Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  24 luglio 2018

Capitolazioni a non finire

La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata commentando la recente intervista rilasciata da Davide Casaleggio a La Verità.

Le dichiarazioni del figlio di Gianroberto Casaleggio, fondatore del Movimento 5 Stelle insieme a Beppe Grillo, hanno suscitato un certo scalpore nell'ambiente politico date le prese di posizione riguardo agli istituti democratici: "Tra qualche lustro faremo a meno dei parlamenti... I modelli novecenteschi stanno morendo, dobbiamo immaginare nuove strade e senza dubbio la Rete è uno strumento di partecipazione straordinario."

E ancora, sulla disaffezione dei cittadini verso la "politica", dice:

"La sfiducia dei cittadini nella classe politica ha radici lontane e lo scollamento tra i palazzi e la vita reale non è una novità. Nonostante questo, per lungo tempo il metodo della rappresentanza è stato il migliore metodo possibile. Oggi però, grazie alla Rete e alle tecnologie, esistono strumenti di partecipazione decisamente più democratici ed efficaci in termini di rappresentatività del volere popolare di qualunque modello di governo novecentesco. Il superamento della democrazia rappresentativa è quindi inevitabile."

Più che le sparate ad effetto del politico di turno a noi interessano i saggi di organizzazione futura che si presentano anche in forme spurie all'interno del capitalismo. Il discorso di Casaleggio ci fa infatti venire in mente "Government as a Platform", la proposta di governo del libertariano Tim O'Reilly che abbiamo avuto modo di trattare nel 70mo incontro redazionale di n+1.

Dal suo blog Beppe Grillo parla di fine del lavoro, di reddito sganciato dalla prestazione lavorativa e di rivoluzione, ponendo tematiche che i ministri pentastellati si affrettano a ricoprire con fiumi di parole sulla responsabilità verso l'economia nazionale. Il M5S, essendo nato su determinati presupposti, in primis la Rete, non può che essere schizofrenico: da una parte dichiara superata la liturgia parlamentare, dall'altra precipita in pieno nel cretinismo parlamentare. Che significa non tanto che i parlamentari siano tutti dei cretini ma che essi, pur esprimendosi con un linguaggio forbito e pensando di avere un'influenza sulle cose, non hanno in realtà nessun peso.

La velocità di Internet polverizza le procedure burocratiche e la Rete elimina i filtri rappresentati dai corpi intermedi, mettendo in collegamento diretto l'utente con gli uffici amministrativi, con i siti di commercio on line senza passare dal negozio fisico, con i servizi bancari, postali, ecc. La retificazione della società produce effetti materiali: basti pensare al peer to peer, grazie al quale si possono scambiare testi, file, programmi senza alcuna mediazione di valore. I sistemi elettronici e gli algoritmi non risolvono però il problema del controllo e della gestione del capitalismo. Le decisioni possono essere prese nei corridoi dei palazzi governativi o sul Web, ma chi comanda veramente è il Capitale, a dispetto dei voti in parlamento o nelle cabine elettorali.

L'obsolescenza del Parlamento è quindi solo un aspetto di una obsolescenza più generale che riguarda l'attuale modo di produzione. Qualche anno fa avevamo seguito con interesse il dibattito tra E. Scalfari e A. Baricco su "I nuovi barbari". Quest'ultimo sosteneva che si stesse formando un'intelligenza diffusa in superficie che andava sostituendo quella in profondità degli intellettuali; e che, aggiungiamo noi, è sociale, macchinizzata e in continua evoluzione tutta intorno a noi. Scalfari, invece, si faceva portavoce di un paradigma in via di estinzione. Partiti, potentati economici, lobbies, che un tempo finanziando un giornale o un gruppo di giornalisti facevano l'informazione, oggi si trovano a fare i conti con l'intelligenza diffusa e anonimi YouTubers, i quali senza soldi e appoggi politici hanno milioni di fan e diventano seguitissimi influencer. Radio, TV e carta stampata si basano su una comunicazione di tipo unidirezionale, cioè da uno a molti; in Internet tutto è in doppia direzione, da molti a molti. Il partito del futuro non potrà nemmeno immaginare di ricorrere ai giornali o alla televisione per comunicare il proprio programma al mondo, ma sarà interprete del movimento reale e quindi collegato in "doppia direzione" a vasti insiemi della specie ("Informazione e potere", n+1 n. 37).

