Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  10 luglio 2018

Uno spettro continua ad aggirarsi per la Rete

Durante la scorsa teleconferenza, a cui si sono connessi 11 compagni, abbiamo ripreso alcune corrispondenze girate nella nostra piccola rete di lavoro. La prima riguarda l'importanza di Occupy Wall Street, soprattutto nella prospettiva del riemergere di un nuovo movimento antiforma; la seconda si sviluppa da alcune considerazioni intorno ai processi di delocalizzazione e rilocalizzazione delle produzioni come strategia economica degli stati nell'ottica del cosiddetto sovranismo.

Per comprendere l'apporto del movimento americano Occupy Wall Street (OWS) è necessario ripartire da Marx, quando in Per la critica della filosofia del diritto di Hegel, e poi anche nel Manifesto, afferma che nel capitalismo il proletariato non ha rivendicazioni particolari da portare avanti. Premesso che gli episodi di lotta di classe che costellano la storia della classe proletaria sono importantissimi, e che la mancanza della battaglia quotidiana contro il capitalismo significherebbe l'abdicazione del proletariato al proprio compito storico, sappiamo che le conquiste ottenute in questi frangenti sono effimere perchè, la storia ci insegna, il capitalismo può riprendersele in qualsiasi momento. Storicamente il proletariato non subisce ingiustizie particolari, ma l'ingiustizia tout court e perciò non ha nulla da rivendicare in questa società se non la sua abolizione.

E' stato proprio questo uno degli aspetti più importanti che hanno contrassegnato OWS, e cioè il fatto di voltare le spalle al capitalismo, senza rivendicare nulla, ma scendendo nelle strade a fianco dei lavoratori delle grandi città, bloccando i porti, e sostenendo la stragrande maggioranza della popolazione, il 99%, in lotta contro l'1% che si piglia tutto. Dopo questa esperienza, la lotta di classe non può che ripartire dal livello raggiunto dal movimento americano. Piagnucolare per il peggioramento delle condizioni di vita della classe operaia non serve a nulla ed è una cattiva abitudine, ereditata dallo stalinismo, che ultimamente è arrivata a forme particolari di autolesionismo per attirare l'attenzione dei media.

In tempi in cui l'attitudine del proletariato all'attacco è venuta meno, OWS è stato come un risveglio, e il fatto stesso che fosse inconsapevole delle proprie caratteristiche è indicativo della connotazione di classe del movimento. Gli aderenti a tanti Occupy sparsi per tutta la nazione pensavano di costituire la continuazione della Primavera araba e degli Indignados spagnoli, ma in realtà stavano andando ben oltre quelle esperienze, rappresentando qualcosa di diverso. L'Egitto si è ribellato per abbattere un dittatore, mentre in Spagna attivisti e pacifisti scendevano in piazza per rivendicare i "propri" diritti, manifestando contro la violenza mentre la polizia menava botte da orbi (e anche il successivo "movimento" francese, #NuitDebout, si è caratterizzato per il rivendicazionismo). Negli Stati Uniti non è successo nulla di tutto questo e sbaglia profondamente chi sostiene che Occupy Wall Street ha rappresentato l'elogio della democrazia. OWS non è stato un movimento ideologico, ma pratico, organizzato a rete, e la Rete non è democratica. Ha saputo esprimere una forza gigantesca dopo l'uragano Sandy a New York, mettendo in piedi un vero e proprio sistema alternativo a questa società, appoggiandosi sulla struttura di comunità cui aveva dato vita durante le occupazioni nelle piazze. Lo ripetiamo: qualunque ripresa di lotta di classe che non saprà ripartire dal livello espresso dal movimento americano nel 2011-12, sarà candidato alla sconfitta.

Un altro aspetto importantissimo espresso da OWS è la struttura leaderless (Tesi di Milano, 1966). Invano giornalisti, politici, rappresentanti delle istituzioni, ecc., hanno cercato il "capo" o per lo meno delle figure di spicco con cui dialogare. La partecipazione non è da confondere con la democrazia; essa sparisce con la democrazia. Ciò che ha messo in pratica OWS è stato invece un meccanismo di doppia direzione tra gli hub della sua rete. La Rivoluzione si rialzerà tremenda, ma anonima, diceva la nostra corrente nel 1953, e la rivoluzione del futuro non avrà le caratteristiche del passato ma della società futura, che non avrà bisogno di superuomini e di battilocchi.

