Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  7 novembre 2017

Solo dal caos nasce nuovo ordine

Durante la teleconferenza di martedì, presenti 16 compagni, abbiamo ripreso il tema del funzionamento dei magazzini della logistica, e in particolare quelli di Amazon.

Nell'articolo "Amazon, il successo nasce dal caos: viaggio nel super magazzino italiano" l'ingegnere Tarek Rajjal, general manager della sede italiana dell'azienda, dichiara: "Seguendo i principi dell'algoritmo di Gauss, il nostro software fornisce sempre il percorso più breve". Preso in carico l'ordine, la pistola, lo strumento utilizzato dagli addetti per leggere i codici a barre delle merci, fa da navigatore guidando l'operatore nel minor tempo possibile fino allo scaffale dove si trova il prodotto.

L'ottimizzazione del lavoro, in questo caso basata su un sistema gaussiano, è finalizzata alla riduzione dei tempi per ogni singolo ordine e all'aumento della produttività. Nel magazzino Amazon di Piacenza, così come in quelli di Germania o Stati Uniti, lo sfruttamento è bestiale; diverse inchieste giornalistiche rivelano che i lavoratori arrivano a far uso di psicofarmaci pur di sopportare ritmi e turni di lavoro massacranti. La gigantesca fabbrica della logistica (TNT, SDA, Bartolini, ecc.) e dello shopping in rete (Amazon, Zalando, ecc.) funziona grazie a una massa di facchini e drivers precari e super-sfruttati che hanno sempre meno da perdere, e infatti fanno scioperi, picchetti e blocchi della produzione.

La maggior parte della forza lavoro che opera in questo settore è assunta da agenzie interinali o cooperative. E' significativo che Apple, l'azienda statunitense che produce computer e dispositivi multimediali, a "fronte di 63 mila dipendenti diretti abbia 750 mila contractors" ("Gli schiavi che lavorano da mezzanotte all'alba", il venerdì). I contractors non sono solo i mercenari che operano nelle zone di guerra in Iraq o Afghanistan, ma anche gli operai che lavorano più o meno saltuariamente per aziende "civili". In Italia le cooperative ingaggiano migliaia di lavoratori non solo nel comparto della logistica ma anche negli ospedali, negli enti pubblici (comuni, province e regioni), nel settore agricolo, in quello museale e pure in quello industriale. In alcuni casi gli operai vengono assunti e licenziati tramite WhatsApp o altri servizi di messaggistica. Sono argomenti che abbiamo affrontato nell'articolo "L'outsourcing globale", in cui abbiamo notato che la disgregazione generale del mercato del lavoro porta le grandi aziende a scaricare i problemi su ditte terze le quali, per non perdere margini di profitto, tagliano i salari. Di fronte a questa situazione i sindacati esistenti, preoccupati per la loro perdita di energia, cercano rimedi (per esempio la CGIL ha realizzato il NIdiL, una struttura per organizzare i lavoratori in somministrazione e quelli atipici), ma accettando fino in fondo la logica della responsabilità verso l'economia nazionale, rimangono come bloccati.

L'"outsourcing" ha inoltre portato alla diffusione di aziende senza dipendenti propri, senza sedi o impianti stabili e anche senza un padrone, sostituito magari da una miriade di azionisti. In anticipo sui tempi, la nostra corrente ne parlava già negli anni '50 del secolo scorso:

"Sulla traccia dello studio Proprietà e Capitale vediamo il fattore essenziale dell'attuale fase capitalista mondiale nell'impresa - quella edilizia ne fornisce un esempio suggestivo - che lavora senza sede e impianto proprio e stabile, con capitale minimo ma per un profitto massimo e può fare questo perché si è asservito lo Stato che distribuisce il capitale e incamera le perdite." (Lezioni delle controrivoluzioni, 1951)

Da tempo assistiamo alla rottura dei limiti aziendali: la catena di montaggio interna alla fabbrica verticale si è prolungata sul territorio tramite la logistica (porti, aerei, navi e automezzi); il capitalista è stato via via sostituito dall'azionista, e l'operaio professionale di ordinovista memoria con il giovane precario senza garanzie. A questo punto si potrebbe pensare che, se tutto è in mano ad un Capitale automatizzato e la società è sempre più disgregata ed out of control, qualsiasi azione politica organizzata sia impossibile. Stuart Kauffman nel saggio A casa nell'universo e Mark Buchanan in Nexus dimostrano invece che proprio dal caos emergono sistemi organizzati. In natura si formano strutture robuste, cioè ordinate in rete, quando gli elementi di partenza, nel loro agitarsi caotico, superano una soglia critica in numero, posizione e qualità. La nostra corrente ha definito questo processo polarizzazione sociale e l'ha esaminato a fondo nelle Tesi di Roma del PCd'I sulla formazione e lo sviluppo del partito della rivoluzione (1922).