Oggi la borghesia è sempre più costretta a ricorrere ad organismi tecnici di governo e ad aumentare la presenza dello Stato, con la possibilità di scatenare una reazione anche da parte di frange delle sua stessa classe (vedi anarco-capitalisti). Con il surriscaldarsi della situazione sociale, le forze statali si occuperanno di tenere sotto controllo la popolazione armando di tutto punto polizie ed eserciti (ma oltre un certo limite non si può andare) e monitorando attraverso sofisticate tecnologie miliardi di esseri umani. Il capitalismo si sta scavando la fossa da solo, non tanto sostituendo la borghesia, classe oramai senza alcuna forza propulsiva, con sistemi automatici, ma facendo a meno degli operai, questi sì fondamentali per la produzione di plusvalore. Nota Grillo nell'articolo "Catene di Montaggio automatiche: le persone non servono":

"L'Asia, con la Cina in testa, e seguita dall'India, al massimo in due-tre anni avrà triplicato o quadruplicato il numero di bot installati, creando la prima e vera forza lavoro non umana di massa della storia. Chissà se allora servirà un sindacato. Sulla produzione su scala nessuno avrà scampo. L'Italia con i suoi miseri numeri non potrà minimamente competere, se non per qualche caso di eccellenza."

Con l'automazione si producono sempre più merci in sempre meno tempo, dato che i robot non scioperano, non fanno pause e non si ammalano. Per far fronte a ciò, secondo Grillo, bisogna erogare un reddito di base universale arrivando per via riformista ad una specie di socialismo. Da Marx in poi sappiano che il percorso sarà invece assolutamente catastrofico, così come ribadito in "Traiettoria e catastrofe della forma capitalistica nella classica monolitica costruzione teorica del marxismo" (1957).

Il lavoro del Club di Roma sui limiti dello sviluppo ha dimostrato che esiste un trend e che il sistema lasciato a sé stesso collassa. E' vero che la borghesia ha assecondato il capitalismo senza tenere conto dei moniti lanciati dai suoi tecnici, ma di fatto questo si è omeostatizzato riempiendo la società di sensori e attuatori e congelando in qualche modo un sistema che per sua natura deve crescere a livello esponenziale. I borghesi più lucidi hanno capito che siamo nel bel mezzo di una fase di transizione e non possono fare altro che capitolare ideologicamente di fronte al "marxismo". Pensiamo ai lavori di J. Rifkin: Entropia (1980), La fine del lavoro (1995), L'era dell'accesso (2000), La società a costo marginale zero (2014).

T. Kuhn nella sua opera più celebre e conosciuta, La struttura delle rivoluzioni scientifiche (1962), sostiene che il progresso scientifico non sia un cumulo di conoscenze, ma un'alternanza tra scienza normale e "rivoluzioni scientifiche", a partire da strumenti (paradigmi) che tendono ad articolarsi e specializzarsi (cambiamento di paradigma). Ad un certo momento nella società si manifestano delle anomalie dal punto di vista del paradigma dominante che vengono combattute dagli appositi apparati ideologici. Quando le anomalie si diffondono esplode una lotta che mette in discussione la vecchia ideologia. Vincerà la forza che più sarà in linea con il futuro di specie.

Articoli correlati (da tag)

  • La Cina non salverà il mondo capitalistico

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata commentando due articoli pubblicati sull'edizione del 28 luglio di The Economist dedicata alla nuova via della Seta cinese: la Belt and road initiative (BRI).

    Nel primo articolo, "China's belt-and-road plans are to be welcomed-and worried about", viene evidenziato il fatto che il progetto si configura come qualcosa di più rispetto ad una rete stradale e navale da e verso Pechino. Anche se per ora non sono chiare le strategie di investimento sia in termini di cifre sia per quanto riguarda le rotte commerciali e i relativi accordi bilaterali, la Cina descrive la BRI come un piano globale, programmando la costruzione di una "Pacific Silk Road" verso l'Oceano Pacifico, di una "Via della seta sul ghiaccio" attraverso l'Oceano Artico, e di una "Via della seta digitale" nel cyberspazio. "I paesi desiderosi dei finanziamenti cinesi", scrive The Economist, "accolgono il progetto come fonte di investimenti nelle infrastrutture tra Cina ed Europa, passando per Medio Oriente ed Africa. Quelli che temono la Cina lo vedono invece come un sinistro piano teso a creare un nuovo ordine mondiale in cui il Dragone è il potere preminente." "La BRI rappresenta", conclude l'articolo, "un motivo in più per l'America per rimanere in Asia". La Cina tenta di espandere maggiormente la sua sfera d'influenza e lo fa a partire proprio da quell'heartland (il cuore del mondo) che, secondo la teoria del geografo e diplomatico inglese H. Mackinder, è essenziale per chiunque voglia prendere il controllo del pianeta.

  • Il comunismo è un robot?

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 14 compagni, abbiamo discusso di automazione e disoccupazione tecnologica.

