Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  4 dicembre 2018

Marasma sociale e autorganizzazione

La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata prendendo spunto dall'articolo "Le rivolte anti elité nate dalla rabbia più che dai conti", pubblicato sul Corriere della Sera (4.12.18) a firma di Pierluigi Battista. Secondo il giornalista in vari paesi, tra i quali Francia, Usa, Italia, Germania e Inghilterra, il ceto medio sta facendo i conti con il peggioramento dei livelli di vita:

"Sono i condannati all'esclusione culturale, alla marginalità, all'irrilevanza sociale che si sentono più poveri anche se possono mantenere un Suv. Ed è la paura dell'impoverimento più dell'impoverimento in quanto tale che agita e scuote un ceto medio declassato, assediato dai nuovi dannati della terra che marciano rumorosi a distruggere un'identità sempre più incapace di difendersi: il ceto medio, non solo i diseredati orfani delle protezioni fornite da un robusto Welfare State in declino."

Sulla stessa linea Stefano Folli che sulle pagine di Repubblica, nell'articolo "Roma, Parigi e l'Europa delle debolezze", osserva che "se l'incendio francese continuasse a divampare, Macron avrebbe bisogno della solidarietà europea per placare il malessere dei ceti impoveriti. In quel caso non sarebbe possibile negare all'Italia ciò che viene concesso alla Francia." Il fenomeno francese dei gilet jaune è dunque un prodotto e al tempo stesso un fattore di instabilità politica e sociale. A seguito delle rivolte, il capo dell'Eliseo ha fatto un passo indietro sulla tassa del carburante, anche perché, secondo Le Monde, si rischiava di arrivare ad una situazione pre-insurrezionale. Ma la sua mossa potrebbe convincere le piazze a non fermarsi e ad alzare la posta in gioco, mettendo sul tavolo una nuova serie di richieste.

L'anonimato è una caratteristica peculiare dei movimenti che sono nati sull'onda della Primavera araba, e per adesso sembra che il "movimento" francese riesca a mantenersi leaderless (senza leader). La classe dominante teme di trovarsi di fronte un movimento anonimo che si auto-organizza in Rete e non risponde a nessuna forza politica parlamentare. Anche le forze di polizia francesi esprimono un certo disagio dovuto alla velocità e all'effetto sorpresa costituito dai flash mob e dai blocchi non autorizzati.

Sembra che una parte dei gilet gialli voglia trattare con il governo; l'altra invece, quella più radicale, non accetta di sedersi al tavolo con le istituzioni e vuole le dimissioni del governo. Se prendesse il sopravvento l'ala oltranzista, che per sabato 8 dicembre ha lanciato una nuova mobilitazione a Parigi, potrebbe succedere qualcosa di interessante, soprattutto se, come affermano alcuni giornali, entrassero in scena i banlieusard.

Per ora i gilet jaune rappresentano un miscuglio di classi che chiedono dei cambiamenti alla Stato. Come dice Marx ad Annenkov (1846), "la piccola borghesia sarà una parte integrante di tutte le rivoluzioni sociali che si stanno preparando". Dal punto di vista della miccia sociale, questa non-classe è quella che soffre di più nei momenti di crisi, essendo schiacciata dalle due grandi classi della società capitalistica. In una situazione rivoluzionaria essa potrebbe essere l'ago della bilancia. Economisti come Paul Krugman dimostrano, dati alla mano, che in grandi paesi come gli Stati Uniti, la middle class (che comprende anche i lavoratori con alto salario) sta praticamente scomparendo. Se la lotta in Francia si radicalizzerà, rifiutando un interlocutore istituzionale, allora potrebbe diventare contagiosa coinvolgendo altre componenti sociali, e portare a scioperi ad oltranza, magari iniziando proprio dai camionisti, quelli che possono bloccare con estrema facilità gli snodi stradali.

La Francia ha una bassa resilienza (la capacità di un metallo, oppure di un sistema, di resistere al cambiamento): il governo centrale è funzionante, lo Stato è presente, ma risponde lentamente ai repentini cambiamenti sociali. L'Italia, sebbene malmessa a livello istituzionale, è invece in grado di attutire i colpi, non a caso è nato qui il trasformismo opportunistico.

