Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  21 novembre 2017

Marasma sociale e cibercomunismo

La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 15 compagni, è iniziata con un breve resoconto sulla condizione dei Rohingya in Myanmar, un'etnia di religione musulmana perseguitata dal governo centrale birmano. Lo scorso agosto, dopo alcuni attacchi alle stazioni di polizia da parte di ribelli armati nella regione di Rakhine, l'esercito ha reagito duramente operando violenti rastrellamenti che hanno dato inizio ad un esodo nel vicino Bangladesh. In più parti del pianeta milioni di esseri umani si muovono alla disperata ricerca di condizioni di vita migliori, fuggendo da guerre, persecuzioni religiose o etniche, e finendo per ingrossare le fila di immensi campi profughi.

La riunione è proseguita con il commento dell'articolo dell'Economist "Once considered a boon to democracy, social media have started to look like its nemesis" sull'influenza dei social network nella formazione delle idee. Secondo il settimanale inglese, i social, che hanno avuto un ruolo primario nelle rivolte degli ultimi anni (in Ucraina a partire da piazza Maidan, in Egitto con la caduta di Mubarak), sono anche utilizzati per manovrare la cosiddetta opinione pubblica e tale settore è caratterizzato da una limitata libertà in cui grandi gruppi come Facebook, Twitter e Google monopolizzano l'informazione, condizionando milioni di esseri umani. Quello che l'Economist non dice è che la guerra moderna si combatte online e che la Rete è diventata un'arma più efficace di un cannone; e come in ogni guerra, gli Stati cercano di intervenire per difendere i loro interessi e, soprattutto, per controllare il loro grande avversario, il proletariato.

Ogni stato moderno ha un sofisticato apparato di intelligence e utilizza tutti i dati a disposizione per tutelarsi tecnologicamente e politicamente dalla minaccia del collasso. Ovviamente individua il nemico nelle classi sfruttate, dato che esse tendono a mettere in discussione la condizione in cui si trovano. E' quindi naturale che tutta l'informazione sia indirizzata a consolidare l'ideologia dell'eternità del capitalismo e del lavoro salariato. Detto questo, il risvolto più interessante dell'odierna cyber-guerra è senz'altro quello della simmetria. Mentre un tempo una rivolta era irrimediabilmente povera di strumenti in confronto a quelli dell'apparato statale, oggi il rapporto tende ad avvicinarsi alla parità, almeno per quanto riguarda l'informazione. Quando il governo egiziano, sull'onda delle proteste anti-Mubarak, ha "spento" Internet, i giovani di piazza Tahrir hanno aggirato il blocco delle comunicazioni allestendo una rete "mesh". Da tempo il dentifricio è uscito dal tubetto: nessuno potrà fermare milioni di anonimi smanettoni coordinati in vista di uno scopo, nemmeno un esercito.

Nella mappa pubblicata con l'articolo "Marasma sociale e guerra" (2011) sono evidenziati i paesi in preda al marasma sociale o alla guerra. Naturalmente nella cartina non erano segnalati come instabili lo stato spagnolo, ora alle prese con la "rivolta" catalana, e nemmeno quello tedesco. Oggi i paesi che hanno a che fare con problemi interni sono aumentati.

La Germania, considerata storicamente l'ago della bilancia della politica e dell'economia europea, comincia a fare i conti con l'incertezza politica: secondo i dati diffusi dall'ufficio federale del lavoro e delle politiche abitative per i senza casa (Bagw), "i senzatetto in Germania sono aumentati del 150% negli ultimi due anni, passando dai 335.000 del 2014 agli 860.000 dell'anno passato", e si stima che saranno 1,2 milioni entro il 2018. Se è vero che le riforme Hartz hanno rappresentato un freno alla disoccupazione di massa attraverso l'erogazione di sussidi e mini job, è anche vero che hanno contribuito ad abbassare il costo medio del lavoro.

Questi processi di immiserimento sociale hanno portato ad un risultato elettorale abbastanza preoccupante per la borghesia tedesca, che per la prima volta dal secondo dopoguerra non riesce a formare un governo. La cancelliera Merkel ha fallito nel tentativo di mettere in piedi una coalizione con Verdi e Liberali, ed anche la formazione di un nuovo governo di Grosse Koalition tra CDU-CSU e socialdemocratici non è andata in porto. Nel frattempo l'estrema destra di Alternative für Deutschland raccoglie consensi. Significativo quanto scrive Alessandro Campi sul Messaggero: "L'Europa degli Stati rischia la palude politica. La situazione dei singoli Paesi è di instabilità. Se si guarda alla situazione interna dei singoli Paesi europei, in particolari quelli dell'area occidentale, l'impressione è infatti quella di una crescente instabilità, con governi che faticano a nascere o che si reggono su maggioranze parlamentari traballanti."

