Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  10 marzo 2015

Guerra, complottismo e lotte nel mondo

La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, si è aperta con le notizie provenienti dal fronte iracheno.

L'offensiva su Tikrit serve probabilmente a saggiare il grado di tenuta dell'esercito di Baghdad coadiuvato da 15 mila volontari sciiti. L'operazione dovrebbe risultare abbastanza semplice viste le ingenti perdite avvenute tra le fila dello Stato Islamico in seguito ai bombardamenti. I miliziani dell'IS usano una strategia militare basata su azioni veloci: non avendo a disposizione truppe sufficienti non riescono a presidiare e controllare tutto il territorio conquistato e, se Tikrit andasse persa, potrebbero spostare la linea di difesa in una zona poco a sud di Mosul per preservare l'importante nodo strategico.

Un compagno ha quindi letto dei brani da Un superbo lavoro, Rummy, articolo del 2004 in cui abbiamo delineato alcuni possibili scenari per un Iraq post-invasione:

"Tutte le guerriglie passano prima o poi attraverso una fase di riorganizzazione, di ricerca della disciplina, di centralizzazione. Per quanto sia difficile fare i conti con la tradizione beduina, anche in Iraq succederà la stessa cosa e, senza ombra di dubbio, sarà la guerriglia nazionalista ad assorbire le forze esterne, a costo di combattere contro di esse nel caso si opponessero a un comando locale. Nessuno può essere sicuro che la guerriglia potrà sopravvivere, ma se riuscirà a farlo, non ci sarà governo fantoccio in grado di contrapporsi."

In Nigeria continua l'espansione di Boko Haram. I paesi limitrofi, Ciad, Niger e Camerun, hanno mobilitato i loro eserciti per il presidio dei villaggi e per tentare azioni di contrattacco. L'Unione Africana ha schierato, sotto il controllo Onu, circa 8000 uomini.

Il marasma sociale e la guerra avanzano. I sinistri occidentali ripiegano sul complotto e si affidano ai professionisti della dietrologia per farsi un'idea del mondo. Chossudowsky, Chiesa, Blondet, Bosco, Meyssan e altri, a varie sfumature, da tempo sostengono che c'è un enorme complotto, una specie di Impero del Caos (Blondet) che si dedica a farci credere una cosa per l'altra al fine di sottometterci con la paura. Così tutto si mescola e l'attività controrivoluzionaria vera della borghesia viene messa in barzelletta.

Il guaio è che in campo marxista la mentalità complottista ha provocato danni non indifferenti. Siccome i maggiori complotti sono ovviamente americani, tutto ciò che è antiamericano va bene, compreso l'integralismo islamico. Tutti ricorderanno "Baghdad come Stalingrado, ora e sempre Resistenza". C'è ovviamente un po' di confusione: la Resistenza europea aveva combattuto per gli americani e quella irachena o era sciita o era una prefigurazione di al Qaeda. Chi aveva avuto simpatie per l'anti-imperialista Khomeini si trova spiazzato di fronte agli anti-imperialisti dell'IS, che per il momento sono ancora ritenuti una creazione americana (Chossudowsky); chi aveva simpatie per i Kurdi s'è dovuto ricredere, dato che sono diventati prima un bastione americano contro Saddam Hussein, poi la prima linea di difesa contro l'avanzata dell'IS. Non parliamo poi delle rivolte sociali, che dalla "rivoluzione arancione" in poi per qualcuno sono diventate "color merda", dato che erano contro borghesie nazionali avverse agli americani (ma anche qui un pesante difetto di invarianza: l'Egitto era ed è amico degli americani e di Israele). Il fatto che montasse in campo internazionale un marasma sociale in certi casi sfociato in guerra era evidentemente considerato secondario rispetto al "tifo" partigianesco.

La riunione è proseguita con gli aggiornamenti sulle lotte nel mondo.

Centinaia di operai indiani, pachistani e bangladesi del settore edile sono scesi in sciopero in questi giorni a Dubai, dove lo sfruttamento del lavoro è bestiale. Secondo l'International Trade Union Confederation, nei paesi del golfo sono milioni i lavoratori immigrati di origine asiatica o africana soggetti ad abusi di ogni tipo da parte dei datori di lavoro, tra cui stipendi non pagati, confisca dei passaporti, lavori forzati e maltrattamenti.

