Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  24 ottobre 2017

Invarianza della forma corporativa

Durante la teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, abbiamo affrontato alcuni dei temi sviluppati sulla rivista n. 42, attualmente in stampa, partendo dall'articolo "La socializzazione fascista e il comunismo".

Negli anni '20 lo scontro tra modi di produzione si acuisce: "In Russia la fase rivoluzionaria era matura per urgere in breve ciclo di forze nuove e disgregarsi di morte forme; fuori in Europa la situazione era falsamente rivoluzionaria e lo schieramento non fu decisivo, l'incertezza e mutevolezza di atteggiamento fu effetto e non causa della deflessione della storica curva del potenziale di classe." (Struttura economica e sociale della Russia d'oggi, 1955)

In Italia si afferma il fascismo che, nato da una costola del sindacalismo rivoluzionario, non è però la causa dell'annichilimento del movimento proletario italiano; al contrario, è la sconfitta di quest'ultimo a permettere al fascismo di imporsi. L'opportunismo, afferma la nostra corrente, non è questione morale, "è un fenomeno di natura sociale e storica per cui l'avanguardia proletaria, invece di disporsi sullo schieramento che si pone contro il fronte reazionario della borghesia e degli strati piccolo-borghesi, più di essa ancora conservatori, dà l'avvio ad una politica di saldatura fra il proletariato e le classi medie." (Tesi di Napoli).

In quel frangente il proletariato occidentale non riesce a saldare le sue forze con quelle della rivoluzione russa. Come si afferma in Struttura, alla data del 1920-21 il partito bolscevico ha messo in campo tutto quanto poteva e la "svolta" non può che venire da Occidente. Ma la situazione in Europa non è rivoluzionaria e il risultato è che l'Internazionale cerca di modificare i rapporti di forza tra le classi con manovre tattiche (fronte unico, governo operaio, ecc.). Al di là di capi, dirigenti, governi e partiti, "la rivoluzione comunista può solo vincere quando, polarizzata da forze nuove questa morta atmosfera che oggi ci soffoca, dispersa la bestemmia scientifica dell'indifferente vile coesistere tra poli nemici, tutto il mondo capitalista sarà jonizzato nella fase rivoluzionaria futura, e due soli scioglimenti si porranno davanti alla lotta suprema. Non jonizza la storia il prurito di molecoline neutre fino alla sterilizzazione mortifera, né la ha solo jonizzata la nostra rivoluzione: lo fu ad esempio perfino quando il Cristo, che fu detto Dio perché non si ridusse alla parte risibile di Uomo Capo ed Eroe, ma era impersonale forza del campo storico, jonizzò il mondo delle società schiaviste antiche con l'equivalente formula: Chiunque non sarà con me, sarà contro di me."

La polarizzazione avviene perché esiste uno scontro tra forze enormi che mobilitano la società intera. Un modo di produzione non abbandona mai il palcoscenico della storia finché non ha esaurito tutte le sue risorse materiali. Il moderno capitalismo socializza a livello planetario la produzione, connette tutte le economie e, potenzialmente, anche le lotte dei proletari. Tramontata l'epoca delle doppie rivoluzioni e delle lotte di liberazione nazionale, oggi si presenta su scala globale la possibilità di uno schieramento netto tra le classi, che non lasci spazio a teorie ambigue come quelle che si sono imposte negli anni '20 in Italia e altrove.

Il fascismo è riuscito abilmente a sfruttare per i suoi fini di conservazione "temi" propri dell'avversario, come quello della "socializzazione del lavoro". Da notare che l'80% degli effettivi di tale movimento arrivavano dalle fila del sindacalismo rivoluzionario mentre il restante 20 dal PSI. Una volta stabilizzatosi come regime, il fascismo varò riforme di carattere social-riformista e per tutto il Ventennio non fece altro che sacralizzare il "lavoro" (Carta del Lavoro, 1927), rispondendo alla necessità del capitalismo di allora di una forma di governo centralizzata, per dare ordine alla società, e di inglobare le organizzazioni proletarie nello Stato. L'esperimento fascista ha perso militarmente, dice la nostra corrente, ma ha vinto politicamente estendendosi in tutto il mondo. Il capitalismo d'oggi avrebbe bisogno di un passo in più, di un governo unico mondiale, ma le borghesie nazionali non possono certo auto-sopprimersi.