La difficoltà a formare governi solidi è dovuta non tanto e non solo all'incapacità dei governanti di turno, quanto ad una instabilità strutturale (leggi problemi di valorizzazione del capitale) che determina caos e fibrillazione politica. Il colosso economico tedesco ha i piedi d'argilla: con un Pil che si aggira intorno ai 3,5 mila miliardi di dollari, le esportazioni ammontano "solo" a 300 miliardi (neanche il 10%). Una commissione di esperti ha proposto al governo tedesco di superare i limiti dell'orario di lavoro attualmente fissato a 8 ore giornaliere. "Le aziende hanno bisogno della certezza di non infrangere la legge se un dipendente partecipa di sera a una conferenza telefonica e se a colazione legge le mail", ha spiegato Christoph Schmidt, presidente della commissione. E pensare che la Germania è stata il primo paese ad intavolare con i sindacati accordi per le 35 ore di lavoro settimanali. Evidentemente, le aziende hanno bisogno di maggiore flessibilità per sfruttare di più i lavoratori, anche se a livello macroeconomico gli economisti più avveduti consigliano di far lavorare meno la popolazione, tenere bassi i salari così da frenare la crescita della disoccupazione. Studiosi come Luciano Gallino, ad esempio, affermano che una riduzione della giornata lavorativa potrebbe rivitalizzare l'economica facendo entrare i giovani nel mondo del lavoro.

Un compagno ha segnalato la notizia sull'abolizione del denaro contante in Svezia (dove solo l'1-2% dei pagamenti sono "cash", scrive il Corriere). Gli svedesi pagano tutto in modo elettronico, con un'applicazione nel telefono o una carta di credito: negozi, ristoranti, tabaccherie, ma anche la bolletta della luce e il biglietto dell'autobus. La smaterializzazione delle merci procede inarrestabile sconvolgendo le basi su cui si erge il capitalismo.

Se nel mondo le transazioni monetarie diventeranno del tutto elettroniche, che fine faranno le banche? Dovranno adeguarsi, eliminando forza lavoro e digitalizzando al massimo i loro servizi. Con la moneta elettronica tutti i passaggi di valore saranno tracciati e, un domani, la società post-capitalista potrà utilizzare questa enorme potenza di calcolo per conoscere e regolare i bisogni della specie umana. Già oggi gli algoritmi gestiscono il processo produttivo di colossi del commercio come Amazon e Walmart, e sono sempre gli algoritmi a muovere i fattorini di Foodora o Deliveroo nel traffico delle città. Si tratta di sistemi informatici che si autoregolano e apprendono in simbiosi con l'attività dell'uomo.

Ad applicare la cibernetica all'economia ci avevano già pensato alcuni scienziati russi e il governo cileno guidato da Allende con il progetto Cybersyn. Quest'ultimo era un sistema gestionale della produzione, finalizzato a coordinare l'attività del governo con quella delle fabbriche nazionalizzate. I cibernetici russi degli anni 60', quelli menzionati da Nick Dyer-Witheford nell'articolo Red Plenty Platforms, erano un passo avanti: miravano a costruire un'infrastruttura informatica atta a svolgere rapidamente i milioni di calcoli richiesti dal Gosplan, il Consiglio di Stato per la Pianificazione, che supervisionava i piani economici quinquennali. Il Politburo vide come fumo negli occhi tali progetti - che peraltro avrebbero messo in discussione il suo potere - e non li supportò. L'umanità è andata vicina alla progettazione di un sistema sociale cibernetico in un contesto capitalistico immaturo come quello russo degli anni '50-'60. Oggi che il capitalismo ha messo sensori e attuatori ovunque in modo da rendere "intelligente" il sistema, l'umanità è finalmente pronta per fare il salto verso "un futuro di abbondanza rossa".

Articoli correlati (da tag)

  • La macchina incorpora conoscenza collettiva

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata commentando la lectio magistralis del prof. Antonio Casilli su "Intelligenze artificiali e digital labour" tenuta durante le Giornate del Lavoro organizzate dalla CGIL a Lecce.

    Nel mondo sono circa 100 milioni i micro-lavoratori impiegati nell'inserimento di dati in piattaforme digitali e questo dimostra, secondo Casilli, che la crescita e il potenziamento dell'intelligenza artificiale sono possibili solo grazie all'erogazione di lavoro umano mal pagato, senza alcun contratto e senza inquadramento sindacale. A parte le conclusioni (lotta per diritti, per le garanzie, ecc.), la lectio offre una panoramica interessante sulle piattaforme di crowdsourcing e sulle modalità di impiego dei lavoratori.

    Siri, l'assistente digitale sviluppato dalla Apple, cresce e "apprende" grazie ai milioni di dati raccolti dagli umani. Lo stesso avviene per Cortana e Alexa, i software di assistenza e riconoscimento vocale messi a punto rispettivamente da Microsoft e Amazon. Facebook a sua volta ha creato M, un assistente virtuale che impara attraverso le informazioni ricavate dalle conversazioni di quel miliardo di utenti che utilizza quotidianamente il social network. Insomma, navigando nella Rete produciamo ricchezza per altri.

