Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  19 settembre 2017

La macchina incorpora conoscenza collettiva

La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata commentando la lectio magistralis del prof. Antonio Casilli su "Intelligenze artificiali e digital labour" tenuta durante le Giornate del Lavoro organizzate dalla CGIL a Lecce.

Nel mondo sono circa 100 milioni i micro-lavoratori impiegati nell'inserimento di dati in piattaforme digitali e questo dimostra, secondo Casilli, che la crescita e il potenziamento dell'intelligenza artificiale sono possibili solo grazie all'erogazione di lavoro umano mal pagato, senza alcun contratto e senza inquadramento sindacale. A parte le conclusioni (lotta per diritti, per le garanzie, ecc.), la lectio offre una panoramica interessante sulle piattaforme di crowdsourcing e sulle modalità di impiego dei lavoratori.

Siri, l'assistente digitale sviluppato dalla Apple, cresce e "apprende" grazie ai milioni di dati raccolti dagli umani. Lo stesso avviene per Cortana e Alexa, i software di assistenza e riconoscimento vocale messi a punto rispettivamente da Microsoft e Amazon. Facebook a sua volta ha creato M, un assistente virtuale che impara attraverso le informazioni ricavate dalle conversazioni di quel miliardo di utenti che utilizza quotidianamente il social network. Insomma, navigando nella Rete produciamo ricchezza per altri.

Esistono poi centinaia di like-farm, dove anonimi lavoratori occupati ad apporre manualmente centinaia di "mi piace" su social network per far crescere il profilo di qualcuno, o su Youtube per aumentare le visualizzazioni di un video, o a postare commenti su determinati prodotti in vendita, vengono pagati qualche centesimo di dollaro a like. Si tratta di lavoratori di paesi asiatici come Bangladesh, India, Pakistan, Malaysia e Indonesia, che lavorano anche da casa o da qualche Internet point. La piattaforma globale Upwork impiega circa 12 milioni di lavoratori, la cinese Zhubajie ha 15 milioni di iscritti, Freelancer ne conta più di 25, mentre sono circa 500 mila quelli occupati su Amazon Mechanical Turk. E oltre a queste ne esistono apposite di Google, Ibm, Uber. Quest'ultima si occupa di gestire il servizio di Taxi condotto da una folla di autisti automuniti ed è in grado di utilizzare sia i dati prodotti dai conducenti che quelli dei passeggeri per migliorare l'applicazione, e di ricavare informazioni utili per l'intelligenza artificiale da applicare un domani alla guida delle automobili senza pilota.

Nell'intervento alle giornate della CGIL, Casilli analizza anche il ruolo dei sindacati nei confronti di questi milioni di nuovi lavoratori. Evidentemente oggi va di moda parlare di "gig-economy" e "digital labour", e la CGIL ne cavalca l'onda, ma queste problematiche esistono davvero nella società e i confederali dovranno affrontarle seriamente se vorranno continuare ad esistere. La UIL da qualche tempo ha creato il sito NetWorkers nel tentativo di prendere contatto con i lavoratori dell'economia delle piattaforme. L'IG Metal, il maggiore sindacato metalmeccanico tedesco, ha aperto il sito Fair Crowd Work che serve a connettere i precari che operano nel settore del digitale. Altre esperienze di coordinamento sono in atto in Inghilterra promosse dal sindacato IWGB e in Francia dal collettivo CLAP (Collectif des livreurs autonomes de Paris). Anche i lavoratori di Amazon Mechanical Turk hanno messo in piedi una piattaforma di coordinamento che si chiama Dynamo.

Un compagno ha ricordato l'esistenza di WorkIt, l'app per i lavoratori di Walmart, un colosso globale della distribuzione con circa 2,2 milioni di dipendenti:

"Chiunque può usare WorkIt. Per usarlo bisogna inserire nome, e-mail, numero di telefono e codice postale. E chi lo desidera può anche inserire la propria posizione lavorativa e il negozio presso cui è impiegato. Geolocalizzazione e accesso ai contatti personali sono invece disabilitati. Il database di partenza è stato costruito grazie al lavoro volontario di dipendenti ed ex dipendenti di Walmart che hanno individuato una lista di 50 domande frequenti a cui hanno fornito altrettante risposte. OUR Walmart ha dichiarato che non venderà mai i dati raccolti, ma li condividerà con i ricercatori e li userà nei tavoli di trattativa. Se i sensori del sistema Walmart acquisiscono informazioni ad ogni livello - dal comportamento dei consumatori alle giacenze sugli scaffali, dal percorso lungo la rete logistica a quello che porta a casa del consumatore - ora anche le organizzazioni dei lavoratori cominciano a muoversi nella stessa direzione dotandosi di strumenti cibernetici."