Anche il modo in cui il movimento si è concluso è significativo: dopo aver raggiunto alcuni obiettivi, come lo sciopero cittadino di Oakland, lo sciopero della West Coast, il 1° maggio del 2012, ecc., OWS non è declinato scivolando su un terreno democratico-parlamentare, ma si è dissolto. Piano piano i siti si sono spenti e le occupazioni nelle piazze si sono sciolte, lasciando dietro a sé le tracce di ciò che era stato. Tutti i movimenti non di classe degli ultimi anni sono stati recuperati, l'unico che si è dissolto senza lasciare nulla che il capitalismo potesse riprendersi è stato proprio OWS. Perchè? Se un movimento non ha nulla a vedere con il mondo che combatte, quest'ultimo non ne potrà recuperare proprio nulla.

Il fatto che sia stato impossibile canalizzare la forza espressa da OWS nelle fila borghesi dimostra che esso si è posto come antiforma senza concedere nulla al capitalismo. Infatti, il modulo Occupy ha continuato a diffondersi e a riprodursi nel mondo, in ultimo con la recente lotta contro l'ICE che ha visto rispuntare le tende e gli accampamenti. Uno spettro continua dunque ad aggirarsi per la Rete!

Rimane un grande limite che Occupy Wall Street non ha saputo superare, e cioè la capacità di andare oltre la religione del lavoro, caratteristica che invece il movimento francese dei banlieusard del 2005 ha mostrato pienamente. La fusione tra movimenti di questo tipo deve ancora avere luogo, ma accadrà perché oggi il proletario non è tanto l'operaio con la tuta ma il moderno senza-riserve.

La sequenza storica che si è realizzata fino ad ora è quella che va dallo sciopero dei lavoratori dell'UPS del 1997, passa per la rivolta delle banlieue del 2005, e arriva ad Occupy Wall Street. Data questa successione, possiamo individuare una dinamica che ci permette di prevedere quali saranno le caratteristiche del prossimo movimento antiforma?

Dalle ultime scintille del movimento Occupy il capitalismo ha continuato spedito la sua folle corsa, e processi come la socializzazione del lavoro e la dissoluzione di alcune sue strutture sono avanzati ulteriormente. Quegli stessi elementi che hanno spinto i lavoratori dell'UPS ad uno sciopero di 16 giorni, oggi sono maggiormente diffusi, mentre il numero dei senza-riserve è cresciuto. Prendiamo la cosiddetta gig-economy: un algoritmo al posto del padrone, nessun orario fisso di lavoro, nessuna garanzia. Perciò possiamo affermare che il nuovo movimento antiforma avrà tutte le caratteristiche espresse dai movimenti analoghi che l'hanno preceduto, ma in forma sempre più marcata.

La capacità di saper leggere gli avvenimenti nel momento in cui si manifestano, senza perdere la bussola della rivoluzione, e nonostante la contingenza e l'alternarsi delle umane emozioni, risiede nell'aver introiettato gli insegnamenti di chi è venuto prima di noi e ci ha lasciato testi formidabili grazie ai quali è possibile non perdere l'orientamento. Riconoscere la possibilità del rovesciamento della prassi è fondamentale, ed è uno dei portati teorici della Sinistra Comunista "italiana". In una bellissima lettera a Gilodi del 1950, Bordiga spiega il senso della militanza comunista:

"La rivoluzione non dà brevetti a nessuno e camminerà lo stesso, si troverà e lancerà nel fuoco i suoi strumenti, militi o se vuoi caporali, appena passerà ai proletari la mania dei padreterni. Dico sempre scherzando che essendo già sicuro di questo non mi considero come uno che ha pagato il biglietto e pretende di assistere al match, ovvero lo considera cosa di nessun conto se non fa parte proprio lui di una delle squadre sul terreno. Marx scoprì l'antagonismo di classe o meglio i suoi sbocchi storici, non ci ordinò l'agonismo o il tifo, cose alquanto di bassa lega. Militiamo dunque, se questo in primo luogo significa far tacere i pruriti individuali e le bizze di ognuno. Marionette per la grande scena politica ce ne sono tante a disposizione, cui negherei la stessa gavetta!"