Siamo quindi passati a parlare delle più recenti esperienze di autorganizzazione sociale.

Se nello sciopero dei corrieri americani di UPS (1997) i mezzi di coordinamento utilizzati dai lavoratori erano stati gli stessi GPS e cellulari forniti dall'azienda per svolgere il lavoro, oggi strumenti simili sono a disposizione di chiunque (una tasca, uno smartphone). E infatti il livello di coordinamento raggiunto dal movimento Occupy Wall Street nel 2011-12 è legato proprio alla diffusione di questa strumentazione cibernetica. OWS è stata l'ultima importante esperienza che ha messo insieme lavoratori "stabili", precari, studenti indebitati, senzatetto, insomma il 99%; e che durante gli scioperi generali ha costretto un sindacato ultra-corporativo come l'AFL-CIO ad accodarsi per non rimanere tagliato fuori.

Un compagno ha letto un estratto dall'ultimo libro di Naomi Klein, Shock Politics, pubblicato su L'Espresso. Secondo la giornalista canadese la vittoria elettorale di Trump è il prodotto del caos globale, di una fase di cambiamenti epocali e repentini in cui l'1% ha fatto a meno degli intermediari politici e si è fatto esso stesso governo:

"L'esecutivo di Trump, zeppo di miliardari e multimilionari, ci spiega tante cose sulle mete occulte dell'amministrazione. ExxonMobil come segretario di Stato. General Dynamics e Boeing come ministro della Difesa. E i ragazzi di Goldman Sachs per quasi tutto quel che rimane."

Per Klein il governo Trump persegue la "decostruzione dello stato regolatore" (welfare e servizi sociali), punta tutto sui combustibili fossili e pratica una guerra contro gli immigrati. Questo insieme di fatti porterà ad un'ondata di crisi e shock che sarà utilizzata dall'attuale amministrazione per dichiarare lo stato d'assedio:

"Una crisi importante, che sia un attacco terrorista o un crollo finanziario, probabilmente fornirebbe il pretesto per dichiarare una sorta di stato d'eccezione o d'emergenza, nel quale le solite regole non vigono più. A sua volta ciò potrebbe fornire la scusa per far passare aspetti dell'agenda Trump che richiedono un'ulteriore sospensione delle norme democratiche basilari, come il suo proposito di negare l'accesso al paese a tutti i musulmani (non solo a quelli di alcuni paesi selezionati), la sua minaccia lanciata su Twitter di spedire 'i federali' a combattere la violenza nelle strade di Chicago o il suo evidente desiderio di imporre restrizioni alla stampa. Una crisi economica abbastanza grave gli regalerebbe la scusa per smantellare programmi come la previdenza sociale, che Trump ha giurato di proteggere ma che molti attorno a lui vogliono morta da decenni."

Le "campagne di denuncia" di leniniana memoria non hanno più senso visto che a farle oggi è la stessa borghesia. Tali iniziative, in cui esponenti del Sistema criticano il Sistema seppure aspramente e apertamente sui media ufficiali, sono da prendere con le pinze, perchè sono il risultato di uno scontro interno alla borghesia ed utilizzate da una fazione contro l'altra. Klein è una delle tante voci giornalistiche ostili al "capitalismo dei disastri", ma sprovvista degli strumenti teorici necessari ad andare oltre ad una critica di tipo politico-morale. Rimane comunque significativo l'aumento di saggi, convegni e articoli negli Stati Uniti e altrove, che hanno per oggetto lo spreco di risorse, lo sviluppo sostenibile, la rovina dell'ambiente, e persino la decrescita quantitativa e la critica termodinamica della dissipazione (entropia) capitalistica.

Articoli correlati (da tag)

  • Le curve della catastrofe

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata con la segnalazione di un articolo pubblicato sul Corriere della Sera, sulla relazione tra cambiamenti climatici e crisi finanziarie.

