Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  18 dicembre 2018

Geostoria e Memetica

La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 13 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sul marasma sociale in corso in Europa. Dopo la Francia, ad entrare in subbuglio è ora l'Ungheria dove da giorni si susseguono manifestazioni di piazza. Le proteste sono state la reazione ad una proposta di legge che eleverebbe il limite degli straordinari annui fino a 400 ore. Secondo il governo di Viktor Orban il provvedimento serve a rendere il paese più competitivo; per tutta risposta i sindacati hanno chiesto al capo dello Stato Janos Ader di non siglare la nuova norma e hanno promesso, nel caso in cui la legge entrasse in vigore, di dare battaglia: "Faremo scioperi in tutto il Paese, combinati con blocchi stradali", ha minacciato il presidente della confederazione 'Mszsz' Laszlo Kordas. Quello ungherese non è un caso isolato: dal 2008 ad oggi ci siamo abituati a vedere piazze piene di manifestanti che chiedono il cambiamento.

Come diciamo nell'articolo "Necessarie dissoluzioni" (n+1 n. 36), le grandi "questioni" che rappresentavano degli ostacoli all'avvento della rivoluzione comunista sono state via via risolte dallo stesso capitalismo. Basti pensare al problema nazionale, o a quello coloniale che ha dato filo da torcere a generazioni di militanti; oppure alla doppia rivoluzione in Russia che, portata avanti dai bolscevichi, doveva farsi carico della industrializzazione del paese facendo propri compiti borghesi. Già negli anni '50 del secolo scorso la nostra corrente affermava che non è rimasto più nulla da costruire all'interno del capitalismo, ma solo da distruggere.

Abbiamo poi ripreso i temi trattati nella relazione "Fiorite primavere delle rivoluzioni" (svolta durante l'ultima riunione redazionale), ovvero l'accumulo di tensioni economiche e sociali che hanno il loro sbocco nel cambiamento del modo di produzione.

Quando Marx scrive Per la critica della filosofia del diritto di Hegel, la Germania era ancora divisa in circa 40 staterelli. Nel 1848 mentre in tutta Europa avvengono moti rivoluzionari borghesi, la Germania non riesce ad esprimere una forza in grado di compiere la sua rivoluzione, "la immaturità dello sviluppo del moderno modo di produzione fece fallire perfino la prima rivoluzione, quella borghese. E ciò malgrado che nei paesi vicini avesse vinto nelle forme sociali e politiche, e da Napoleone in poi le sue bandiere avessero più volte rotta le 'cortina di acqua' del Reno. Lo svolgimento nelle forme del potere fu poi lento, deforme e secondo Marx ed Engels sempre bastardo. Vi giunse ma non vi nacque il gran capitalismo industriale; non scaturì, ma filtrò." ("Fiorite primavere del Capitale")

Nel 1871 con la guerra franco-prussiana avviene l'unificazione compiuta dall'alto. Nell'arco di circa 40 anni (1871-1914) si verifica uno sviluppo capitalistico vorticoso: nel giro di poco tempo Berlino esprime una potente socialdemocrazia che si distingue nel periodo che va dal 1918 al 1923 come principale elemento controrivoluzionario. Il capitalismo tedesco è giovane rispetto a quello inglese che da decenni vive grazie alla finanza internazionale. Difatti la nostra corrente ha posto l'accento sul collasso dei paesi ceppo del capitalismo come una delle condizioni necessarie per l'avanzamento rivoluzionario.

Risulta difficile studiare un fatto storico senza fare riferimento allo spazio in cui si è verificato, senza introdurre il concetto di "geostoria". Dal punto di vista della rivoluzione, l'Ungheria ha una geostoria molto meno importante di quella della Germania che, essendo posizionata nel centro dell'Europa, è come l'ago della bilancia. Essa è una potenza industriale ma è un nano politico e finanziario, soffre di una contraddizione enorme che è quella di trarre beneficio da una situazione arretrata (ricavare plusvalore assoluto invece che relativo occupando gli operai di più e facendoli lavorare più a lungo e più intensamente), non riuscendo inoltre ad assumere una propria fisionomia imperialistica.

L'ultimo numero di Limes ("Non tutte le Cine sono di Xi") è dedicato al mondo cinese e alle sue sfide e priorità geopolitiche. La Cina disegna le sue carte geografiche mettendosi al centro, ma così fanno pure l'Europa e gli Usa, e queste diverse percezioni portano a vedere le linee di traffico e spostamento di merci e capitali in maniera completamente diversa; ma non è descrivibile un mondo dove un paese possa agire in maniera indipendente dagli altri.

I paesi più importanti non possono sfuggire a certe determinazioni: l'aggressività del capitalismo americano non è colonialismo ma lotta per la sopravvivenza e porta gli Usa a percepirsi ancora come la potenza dominante. Al contrario, Pechino si è sempre considerata isolata, e proietta la sua potenza in Africa interponendo le sue linee di comunicazione. Gli Stati Uniti non sembrano in grado di poter governare quello che sta succedendo a livello globale, e un loro parziale isolamento potrebbe essere un disastro per il resto del mondo, che è così concatenato e complesso che piccoli eventi locali possono produrre grandi effetti altrove. Pensiamo al rapporto simbiotico tra Usa e Cina, con la prima che acquista le merci dalla seconda e la seconda che sostiene il debito della prima. Insomma, se affonda il gigante asiatico affonda pure quello americano, e viceversa.

A proposito di complessità, il matematico Steven Strogatz nel saggio Sincronia. I ritmi della natura, i nostri ritmi descrive una natura costellata da fenomeni sincronizzati, per cui ad un certo punto si formano del tutto spontaneamente strutture organizzate. Tutta la vasta saggistica che va dalla memetica, alla fisica della storia fino all'auto-organizzazione, bada più alle strutture che ai singoli elementi che le compongono.