La teleriunione si è conclusa con alcune osservazioni riguardo i processi di delocalizzazione e rilocalizzazione, fenomeni già discussi ai tempi di Marx ma che oggi, evidentemente, si presentano in un contesto del tutto diverso. All'epoca poteva essere conveniente produrre in loco merci che altrimenti avrebbero dovuto essere trasportate con treni a vapore, navi a vela o addirittura carovaniere. Oggi la potentissima logistica rappresentata da una rete di trasporti capillare e la stessa natura "leggera" delle merci moderne possono suggerire il ritorno a produzioni centralizzate, ovunque siano. In ogni caso non dobbiamo lasciarci influenzare dal lessico contingentista della borghesia: il cosiddetto sovranismo è la risposta psicologica a fatti materiali. Vinceranno i fatti materiali, non sarà Trump a invertire i flussi internazionali delle merci.

La produttività è talmente alta che la componente forza lavoro in una merce moderna è quasi insignificante. Anche se la borghesia ha ormai ben poco cui aggrapparsi per salvaguardare il profitto, le multinazionali hanno troppi vantaggi ad essere tali per poter tornare a fasi storiche precedenti. Sono vantaggi che ognuna crede di dominare, ma che in realtà agiscono come forza autonoma.

La General Electric, uno degli storici colossi della prima globalizzazione, è stata cancellata dall'indice Dow Jones di Wall Street, superata dalla capitalizzazione in borsa delle solite aziende legate alla tecnologia informatica. È un esempio significativo, perché dimostra che anche i colossi subiscono passivamente la realtà del mercato e sottostanno alla legge del dominio del capitale sullo stato (e anche sui meccanismi ordinari della concorrenza ecc.). Nell'epoca del dominio del capitale sullo stato i paesi "sovrani" obbediscono al capitale (Tesi del Dopoguerra sul ciclo storico del dominio della borghesia). Ogni velleità di autonomia delle multinazionali come degli stati è morta.

Se gli USA, per reazione alla diminuzione della loro potenza relativa nel mondo, tentassero di invertire volontaristicamente tendenze in atto nei mercati, verrebbero semplicemente travolti. Ritorneranno in USA (o altrove) le fabbriche o i capitali? Sembra che Trump intenda premiare entrambe le soluzioni, ma è più logico, dal punto di vista del capitale, tenersi libero da vincoli, depositarsi in luoghi protetti da dove fare scorrerie. La "deregulation" di Reagan fece aumentare e non diminuire la spesa pubblica e oggettivamente preparò il disastro del 1987. L'intervento volontaristico per stimolare i mercati ebbe l'effetto contrario rispetto a quello voluto: i capitali "liberati" produssero la shock economy (Naomi Klein ne descrive bene gli effetti ma insiste nel credere che essa sia voluta).

Rimane il discorso, fatto più volte, sulla dissoluzione del potere statale, la perdita di controllo, ecc. Non bisogna confondere la crescita della debolezza intrinseca degli stati con una diminuzione della funzione statale nella società. Vale sempre il discorso sulla "inflazione dello stato" (1949): quest'ultimo storicamente s'ingrossa. Infatti, se la potenza di uno stato diminuisce, per ottenere uno stesso effetto la sua dimensione deve aumentare (senza contare che il rendimento diminuisce con l'aumentare delle dimensioni).

Articoli correlati (da tag)

  • #OccupyICE

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata dal commento di alcune notizie provenienti dagli Stati Uniti.

    Nei giorni scorsi un'ondata di indignazione internazionale si è sollevata in seguito alla diffusione di un audio con le voci dei bambini imprigionati nei campi di detenzione al confine tra Messico e Usa, dove vengono separati dai genitori migranti. Va detto che la politica contro gli immigrati non riguarda specificatamente l'amministrazione Trump, in quanto questi centri, gestiti dall'agenzia federale statunitense United States Immigration and Customs Enforcement (ICE), sono attivi almeno dal 2003. Nei primi mesi in cui è entrato in carica il nuovo esecutivo, però, si è registrato un boom di arresti dei migranti non in regola con i documenti:

    "A dirlo sono i dati ufficiali diffusi mercoledì dalla Immigration and Custom Enforcement (ICE), l'agenzia federale responsabile del controllo della sicurezza delle frontiere e dell'immigrazione negli Stati Uniti. Secondo quanto riporta Usa Today, citando i dati diffusi dall'agenzia, nel periodo compreso tra il 22 gennaio e il 29 aprile, sono finiti in manette 41.318 immigrati, per una media di 400 arresti al giorno. Un numero che è aumentato del 38% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente." ("La stretta di Trump sui clandestini: boom di immigrati irregolari arrestati", il Giornale.it del 18.5.17)

