Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  29 agosto 2017

Lotta quotidiana contro l'omologazione

La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 15 compagni, ha preso le mosse dalla notizia dell'approvazione in via definitiva del decreto che introduce il reddito di inclusione in Italia.

Se ne discute da tempo: che siano di cittadinanza, di povertà o, come in questo caso, di inclusione, le forme di sostegno al reddito dei più poveri stanno diventando un'impellenza. La misura varata dal governo italiano entrerà in vigore dal 1° gennaio 2018 e prevede un assegno mensile tra i 190 e i 485 euro, a seconda che venga erogato ad un unico individuo o ad una famiglia con 5 o più componenti. Chi vorrà ottenere il sussidio dovrà sottoscrivere "un 'progetto personalizzato' volto al superamento della condizione di povertà" e partecipare a corsi di formazione e di reinserimento nel mondo del lavoro, pena la perdita dell'assegno.

Insomma, più che di un reddito universale si tratta di un contributo "caritatevole". La legge approvata dall'esecutivo italiano rientra nella serie degli interventi tampone - non si risolve il problema alla radice ma lo si posticipa - senza nemmeno riuscire a porsi al livello del tedesco piano Hartz, che dal 2003 ha tentato di riformare il "mercato del lavoro" in chiave sistemica. Eppure, al convegno della Leopolda del 2014, Renzi aveva avanzato una proposta integrale sull'argomento, ovvero una sorta di redistribuzione del valore in salsa neo-keynesiana in cui il mercato del lavoro è completamente libero e lo stato interviene a tutela del lavoratore. Ma non se n'è fatto nulla: è mancata la capacità o la possibilità di realizzare un tale programma che, sommerso da mille chiacchiere che ne hanno confuso la vera natura, e offuscato dagli stessi sindacati che invece avrebbero dovuto incalzare il governo, tentava di affrontare i problemi dell'economia, della produzione e del lavoro italiani.

La classe borghese è inconseguente, individua problemi e soluzioni ma non riesce a realizzarli; è quindi destinata ad abbandonare la scena storica. In questo procedere, il potere esecutivo si isola dal resto della società e si blinda sempre di più, autonomizzandosi (al pari del Capitale). Come dice Marx ne Il 18 Brumaio di Luigi Bonaparte:

"... la rivoluzione va fino al fondo delle cose. Sta ancora attraversando il purgatorio. Lavora con metodo. Fino al 2 dicembre non ha condotto a termine che la prima metà della sua preparazione; ora sta compiendo l'altra metà. Prima ha elaborato alla perfezione il potere parlamentare, per poterlo rovesciare. Ora che ha raggiunto questo risultato, essa spinge alla perfezione il potere esecutivo, lo riduce alla sua espressione più pura, lo isola, se lo pone di fronte come l'unico ostacolo, per concentrare contro di esso tutte le sue forze di distruzione. E quando la rivoluzione avrà condotto a termine questa seconda metà del suo lavoro preparatorio, l'Europa balzerà dal suo seggio e griderà: Ben scavato, vecchia talpa!"

Per uscire dall'impasse in cui si trova, la classe dominante dovrebbe superare il fascismo, dandosi un governo di soli tecnici ed eliminando l'apporto inutile di quel mulino a chiacchiere che è il parlamento. Dovrebbe tendere ad un governo molto simile a quello teorizzato negli anni '20 e '30 dai tecnocratici che, adottando un punto di vista scientifico, sostenevano la necessità di gestire la società tramite il calcolo su dati oggettivi al di fuori delle categorie del valore: al posto del denaro bisognava conteggiare le ore-lavoro erogate, unità di misura fisiche ed energetiche, al fine di tenere il sistema in equilibrio. Il movimento dei tecnocratici è nato negli Usa e tra quelli del suo genere è stato il più interessante, ma bisogna notare che tentativi di pianificazione economica furono abbozzati nello stesso periodo anche in altri paesi, tra cui Francia (planismo), Italia, Germania e Russia.

