Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  24 aprile 2018

La borghesia è una classe senza bussola

La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 12 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sul tema del reddito di base.

In seguito all'annuncio del governo finlandese di voler riformare il welfare state, vari quotidiani italiani hanno pubblicato alcuni articoli sulla sperimentazione in corso nel paese del reddito di base (incondizionato), annunciandone il fallimento. In verità, il test iniziato nel gennaio del 2017 su un campione di 2mila persone terminerà, come previsto, alla fine di quest'anno e solo nel 2019 si inizieranno ad elaborare i dati raccolti. I 2000 disoccupati continueranno quindi a percepire, per tutto il 2018, 560 euro al mese esentasse, senza l'obbligo di accettare un lavoro vincolante all'ottenimento del sussidio, o di rinunciarvi nel caso in cui trovassero una nuova occupazione. La vera notizia, semmai, è che il governo finlandese ha dichiarato di voler ridurre le misure di benefit per il restante dei senza riserve, che in cambio del sussidio di disoccupazione dovranno lavorare almeno 18 ore in tre mesi.

Nell'articolo de il manifesto "Finlandia, il test sul 'reddito di base' continua" Roberto Ciccarelli scrive:

"Il motivo di tanto allarme in Italia è dovuto, con ogni probabilità, al fatto che il 'reddito di cittadinanza' del Movimento 5 Stelle (in realtà un 'reddito minimo' vincolato a un sistema di 'politiche attive' particolarmente esigenti e obbligatorie) è uno dei punti in discussione in vista della difficile composizione di un governo."

In effetti, grande è l'attesa nella penisola per il reddito di cittadinanza promesso dai Cinque Stelle. Ma l'importante punto programmatico (è una stella) nel frattempo, fra una consultazione e l'altra per la formazione del nuovo esecutivo, si è annacquato fino a sparire. Nella bozza di accordo elaborata dai pentastellati per la forza politica disponibile a sedersi con loro ad un tavolo, il reddito di cittadinanza è stato sostituito da un generico potenziamento del Rei. Ed anche la Banca d'Italia, preoccupata per la tenuta dei conti pubblici, si è fatta sentire sul tema definendo questo tipo di reddito come "oneroso, distorsivo, disincentivante al lavoro", aggiungendo che "il costo effettivo del RdC potrebbe rivelarsi più elevato di quanto stimato sulla base di modelli che non tengono conto delle reazioni comportamentali degli individui al variare delle politiche pubbliche". La classe dominante è preoccupata per l'aumento del numero dei senza riserve e vorrebbe prendere delle misure di sostegno al reddito, senza intaccare allo stesso tempo i propri privilegi. Insomma, vuole tutto senza rinunciare a nulla.

Sempre sul tema, da segnalare la manifestazione dello scorso 19 aprile davanti ad una sede dell'Inps a Roma, durante la quale qualche decina di attivisti chiedeva "Reddito subito". Se un movimento del genere si generalizzasse, costringerebbe i sindacati ad attivarsi e a chiedere alla "politica" misure di contrasto alla povertà; ma finora i sostenitori del reddito di base sono stati ispirati da frange dell'intellighenzia piccolo borghese (Bin Italia), le quali, temendo la rivolta del proletariato, chiedono allo Stato una riforma dei sistemi di assistenza pubblica.

Un compagno ha accennato allo studio "The Impact of Industrial Robots on Eu Employment and Wages", prodotto da Bruegel e citato da Repubblica nell'articolo "Ecco quanti posti di lavoro rubano i robot". Il think tank europeo sostiene che in Cina, negli ultimi anni, vi è stata un'impennata dell'utilizzo di robot in ambito industriale, dovuta alla diminuzione del costo e all'aumento delle prestazioni delle macchine.

L'avanzata dei robot va di pari passo con l'incapacità della borghesia di controllare gli effetti futuri dello sviluppo delle forze produttive. I centri di ricerca producono modelli abbastanza precisi del divenire sociale, presentando numeri e tabelle sull'andamento della disoccupazione, sugli effetti dell'automazione, ecc., ma non riescono ad indicare un dopo. La mancanza di teoria deriva dal fatto che i borghesi si fermano a fare calcoli di tipo ragionieristico: da Keynes in poi simulano la realtà con delle modellizzazioni di tipo stocastico e interattivo, ma quello che non riescono a digerire sono le proiezioni (capitalistiche) sul futuro: impossibile accettare l'idea che il "loro" modo di produzione stia saltando e con esso i profitti che hanno accumulato. Non è un caso che nessun governo abbia badato ai consigli presenti nel Rapporto sui limiti dello sviluppo stilato dal Club di Roma nei lontani anni '70.