  • Distribuire soldi con gli elicotteri?

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 12 compagni, è iniziata con il commento di alcune notizie di carattere economico.

    Nell'articolo "Il reddito di cittadinanza del M5s non basta: per lo sviluppo serve la moneta fiscale", il giornalista Enrico Grazzini descrive la problematica condizione in cui versa l'economia italiana:

    "Sono più di 8 milioni gli italiani poveri, dei quali circa 4 milioni e mezzo vivono in condizioni di povertà assoluta, non possono cioè acquistare il minimo indispensabile per vivere. Ma non sono solo i poveri a soffrire. La situazione italiana è disastrosa: la disoccupazione ufficiale è al 12%, solo il 60% della popolazione è in attività, metà dei giovani non trova lavoro e il sud sprofonda. Le divisioni sociali e territoriali aumentano."

    Per far fronte a tale situazione, Micromega ha lanciato un manifesto/appello (alla cui stesura ha collaborato lo stesso Grazzini) per una nuova moneta fiscale. Per alimentare la domanda e fare uscire l'economia italiana dalla trappola della liquidità, ma rispettando le regole e i vincoli dell'Europa, lo stato dovrebbe iniziare ad emettere una "nuova moneta fiscale", complementare all'euro, nella misura di qualche centinaio di miliardi.

  • Coevoluzione uomo-macchina

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata commentando il Rapporto Oxfam del 2016.

    Secondo lo studio, intitolato significativamente Un'economia per il 99%, gli 8 più ricchi del pianeta (e non più 62 come l'anno precedente) detengono la stessa ricchezza della metà della popolazione mondiale, circa 3,6 miliardi di esseri umani. "La novità di quest'anno è che la diseguaglianza non accenna a diminuire, anzi continua a crescere, sia in termini di ricchezza che di reddito", ha spiegato la direttrice della campagna di Oxfam Italia.

    Al rapporto Oxfam è da affiancare un altro studio, quello dell'istituto McKinsey, in cui si afferma che fra pochi anni il 49% della produzione potrà essere sostenuto dai robot. E' al passo coi tempi Adidas che ha annunciato di voler tornare in Germania: se le scarpe le fanno gli automi, abbattendo le spese per la manodopera, tenere gli impianti in Cina genera solo inutili costi di trasporto. Insomma, l'automazione restringe sempre più i margini di profitto mentre le delocalizzazioni non sono più un toccasana per il Capitale.

Navigazione per Tag

accumulazione ambiente amore anonymous anticipazioni attivismo austerity autonomizzazione del Capitale autorganizzazione bolla finanziaria Bordiga borghesia Brasile capitale capitale finanziario capitalismo capitolazioni catastrofe centralismo organico centralizzazione cervello sociale cgil chiesa cibernetica ciclo coloniale Cina Cipro commons comunismo conoscenza controrivoluzione crisi debito decrescita democrazia determinismo disoccupazione dissipazione dissoluzione dono doppia rivoluzione economia politica Egitto Einstein energia evoluzione expo fascismo feedback finanza forza produttiva francia geostoria Germania Giappone governo governo tecnico gramsci grecia Grillo guerra guerre mondiali Hegel ideologia immediatismo imperialismo indignados informazione internazionale comunista invarianza isis israele Italia Latouche lavoro lavoro di partito lenin linguaggio logistica lotta di classe lotte immediate luogocomunismo macchine manifestazioni manoscritti '44 marasma sociale Marx materialismo medio oriente memi mezze classi militanti minerali miseria crescente moneta movimento operaio mutuo soccorso neotenia no tav occupy sandy ordinovismo OWS palestina partito partito formale partito storico peer to peer piano di produzione polarizzazione popolazione Popper precari preistoria previsione primavera araba produttività produzione sociale programma questione nazionale rabbia sociale rapporti di forza reddito rendita rete rifkin riformismo rinascimento riunioni rivolta rivoluzione rivoluzione borghese rivoluzione proletaria russia salario SCi scienza sciopero sessualità sincronia sindacato social network soviet Stato stato islamico teoria rivoluzionaria Tunisia Turchia uranio usa valore valorizzazione wikipedia

Rivista n°41, aprile 2017

copertina n°41f6Editoriale: Non possiamo ingannare la natura
f6Articoli: Assalto al pianeta rosso - Il secondo principio - Il grande collasso - Capitale e teoria dello sciupio
f6Rassegna: Ancora Trump - Fuga nel sub mondo
f6Terra di confine: Buoni di non lavoro
f6Recensione: Che cosa c'è dopo il capitalismo?
f6Doppia direzione: Neoluddismo
f6Spaccio al bestione trionfante: Dieci punti per demolire Trump

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 225, 6 settembre 2017

f6Sandro
f6Al supermercato della paura
f6La guerra infinita
f6Vaccini
f6Giga-sinergie
f6Acqua a tinozze
f6Auto elettrica
f6La rendita del camaleonte

Leggi la newsletter 225

Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email