Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  9 maggio 2017

Non esiste crescita infinita

La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, è iniziata riprendendo la questione spaziale. Nel corso degli anni '50 e '60 la nostra corrente è stata netta nei confronti del tripudio per l'inizio della "conquista dello spazio":

"La meravigliosa macchina che sparò l'uomo sulla Luna fu il risultato della vera legge dell'economia politica: il caso, cui si cerca di ovviare inventando ingegnosi rattoppi, ovvero prendendo provvedimenti a posteriori e fissandoli poi arbitrariamente nella forma di leggi. Prima agiscono poi pensano, diceva Bordiga; come fanno tutti gli uomini in quanto molecole sociali, senza avere coscienza che nelle pieghe della società esiste già, nella produzione organizzata secondo un piano, un'intelligenza collettiva in grado di rovesciare la prassi." (Scienza e rivoluzione, Quaderni di n+1).

 

Al tempo i vettori a razzo erano ricavati da missili balistici intercontinentali in grado di portare a bersaglio una o più testate nucleari. Oggi, da questo punto di vista, la situazione non è troppo diversa: i missili si sono ingranditi, alcune tecniche sono maturate, i computer di bordo e a terra si sono perfezionati, ma il missile vettore è sempre un proiettile di cannone con al massimo un aggiustamento del tiro. Nel frattempo, però, il modo di produzione capitalistico si è globalizzato e cerca disperatamente la salvezza rilanciando attività che nel passato furono di stimolo alla crescita. Di sicuro la conquista del pianeta Terra per il Capitale è finita: non può esserci una crescita infinita della produzione di merci e questo spinge il capitalismo a tentare di colonizzare altri pianeti.

Elon Musk ha recentemente lanciato un satellite spia per conto della Nasa. Scrive Repubblica: "Un razzo Falcon 9 alto come un palazzo di 23 piani è decollato alle 13,15 (le 7,15 locali) da una rampa di lancio del Kennedy Space Center, in Florida. La sua missione è mettere in orbita un satellite segreto del National Reconnaissance Office, l'agenzia del Dipartimento dell Difesa statunitense che gestisce i satelliti spia. Nove minuti dopo il lancio, la sezione principale del razzo ha toccato terra con successo a Cape Canaveral, a poca distanza dalla rampa di lancio. Il recupero dei vettori (che nelle missioni spaziali tradizionali possono essere usati solo una volta) è un punto chiave nella strategia di Musk per tagliare i costi di lancio e rendere i viaggi spaziali sempre più economici".

L'attivissimo imprenditore americano non la racconta tutta: quando nel settembre del 2016 ha esposto il suo programma al Convegno di astronautica a Guadalajara (raggiungere Marte con un viaggio di 80 giorni, colonizzarlo con un milione di persone e promuovere viaggi alla portata di chiunque potrà pagare un biglietto da 100.000 dollari), evidentemente aveva già dei missili pronti. In generale questo curioso personaggio ci dà modo di verificare le condizioni del sistema capitalistico. Ad esempio la sua Gigafactory è immaginata come un primo nodo di una rete che dovrebbe arrivare a contarne 100, coordinati a livello mondiale e in grado di produrre tutta l'energia che serve alla specie umana. Inizialmente la fabbrica era stata ideata per produrre batterie, ma ben presto vi sono state montate le linee di montaggio dell'auto Tesla. Prima o poi Musk dovrà fare i conti con i limiti della natura, dato che il litio, maggiormente presente nelle montagne tra Cile e Bolivia, non è infinito. Se consideriamo che il prezzo è già cresciuto negli ultimi anni, che la scarsità lo farà aumentare ancora per via dei costi di estrazione su deposti meno ricchi, e che tutto ciò succede mentre aumenta in modo esponenziale la domanda (batterie per auto, smartphone), è facile capire che esploderà una battaglia mondiale per il litio.

