Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  29 maggio 2018

Caos istituzionale

Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 15 compagni, abbiamo discusso della crisi istituzionale in corso in Italia.

Rispetto a quanto accaduto nel 2011, quando una serie di concause portò alla fine del governo Berlusconi e all'avvento di quello tecnico a guida Monti ("Il piccolo golpe d'autunno", n+1 n. 30), oggi la situazione appare molto più confusa, dato che il quasi-governo Conte è caduto ancora prima di insediarsi: Lega e M5S hanno presentato la lista dei ministri al presidente Mattarella che, ufficialmente, ha rifiutato di accettare la nomina di Paolo Savona al delicato dicastero dell'Economia.

Sembra proprio che la borghesia italiana, dal punto di vista economico e pure politico, abbia perso qualsiasi capacità di intervento. D'altronde, le maggiori aziende italiane sono passate in mano al capitale anonimo internazionale, mentre i grandi gruppi industriali sono spariti, sostituiti quasi ovunque da tagliatori di cedole (vedi Marchionne in Fca). Al netto dei proclami anti-tedeschi, i partiti populisti devono fare i conti con il fatto che Lombardia e Veneto hanno un'importante attività di import/export con Germania e Austria; la Lega, che nasce principalmente come partito teso alla tutela degli interessi del nord Italia, non può scordare che quest'ultimi sono legati a doppio filo con i paesi al di là del Brennero. A ricordaglielo ci ha pensato Confindustria Veneto, che ha espresso la propria preoccupazione per quanto sta accadendo a livello istituzionale.

Un passo dell'articolo "Il ciclo storico del dominio politico della borghesia" (1947) ci viene in aiuto per inquadrare correttamente la vicenda:

"Come dice Engels, due sono le grandi scoperte che stanno alla base del comunismo scientifico, e sono dovute a Marx. La prima consiste nell'avere individuato la legge del plusvalore, secondo la quale l'accumulazione del capitale si edifica sulla continua estorsione di una parte della forza-lavoro proletaria. La seconda è la teoria del materialismo storico, per la quale i termini dei rapporti economici e di produzione forniscono la causa e danno la spiegazione degli avvenimenti politici e di tutta la superstruttura di opinioni e di ideologie proprie delle varie epoche e dei vari tipi di società".

Solo attraverso un'analisi dell'evoluzione della struttura capitalistica, ovvero dei rapporti economici e di produzione, possiamo capire quanto si realizza nella sovrastruttura politica. Il dominio borghese storicamente si conclude con il fascismo, e la borghesia, una volta liberista e isolazionista, tiene oggi i suoi congressi mondiali dotandosi di organi di governo sempre più centralizzati. Il fascismo ha perso la guerra militare, ma ha vinto quella politica ed economica estendendosi a tutto il mondo.

Quanto accade in Italia, o in Spagna dove il governo Rajoy oltre alle spinte secessioniste catalane perde pezzi in Parlamento, è il riflesso di ciò che avviene nella struttura economica. Il successo di Lega e M5S e il tracollo speculare del PD (che insieme alla Cgil si è schierato in difesa del presidente della Repubblica) non sono dovuti all'abilità o al cretinismo degli attori politici in campo: dietro agli 11 milioni di voti accaparrati dai pentastellati lo scorso 4 marzo, c'è piuttosto la promessa del reddito di cittadinanza; i motivi della vittoria della Lega sono invece da ricercarsi nel malessere delle classi medie insicure e rovinate, quella piccola borghesia che Marx indica come il primo elemento sociale che si muoverà (disordinatamente) contro lo status quo.

Il Financial Times, in un articolo del 15 maggio, ha paragonato un futuro governo gialloverde all'entrata dei barbari a Roma, ignorando però che non sono né i leader né i partiti i responsabili di questa situazione, ma ne rappresentano semmai il prodotto. Sulla scomposta scena politica italiana, ha poi fatto scalpore il commento del commissario europeo per il bilancio, Günther Oettinger, riportato in un tweet dal giornalista Bernd Thomas Riegert: "I mercati insegneranno agli italiani a votare nel modo giusto".

