazione. Nell'articolo "Un modello dinamico di crisi" del 2008 avevamo visto come già nel 1961 l'umanità consumava il 50% della biocapacità media del pianeta, mentre nel 2003 ne consumava già il 125%. L'impronta ecologica offre la misura di quanto s'è allargato il divario fra l'equilibrio termodinamico e la dissipazione di energia, cioè di risorse che, perdurando il sistema capitalistico, andranno irreversibilmente perdute, come la foresta primaria o l'acqua di molti fiumi a causa del prelievo per l'agricoltura e per le metropoli. La massa biologica sulla terra è una piccola parte rispetto alla massa del pianeta intero. L'uomo intacca la prima, logorando le possibilità per la sua stessa riproduzione. Tuttavia, la Natura ha prodotto l'uomo il quale si dovrà adeguare alla condizione della biosfera: una delle conseguenze della distruzione di massa biologica innescata dall'attività umana è la perdita di biodiversità sul nostro pianeta per cui si sta andando verso la sesta estinzione di massa, peggiore di quella del Cretaceo quando il 95% delle specie esistenti è scomparso dalla faccia del Pianeta.

  • La guerra nel mondo globalizzato esiste sempre

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'attacco missilistico americano vicino all'aeroporto di Baghdad, che è costato la vita al generale iraniano Qassam Soleimani e alla sua scorta.

    Contrariamente a quanto affermato dal settimanale l'Internazionale, gli Stati Uniti non hanno iniziato con questa azione una guerra contro l'Iran, dato che un conflitto è già in corso da tempo: nel mondo globalizzato d'oggi la guerra esiste sempre, anche quando tacciono i cannoni. Nell'articolo "Dall'equilibrio del terrore al terrore dell'equilibrio", analizzando le trasformazioni avvenute negli ultimi cinquant'anni, abbiamo scritto che "la guerra all'ultimo sangue tra concorrenti non avviene più per conquistare aree di sbocco alle proprie merci e capitali ma per ripartire il plusvalore prodotto in un mondo ormai interamente conquistato dal Capitale."

    Soleimani rappresentava un importante hub nella rete di rapporti che l'Iran ha costruito negli anni in Libano, Yemen, Siria e Iraq, ottenendo risultati militari e politici non indifferenti. Il missile che ha colpito il suo generale nella capitale irachena è quindi un avvertimento, al quale potrà rispondere solo con azioni simboliche, o al massimo creando fastidi intorno all'importante stretto di Hormutz. Ma in ogni caso non potrà pestare troppo i piedi agli Stati Uniti, per il semplice motivo che non ne ha la forza.

  • Strategie preventive?

    La teleconferenza di martedì sera, presenti undici compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo il fenomeno delle sardine, scese in piazza in decine di città italiane, e in ultimo in Piazza Castello a Torino.

    Nel gruppo Facebook "6000 Sardine Torino", nato meno di un mese fa e composto da circa 72.000 membri, sono elencate le regole create dagli amministratori:

    "1) ripudiare tutti i tipi di fascismi e violenze. Il vero caposaldo sotto cui ci riconosciamo sono i principi e i valori dettati dalla nostra Costituzione; 2) le sardine sono un fenomeno politico ma apartitico. Nonostante sia più che giusto che ognuno di noi abbia un'identità politica, è vietato fare propaganda per qualsiasi partito; 3) le sardine sono educate e rispettose. Non saranno accettati linguaggi volgari e qualsiasi tipo di atteggiamento irrispettoso (razzismo, xenofobia, bullismo, omofobia, transfobia, sessismo, etc.); 4) le sardine si aiutano segnalando. É diritto e dovere di chiunque noti un comportamento inappropriato segnalarlo agli amministratori tramite il pulsante 'segnala'."

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email