Quando sarà a pieno ritmo, la Gigafactory1 avrà circa 6500 dipendenti più altri 22 mila nell'indotto e non mancherà di impiegare robot. La fabbrica verticale di vecchia generazione è stata sostituita da fabbriche più piccole e snelle, che grazie alla robotica costruiscono benissimo grandi quantità di oggetti riducendo al minimo il lavoro umano. Dalla fabbrica metalmeccanica con annessa infrastruttura che si espandeva sul territorio (la Fiat, fino agli anni '80, contava 60 mila dipendenti) si è passati nel giro di qualche decennio ad avveniristici palazzi di vetro, pochissimi dipendenti e nulla intorno (per esempio Google, Facebook e Microsoft).

Si è passati a commentare i risultati del voto per il ballottaggio delle elezioni presidenziali francesi. Alla percentuale di coloro che non hanno votato (25%) si aggiungono 3 milioni di schede bianche. Si stima che circa il 12% dei votanti abbia votato scheda bianca o nulla (circa l'8% degli aventi diritti). Il vincitore, Emmanuel Macron, ha un programma di governo di stampo liberista, immagina uno stato minimo che interviene solo per correggere determinate storture del sistema. Da quanto si apprende dai giornali sono previsti licenziamenti tra i dipendenti pubblici, privatizzazioni e lo smantellamento di alcuni diritti. Quando lo Stato è costretto a intervenire affinché il sistema dei monopoli non uccida il tessuto economico, lo fa imponendo il "liberismo" affinché l'eterno gioco del guadagno privato e della perdita socializzata possa continuare. Le manifestazioni di sindacati, studenti e gruppi di sinistra, messe in campo dopo la vittoria di Macron, sono ancora caratterizzate da slogan democratici e antifascisti e faticano ad andare oltre l'esistente.

Si è anche parlato della polemica sulle Ong scatenata dalle dichiarazioni del procuratore di Catania Carmelo Zuccaro: "A mio avviso alcune Ong potrebbero essere finanziate dai trafficanti e so di contatti. Un traffico che oggi sta fruttando quanto quello della droga". Non deve sorprendere il fatto che alcune organizzazioni non governative siano implicate nel traffico di immigrati: nel capitalismo qualsiasi attività "umanitaria" è piegata alla logica del business. Effettivamente queste associazioni compiono un servizio utile al Capitale, che siano o meno sul libro paga dei trafficanti di esseri umani: esse servono a controllare e gestire i flussi migratori che attraversano il Mediterraneo.

In merito al livellamento verso il basso delle condizioni salariali dei proletari, un compagno ha segnalato la prima puntata del programma di Gad Lerner, Operai, andata in onda domenica 7 maggio su RaiTre. Il giornalista parte da ciò che resta della classe operaia della Fiat di Torino, intervista il segretario dell'IWGB che segue le lotte dei lavoratori della "gig-economy" inglesi, entra nel magazzino Amazon di Piacenza ("vera e propria fucina dell'uomo flessibile") per mostrare le condizioni di sfruttamento dei lavoratori, parla degli autisti di Uber che sembrano liberi professionisti ma sono precari ultra schiavizzati, e infine intervista il regista Ken Loach, secondo cui il capitalismo è costretto a spingere all'estremo lo sfruttamento dei lavoratori provocando per tutta risposta la loro unione su scala internazionale.

Articoli correlati (da tag)

  • Eliminare la dissipazione, cioè il capitalismo

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con la segnalazione dell'articolo "Le navi si svuotano. Giù il Baltic Index, primo allarme di crisi economica", pubblicato il 12 febbraio nella sezione economia di Repubblica.

    Nato nel 1985, il Baltic Dry Index raccoglie i prezzi dei trasporti e dei noli marittimi, misurando la frequenza annuale delle principali rotte. Esso non tiene conto del trasporto del petrolio ma solo delle merci secche come derrate agricole, carbone e ferro, misurando lo stato di salute del commercio mondiale. Gli analisti hanno notato una netta flessione dell'indice: "nel giro delle ultime cinque settimane ha perso il 50 per cento del suo valore, allontanandosi ancora di più dai massimi raggiunti circa una anno fa: dal marzo del 2018, la discesa supera addirittura il 70 per cento". Tra le cause di questo tonfo, vi sarebbero la guerra dei dazi tra Usa e Cina, il rallentamento dell'economia nella zona Euro, il caos Brexit e la contrazione della crescita cinese. Il Nobel per l'economia Paul Krugman intervistato da Bloomberg ha dichiarato che "la Cina entrerà in crisi a causa dei consumi inadeguati".