Già nel 1947 la Sinistra Comunista ha chiarito che la successione storica delle forme di governo del capitale non è fascismo-democrazia-socialismo, ma democrazia-fascismo-dittatura del proletariato, ed ha definito la forma fascista come il "realizzatore dialettico delle vecchie istanze riformiste della socialdemocrazia" tramite cui si ricercarono forme di controllo dell'economia e della società. L'Italia, il capitalismo più vecchio del mondo, è sempre stata un laboratorio dove sperimentare metodi di governo da perfezionare poi altrove. Così è stato con il fascismo ma anche con i tentativi innovativi, negli anni 50' e 60', di Adriano Olivetti (utopia della società-fabbrica sul cui modello aveva fondato anche un partito che si chiamava, guarda caso, Comunità), Aurelio Peccei (Club di Roma) e Bruno Visentini ("governo istituzionale").

Il Paese nel recente passato ha avuto governi cosiddetti "del presidente", ad esempio con Ciampi e Dini negli anni '90, o con Monti nel 2011 quando la borghesia, sull'onda dell'emergenza economica, ha tentato (senza alcun risultato di rilievo) un ulteriore rafforzamento dell'esecutivo. Il limite di tali esecutivi "tecnici" è stato quello di... esserlo stati solo a parole, cioè di non essere riusciti ad andare fino in fondo sbarazzandosi degli inutili partiti parlamentari. Per il Capitale gli orpelli parassitari democratici sono solo d'intralcio, mentre sarebbe agevolato da un governo tecnico gestito da tecnici per attuare misure tecniche. La riuscita di questa iniziativa è dubbia, ma l'Italietta ancora una volta potrebbe stupire.

A proposito di (in)capacità di intervento da parte dello stato, significativo quanto accaduto nel 2012 quando l'uragano Sandy si abbatte sulla east coast americana: una grossa parte della popolazione si autorganizza grazie alle strutture di OWS che si pongono come alternative a quelle dello stato. Occupy Sandy non fa politica, né alleanze o proselitismo, ma assolve a compiti tecnici portando soccorsi nelle zone colpite, organizzando mense pubbliche e servizi utili per la popolazione colpita dal disastro. Questa mentalità pragmatica che in America ha reso possibile il movimento Occupy trova un freno nella vecchia Europa, dove persistono le ideologie/filosofie della conservazione e le riproposizioni in piccolo del cretinismo parlamentare (vedi "Nuit Debout" a Parigi).

Un compagno ha ricordato che a Roma un gruppo di rifugiati che aveva occupato una palazzina in Piazza Indipendenza è stato sgomberato dalle forze di polizia intervenute in assetto antisommossa. I movimenti per il diritto alla casa e i sindacati di base chiedono di "inchiodare il Comune e la Prefettura alle loro responsabilità attraverso la convocazione urgente di un tavolo interistituzionale sull'emergenza degli ex occupanti di Piazza Indipendenza" (comunicato del SI Cobas del 29 agosto). Tutto al contrario di OWS che diceva di essere in un altro universo e si dichiarava voce aliena che dal futuro chiama all'appello contro il capitalismo, questi gruppetti hanno bisogno delle trattative e del riconoscimento da parte delle istituzioni e cercano continuamente il confronto con esse.

In Struttura economica e sociale della Russia d'oggi, nel capitolo "La questione centrale: lo Stato", si dice che il marxismo conduce la lotta contro lo Stato borghese; oggi invece, organismi politici e sindacali che dichiarano essere "di classe" si appellano allo stato borghese proprio mentre questo va dissolvendosi, disgregandosi e perdendo energia. Le parole d'ordine del "diritto alla casa" e del "diritto al lavoro" sono quindi prive di senso: se il lavoro viene eliminato in massa dall'avvento delle macchine, dei computer e dei robot, allora è arrivato il momento di sbarazzarsi del capitalismo. Ma i sinistri sono ancorati al vecchio paradigma rivendicativo e non credono nel cambiamento. Li abbiamo già visti all'opera durante le giornate di piazza Statuto a Torino (1962): in quell'occasione gli operaisti si scagliarono contro la "squallida degenerazione di una manifestazione che era iniziata come protesta operaia" (Cronache dei Quaderni Rossi). La nostra corrente per tutta risposta scrisse l'articolo: "Evviva i teppisti della guerra di classe! Abbasso gli adoratori dell'ordine costituito!"