    Nell'articolo "La fine del lavoro", pubblicato sul blog di Beppe Grillo, vengono riproposti i temi sviluppati nell'omonimo saggio di J. Rifkin del 1995, con una particolare attenzione alle trasformazioni avviate dalla terza rivoluzione industriale. Se la prima ha visto l'introduzione di macchinari nell'agricoltura e la seconda l'automazione nell'industria, nell'ultima la grande protagonista è la tecnologia dell'informazione. Scrive Grillo: "Il fattore sconvolgente è sicuramente Internet, mai si era visto uno sviluppo così veloce e massivo. Tutto il sistema lavorativo è stato totalmente trasformato e non solo il lavoro, ma anche la nostra vita. Internet è il sistema pervasivo per eccellenza. Questa terza rivoluzione ha ridotto notevolmente la forza lavoro necessaria."

    In un altro testo, "Benvenuti nel Futuro al Qubit", il guru genovese descrive le lampanti contraddizioni del nostro tempo, sostenendo che il "benessere moderno è incontrollato e sta creando due enormi piaghe, disoccupazione e disuguaglianza. Questi due mali stanno distruggendo la nostra società nonostante la nostra economia continui a crescere. Siamo tutti più poveri in un mondo più ricco. Questo vuol dire che il benessere continua ad aumentare lì già dove è presente, e il resto della popolazione si inabissa in una povertà senza fine. Non è questo il mondo che vogliamo." Sembra quasi di sentir parlare un attivista di Occupy Wall Street.

  • Marasma sociale e cibercomunismo

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 15 compagni, è iniziata con un breve resoconto sulla condizione dei Rohingya in Myanmar, un'etnia di religione musulmana perseguitata dal governo centrale birmano. Lo scorso agosto, dopo alcuni attacchi alle stazioni di polizia da parte di ribelli armati nella regione di Rakhine, l'esercito ha reagito duramente operando violenti rastrellamenti che hanno dato inizio ad un esodo nel vicino Bangladesh. In più parti del pianeta milioni di esseri umani si muovono alla disperata ricerca di condizioni di vita migliori, fuggendo da guerre, persecuzioni religiose o etniche, e finendo per ingrossare le fila di immensi campi profughi.

    La riunione è proseguita con il commento dell'articolo dell'Economist "Once considered a boon to democracy, social media have started to look like its nemesis" sull'influenza dei social network nella formazione delle idee. Secondo il settimanale inglese, i social, che hanno avuto un ruolo primario nelle rivolte degli ultimi anni (in Ucraina a partire da piazza Maidan, in Egitto con la caduta di Mubarak), sono anche utilizzati per manovrare la cosiddetta opinione pubblica e tale settore è caratterizzato da una limitata libertà in cui grandi gruppi come Facebook, Twitter e Google monopolizzano l'informazione, condizionando milioni di esseri umani. Quello che l'Economist non dice è che la guerra moderna si combatte online e che la Rete è diventata un'arma più efficace di un cannone; e come in ogni guerra, gli Stati cercano di intervenire per difendere i loro interessi e, soprattutto, per controllare il loro grande avversario, il proletariato.

Navigazione per Tag

accumulazione ambiente amore anonymous anticipazioni attivismo austerity autonomizzazione del Capitale autorganizzazione bolla finanziaria Bordiga borghesia Brasile capitale capitale finanziario capitalismo capitolazioni catastrofe centralismo organico centralizzazione cervello sociale cgil chiesa cibernetica ciclo coloniale Cina Cipro commons comunismo conoscenza controrivoluzione crisi debito decrescita democrazia determinismo disoccupazione dissipazione dissoluzione dono doppia rivoluzione economia politica Egitto Einstein energia evoluzione expo fascismo feedback finanza forza produttiva francia geostoria Germania Giappone governo governo tecnico gramsci grecia Grillo guerra guerre mondiali Hegel ideologia immediatismo imperialismo indignados informazione internazionale comunista invarianza isis israele Italia Latouche lavoro lavoro di partito lenin linguaggio logistica lotta di classe lotte immediate luogocomunismo macchine manifestazioni manoscritti '44 marasma sociale Marx materialismo medio oriente memi mezze classi militanti minerali miseria crescente moneta movimento operaio mutuo soccorso neotenia no tav occupy sandy ordinovismo OWS palestina partito partito formale partito storico peer to peer piano di produzione polarizzazione popolazione Popper precari preistoria previsione primavera araba produttività produzione sociale programma questione nazionale rabbia sociale rapporti di forza reddito rendita rete rifkin riformismo rinascimento riunioni rivolta rivoluzione rivoluzione borghese rivoluzione proletaria russia salario SCi scienza sciopero sessualità sincronia sindacato social network soviet Stato stato islamico teoria rivoluzionaria Tunisia Turchia uranio usa valore valorizzazione wikipedia

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 229, 6 agosto 2018

f6Dedicato a Karl Marx
f6Maledetta socialdemocrazia
f6Il film
f6Il Vallo Atlantico
f6Organizzazione Mondiale per il Commercio
f6Giganti?
f6Su tre continenti
f6Governicchio

Leggi la newsletter 229
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email