Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  27 gennaio 2015

Non si può fare a meno del mutuo soccorso

Nella teleconferenza di martedì scorso, presenti 15 compagni, abbiamo parlato della vittoria elettorale di Tsipras in Grecia. Un compagno ha letto parte di un articolo di Gad Lerner intitolato La sinistra italiana e il vento dell'est, in cui il giornalista legge la vittoria di Syriza come il risultato di un'attività continuativa del partito basata sul mutuo soccorso: "Un'intera generazione di medici e infermieri volontari che hanno dato vita a ambulatori gratuiti; e poi mercati popolari di generi alimentari, mense, ricoveri notturni...". Gli fa eco il noto riformista Fausto Bertinotti: "La cosa straordinaria di Syriza è il suo essere insieme nuovo e antico. Si pensi a quanto ci sia nel suo programma di mutualismo di stampo ottocentesco. Lo stato sociale autogestito, la tutela delle famiglie, la preoccupazione per gli indigenti: tutti temi simili a quelli delle società di mutuo soccorso di fine '800."

Il paragone viene facile, ma attenzione, i fenomeni vanno storicizzati perché può accadere che essi si somiglino ma non siano la stessa cosa. Società di mutuo soccorso, cooperative e sindacati nati nell'800, subiscono una stessa dinamica per cui arrivano tutti all'integrazione nello Stato. Oggi questo tipo di esperienze si sviluppano in una situazione differente. Le società operaie di mutuo soccorso di fine '800 erano strutture di auto-aiuto che si contrapponevano allo sfruttamento tout court del proletariato da parte di un efficiente stato borghese. Le neo-comunità odierne di senza riserve nascono invece sull'onda della dissoluzione degli stati capitalistici. Sono perciò strutture non più rispondenti ad esigenze immediate all'interno di uno stato che funziona, ma a reazioni verso uno stato che non funziona più.

La Grecia soffre degli effetti della crisi da molto più tempo rispetto, ad esempio, all'Italia, e la sua situazione economica è di certo peggiore. L'attività di auto-aiuto sociale messa in piedi da Syriza ha pagato. In queste elezioni greche a contare sembra sia stata insomma la risoluzione pratica dei problemi quotidiani delle persone, meno le chiacchiere politiche. Qualcuno potrebbe chiedersi se la pratica del mutuo soccorso sia un'esigenza sociale che ha inventato Tsipras oppure se sia stata furbescamente cavalcata dal suo partito per raccogliere voti.

D'altronde anche in Alba Dorata, terzo partito per numero di voti e variante di destra di Syriza, è presente questo aspetto. In realtà poco importa. Perché le comunità politiche illusorie lasciano il tempo che trovano, mentre la pratica del mutuo soccorso, che a noi ricorda il movimento OWS e la variante Occupy Sandy (e anche le proposte dell'americano After Party di cui non si è saputo più nulla), si radica e si diffonde al di là dei confini nazionali e dei miseri calcoli politici del battilocchio di turno.

Degni di nota alcuni dei punti programmatici su cui si è basata la campagna di Tsipras: rialzo del salario minimo, ripristino della tredicesima, trasporto pubblico gratuito per le fasce più indigenti. Di chiaro stampo socialdemocratico, il programma politico ha trovato larga rispondenza tra gli elettori ed ora potrebbe creare qualche problema in Europa.

Anche Micromega si occupa delle elezioni greche, nello specifico pubblicando un articolo di Thomas Piketty. Egli invita i partiti europei di sinistra ad approfittare della vittoria della sinistra greca per "dire con voce alta e forte che il trattato sui bilanci adottato nel 2012 è stato un fallimento, e per mettere sul tavolo nuove proposte, tali da consentire una vera rifondazione democratica della zona euro. Nel quadro delle istituzioni europee esistenti, ingabbiate da criteri rigidi sul deficit e dalla regola dell'unanimità sulla fiscalità, è semplicemente impossibile portare avanti politiche di progresso sociale. Non basta lamentarsi di Berlino o di Bruxelles: bisogna proporre regole nuove." Viene insomma riproposta l'ennesima misura neo-keynesiana, una sorta di Welfare State europeo teso alla riattivazione dei consumi in base alla propensione marginale ai consumi. In pratica: forzando la distribuzione del reddito si alzano i salari, cresce il consumo e cresce più ancora il profitto, di conseguenza il reddito nazionale. Le ricette del FMI e della BCE hanno distrutto l'economia greca, impoverito la società e devastato la Grecia dal punto di vista sociale - afferma Piketty -; ora le forze di sinistra europee devono fare tesoro di quanto accaduto e ribaltare la politica dell'Europa. Insomma, l'economista francese non perde occasione per dare una scrollata ai suoi compari di classe affinché si sveglino di fronte all'evidente pericolo di collasso generale.

La teleconferenza è proseguita con alcune considerazioni sulle operazioni annunciate da Draghi e sulle notizie dal Medio Oriente.

Il quantitative easing in salsa europea si profila tutt'altra cosa rispetto a quello americano, la Banca Centrale Europea acquisterà difatti solo il 20% dei titoli mentre il restante 80% rimarrà a carico delle banche centrali nazionali. Comunque, la BCE ha mantenuto la promessa: stamperà moneta per oltre mille miliardi di euro allo scopo di acquistare titoli di stato, abbassandone così il rendimento e alleviando la gestione dei debiti pubblici. Ma il fatto è che, di fronte ad una crisi di sovrapproduzione, si risponde con un'ulteriore produzione di capitale fittizio.

