Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  10 maggio 2016

I movimenti non si creano, si dirigono

Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 12 compagni, abbiamo commentato quanto sta accadendo nelle piazze francesi nelle ultime settimane.

Il governo Valls ha accelerato le pratiche per l'approvazione della Loi Travail: nel corso di un consiglio dei ministri convocato d'urgenza all'Eliseo, l'esecutivo ha dato il via libera all'uso dell'articolo 49.3 della Costituzione che permette l'entrata in vigore della legge senza il voto del Parlamento. Una decisione dettata dall'assenza di una maggioranza e dal fallimento delle trattative con i principali sindacati, sette dei quali hanno lanciato per giovedì 12 maggio un nuovo sciopero, il quinto in due mesi. In risposta al passaggio per decreto, Nuit Debout ha chiamato a raccolta il "movimento" davanti all'Assemblea Nazionale di Parigi, dove successivamente si sono verificati momenti di tensione con la polizia.

I manifestanti francesi protestano contro la democrazia violata e da alcuni giorni, in Rete, circola una petizione per la dichiarazione d'insurrezione. Gli estensori del documento si appellano all'art. 35 della Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino (1793): "Quando il governo viola i diritti del popolo, l'insurrezione è per il popolo e per ciascuna parte del popolo il più sacro dei diritti e il più indispensabile dei doveri."

Sin dalla sua nascita, Nuit Debout ha espresso elementi di passato (molti) ma anche saggi di futuro (pochi). All'inizio il movimento aveva un carattere perlopiù sindacale: dopo lo sciopero generale del 31 marzo ci sono stati blocchi in alcuni porti del nord della Francia e davanti ai Mc Donald's di Parigi. Ultimamente è stato organizzato un sit-in all'interno di uno store della Lego per protestare contro il lavoro domenicale. Azioni interessanti che ricordano l'esperienza di 99 Pickets negli Usa e che potrebbero generalizzarsi in Europa.

Il riferimento a Occupy Wall Street nell'appello per un #GlobalDebout il prossimo 15 maggio è stato forse il risvolto più importante. Durante l'assemblea internazionale del 7 e 8 maggio scorsi a Place de la République, hanno preso la parola componenti di OWS e sui social del movimento abbiamo notato una certa schizofrenia: da una parte post e foto che ricordavano il primo Occupy, dall'altra slogan e documenti in difesa di diritti e democrazia. Resta sempre aperta la possibilità che il movimento critichi sé stesso passando ad un livello superiore, è difficile ma non impossibile.

Movimenti come Nuit Debout, e più in generale situazioni di fibrillazione sociale, stimolano l'attivismo di singoli e gruppi di sinistra; in molti si chiedono se/come/quando intervenire, ignorando che non si può cambiare il corso della storia a colpi di manovre o di tatticismi. Lenin e i bolscevichi sono rimasti nei Soviet seppur in minoranza, evitando scorciatoie attivistiche, fermi nel difendere il programma della rivoluzione, e quando hanno conquistato la maggioranza hanno dato "tutto il potere ai Soviet".

Abbiamo letto alcuni passi da Attivismo ("Battaglia comunista" n. 6 e 7 del 1952):

"È necessario dunque affinché la società esca dal marasma in cui è piombata, e che la classe dominante è impotente a sanare, perché impotente a scoprire le nuove forme adatte a scarcerare le forze di produzione e avviarle verso nuovi sviluppi, che esista un organo di pensiero e di azione rivoluzionario collettivo che convogli ed illumini la volontà sovvertitrice delle masse."

Può esserci dunque una situazione di marasma sociale e di collasso dello Stato, ma se manca un organo collettivo che abbia nel suo Dna il "rovesciamento della prassi", siamo a tutti gli effetti in una fase controrivoluzionaria:

"La ripresa del movimento rivoluzionario non si verifica ancora perché la borghesia, operando audaci riforme nell'organizzazione della produzione e dello Stato (capitalismo di Stato, totalitarismo ecc.) ha enormemente sconquassato, seminando il dubbio e la confusione, non le basi teoriche e critiche del marxismo, che restano inattaccate e inattaccabili, ma sibbene la capacità delle avanguardie proletarie a giustamente applicarle nella interpretazione della fase odierna borghese."

I movimenti sociali non si creano, si dirigono. In un'assemblea operaia, in una piazza occupata oppure sul Web, l'unica cosa che possiamo fare è ribattere i chiodi "sul filo del tempo".

Per esempio: parlare di attacchi padronali contro i lavoratori non ha alcun senso, il Capitale da quando esiste è sempre all'attacco. Con l'impennata dell'utilizzo dei voucher, il ministro del lavoro italiano è stato costretto ad annunciare nuove misure per limitare il fenomeno: il governo interverrà per evitare "aggiramenti della norma" sui voucher e in sede di "prima modifica dei decreti legislativi del Jobs Act introdurremo una misura che amplia la strumentazione di tracciabilità con obbligo per l'impresa di comunicazione via sms o per via telematica". Per la maggior parte dei sinistri il Jobs Act è un'offensiva padronale a cui bisogna resistere rivendicando maggiore democrazia. Per noi invece, le modificazioni in corso nel mercato del lavoro obbligheranno i proletari ad agire non secondo i vecchi schemi sindacali, bensì a ritrovare la forza nell'organizzazione immediata territoriale, in strutture di mutuo soccorso tipo Occupy. Il capitalismo è in coma, il movimento rivendicativo è finito, i proletari non hanno nulla da perdere all'infuori delle loro catene.