    Si è poi passati a commentare le proteste dei pastori in Sardegna. La sovracapacità produttiva industriale e agricola è dovuta al fatto che il mercato non riesce ad assorbire quanto viene prodotto ("Vulcano della produzione o palude del mercato?", 1954). Da anni una parte considerevole delle spese dello Stato va a sostenere il settore agricolo che ormai, a rigor di logica, non si può più definire capitalista, essendo uscito completamente dalle leggi di mercato. È come se esistesse un Ministero dell'Alimentazione che permette all'agricoltura di fornire alla popolazione cibo a prezzo politico ("L'uomo e il lavoro del Sole", 2001). Eppure, a quanto pare, nemmeno questo basta a mantenere in equilibrio la domanda e l'offerta. Rivendicare maggiori sovvenzioni, meno tasse, oppure la difesa di un posto di lavoro che non c'è più, è il portato di decenni di controrivoluzione, mentre sarebbe il caso di pretendere il salario ai disoccupati e la riduzione dell'orario di lavoro, senza perder tempo ad invocare l'impossibile inversione delle leggi del capitalismo ("Chiudete agli uomini quelle dannate miniere!", 2002).

  • Non potete fermarvi...

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata commentando le ultime manifestazioni dei gilet gialli in Francia.

    Sabato 5 gennaio si è svolto l'atto ottavo (#ActeVIII) della protesta, durante il quale migliaia di persone hanno riempito le strade di Parigi, Bordeaux, Lione, Tolosa, e di altre città minori. Pare che ci sia stata una flessione nel numero di manifestanti, ma al tempo stesso si è verificata una recrudescenza degli scontri con diversi feriti, auto date alle fiamme e blocchi davanti a porti, hub logistici e raffinerie. Questa forma di lotta ha perso ormai i connotati originari legati all'aumento del prezzo del carburante e si è trasformata in protesta contro lo status quo, anche se alcuni settori dei gilet jaunes stanno cercando uno sbocco parlamentare. La caratteristica dei movimenti nell'epoca del capitalismo senescente è di essere tendenzialmente antisistema, nonostante il vecchio mondo tenti di recuperarli proponendo la via referendaria o quella elettorale.

  • Gilet gialli e altro ancora

    La teleriunione di martedì sera, presenti 10 compagni, è iniziata con il commento di alcune notizie provenienti dalla Francia sul "movimento" dei gilet jaunes.

    In un intervento durante una trasmissione televisiva, il giornalista Giovanni Minoli ha affermato che i grillini rappresenterebbero la manifestazione italiana del più noto movimento francese. Gli ha fatto eco Beppe Grillo, che in un'intervista su Rainews ha dichiarato che i gilet jaunes hanno lo stesso programma del Movimento 5 Stelle. Entrambi dimenticano che quest'ultimo, una volta entrato in Parlamento, è stato macinato dallo stesso meccanismo che diceva di voler cambiare.

    L'articolo di Repubblica "Insieme ma diversi contro l'Europa: la Grande Alleanza dei gilet gialli" (Andrea Bonnani, 10.12.18) è focalizzato invece sull'emergere di manifestazioni anti-sistema: "Dilagano in Francia, sconfinano in Belgio, spuntano in Olanda, si manifestano in Italia e ora sfilano pure per le vie di Londra. La protesta dei gilet jaunes si sta rapidamente estendendo a mezza Europa dando vita ad un fenomeno senza precedenti in cui la forma, cioè la divisa dei giubbetti catarifrangenti pescati nelle dotazioni automobilistiche di sicurezza, accomuna istanze assai diverse."

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 232, 12 febbraio 2019

f6Per qualche dollaro in meno
f6La lunga notte della sonda cinese
f6Le nuove armi di Pechino
f6Shutdown
f6Venezuela
f6La valle della morte
f6Italia
f6Gilet gialli

Leggi la newsletter 232
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email