La CGIL ha dedicato le giornate di Lecce al tema "Il futuro del lavoro dopo l'era della disintermediazione", confessando implicitamente che il sindacato fatica a rappresentare le istanze che arrivano dal (nuovo) mondo del lavoro essendo venuta meno la capacità di organizzare le nuove generazioni di lavoratori. Dal nostro punto di vista, la "retificazione" del lavoro esprime un potenziale enorme in termine di coordinamento territoriale e di strumenti lotta. A distanza di 20 anni dall'articolo sullo sciopero alla UPS, vediamo che i saggi di organizzazione futura sono sempre più visibili. Pensiamo alla struttura a rete messa in campo da Occupy Wall Street nel biennio 2011-12: dal quel livello, raggiunto a New York come a Oakland, non si può tornare indietro.

La situazione di oggi, in cui milioni di micro-lavoratori con la loro opera sulla Rete allenano le macchine ad imparare, ricorda il brodo primordiale in cui si sono formati organismi viventi. Oggi, l'interazione di nuovo tipo tra uomo e macchina costringe l'umanità a porsi domande inedite sul proprio futuro, e ciò significa che il futuro agisce più che mai sul presente ("Verso la singolarità storica", n+1 n. 40). La forza produttiva sociale ha raggiunto livelli impensabili fino a pochi anni fa: miliardi di sensori inviano continuamente informazioni a centri di raccolta dati che li elaborano in tempo reale, configurando la nascita di un cervello bio-cibernetico globale. Per una società angusta come quella capitalistica è veramente troppo: l'involucro non corrisponde più al suo contenuto.

A proposito di crescita della forza produttiva, alcuni paesi hanno dimostrato vivo interesse per il progetto della società Hyperloop One di Elon Musk, e cioè la costruzione di un sistema di trasporto ad alta velocità fatto di tubi in cui transitano treni, spinti da motori lineari a induzione e compressori d'aria, in grado di raggiungere i 1.200 km all'ora. Fin quando si trattava di prove di laboratorio, sembrava fosse solo pubblicità, ma ora si sono fatti avanti paesi come l'Australia e l'Italia. Anche la Cina ha progetti simili e mira a costruire una rete di treni magnetici in cui la velocità potrebbe essere di 4 mila km all'ora.

In chiusura di teleconferenza, oltre ad accennare ai temi che saranno affrontati durante l'incontro redazionale del 22-23-24 settembre a Torino, abbiamo ricordato quanto accade a Saint Louis, negli Stati Uniti, dove per la terza notte consecutiva migliaia di giovani sono scesi in strada scontrandosi con le forze dell'ordine, dopo che il Tribunale ha assolto l'ex poliziotto accusato di aver ucciso l'afroamericano Anthony Lamar Smith. In seguito ai disordini, 13 persone sono state arrestate e quattro agenti sono rimasti feriti. Negli Usa le situazioni di scontro con la polizia in ambito metropolitano stanno diventando la normalità. Oggi più che mai la banlieue è il mondo.

Articoli correlati (da tag)

  • Società massimamente (dis)informate

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 14 compagni, abbiamo parlato di informazione e raccolta di dati nella società capitalista, in relazione alla "scandalo" che in questi giorni ha coinvolto uno tra i maggiori social network, Facebook, e la società di analisi e comunicazione strategica Cambridge Analytica.

    La vicenda. Nel 2013 il ricercatore inglese Aleksandr Kogan crea un'applicazione per Facebook, il quiz "This is Your Digital Life", tramite cui riesce a raccogliere un'immensa mole di dati riguardanti non solo i circa 300mila utenti che hanno scaricato l'app ma anche i loro contatti sul social network, arrivando a profilare circa 50 milioni di persone. Kogan gioca secondo le regole, perché Facebook permette quel tipo di utilizzo delle informazioni ricavate dalla piattaforma. Le cose cambiano l'anno successivo quando il gigante social pone un limite più rigido all'accesso ai dati da parte di applicazioni sviluppate da terze parti. Nel 2015 Kogan cede l'enorme database a Cambridge Analytica che lo utilizzerebbe per fornire allo staff di Donald Trump una sorta di mappatura dettagliata del territorio nazionale sulle opinioni e le inclinazioni politiche dei cittadini americani durante le ultime elezioni presidenziali. Importanti testate giornalistiche fanno scoppiare lo scandalo mettendo sotto accusa la società inglese di analisi e, soprattutto, la grande macchina di "data mining" mondiale rappresentata da Facebook. I dati raccolti da Kogan e utilizzati da CA per influenzare milioni di cittadini americani sono stati utilizzati impropriamente perchè ottenuti senza il consenso dei legittimi proprietari (solo chi ha scaricato l'app ha dato consapevolmente - almeno in teoria - il proprio beneplacito). In ultima istanza, la responsabilità dell'accaduto è da attribuirsi alla piattaforma di Zuckerberg che ha permesso operazioni di profilazione così profonde, dando prova di inaffidabilità nel garantire la privacy dei propri iscritti.

  • Le elezioni come fattore di polarizzazione sociale

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 14 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sull'esito delle elezioni politiche in Italia.