Abbiamo chiuso la teleconferenza ribadendo che è lo stato del sistema economico-sociale a determinare le idee degli uomini, per cui anche la teoria scientifica nasce a posteriori per spiegare, razionalizzare o standardizzare i processi della produzione materiale. Le nostre previsioni non sono altro che il prolungamento di un'analisi sul corso del capitalismo che altri hanno fatto prima di noi, quindi non ci arroghiamo nessun merito particolare. Il fatto è che, invece di basarsi su questa dinamica, è abitudine diffusa fotografare un momento specifico, fissarsi su quello, e correre dietro ai particolari di cronaca smarrendo la linea del futuro della propria classe.

Articoli correlati (da tag)

  • Slanci antiformisti

    Durante la teleconferenza di martedì 6 agosto, a cui si sono connessi 10 compagni, abbiamo commentato le ultime notizie provenienti da Hong Kong e da altri luoghi del mondo, traendo alcune considerazioni generali sui movimenti che negli ultimi tempi si stanno manifestando.

    Lunedì 5 agosto a Hong Kong c'è stato lo sciopero generale. Il venerdì precedente, in preparazione alla mobilitazione successiva, hanno incrociato le braccia gli impiegati statali; ne ha parlato Asia News nell'articolo "Legge sull'estradizione: manifestano anche gli impiegati statali e delle banche", in cui si preannunciava il coinvolgimento dei lavoratori di 34 istituti bancari, ma non solo, nella giornata dello sciopero generale: "Fra essi vi sono persone che lavorano nelle banche locali, in quelle internazionali e perfino nelle banche statali cinesi. I sindacati del mondo finanziario vanno ad aggiungersi ai sindacati di altri 95 gruppi sociali dei settori pubblico e privato. Fra essi vi sono insegnanti, piloti di aerei, hostess e stewards, avvocati, artisti."

    Lo sciopero di lunedì ha bloccato il traffico ferroviario e aeroportuale, causando la cancellazione di più di 100 voli. La situazione di forte tensione sociale ha spinto la governatrice Carrie Lam ad affermare che la città si trova sull'orlo del caos e che il governo sarà risoluto nell'assicurare l'ordine pubblico. Le manifestazioni, nate per protesta contro la legge sull'estradizione in Cina, si sono allargate all'intera società, e il governo di Pechino ha lanciato il suo monito: attenzione a non confondere la prudenza con la debolezza.

  • Questa società non parla di futuro

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 11 compagni, è cominciata con alcune considerazioni riguardo le notizie provenienti da Hong Kong dove da diverse settimane sono in corso mobilitazioni imponenti.

    L'elemento che ha dato il via al dissenso, la proposta di legge sull'estradizione verso la Cina, è ormai passata in secondo piano perché adesso l'obiettivo di chi scende in piazza è la lotta contro la repressione. Le manifestazioni nella regione a statuto speciale stanno evolvendo e il governo cinese ha dichiarato, tramite il suo portavoce ad Hong Kong, la disponibilità a muovere l'esercito qualora non venisse ristabilito l'ordine. Era dal 1997 che la Cina non si palesava così apertamente nella vita dell'ex colonia britannica.

    I giovani manifestanti che hanno animato le proteste ad Hong Kong hanno dimostrato la capacità di autorganizzarsi e di adattarsi alle mosse della polizia. Dicono di utilizzare la "forma dell'acqua" per sfuggire alla repressione: di fronte allo schieramento massiccio delle forze dell'ordine, i cortei si scompongono, si disperdono e poi si ricongiungono in altri luoghi, bloccando i treni, occupando l'aeroporto o l'area finanziaria della città. Questo avviene anche perché è intenso l'utilizzo di tecnologie come smartphone, chat e messaggistica istantanea.

  • Conservare la linea del futuro

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata commentando le manifestazioni in corso ad Hong Kong.

    Sono più di un milione, secondo gli organizzatori, le persone scese in strada nell'ex colonia britannica per contestare il progetto di legge che prevede l'estradizione in Cina dei cittadini sospettati di un crimine con pena superiore ai sette anni di detenzione. Il timore che l'indipendenza giudiziaria venga meno a causa dell'ingerenza cinese sarebbe stata la scintilla che ha fatto scattare la rivolta, ma al di là dei problemi specifici quando scende in strada un numero così ampio di persone vuol dire che c'è qualcosa che va oltre l'immediato. Hong Kong non è nuova a queste vampate di collera sociale: nel 2014 il movimento Umbrella Revolution aveva riempito le piazze per giorni e giorni.

    Nella regione amministrativa speciale vivono circa 7,5 milioni di persone con una densità di 6500 abitanti per kmq; questo significa che uno su sette ha partecipato alle proteste. Insieme alla vicina Shenzhen, che conta 12,5 milioni di abitanti, o ad altre città cinesi, che raggiungono i 30, la città-stato di Hong Kong fa parte della schiera delle metropoli monster: immensi insediamenti umani sempre più difficili da controllare.

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 236, 18 novembre 2019

f6La sussunzione della società al capitale
f6Economia e Big Data
f6Di che colore è Hong Kong?
f6Iraq. Verso la guerra civile?
f6Bistecca vegana senz'osso
f6Olocrazia
f6Bisognava pensarci prima

Leggi la newsletter 236
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email