La storia del '900, epoca in cui si è consumato il passaggio dal dominio dello Stato sul Capitale al dominio del Capitale sullo Stato, vede gli Stati assecondare le esigenze del mercato, minacciati da "colpi di stato" che puntualmente si verificano a fronte dei tentativi per sottrarre la macchina statale al ruolo di strumento del Capitale. Lo stesso vale adesso per il caso italiano: data la profonda inettitudine dei partiti usciti vincitori dalle ultime elezioni, qualcuno ha pensato bene di fare un piccolo golpe e lanciare un segnale forte (il mandato a Cottarelli) per variare il percorso che questi stavano intraprendendo. Ma per ora anche l'ipotesi di un governo snello, composto da 12 ministri tecnici e capeggiato dall'esperto economista di turno, fatica ad affermarsi, la situazione rimane fluida e nessuna soluzione sarà definitiva. Il paese capitalisticamente più vecchio, l'Italia, ha ormai il fiato corto e sempre meno energia da spendere.

In generale, oggi come non mai lo Stato incontra difficoltà sempre maggiori nel governare una popolazione senza riserve, precaria e impoverita, e comincia a disgregarsi; la necessità di un governo unico mondiale della borghesia non può realizzarsi ma resta un bisogno che nasce dal profondo della struttura capitalista: l'involucro statale non è più all'altezza dello sviluppo del modo di produzione. Nei prossimi anni sarà inevitabile un'ulteriore dissoluzione degli stati e il crescere del marasma sociale e della guerra.

In diverse occasioni abbiamo parlato di fenomeni autodistruttivi che iniziano ad investire anche i paesi occidentali, come la Brexit nel Regno Unito, le difficoltà nella formazione di un governo in Germania, l'elezione e il protezionismo di Trump negli Usa. L'Italia è un paese in cui "si gioca" con la politica, ma è anche la settima potenza economica mondiale, caratterizzata da una produttività del lavoro più alta di quella, per esempio, tedesca. Lo scarto tra i rappresentanti del Capitale italiano e la potenza dello stesso è enorme. Nella Lettera ai compagni "Come un logaritmo giallo. Ovvero: irrazionalità e immediatismo dell'economia politica" abbiamo analizzato le riforme del mondo del lavoro degli ultimi 20/30 anni (politiche dei redditi e costo del lavoro); oggi siamo arrivati al limite dato che il paradigma è quello dei fattorini della gig-econony, che consegnano il cibo per qualche euro all'ora, o dei precari dell'Expo, che hanno lavorato gratuitamente. Tutto è stato de-regolamentato e non è possibile sfruttare ulteriormente una classe di salariati già pesantemente schiavizzata. Inoltre con il massiccio utilizzo dell'automazione nell'industria, anche l'aumento della produttività è ormai arrivato al capolinea.

Il fallimento del progetto M5S, sprofondato nel più bieco cretinismo parlamentare, e più in generale della "sinistra" ci fa pensare che determinate necessità sociali dovranno trovare altri canali per realizzarsi, nuove forze che indichino una via da seguire, e riscoprire una tradizione storica ricca di insegnamenti a cui agganciarsi. Lenin negli scritti "Sullo Stato" (1919) dice:

"La potenza del capitale è tutto, la Borsa è tutto, mentre il parlamento, le elezioni, sono un gioco da marionette, di pupazzi".

Parole quanto mai attuali. Nel Manifesto del 1848 è detto che la società borghese è come quell'apprendista stregone incapace di controllare le potenze che ha suscitato dal sottosuolo della storia. Finora il proletariato è rimasto all'interno dei campi di influenza della classe nemica, ma prima o poi dovrà muoversi in maniera autonoma, perché nessuna rivendicazione economica ha senso se non vengono messe in discussione determinate compatibilità, determinati vincoli internazionali. Non c'è emancipazione possibile senza la rottura radicale con le istituzioni borghesi: condizioni di lavoro, salario, disoccupazione, sono il risultato di ben precisi rapporti di produzione i cui effetti sono ineliminabili senza eliminare la causa che li produce.

Articoli correlati (da tag)

  • Interconnessione globale

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, ha preso spunto da tre temi apparentemente diversi tra loro: la situazione politica italiana con le dimissioni del premier Conte, le continue manifestazioni ad Hong Kong, la prospettiva, data per certa da molti economisti, di una recessione globale in arrivo.