Quando la situazione sociale sarà matura per l'esplosione rivoluzionaria, anche la velocità di diffusione dei "nostri" memi (unità di trasmissione culturale all'interno del cervello sociale della specie) subirà un'accelerazione:

"Proprio come i geni si propagano nel pool genico saltando di corpo in corpo tramite gli spermatozoi o cellule uovo, così i memi si propagano nel pool memico saltando di cervello in cervello tramite un processo che, in senso lato, si può chiamare imitazione. Se uno scienziato sente o legge una buona idea, la passa ai suoi colleghi e studenti e la menziona nei suoi articoli e nelle sue conferenze. Se l'idea fa presa, si può dire che si propaga diffondendosi di cervello in cervello" (Il gene egoista).

Il meme, nozione elaborata dal biologo Richard Dawkins che scelse tale termine per assonanza con "gene", ha bisogno di un veicolo per diffondersi, e questo è il linguaggio, il quale deve avere un concetto da esprimere ed evolve proprio mentre si diffonde, rendendo il meme qualcosa di variabile e difficile da padroneggiare. Difatti il più delle volte i memi si autonomizzano cominciando a vivere di vita propria.

La società del Capitale è al tramonto perché ha dato luogo a ogni sua potenzialità (sistema del credito, capitale azionario, impersonalità del capitale, eliminazione della funzione del capitalista come persona), deve quindi cedere il passo a nuovi rapporti sociali in linea con lo sviluppo delle forze produttive. Jeremy Rifkin usa il termine "eclisse" per descrivere la dinamica in corso oggi, per cui l'attuale modo di produzione viene sempre più spinto ai margini della società dall'ascesa del "commons" collaborativo, e dell'Internet of things che collega tutto e tutti - auto, fabbriche, case, uomini - coadiuvato da miliardi di sensori che producono Big data. Questo collegamento così stretto tra uomini e tra essi e le cose porterà alla negazione del concetto di proprietà privata. Come dice Marx nel Terzo Libro del Capitale (capitolo XXVII), a proposito dello sviluppo del sistema del credito, siamo alla "soppressione del capitale come proprietà privata entro i confini del modo stesso di produzione capitalistico".

Articoli correlati (da tag)

  • Riduzione dell'orario di lavoro

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, è iniziata commentando le news in arrivo dal Venezuela, dove in seguito agli assalti a supermercati e negozi da parte della popolazione, ormai ridotta alla fame, il governo Maduro ha costretto gli esercenti ad abbassare i costi dei beni di prima necessità. Nel paese i prezzi delle merci sono arrivati alle stelle a causa di un'inflazione a livelli da record, mentre il Bolivar, la moneta locale, non viene più accettata nelle transazioni.

    La situazione economica in cui versa il paese è molto simile a quella di altre aree del mondo dove storicamente vengono attuate misure per calmierare i beni di prima necessità. Quando le condizioni economiche peggiorano e tali misure non possono più essere mantenute, quando i governi non riescono più a sfamare le popolazioni, scattano le rivolte, i saccheggi e le manifestazioni.

  • In difesa del programma della rivoluzione

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 18 compagni, è iniziata con alcune considerazioni su quanto accaduto a Las Vegas, negli Stati Uniti, e sul dibattito che infuria nel paese in merito alla libera vendita di armi.

    In un articolo di Focus vengono riportate precise statistiche sul numero dei morti dovuti a colpi di arma da fuoco:

    "Negli Usa circolerebbero 357 milioni di armi da fuoco contro una popolazione di soli 318,9 milioni di persone. Secondo il report, il 20% dei possessori possiede il 65% delle armi. Gli USA ospitano il 4,4% della popolazione terrestre, ma il 42% dei civili armati del mondo."

  • Stiamo raggiungendo l'effetto soglia

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 10 compagni, è iniziata con le notizie provenienti da Berlino. L'attentato al mercatino natalizio di Breitscheidplatz rientra nella strategia, ormai collaudata, dello Stato Islamico per cui se perde terreno in Medioriente, lo riprende facendosi sentire in Occidente. Sempre in questi giorni a Zurigo si sono registrati momenti di tensione a causa di una sparatoria in una moschea in cui sono rimasti feriti alcuni fedeli in preghiera; si tratta di uno dei vari episodi minori che, seppur non direttamente collegati, sono parte della guerra in corso su scala globale.

    In seguito all'attacco al mercatino berlinese, le forze dell'ordine hanno perquisito un hangar adibito a centro di accoglienza per immigrati alla ricerca di indizi o persone coinvolte nell'attentato. Negli ultimi mesi Angela Merkel si è mostrata più dura rispetto alle politiche sull'immigrazione, anche perché i numeri si sono fatti significativi: solo nel 2016 nel Paese sono arrivati 2 milioni di stranieri. Qualche tempo fa fecero notizia le immagini della popolazione tedesca che accoglieva i profughi in fuga dalla Siria con cartelli con su scritto "Welcome refugees"; ora qualcosa potrebbe cambiare. Di sicuro ci sarà chi capitalizzerà politicamente l'insicurezza e i sentimenti di paura e rabbia generati dall'attentato di Berlino. Ne abbiamo già avuto qualche assaggio in Italia con le barricate di Goro (Ferrara).

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 232, 12 febbraio 2019

f6Per qualche dollaro in meno
f6La lunga notte della sonda cinese
f6Le nuove armi di Pechino
f6Shutdown
f6Venezuela
f6La valle della morte
f6Italia
f6Gilet gialli

Leggi la newsletter 232
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email