    Il Movimento 5 Stelle è risultato il partito con il più ampio consenso elettorale, mentre la coalizione di centrodestra ha raccolto, grazie ad una Lega nazionalista che ha fatto da traino, il maggior numero di voti senza però raggiungere la soglia necessaria per formare il governo. Notevole, anche se scontato, il tracollo del PD. La situazione di ingovernabilità che si è determinata dopo il voto, tra l'altro largamente prevista, vede un tripolarismo che complicherà il lavoro del presidente della Repubblica. Nulla di nuovo per il panorama europeo, in cui non mancano i precedenti. Paesi come Belgio, Olanda e Spagna sono rimasti per mesi (il Belgio quasi per due anni) senza governo, e ultimamente la stessa sorte è toccata anche alla Germania, che solo dopo molte settimane di consultazioni è riuscita a dar vita ad un governo di larghe intese (Grosse Koalition).

    Il capitalismo perde energia, gli Stati faticano a controllare sé stessi, tramontano le "garanzie" che facevano da collante sociale (welfare, posto di lavoro e pensione) e con esse si dissolvono anche le sovrastrutture politiche come i partiti e i sindacati, sottoposti ad una critica incessante e distruttiva da parte del movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Destra e sinistra sono categorie non più corrispondenti ad un quadro istituzionale che è invece sempre più frammentato e sfumato, e vede aggregazioni governative che si risolvono inevitabilmente in deboli alleanze trasversali, in altri tempi ritenute scandalose. Il dato generale che emerge è quello di un sistema dei partiti che si colloca su di un piano separato rispetto ai "cittadini" che dovrebbe rappresentare.

  • Il comunismo è un robot?

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 14 compagni, abbiamo discusso di automazione e disoccupazione tecnologica.

    Nell'articolo "La fine del lavoro", pubblicato sul blog di Beppe Grillo, vengono riproposti i temi sviluppati nell'omonimo saggio di J. Rifkin del 1995, con una particolare attenzione alle trasformazioni avviate dalla terza rivoluzione industriale. Se la prima ha visto l'introduzione di macchinari nell'agricoltura e la seconda l'automazione nell'industria, nell'ultima la grande protagonista è la tecnologia dell'informazione. Scrive Grillo: "Il fattore sconvolgente è sicuramente Internet, mai si era visto uno sviluppo così veloce e massivo. Tutto il sistema lavorativo è stato totalmente trasformato e non solo il lavoro, ma anche la nostra vita. Internet è il sistema pervasivo per eccellenza. Questa terza rivoluzione ha ridotto notevolmente la forza lavoro necessaria."

    In un altro testo, "Benvenuti nel Futuro al Qubit", il guru genovese descrive le lampanti contraddizioni del nostro tempo, sostenendo che il "benessere moderno è incontrollato e sta creando due enormi piaghe, disoccupazione e disuguaglianza. Questi due mali stanno distruggendo la nostra società nonostante la nostra economia continui a crescere. Siamo tutti più poveri in un mondo più ricco. Questo vuol dire che il benessere continua ad aumentare lì già dove è presente, e il resto della popolazione si inabissa in una povertà senza fine. Non è questo il mondo che vogliamo." Sembra quasi di sentir parlare un attivista di Occupy Wall Street.

Navigazione per Tag

accumulazione ambiente amore anonymous anticipazioni attivismo austerity autonomizzazione del Capitale autorganizzazione bolla finanziaria Bordiga borghesia Brasile capitale capitale finanziario capitalismo capitolazioni catastrofe centralismo organico centralizzazione cervello sociale cgil chiesa cibernetica ciclo coloniale Cina Cipro commons comunismo conoscenza controrivoluzione crisi debito decrescita democrazia determinismo disoccupazione dissipazione dissoluzione dono doppia rivoluzione economia politica Egitto Einstein energia evoluzione expo fascismo feedback finanza forza produttiva francia geostoria Germania Giappone governo governo tecnico gramsci grecia Grillo guerra guerre mondiali Hegel ideologia immediatismo imperialismo indignados informazione internazionale comunista invarianza isis israele Italia Latouche lavoro lavoro di partito lenin linguaggio logistica lotta di classe lotte immediate luogocomunismo macchine manifestazioni manoscritti '44 marasma sociale Marx materialismo medio oriente memi mezze classi militanti minerali miseria crescente moneta movimento operaio mutuo soccorso neotenia no tav occupy sandy ordinovismo OWS palestina partito partito formale partito storico peer to peer piano di produzione polarizzazione popolazione Popper precari preistoria previsione primavera araba produttività produzione sociale programma questione nazionale rabbia sociale rapporti di forza reddito rendita rete rifkin riformismo rinascimento riunioni rivolta rivoluzione rivoluzione borghese rivoluzione proletaria russia salario SCi scienza sciopero sessualità sincronia sindacato social network soviet Stato stato islamico teoria rivoluzionaria Tunisia Turchia uranio usa valore valorizzazione wikipedia

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 228, 29 aprile 2018

f6Socialismo, dove?
f6Le mezze classi inglesi e l'austerity
f6Il gorilla
f6Metamorfosi
f6Viva Bio
f6Integrando
f6Guardie e ladri
f6Terre amare

Leggi la newsletter 228
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email