Bisogna inoltre notare che in Occidente la popolazione attiva si dedica per il 50-60 per cento ai servizi, mentre altrove la stessa quota di popolazione è impiegata nell'industria. La situazione occidentale è irreversibile, non si tornerà più al 60% del PIL dovuto alla produzione industriale, né tantomeno la Cina avrà il tempo di riconvertire la sua economia al terziario. Miliardi di persone che non producono più valore sono così destinate a finire nella sovrappopolazione assoluta e dovranno necessariamente ribellarsi. Come abbiamo scritto nel volantino "Mille città" - quello sull'ondata internazionale di manifestazioni del 15 ottobre 2011 -, "sullo sfondo di una società che non funziona più, vengono a mancare le salvifiche, proverbiali, corruttrici briciole del banchetto."

I movimenti del nostro tempo, più che ad un partito o ad un sindacato, assomigliano nel loro modo di funzionare ad un organismo cibernetico: un qualcosa che riceve dati dall'ambiente e, a seconda di come è regolato, aziona dei dispositivi che producono una variazione dell'ambiente stesso. La rappresentazione più semplice di questo comportamento è una sequenza del tipo: se succede la tal cosa, allora agisci in tal modo, altrimenti in tal altro. Reagisce così un corpo vivente, una macchina progettata allo scopo, una società intera o una sua parte. Almeno dal 2011 il movimento globale di rivolta sta assumendo caratteri "autopoietici", ovvero di auto-organizzazione. Ormai non è più possibile organizzare delle lotte riproponendo delle strutture rigide e verticali: con la Rete gli atomi sociali si coordinano in maniera automatica e non hanno bisogno di capi e di strutture burocratiche. Non c'è nessun comitato centrale che decide il da farsi, il movimento si organizza da sé e si auto-aggiusta strada facendo.

Nel n. 44 della rivista - appena portato in tipografia -, abbiamo scritto, prendendo spunto da alcuni articoli dell'Economist, che "c'è un risvolto politico che dovrebbe preoccupare i capitalisti e i loro rappresentanti dello stato, ed è la distanza che separa sempre di più la popolazione dal potere centrale. Se si toglie tutto a una popolazione, dal lavoro alla possibilità di riprodursi in un ambiente artificiale connaturato al sistema dei consumi, può scattare l'indifferenza. Già di per sé negativa per un sistema che ha bisogno di essere amato, celebrato e ubbidito, essa potrebbe essere il primo gradino verso la ribellione."

I giornalisti e gli economisti meno ottusi si rendono conto che negli anni si è approfondito il solco tra cittadini e istituzioni, lo dimostrano la crescita dell'astensionismo e lo svuotamento di sindacati e partiti. In Italia, il Movimento 5 Stelle, che per qualche anno è riuscito a depotenziare la collera sociale, ha fatto il suo tempo, integrato com'è nel Sistema. E' molto probabile che sull'onda dell'esaurimento della spinta grillina emergano fenomeni radicali di tipo nuovo e dev'essere chiaro che qualsiasi movimento "contro" ha solo due possibilità per continuare a manifestarsi: o maturare verso forme radicali dandosi obiettivi e organizzazione, o integrarsi nella pratica politica corrente.

Abbiamo concluso la teleconferenza notando l'incremento degli scioperi tra i professionisti inglesi (docenti universitari, dottori e avvocati). L'Inghilterra è in piena crisi (vedi Brexit) e il gallo francese dà la sveglia a tutti. Se la situazione dovesse peggiorare ulteriormente, potrebbe entrare in scena l'Italia, il paese capitalisticamente più vecchio, sede storica di esperimenti sociali che altri prendono a modello, come fu con il fascismo negli anni '20.

Articoli correlati (da tag)

  • Conservare la linea del futuro

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata commentando le manifestazioni in corso ad Hong Kong.