Siamo quindi passati a parlare dei prossimi scioperi nel settore della logistica: il 27 ottobre si svolgerà quello organizzato dai sindacati di base e il 30 e 31 quello dei confederali. Le parole d'ordine di entrambe le mobilitazioni non rompono con la logica corporativa della difesa delle "garanzie" e dei "diritti". Anche la FIOM sembra si stia muovendo: l'Assemblea Generale dei metalmeccanici ha infatti approvato con 165 voti favorevoli e 14 astenuti un documento che lancia un percorso di mobilitazione "fino anche allo sciopero generale, per cambiare la manovra nel corso del dibattito parlamentare per l'approvazione della legge di bilancio". L'intero arco sindacale, compresi gruppi e partiti di sinistra, si pongono in difesa dell'apparato welfaristico ereditato dal fascismo; entrano nel merito dei problemi che deve risolvere il governo della borghesia e si spingono addirittura a proporre leggi o riforme alternative. È significativo che questo variegato fronte antifascista faccia proprio lo slogan "la crisi la devono pagare i padroni", lanciato da Mussolini a Dalmine in occasione dell'occupazione della Franchi-Gregorini (1919). Anche Gramsci e gli ordinovisti con il loro mito del controllo operaio della produzione non facevano che riprendere, con segno diverso, le proposte del fascismo sansepolcrista.

La corresponsabilità delle organizzazioni sindacali nei confronti dell'economia nazionale non è nuova: siamo passati dal sindacato di tutti i cittadini a sindacati che vogliono partecipare attivamente alle decisioni prese dai governi in materia politico-economica. L'eredità dell'epoca precedente è rivendicata nei fatti dai confederali, ed infatti si genera un'opposizione interna, in particolare in CGIL, per adesso all'acqua di rose ma passibile di radicalizzazione. Il sindacato è in crisi, vede assottigliarsi il numero degli iscritti e conta sempre meno nella società. CAF, patronati, sedi e uffici legali rendono se vengono utilizzati, ma sono un costo se i lavoratori non li utilizzano. Serve un cambiamento.

Si è poi accennato alla crescita degli autonomismi in relazione ai risultati dei referendum in Veneto e Lombardia. Se tutte le regioni iniziano a chiedere di rientrare nello statuto speciale, come farà lo Stato a trovare i soldi che gli servono? La spinta all'autonomia regionale ha sicuramente risvolti economici (mantenere in loco il valore prodotto), eppure è dimostrato che le amministrazioni regionali e locali sono più dispendiose di quelle centrali.

Un compagno ha segnalato l'ultimo rapporto dell'OCSE, "Preventing Ageing Unequally", che descrive una situazione del tutto "out of control": secondo lo studio crescono le diseguaglianze tra generazioni e i giovani italiani sono sempre più poveri. I senza riserve non hanno nulla da perdere fuorché le loro catene e la perdita di efficienza del sistema ha come conseguenza la perdita di fiducia nel sistema stesso. Il capitalismo non viene più visto come fonte di sicurezza e benessere e tutte le illusioni costruite in decenni di controrivoluzione demo-fascio-staliniana vengono meno. Questa situazione, che rende evidente una perdita di vitalità dell'intero sistema, è l'avvisaglia di una consapevolezza delle condizioni di classe, il proletariato da una parte, la borghesia dall'altra, ognuna delle due tesa a difendere le proprie condizioni che stanno degenerando ("Il secondo principio", n+1 n.41).

I legami corporativi che tenevano insieme i proletari con l'apparato statale borghese si stanno sfaldando e ormai la maggior parte dei paesi occidentali vive di rendita con una crescita economica dello zero virgola qualcosa per cento. Pensiamo all'Italietta: secondo i dati del "World Factbook" della CIA la composizione del PIL è così data: 2% agricoltura, 24% industria e 74% servizi. Una tale quota di servizi vuol dire che il lavoro che una volta svolgevano gli operai è ora realizzato dalle macchine. La composizione sistemica è molto importante: il 60% del PIL è consumato all'interno, circa il 19% è dedicato per il consumo dello Stato, il 17% finisce in investimenti in capitali fissi; cresce inoltre l'esportazione di beni e servizi (30%), mentre cala la quota di importazione degli stessi (-26,5%). La popolazione sotto la soglia di povertà è al 29,9%, le tasse al 47% del reddito, il debito pubblico al 130%. Una situazione irreversibile, cifre di un modo di produzione arrivato al capolinea. L'economia mondiale viaggia grazie alla spinta di Cina e India, paesi che sono cresciuti velocemente bruciando tutte le tappe ma che già presentano i primi segni del capitalismo senile.