  • Guerra diffusa, entropia e marasma sociale

    Durante la teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, si è ricordato il Rapporto segreto da Iron Mountain sulla possibilità e desiderabilità della pace. Quando uscì, nel 1967, il testo suscitò un certo scalpore ed alcuni si spinsero ad identificarne l'autore nell'economista John Kenneth Galbraith. Il libro fu curato dal giornalista Leonard Lewin e nella prefazione venne presentato come un documento segreto commissionato dal governo americano con lo scopo di valutare la possibilità o meno di arrivare ad una pace globale, studiandone rischi e benefici. Il Gruppo che lo redasse, composto da studiosi e ricercatori, consegnò all'esecutivo il Rapporto che fu detto da Iron Mountain per il nome della località in cui si trovava il rifugio segreto, presso lo stato di New York, in cui si sarebbero riuniti gli scienziati.

    Le conclusioni riportate nel documento colpirono l'opinione pubblica. Eccone alcuni passaggi:

  • Oxfam: "l'1% possiede come il 99%"

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 13 compagni, è iniziata con alcune osservazioni riguardo il rapporto Oxfam Ricompensare il lavoro, non la ricchezza, presentato alla vigilia del Forum Economico Mondiale di Davos, in Svizzera, che ogni anno riunisce esponenti internazionali dell'ambito economico, politico, scientifico e sociale per discutere delle questioni principali della scena mondiale.

    La situazione che emerge dai dati raccolti nel rapporto, come illustra un rappresentante della sede italiana dell'organizzazione non governativa in una recente intervista, è decisamente preoccupante. Oxfam è una confederazione internazionale di organizzazioni no profit operanti in 90 diversi nazioni e dispone di una rete ampiamente estesa i cui sensori sono dislocati praticamente in tutto il mondo (10.000 operatori e 50.000 volontari). Lo studio del 2018 tratta principalmente il tema della diseguaglianza nella distribuzione della ricchezza, e il risultato a cui giunge – ma non si tratta di una novità dato che sono sempre di più le ricerche di questo tipo a rilevare tale assetto generale – è quello di una società in cui il denaro, o la prosperità in generale, confluisce in misura sempre maggiore nelle solite "poche" mani. Nel documento vengono inoltre presentate proposte e suggerimenti per arginare tale situazione di disparità. Ovviamente si tratta di soluzioni di carattere riformista, come la tassazione progressiva, l'introduzione di un tetto agli stipendi dei manager, e via dicendo.

Navigazione per Tag

accumulazione ambiente amore anonymous anticipazioni attivismo austerity autonomizzazione del Capitale autorganizzazione bolla finanziaria Bordiga borghesia Brasile capitale capitale finanziario capitalismo capitolazioni catastrofe centralismo organico centralizzazione cervello sociale cgil chiesa cibernetica ciclo coloniale Cina Cipro commons comunismo conoscenza controrivoluzione crisi debito decrescita democrazia determinismo disoccupazione dissipazione dissoluzione dono doppia rivoluzione economia politica Egitto Einstein energia evoluzione expo fascismo feedback finanza forza produttiva francia geostoria Germania Giappone governo governo tecnico gramsci grecia Grillo guerra guerre mondiali Hegel ideologia immediatismo imperialismo indignados informazione internazionale comunista invarianza isis israele Italia Latouche lavoro lavoro di partito lenin linguaggio logistica lotta di classe lotte immediate luogocomunismo macchine manifestazioni manoscritti '44 marasma sociale Marx materialismo medio oriente memi mezze classi militanti minerali miseria crescente moneta movimento operaio mutuo soccorso neotenia no tav occupy sandy ordinovismo OWS palestina partito partito formale partito storico peer to peer piano di produzione polarizzazione popolazione Popper precari preistoria previsione primavera araba produttività produzione sociale programma questione nazionale rabbia sociale rapporti di forza reddito rendita rete rifkin riformismo rinascimento riunioni rivolta rivoluzione rivoluzione borghese rivoluzione proletaria russia salario SCi scienza sciopero sessualità sincronia sindacato social network soviet Stato stato islamico teoria rivoluzionaria Tunisia Turchia uranio usa valore valorizzazione wikipedia

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 229, 6 agosto 2018

f6Dedicato a Karl Marx
f6Maledetta socialdemocrazia
f6Il film
f6Il Vallo Atlantico
f6Organizzazione Mondiale per il Commercio
f6Giganti?
f6Su tre continenti
f6Governicchio

Leggi la newsletter 229
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email