Adoratori dell'ordine costituito lo sono tutti coloro i quali vogliono risolvere i problemi prodotti dal capitalismo restando all'interno del sistema criticato. Per i militanti della rivoluzione, per i comunisti, l'unico modo per essere coerentemente anti-capitalisti è quello di legarsi alla futura forma sociale, n+1, per criticare e uscire da n. Si tratta di una lotta quotidiana contro l'omologazione e il luogocomunismo imperanti, in difesa del programma invariante della rivoluzione.

Articoli correlati (da tag)

  • Necessità di governi tecnici e di tecnici al governo

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, è iniziata commentando la situazione politica italiana a pochi mesi dalle elezioni e l'ipotesi di un'eventuale formazione di un governo tecnico qualora il risultato delle urne non permettesse la costituzione di una maggioranza politica. A tal proposito, Curzio Maltese, su Il Venerdì di Repubblica del 12 gennaio, fa il nome di Mario Draghi come prossimo salvatore della patria ("E super Mario l'Italia salvò").

    La maggior parte degli analisti politici concorda sul fatto che le consultazioni di marzo vedranno sia un forte tasso di astensione, soprattutto tra i giovani, sia un risultato elettorale complicato. Il commissario agli Affari economici della Ue Pierre Moscovici, in conferenza stampa a Parigi, ha dichiarato:

    "L'Italia si prepara ad elezioni il cui esito è quanto mai indeciso. Quale maggioranza uscirà dal voto? Quale programma, quale impegno europeo? In un contesto in cui la situazione economica dell'Italia non è certamente la migliore al livello europeo, felice chi potrà dirlo."

  • Cosa succede in Iran?

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 14 compagni, abbiamo parlato del movimento di protesta che ha coinvolto numerose città dell'Iran.

    Dalle notizie che è stato possibile reperire sul Web, sembra che la scintilla che ha dato il via alla rivolta sia scoccata lo scorso 28 dicembre a Mashhad, la seconda metropoli del paese con i suoi 2,5 milioni di abitanti, a causa del carovita e dell'elevata disoccupazione e contro la corruzione. Inoltre per il 2018 il governo Rouhani ha approvato una legge di bilancio che prevede, tra le altre cose, un forte aumento del prezzo della benzina (70%), di luce e gas (40%), dell'imposta sui viaggi all'estero e degli importi delle multe stradali, e, soprattutto, abolisce i sussidi governativi diretti che in Iran riguardano circa 20 milioni di persone, un quarto della popolazione.

    Inizialmente le manifestazioni sono state utilizzate dai conservatori avversari di Rouhani per denigrare l'operato del governo in carica. Molto presto, però, le proteste si sono generalizzate e fatte più violente, e hanno cominciato a rivolgersi anche contro la guida suprema Khamenei, dandone alle fiamme ritratti e simboli propagandistici. La rivolta, amplificata da social network e servizi di messaggistica istantanea, in particolare Instagram e Telegram (a cui il governo ha subito bloccato l'accesso), si è estesa ad oltre 50 città. Nelle immagini e nei video dei cortei che hanno attraversato le strade di numerose città del paese non si vedono cartelli o bandiere e per ora il movimento non ha espresso nè leader ben definibili nè rivendicazioni costruttive da "proporre" al regime, assumendo piuttosto un profilo anti-sistema confermato anche dagli assalti a colpi di arma da fuoco a caserme e basi militari. Al momento si contano 23 morti e circa 450 arresti, soprattutto tra i giovanissimi.

  • Wannacry

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, è iniziata commentando la diffusione del virus informatico Wannacry.