Articoli correlati (da tag)

  • Pancia e gambe si muovono prima del cervello

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 7 compagni, è cominciata dal tema del "lavoro", o meglio del lavoro alienato che, come dice Marx, fa sì che l'uomo si senta tale solo quando mangia, beve e si accoppia (attività che condivide con le bestie), e si senta bestia quando lavora (attività che gli sarebbe peculiare).

    Un compagno ha fatto notare che il "lavoro" è un'attività umana invariante, incessante nei millenni (l'arco millenario che lega l'ancestrale uomo tribale lottatore con le belve al membro della comunità futura) nonostante il variare storico dei paesaggi epigenetici innumerevoli volte rivoluzionati. Perciò possiamo indicare la forma, che esprime il "lavoro" della natura sulla materia sia organica che inorganica, come il movimento in quanto tale.

    Ora, il "prodotto" di questo incessante movimento-lavoro della materia per miliardi di anni altro non è che lo stato attuale delle cose. L'uomo è nella fase della sua storia in cui quel primordiale movimento-lavoro ha assunto la modalità capitalistica, alienandosi. Il prossimo balzo evolutivo della specie verso il regno della libertà la emanciperà dal lavoro come cieco movimento della materia sociale. Rovesciata la prassi, per la prima volta l'umanità non sarà solo "cosciente" ma anche "dirigente" il suo proprio lavoro, ossia il suo proprio movimento-lavoro, ad un gradino evolutivo superiore. Scienza dell'uomo e della natura si integreranno e allora non ci sarà che una sola scienza.

  • Anniversari

    La teleconferenza di martedì 9 luglio, a cui hanno partecipato 11 compagni, ha avuto come tema principale il ricorso di alcuni anniversari.

    Tra il 7 e il 9 luglio del 1962, in Piazza Statuto a Torino, si verificano violenti scontri tra forze dell'ordine e operai in seguito alla firma di un accordo sindacale separato tra Uil e Fiat. La mattina del 7 luglio i maggiori stabilimenti industriali della città si fermano e gli operai incolleriti si concentrano di fronte alla sede della Uil in Piazza Statuto; ne nascono degli scontri con la polizia che durano per tre giorni con il risultato di più di un migliaio di fermi, quasi un centinaio di arrestati e svariate centinaia di feriti da entrambe le parti.

    Dalle fila del PCI ai sinistri dei Quaderni Rossi, si alza un coro unanime di condanna dei fatti di piazza Statuto, giudicati una "squallida degenerazione" di una manifestazione di protesta operaia. L'Unità del 9 luglio definisce la rivolta come "tentativi teppistici e provocatori", ed i manifestanti "elementi incontrollati ed esasperati", "piccoli gruppi di irresponsabili", "giovani scalmanati", "anarchici, internazionalisti". Al contrario, il programma comunista n. 14 del 17 luglio 1962, esce con un potente articolo intitolato "Evviva i teppisti della guerra di classe! Abbasso gli adoratori dell'ordine costituito!", in cui si afferma che ha poco senso essere non violenti quando quotidianamente si subisce la violenza del lavoro salariato.

  • Argomenti concatenati

    La teleconferenza di martedì, presenti 14 compagni, è iniziata con una breve rassegna stampa su diversi temi, tra cui il trattato di Aquisgrana, il disastro sociale ed economico in corso in Venezuela, e il cambio al vertice del maggiore sindacato italiano.

    Nella sua prima apparizione in TV come segretario della Cgil, nel programma "1/2 ora in più" di Lucia Annunziata, Maurizio Landini ha affermato di voler cambiare il sindacato proponendo una "contrattazione inclusiva" per aprire l'organizzazione al territorio dato che "il problema è la solitudine": bisogna "tornare alle origini per cui sono nate le Camere di lavoro" ha spiegato, "tornare alle nostre radici, che fanno i conti con le nuove condizioni di lavoro che ci sono." A parte le buone intenzioni, su cui ci sarebbe molto da dire, sappiamo che per cancellare l'effetto storico della assunzione del sindacato entro lo stato borghese occorre molto di più, e cioè uno stravolgimento sociale di potenza gigantesca. Se ciò invece non avverrà, ogni organizzazione sindacale non potrà far altro che mediare fra capitale e lavoro, secondo le regole della concertazione/contrattazione. E non basterà l'elezione di un leader movimentista per cambiare direzione, tanto più ad un sindacato corporativo come la Cgil.

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 234, 6 luglio 2019

f6Grufolare nell'attico
f6Occupazione simbolica. Per adesso
f6Libra, cos'è?
f6Extinction Rebellion
f6Reddito di cittadinanza alla prova
f6Spionaggio?

Leggi la newsletter 234
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email