    Proprio in questi giorni si sta svolgendo a Davos il World Economic Forum per discutere delle questioni in materia di salute e di ambiente, ma soprattutto di business. L'ecologismo nasce con le prime organizzazioni di nobili inglesi che erano costretti a respirare i veleni della Londra dei primi dell'800. Essendo un argomento interclassista per eccellenza mette d'accordo tutti, nessuno può negare che l'impronta ecologica è data; mentre si nega invece, per principio, l'incapacità del capitalismo ad affrontare questa situazione. Nell'articolo "Un modello dinamico di crisi" del 2008 avevamo visto come già nel 1961 l'umanità consumava il 50% della biocapacità media del pianeta, mentre nel 2003 ne consumava già il 125%. L'impronta ecologica offre la misura di quanto s'è allargato il divario fra l'equilibrio termodinamico e la dissipazione di energia, cioè di risorse che, perdurando il sistema capitalistico, andranno irreversibilmente perdute, come la foresta primaria o l'acqua di molti fiumi a causa del prelievo per l'agricoltura e per le metropoli. La massa biologica sulla terra è una piccola parte rispetto alla massa del pianeta intero. L'uomo intacca la prima, logorando le possibilità per la sua stessa riproduzione. Tuttavia, la Natura ha prodotto l'uomo il quale si dovrà adeguare alla condizione della biosfera: una delle conseguenze della distruzione di massa biologica innescata dall'attività umana è la perdita di biodiversità sul nostro pianeta per cui si sta andando verso la sesta estinzione di massa, peggiore di quella del Cretaceo quando il 95% delle specie esistenti è scomparso dalla faccia del Pianeta.

  • Lotta contro la guerra, lotta contro il capitalismo

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 13 compagni, è iniziata parlando di quanto accade in Iran.

    Come avevamo detto nella scorsa teleconferenza ("La guerra nel mondo globalizzato esiste sempre"), non è "scoppiata" nessuna particolare guerra tra America e Iran, per la semplice ragione che quest'ultimo paese non ha i mezzi per rispondere alla potenza militare degli Usa; l'attacco dell'8 gennaio alle basi irachene che ospitano anche i militari Usa, non solo ha causato pochi danni, ma secondo alcune fonti giornalistiche sarebbe stato annunciato preventivamente alle autorità locali. Abbattendo il volo ucraino con 176 passeggeri a bordo, l'Iran ha compiuto un grande errore militare, scambiando un aereo civile per un velivolo nemico. In seguito a questa tragedia, gli studenti iraniani hanno manifestato contro il governo e i vertici del regime islamico, in primis contro l'ayatollah Khamenei. Dopo la rivolta di novembre dello scorso anno, repressa nel sangue dalle forze di polizia, la propaganda di regime degli ultimi giorni descriveva una società compatta contro il nemico americano, ed invece le proteste sono tornate mostrando un fronte interno tutt'altro che pacificato.

    La cosa importante del presente "ciclo" di manifestazioni in Libano, Iraq, Cile, Francia, Iran, e in ultimo Martinica e Guadalupe, è il fatto che i manifestanti prendono di mira il proprio governo, la propria borghesia, arrivando alla conclusione che il nemico è prima di tutto in casa.

  • La guerra nel mondo globalizzato esiste sempre

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'attacco missilistico americano vicino all'aeroporto di Baghdad, che è costato la vita al generale iraniano Qassam Soleimani e alla sua scorta.

    Contrariamente a quanto affermato dal settimanale l'Internazionale, gli Stati Uniti non hanno iniziato con questa azione una guerra contro l'Iran, dato che un conflitto è già in corso da tempo: nel mondo globalizzato d'oggi la guerra esiste sempre, anche quando tacciono i cannoni. Nell'articolo "Dall'equilibrio del terrore al terrore dell'equilibrio", analizzando le trasformazioni avvenute negli ultimi cinquant'anni, abbiamo scritto che "la guerra all'ultimo sangue tra concorrenti non avviene più per conquistare aree di sbocco alle proprie merci e capitali ma per ripartire il plusvalore prodotto in un mondo ormai interamente conquistato dal Capitale."

    Soleimani rappresentava un importante hub nella rete di rapporti che l'Iran ha costruito negli anni in Libano, Yemen, Siria e Iraq, ottenendo risultati militari e politici non indifferenti. Il missile che ha colpito il suo generale nella capitale irachena è quindi un avvertimento, al quale potrà rispondere solo con azioni simboliche, o al massimo creando fastidi intorno all'importante stretto di Hormutz. Ma in ogni caso non potrà pestare troppo i piedi agli Stati Uniti, per il semplice motivo che non ne ha la forza.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email