    La vicenda ha inizio nell'agosto 2016, quando il gruppo hacker Shadow Brokers (dal gioco Mass Effect) mette in vendita online al miglior offerente potenti software di incursione sviluppati dall'agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Ma l'asta va male e allora il gruppo decide di rilasciare pubblicamente i file, svelando al mondo le tecniche informatiche utilizzate dagli spioni americani e dimostrando che chi si è infiltrato nei sistemi dell'NSA è riuscito a penetrarne il cuore. Le congetture sul "chi" sono diverse ma senza conferme; le due più diffuse ipotizzano l'una lo zampino di altre intelligence, in primis quella russa, l'altra l'esistenza di una talpa interna (sul tema interessante il film Snowden di Oliver Stone). Il resto della storia si è visto in questi giorni: la diffusione di un ransomware basato sui codici trafugati all'NSA ha raggiunto livelli mai visti prima.

    Da un punto di vista tecnico, Wannacry e le sue varianti sfruttano due vulnerabilità presenti nei sistemi operativi Windows, conosciute e sfruttate dall'NSA e "riparate" da Microsoft con l'aggiornamento di marzo scorso. Il virus è stato rilasciato dagli Shadow Brokers dopo che la patch per la falla era già disponibile e pertanto le migliaia di computer coinvolti montavano sistemi sprovvisti dell'ultima versione del programma. Ciò che colpisce è l'elevata viralità dell'infezione, che grazie ad un bug nel protocollo di collegamento di Windows si propaga in tutti i computer collegati alla rete locale.

Navigazione per Tag

accumulazione ambiente amore anonymous anticipazioni attivismo austerity autonomizzazione del Capitale autorganizzazione bolla finanziaria Bordiga borghesia Brasile capitale capitale finanziario capitalismo capitolazioni catastrofe centralismo organico centralizzazione cervello sociale cgil chiesa cibernetica ciclo coloniale Cina Cipro commons comunismo conoscenza controrivoluzione crisi debito decrescita democrazia determinismo disoccupazione dissipazione dissoluzione dono doppia rivoluzione economia politica Egitto Einstein energia evoluzione expo fascismo feedback finanza forza produttiva francia geostoria Germania Giappone governo governo tecnico gramsci grecia Grillo guerra guerre mondiali Hegel ideologia immediatismo imperialismo indignados informazione internazionale comunista invarianza isis israele Italia Latouche lavoro lavoro di partito lenin linguaggio logistica lotta di classe lotte immediate luogocomunismo macchine manifestazioni manoscritti '44 marasma sociale Marx materialismo medio oriente memi mezze classi militanti minerali miseria crescente moneta movimento operaio mutuo soccorso neotenia no tav occupy sandy ordinovismo OWS palestina partito partito formale partito storico peer to peer piano di produzione polarizzazione popolazione Popper precari preistoria previsione primavera araba produttività produzione sociale programma questione nazionale rabbia sociale rapporti di forza reddito rendita rete rifkin riformismo rinascimento riunioni rivolta rivoluzione rivoluzione borghese rivoluzione proletaria russia salario SCi scienza sciopero sessualità sincronia sindacato social network soviet Stato stato islamico teoria rivoluzionaria Tunisia Turchia uranio usa valore valorizzazione wikipedia

Rivista n°41, aprile 2017

copertina n°41f6Editoriale: Non possiamo ingannare la natura
f6Articoli: Assalto al pianeta rosso - Il secondo principio - Il grande collasso - Capitale e teoria dello sciupio
f6Rassegna: Ancora Trump - Fuga nel sub mondo
f6Terra di confine: Buoni di non lavoro
f6Recensione: Che cosa c'è dopo il capitalismo?
f6Doppia direzione: Neoluddismo
f6Spaccio al bestione trionfante: Dieci punti per demolire Trump

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 227, 31 gennaio 2018

f6La scintilla
f6Accendere neuroni
f6Animal spirits
f6Reddito di base
f6Giganti scomodi
f6Mi chiamo Sophia
f6Bisogno di guerra
f6Ramoscello d'ulivo

Leggi la newsletter 227
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email