Lo scalpore per la robotizzazione della produzione sta ormai lasciando il posto a quello per il nuovo orizzonte di "sviluppo" capitalistico basato sui Big Data e sulla simulazione dell'intelligenza umana tramite reti neurali artificiali. I capitalisti lo avvertono e cominciano a produrre una grande quantità di saggi sull'argomento. Jeremy Rifkin, nell'articolo pubblicato da L'Espresso "Il reddito di cittadinanza non basta", afferma che "è necessario costruire e estendere una nuova infrastruttura intelligente di Terza Rivoluzione Industriale (Tri) ad alto tasso di integrazione digitale, che dovrà comprendere anche una rete Internet 5G, un'Internet dell'energia rinnovabile digitalizzata, un Internet della mobilità automatizzata basata su veicoli elettrici e a idrogeno, circolanti in tessuti urbani intelligenti collegati interattivamente nell'Internet delle cose (IdC)". L'infrastruttura auspicata da Rifkin rappresenta un ulteriore passo avanti nel processo di smaterializzazione delle merci, fenomeno che produce e produrrà, inevitabilmente, profondi cambiamenti sociali di natura catastrofica. Ma questo, il guru statunitense, si guarda bene dal dirlo.

Si è poi accennato alle manovre politiche in corso in Italia per la formazione del governo. Ufficialmente sembra chiusa l'ipotesi che vedrebbe un esecutivo formato da centro-destra e M5S. Ora si apre il confronto tra quest'ultimo e PD. Ancora una volta, la borghesia si conferma classe inconseguente: potrebbe risolvere la questione lasciando perdere le chiacchiere e puntando tutto su un governo tecnico non troppo intralciato da lungaggini parlamentari e disfunzioni varie, ma preferisce perdere tempo con i politicanti.

In chiusura di teleconferenza, si è parlato di alcune significative lotte in corso in Europa e negli Usa.

Nella capitale tedesca Jeff Bezos, presidente e amministratore di Amazon, ha ricevuto il premio "Axel Springer" dedicato a "personalità eccezionali che si sono distinte nell'innovazione, creando nuove strategie di mercato e mentalità" (effettivamente la piattaforma di e-commerce sta cambiando la vita di tutti, soprattutto quella dei medi e grandi negozi costretti a chiudere a causa della concorrenza: Amazon ha circa 300 milioni di clienti e 560 mila dipendenti sparsi in tutto il mondo). Per l'occasione il sindacato Ver.di, che rappresenta i lavoratori tedeschi del terziario, tra cui quelli di Amazon, ha mobilitato centinaia di iscritti, scioperando in vari hub (Lipsia, Werne, Rheinberg, Bad Hersfeld, Coblenza e Graben) del colosso commerciale ed organizzando un sit-in alla Springer-Haus di Berlino. L'iniziativa, sostenuta dalla confederazione UNI Global Union (che raggruppa oltre 20 milioni di lavoratori e più di 600 sindacati) e da delegazioni di lavoratori di Amazon provenienti da Polonia e Italia, ha ricevuto attestati di solidarietà da Spagna, Francia e Stati Uniti. La segretaria della Cgil ha dichiarato che "quello di Amazon è uno sciopero giusto. Le ragioni dei lavoratori tedeschi sono anche in Italia oggetto delle nostre rivendicazioni e della nostra attività sindacale". Amazon è talmente potente che ignora le minacce delle organizzazioni sindacali, e durante gli scioperi ha dimostrato che può smistare il traffico delle merci verso altri magazzini che non sono toccati dalle mobilitazioni. Di conseguenza i sindacati hanno capito che se vogliono avere voce in capitolo ed essere "riconosciuti" dalla controparte, devono muoversi in maniera coordinata. Le sigle sindacali FSC-CCOO (Spagna), Filt Cgil (Italia) e CGT Commerce (Francia) hanno formalizzato a marzo 2018 la richiesta di convocazione del gruppo di negoziazione per l'istituzione di un Comitato Aziendale Europeo di Amazon. Per adesso il coordinamento avviene a livello di burocrazie sindacali, ma presto potrebbero attivarsi dei collegamenti internazionali dal basso, come quelli stabiliti in Europa dai rider di Deliveroo.

Negli Usa intanto continuano gli scioperi degli insegnanti. Il movimento, partito in West Virginia, si è diffuso in Oklahoma, Arizona e Colorado, superando i confini degli stati e prendendo piede a livello generale con gli hashtag #redfored, #teacherstrikes e #solidarity.

Articoli correlati (da tag)

  • Interconnessione globale

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, ha preso spunto da tre temi apparentemente diversi tra loro: la situazione politica italiana con le dimissioni del premier Conte, le continue manifestazioni ad Hong Kong, la prospettiva, data per certa da molti economisti, di una recessione globale in arrivo.