In Libia, nella città di Derna, si è insediata una succursale dello Stato Islamico. Molti gli articoli allarmistici sulle posizioni raggiunte dal Califfato che oramai si trova alle porte dell'Europa, separato da un braccio di mare. A parte la violenza dei tagliagole mostrata attraverso i media, l'IS si espande così rapidamente, dall'Africa all'Asia, perché, nello stile di Hezbollah e di Hamas ma in modo più esteso ed efficiente, ha dato vita ad una struttura di protezione sociale attiva. Anche in Egitto alcuni gruppi jihadisti si sono staccati da Al Qaeda e hanno giurato fedeltà allo Stato Islamico; negli ultimi giorni nel paese è risalita la tensione in seguito agli scontri al Cairo con decine di morti e centinaia di feriti in occasione del quarto anniversario della rivolta di piazza Tahrir. Situazione in evoluzione anche nello Yemen, dove i ribelli sciiti hanno preso il controllo del palazzo presidenziale.

Articoli correlati (da tag)

  • Un fenomeno globale

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo le ultime notizie in arrivo dalla Spagna.

    Nei giorni scorsi la Corte suprema spagnola si è pronunciata sul referendum promosso dagli indipendentisti catalani nell'ottobre del 2017, ed ha accusato nove leader del movimento di attentato all'unità dello stato distribuendo un centinaio di anni di carcere. Immediatamente migliaia di manifestanti hanno invaso le strade di Barcellona, per poi dirigersi verso l'aeroporto El Prat causando la cancellazione di decine di voli e il blocco dell'autostrada all'altezza di Girona. La polizia si è fatta trovare in assetto antisommossa e ne sono nati violenti scontri. Indetto per la giornata di venerdì lo sciopero generale.

    Ci sembra di poter dire che a Barcellona stanno passando in secondo piano la questione nazionale, l'irredentismo o la volontà di autonomia, mentre incidono con sempre maggior forza la miseria crescente e il disagio sociale che da essa deriva. La carica di violenza sprigionata dagli apparati repressivi, in Spagna, così come in Francia o ad Haiti, è sempre più pesante. Evidentemente è in corso un'escalation: il pacifismo sta scomparendo dalle piazze, anche perché di fronte a forze di polizia armate e coordinate, i manifestanti non possono che muoversi di conseguenza.

  • La condanna del modo di produzione capitalistico

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 11 compagni, è iniziata prendendo spunto dalla lettura di alcuni passi di Salario, prezzo e profitto, scritto da Karl Marx nel 1865 ma pubblicato per la prima volta dalla figlia Eleanor nel 1898. Nel testo è esposta la struttura teorica che troverà poi maggiore approfondimento ne Il Capitale.

    In polemica col signor Weston, Marx sostiene:

    "Il nostro amico Weston non nega che in determinate circostanze gli operai possano strappare degli aumenti di salario; ma, poiché l'importo dei salari è di sua natura fisso, all'aumento deve seguire una reazione. Egli sa però anche, d'altra parte, che i capitalisti possono imporre una diminuzione dei salari, e tentano di farlo, infatti, di continuo. Secondo il principio della immutabilità dei salari, la reazione dovrebbe verificarsi in questo caso non meno che nel caso precedente. Gli operai agirebbero dunque giustamente, insorgendo contro il tentativo di diminuire i salari o contro la loro diminuzione effettiva. Essi agirebbero dunque giustamente quando cercano di strappare un aumento di salario, perché ogni reazione contro una diminuzione dei salari è un'azione per aumentarli. Dunque, secondo la stessa teoria del cittadino Weston, secondo la teoria, cioè, dell'immutabilità dei salari, gli operai dovrebbero, in certe circostanze, unirsi e lottare per ottenere un aumento dei salari."

  • Automatismi catastrofici

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 12 compagni, è iniziata commentando il recente attacco in Arabia Saudita ai siti petroliferi di Abqaiq, uno dei principali giacimenti del paese, e Khurais.

    Dall'iniziale ipotesi dell'invio di droni da parte dei ribelli Houthi, attivi in Yemen contro la coalizione a guida saudita, nel giro di poche ore le maggiori agenzie di stampa sono passate ad identificare l'azione di guerra come un qualcosa di più strutturato, condotta con decine di missili cruise e con velivoli comandati a distanza provenienti, probabilmente, da Iraq o Iran. Secondo la Rivista Italiana Difesa, sono stati inviati fino a 40 razzi, soprattutto da crociera, 19 dei quali hanno colpito e distrutto il bersaglio. I danni hanno causato il dimezzamento della produzione del complesso petrolifero, il più grande del mondo, con un calo del 5% della produzione mondiale ed un aumento immediato del 19% del prezzo del petrolio.

    Certamente non si tratta di un attacco di combattenti irregolari, poiché per un'operazione del genere occorrono sistemi complessi e conoscenze al di fuori della portata di eserciti partigiani. D'altra parte, è difficile che paesi come l'Iran o l'Iraq, esecutori diretti o passivi consenzienti, corrano il rischio di rappresaglie "proporzionate". In ogni caso, si sono innescati meccanismi automatici che potrebbero sfociare in un'escalation militare. In seguito all'episodio alcuni senatori americani hanno chiesto il bombardamento delle raffinerie iraniane, mentre il governo iraniano ha parlato di "compellenza". Il termine, che significa forzare qualcuno a fare qualcosa che lo danneggi, non ha riscontro nella lingua italiana, ma nella guerra moderna ha più valore degli stessi armamenti.

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 235, 31 agosto 2019

f6La telecamera e il carro armato
f6Che capitalismo è mai questo?
f6Anti-imperialismo selettivo
f6La guerra delle valute
f6Fisiologia della sicurezza
f6Ex foresta amazzonica

Leggi la newsletter 235
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email