Negli Usa migliaia di manifestanti hanno occupato il Campidoglio di Madison, in Wisconsin, in seguito all'uccisione del diciannovenne Tony Robinson da parte della polizia. Si estende il movimento contro la violenza poliziesca verso gli afroamericani #BlackLivesMatter e si intreccia con le lotte dei lavoratori, soprattutto con quelle dei "working poor". Il 14 aprile è stato indetto uno sciopero dai lavoratori che lottano per una paga oraria di 15 dollari l'ora (#FightFor15).

In Messico, in risposta alla sparizione dei 43 studenti "normalistas de Ayotzinapa", si è formato il movimento #AyotzinapaSomosTodos che si è velocemente globalizzato e unificato con quello degli insegnanti in sciopero nella capitale e in altre città messicane.

Tutti questi movimenti hanno carattere rivendicativo e assumono allo stesso tempo tratti chiaramente anticapitalisti. Sulla stessa linea il movimento francese ZAD ("Zones à défendre"), nato contro le grandi opere, la devastazione ambientale e più in generale contro la società così com'è. Comitati locali hanno moltiplicato in questi mesi le azioni di blocco e di occupazione delle terre, contro un'opera (la diga Sivens) che richiama molto da vicino la devastazione dei territori a cui si oppone in Italia il movimento No Tav.

Sul sociale interviene anche il Movimento 5 Stelle che ribatte la vecchia proposta del reddito di cittadinanza. Secondo i pentastellati, la misura, oltre a "dare una occasione alla gente", servirebbe a riattivare i consumi e quindi a far ripartire l'economia. La realtà è che il tema sta diventando questione di "tenuta sociale": secondo gli ultimi dati della Caritas, in Italia sono 6 milioni i poveri e più di 1 milione gli affamati. Il reddito di cittadinanza è richiesto da elementi interclassisti come provvedimento riformista per tutti i cittadini; noi preferiamo rivendicare il salario ai disoccupati, obiettivo di lotta dei soli proletari per i loro compagni che rimangono senza lavoro.

Dagli altri partiti intanto arrivano sempre più forti i segni di sgretolamento. Se Renzi prosegue nell'opera di esautorazione del Parlamento, il Pd frammentato rimane pericolosamente sull'orlo del caos, Forza Italia si divide in più correnti, e la Lega perde il suo storico radicamento territoriale. Insomma, pare che tutti facciano fatica a tenere insieme i pezzi. Ma se il sistema politico non ce la fa a restare al passo col Capitale, quest'ultimo trova nuovi strumenti di controllo. Ne è esempio la Magistratura. Basti pensare alle indagini di "Mafia Capitale", chiuse tanto velocemente quanto aperte, probabilmente per il timore di portare a galla l'enorme rete di interessi di certo non limitata alla sola Roma. I fenomeni di corruzione che esplodono all'interno della classe dominante, e maggiormente in tempi in cui l'economia va male e contano anche le "briciole", richiedono l'intervento della Magistratura, affinché essa possa riportare il disordine a livelli accettabili.

La teleconferenza si è conclusa con un accenno al varo del maxi-piano di acquisti di bond della BCE, operazione che prevede l'immissione di oltre 1000 miliardi di euro nel sistema finanziario. L'avvio del quantitative easing non ha ancora registrato movimenti rilevanti nelle borse. Una tale quantità di denaro può far aumentare l'inflazione ma anche produrre effetti spiacevoli: l'aumento della liquidità potrebbe infatti attivare capitali congelati che, andando alla ricerca di valorizzazione, potrebbero sconquassare ancor di più il sistema.

Articoli correlati (da tag)

  • Avanti, barbari!

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sulle prossime elezioni europee.

    Con l'avvicinarsi delle votazioni, in Italia si è verificata una certa fibrillazione. Sulla stampa, in testa Repubblica, è stato dato ampio risalto allo scontro tra fascisti e antifascisti, trasformando scaramucce figlie della battaglia elettorale e tutte interne al sistema capitalistico in questioni di primo piano. Ma per capire cosa succede nel profondo della società occorre andare oltre il dato politico immediato: il fatto che negli Stati Uniti sia al governo Trump, o in Italia il duo lega-M5S, sta a significare che un assetto di potere è estremamente mutato in seguito ai colpi micidiali inferti dalla crisi. Proprio sulle pagine del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari, qualche mese fa Alessandro Baricco, in un articolo intitolato "E ora le élite si mettano in gioco", scriveva: "è andato in pezzi un certo patto tra le élites e la gente, e adesso la gente ha deciso di fare da sola. Non è proprio un’insurrezione, non ancora. È una sequenza implacabile di impuntature, di mosse improvvise, di apparenti deviazioni dal buon senso, se non dalla razionalità. Ossessivamente, la gente continua a mandare  -  votando o scendendo in strada  - un messaggio molto chiaro: vuole che si scriva nella Storia che le élites hanno fallito e se ne devono andare."