    Dagli interventi al Senato dello scorso 20 agosto, sia del presidente del consiglio dimissionario, che del capo della Lega Salvini, di Renzi, nonché di tutti gli altri colleghi, non emergeva uno straccio di programma oltre alle reciproche accuse. Il personale politico e le relative proposte sono scadenti perché il sistema nel suo insieme ha sempre meno energia per andare avanti. Il presidente della CEI, il cardinale Bassetti, presente al Meeting di Rimini di Comunione e Liberazione e sollecitato dai giornalisti in sala a prendere la parola, ha affermato: "Ancora di crisi volete farmi parlare? Ma la crisi è di sistema, è di visione, prima che del governo".

    La sovrastruttura politica borghese, del tutto impotente rispetto ai cambiamenti epocali in corso, arranca cercando di restare al passo con i tempi. Sono all'ordine del giorno improvvisi rimescolamenti politici, vischiose alleanze fra partiti fino a pochi giorni fa "nemici", faide fra correnti interne agli stessi, autodistruzione di raggruppamenti e leaders, situazioni precarie passibili di rovesciamenti repentini.

  • Sintonizzarsi con la transizione di fase in corso

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, abbiamo commentato l'intervista a n+1 andata in onda su Radio Saiuz lo scorso 18 febbraio, e pubblicata il giorno seguente su YouTube.

    Ascoltando la trasmissione, qualcuno potrebbe pensare che i temi trattati siano astrusi e che, in generale, potremmo avere più "successo" tra i proletari parlando in maniera più semplice. Per esempio: parlare di comunismo come del "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente" non sarebbe comprensibile ai più. In realtà, l'idea che le masse non capiscano è una posizione anti-proletaria, ed anzi, sono i bonzi sindacali, i politici e gli intellettuali quelli a non capire. E comunque finché il capitalismo rimarrà in piedi, la sua ideologia sarà dominante:

    "Sul terreno scuola, stampa, propaganda, chiesa, ecc., fin che la classe lavoratrice sarà sfruttata la diffusione della ideologia borghese avrà sempre un immenso vantaggio sulla diffusione del socialismo scientifico. La partita sarà perduta per la rivoluzione fino a che non si fa assegnamento su forti masse che lottano, senza presupporre nemmeno per sogno che siano uscite dalla influenza culturale ed economica borghese, ma per la ineluttabile spinta del contrasto delle forze produttive materiali non ancora divenuto coscienza dei combattenti, e tanto meno poi scientifica cultura!" ("Danza di fantocci: dalla coscienza alla cultura", 1953)

    Ciò che conta, quindi, è il contrasto tra le forze produttive e i rapporti di produzione, che ad un certo momento fa muovere masse di milioni di persone, inizialmente in maniera caotica e poi sempre più sincronizzata fino alla polarizzazione di classe rappresentata dallo schema di rovesciamento della prassi ("Teoria e azione nella dottrina marxista", 1951).

  • Tutto il mondo è polarizzato

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata con il commento dell'articolo "Tutto il mondo è polarizzato", di Moisés Naím, pubblicato su La Repubblica lo scorso 4 febbraio. Il giornalista, che dal 1989 al 1990 è stato ministro del Commercio e dell'Industria del Venezuela, descrive quasi con le nostre parole la paludosa situazione in cui versa il mondo:

    "Il governo della superpotenza mondiale è in stallo, mentre il governo di un'ex superpotenza — il Regno Unito — è in preda alla paralisi, dopo una raffica di ferite autoinflitte. Angela Merkel, che fino a poco tempo fa era la leader più influente d'Europa, si avvia al ritiro. Il suo collega francese deve far fronte a una sorprendente rivolta, i famosi Gilet gialli. L'Italia, il Paese con la settima economia mondiale, attualmente è governato da una fragile coalizione, con leader così diametralmente opposti e dichiarazioni così sconcertanti che non si sa se ridere o piangere; sembra che gli italiani abbiano deciso di vedere com'è quando il malgoverno viene spinto ai limiti più estremi. In Spagna, il capo del governo non è nemmeno stato eletto da una maggioranza parlamentare, ma è arrivato al potere grazie a un tortuoso processo legislativo."

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 234, 6 luglio 2019

f6Grufolare nell'attico
f6Occupazione simbolica. Per adesso
f6Libra, cos'è?
f6Extinction Rebellion
f6Reddito di cittadinanza alla prova
f6Spionaggio?

Leggi la newsletter 234
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email