    Sono più di un milione, secondo gli organizzatori, le persone scese in strada nell'ex colonia britannica per contestare il progetto di legge che prevede l'estradizione in Cina dei cittadini sospettati di un crimine con pena superiore ai sette anni di detenzione. Il timore che l'indipendenza giudiziaria venga meno a causa dell'ingerenza cinese sarebbe stata la scintilla che ha fatto scattare la rivolta, ma al di là dei problemi specifici quando scende in strada un numero così ampio di persone vuol dire che c'è qualcosa che va oltre l'immediato. Hong Kong non è nuova a queste vampate di collera sociale: nel 2014 il movimento Umbrella Revolution aveva riempito le piazze per giorni e giorni.

    Nella regione amministrativa speciale vivono circa 7,5 milioni di persone con una densità di 6500 abitanti per kmq; questo significa che uno su sette ha partecipato alle proteste. Insieme alla vicina Shenzhen, che conta 12,5 milioni di abitanti, o ad altre città cinesi, che raggiungono i 30, la città-stato di Hong Kong fa parte della schiera delle metropoli monster: immensi insediamenti umani sempre più difficili da controllare.

  • Processi evolutivi autopoietici

    Durante la teleconferenza di martedì scorso, a cui hanno partecipato 15 compagni, abbiamo fatto alcune considerazioni riguardo i vari movimenti sociali che sempre più frequentemente riempiono le strade e le piazze del pianeta.

    Non di rado ci è capitato, in seguito ad una nostra riunione o conferenza, che qualcuno dei convenuti si avvicinasse e ci dicesse che finalmente aveva trovato le parole per esprimere ciò che aveva in testa. Questo semplice e gradito commento rivela un aspetto importante della situazione in cui si trovano prime fra tutte le nuove generazioni e in generale chi si pone controcorrente: il vecchio linguaggio, quello legato al riformismo, allo stalinismo o anche alla Terza Internazionale, è assente o, se presente, non riesce più a funzionare da attrattore, risultando inadatto, e viene quindi ignorato. Allo stesso tempo i movimenti che in questi ultimi tempi hanno fatto parlare di sé, come quello francese dei gilets jaunes, ancora non sono riusciti a formularne uno nuovo. Quando un nuovo linguaggio prende piede, non importa se in ambienti di dimensioni contenute o in ampi strati della popolazione, è sempre segno di cambiamento perché significa che nuove forme risultano maggiormente valide rispetto a quelle tradizionali.

    Abbiamo quindi letto alcuni passi dell'articolo "Poscritto al Grande Ponte", tratto dall'ultimo numero della rivista:

  • Incrementi di sviluppo a saggio decrescente

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata con la segnalazione di alcuni articoli di stampa sulla situazione economica tedesca.

    Abbiamo cominciato commentando l'articolo "Germania, i colossi industriali taglieranno 100mila posti di lavoro" del Sole 24 Ore, per poi passare a quello dell'Huffington Post intitolato "Gli ordini industriali tedeschi crollano ancora con il maggior ribasso da due anni. Più che dimezzate le stime del Pil della Germania". In effetti, a febbraio gli ordini industriali tedeschi hanno segnato una flessione del 4,2% e su base annua dell'8,4%, la più pesante in dieci anni; ciò ha portato i maggiori istituti economici a ridimensionare anche le previsioni di crescita dall'1,9 allo 0,8% per l'anno in corso. La Germania ha una struttura produttiva orientata all'esportazione e, evidentemente, risente della contrazione del commercio mondiale, proprio come l'Italia, tanto che il ministro dell'economia Giovanni Tria, intervistato da Repubblica, ha affermato che la situazione tedesca è sempre più simile a quella nostrana:

    "I Paesi più colpiti in Europa, sono le due principali potenze manifatturiere, ossia Germania e Italia. La Germania parte da livelli di crescita del Pil più alti dei nostri e quindi anche il rallentamento non la porta a livelli di crescita vicini allo zero; ma la differenza tra il nostro Paese e loro si mantiene costante, mentre anche secondo stime di organismi internazionali già nel 2020 il gap di crescita tra l'Italia da una parte e la Germania e l'Eurozona dall'altra, si ridurrà."

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 233, 24 aprile 2019

f6Cittadinanza del reddito
f6Nostra Signora delle Fiamme
f6Dieta proteica
f6Il paradosso della rendita
f6Il connettivista
f6Mille chilometri di metrò
f6Ventitreesima settimana
f6Gli apprendisti padreterni

Leggi la newsletter 233
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email