    Un compagno ha ricordato un passo del filo del tempo "Avanti, barbari!" (Battaglia Comunista n. 22 del 1951):

  • L'impossibile "normalizzazione"

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata dalla segnalazione dell'articolo pubblicato sul Corriere della Sera "L'astro Spd pensa al socialismo reale 'Nazionalizzare le aziende dell'auto'".

    Secondo Kevin Kühnert, il capo dell'organizzazione dei giovani socialdemocratici tedeschi, gli Jusos, la nazionalizzazione dell'industria a partire dal settore auto, la collettivizzazione delle grandi aziende, la limitazione della proprietà immobiliare e la regolazione dei profitti rappresenterebbero "l'unica strada per il superamento del capitalismo". Storicamente proposte simili, in primis la socializzazione delle industrie, sono state avanzate sia da partiti socialdemocratici che da gruppi di estrema destra ed estrema sinistra. Peccato che tutte queste formazioni ignorino che lo Stato è più che presente nella vita economica; il fascismo ha perso militarmente, ma ha vinto politicamente ed economicamente estendendosi a tutto il mondo. Anche la Cgil è tra quelli che richiedono una maggiore presenza statale e per gli ex stabilimenti Fiat reclama l'intervento dello stato: se nei periodi di crisi Pantalone deve accollarsi le perdite e socializzarle, i profitti restano sempre privati.

    Abbiamo poi parlato delle manifestazioni del Primo Maggio che sono state molto partecipate in tutto il mondo.

  • Catene di cause ed effetti

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata dalla segnalazione di un articolo del Corriere della Sera, "L'Occidente tramonta davvero", a firma Sergio Romano. Secondo il diplomatico, ex ambasciatore presso la Nato, il pianeta è preda di un caos sistemico, e "la causa maggiore di questo stato di cose è il declino dell'America sulla scena internazionale. Ma anche quasi tutti i membri dell'Unione Europea stanno attraversando crisi esistenziali".

    Temi non nuovi per noi: nell'articolo "Dall'equilibrio del terrore al terrore dell'equilibrio" abbiamo descritto un mondo capitalistico che non è più gestito "in condominio" tra Usa e Urss, ma si è trasformato in un sistema instabile e complesso maggiormente sensibile al classico "effetto farfalla". La guerra moderna non può evitare di confrontarsi con la velocità del flusso di informazioni che viaggiano attraverso la Rete, diventata ormai da anni un fondamentale campo di battaglia (vincere la battaglia informatica vuol dire avere più informazioni di quelle che possiede il nemico).

    I rapporti sociali odierni sono quelli di un capitalismo stramaturo che permea di sé ogni cellula del sistema, la quale si sente in guerra perenne con le altre. Con il capitalismo l'uomo perde in assoluto qualsiasi residuo di rapporto umano con l'altro uomo e ciò si rispecchia nel modo di condurre i conflitti: con il massacro delle popolazioni inermi e lo studio scientifico per produrre sistematicamente sofferenza, con la distruzione e la morte. Attualmente in Libia siamo alla guerra di tutti contro tutti, mentre in Algeria e Sudan si susseguono proteste e rivolte che, dopo la cacciata del tiranno di turno, mettono ora in discussione anche i vertici militari (che in Sudan hanno compiuto un colpo di stato). Sulla situazione algerina un compagno ha segnalato l'articolo del manifesto "Algeria, la natura di classe della rivolta in corso", secondo cui le recenti manifestazioni sarebbero il risultato degli scioperi anche violenti degli ultimi anni.

Rivista n°44, dicembre 2018

copertina n°44f6Editoriale: Duecento anni nel nome di Marx
f6Articoli: Marx 1818-2018 - Imperialismo in salsa cinese - Plaidoyer per il cemento - A che punto è la "crisi" - Comunismo e agricoltura
f6Terra di confine: Il capitalismo non è eterno
f6Rassegna: Dennett, Dai batteri a Bach e ritorno
f6Doppia direzione: La misura e la scienza - La sovrapposizione fra modi di produzione

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 233, 24 aprile 2019

f6Cittadinanza del reddito
f6Nostra Signora delle Fiamme
f6Dieta proteica
f6Il paradosso della rendita
f6Il connettivista
f6Mille chilometri di metrò
f6Ventitreesima settimana
f6Gli apprendisti padreterni

Leggi la newsletter 233
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email