    Dagli interventi al Senato dello scorso 20 agosto, sia del presidente del consiglio dimissionario, che del capo della Lega Salvini, di Renzi, nonché di tutti gli altri colleghi, non emergeva uno straccio di programma oltre alle reciproche accuse. Il personale politico e le relative proposte sono scadenti perché il sistema nel suo insieme ha sempre meno energia per andare avanti. Il presidente della CEI, il cardinale Bassetti, presente al Meeting di Rimini di Comunione e Liberazione e sollecitato dai giornalisti in sala a prendere la parola, ha affermato: "Ancora di crisi volete farmi parlare? Ma la crisi è di sistema, è di visione, prima che del governo".

    La sovrastruttura politica borghese, del tutto impotente rispetto ai cambiamenti epocali in corso, arranca cercando di restare al passo con i tempi. Sono all'ordine del giorno improvvisi rimescolamenti politici, vischiose alleanze fra partiti fino a pochi giorni fa "nemici", faide fra correnti interne agli stessi, autodistruzione di raggruppamenti e leaders, situazioni precarie passibili di rovesciamenti repentini.

  • L'impossibile "normalizzazione"

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata dalla segnalazione dell'articolo pubblicato sul Corriere della Sera "L'astro Spd pensa al socialismo reale 'Nazionalizzare le aziende dell'auto'".

    Secondo Kevin Kühnert, il capo dell'organizzazione dei giovani socialdemocratici tedeschi, gli Jusos, la nazionalizzazione dell'industria a partire dal settore auto, la collettivizzazione delle grandi aziende, la limitazione della proprietà immobiliare e la regolazione dei profitti rappresenterebbero "l'unica strada per il superamento del capitalismo". Storicamente proposte simili, in primis la socializzazione delle industrie, sono state avanzate sia da partiti socialdemocratici che da gruppi di estrema destra ed estrema sinistra. Peccato che tutte queste formazioni ignorino che lo Stato è più che presente nella vita economica; il fascismo ha perso militarmente, ma ha vinto politicamente ed economicamente estendendosi a tutto il mondo. Anche la Cgil è tra quelli che richiedono una maggiore presenza statale e per gli ex stabilimenti Fiat reclama l'intervento dello stato: se nei periodi di crisi Pantalone deve accollarsi le perdite e socializzarle, i profitti restano sempre privati.

    Abbiamo poi parlato delle manifestazioni del Primo Maggio che sono state molto partecipate in tutto il mondo.

  • Conoscenza, marasma sociale e rivoluzione

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 16 compagni, ha preso le mosse dalla lettera di Elio Franzini, filosofo nonché rettore dell'Università di Milano, a Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera, intitolata "Studi umanistici e scientifici. La scissione non ha senso".

    In realtà, a dispetto del titolo, l'autore afferma che la discussione iniziata negli anni '60 da Charles P. Snow sulla necessità di unificare il sapere scientifico con quello umanistico, è superata, dato che le due culture esistono e che "non si può pensare di ridurre la complessità dei saperi ad artificiosi momenti unitari". Per Franzini, la filosofia ha dunque la preminenza su tutte le altre discipline:

    "Nella misura in cui tratta di una questione puramente tecnica, la soluzione dipende dagli strumenti tecnologico-scientifici che si riescono ad approntare. Ma, nel momento in cui il campo si allarga – ed è il caso della nostra contemporaneità – il ritmo del progresso tecnico impone alla coscienza umana l'obbligo di adattare le regole alle circostanze, precisando con le sue scelte i criteri che gli consentono di agire. Ed è qui che il pensiero filosofico innesta ancor oggi la sua forza di propulsione."

    Ciò che conta è quindi la profondità del pensiero filosofico, le altre discipline servono al massimo ad ampliarne l'orizzonte speculativo. Lo scritto di Franzini fa venire in mente lo scambio epistolare avvenuto qualche anno fa sulle pagine di Repubblica tra Eugenio Scalfari e Alessandro Baricco; il tema della discussione era l'avvento dei nuovi barbari, e mentre il primo difendeva l'importanza degli intellettuali e della cultura classica rivendicando il primato della filosofia rispetto all'emergere dell'intelligenza diffusa e distribuita, il secondo valutava abbastanza positivamente la superficialità barbarica.

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 234, 6 luglio 2019

f6Grufolare nell'attico
f6Occupazione simbolica. Per adesso
f6Libra, cos'è?
f6Extinction Rebellion
f6Reddito di cittadinanza alla prova
f6Spionaggio?

Leggi la newsletter 234
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email