Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  6 novembre 2018

Rovesciamento della prassi

La teleconferenza di martedì sera, presenti 9 compagni, è iniziata con la segnalazione dell'assemblea europea dei rider avvenuta lo scorso 25 e 26 ottobre a Bruxelles. Circa 60 fattorini, impiegati presso aziende del food delivery quali Deliveroo, UberEats, Glovo e Foodora, e provenienti da Spagna, Italia, Francia, Inghilterra, Irlanda, Scozia, Belgio, Paesi Bassi, Svizzera, Norvegia, Finlandia, Germania, si sono dati appuntamento nella capitale belga per dar vita a un coordinamento di lotta (Transnational Courier Federation). Dalle prime mobilitazioni del 2016 a Londra, il settore ha visto un continuo di scioperi e manifestazioni che hanno coinvolto sempre più paesi, fino a lambire Cina, Hong Kong e Australia. Durante l'incontro di Bruxelles i precari hanno scambiato informazioni sulle rispettive lotte e hanno lanciato uno sciopero europeo per il prossimo 1° dicembre. Il comunicato ufficiale si chiude con queste parole:

"La lotta contro lo sfruttamento tramite piattaforme di consegna non può essere effettuata all'interno del quadro nazionale. Queste multinazionali si basano sull'elevato tasso di disoccupazione giovanile, le difficoltà per coloro che sono senza documenti di trovare lavoro per trarne profitto. L'approccio internazionalista attorno al quale si costituisce questa federazione rappresenta un passo in avanti per la nostra classe. Mentre il nazionalismo sta guadagnando terreno in Europa e le organizzazioni, anche di sinistra, hanno ripreso il discorso nauseante sui confini, noi rider abbiamo deciso di organizzarci contro queste operazioni e gridare a gran voce che i confini non ci dividono: fattorini di tutti i paesi unitevi!"

Effettivamente si tratta di qualche decina di migliaia di lavoratori "confinati" in un segmento del mondo del lavoro, eppure è notevole la velocità con cui certi processi organizzativi si sono manifestati. I lavoratori della gig-economy, presentati dalle aziende come indipendenti, autonomi e alle prese con un "lavoretto" per pagarsi gli studi, in verità sono proletari senza prospettive per il futuro che non riescono ad arrivare a fine mese. Il vecchio modello lavorativo, che implicava le tutele sindacali, la contrattazione e una serie di garanzie che imbrigliavano la lotta, è stato spazzato via, sostituito dall'impossibilità reale di ottenere qualcosa di stabile in questa società e quindi dal bisogno di organizzarsi autonomamente, in termini di classe contro classe. Ciò ricorda molto 99 Picket Lines, la piattaforma di lotta nata sull'onda del movimento Occupy Wall Street, che organizzava picchetti volanti a New York, magari in luoghi di lavoro precari dove non erano presenti i sindacati.

I rider sono costretti ad organizzarsi territorialmente dato che il luogo di lavoro non esiste più e i mezzi di lavoro, bici, smartphone o auto, non sono forniti dall'azienda ma sono di proprietà dei lavoratori stessi. La piattaforma di consegna del cibo a domicilio Deliveroo, oltre a ricevere e smistare ordini attraverso la Rete, processa una tale quantità di dati da riuscire a mappare le città in cui opera secondo le abitudini e le preferenze alimentari dei consumatori. L'utilizzo dei Big Data le ha consentito di costruire le dark kitchen, delle grandi cucine attrezzate che si occupano della produzione del cibo bypassando i ristoranti e le pizzerie. Uber, la società di coordinamento dei trasporti su veicoli privati, si presenterà in borsa il prossimo anno e i due giganti della finanza Goldman Sachs e Morgan Stanley hanno calcolato che potrebbe "valere" 120 miliardi di dollari, tanto quanto FCA, Ford e General Motors messe insieme. L'autonomizzazione del Capitale procede a passo spedito e ha conseguenze pratiche sulle lotte dei lavoratori. Lenin parlava di spontaneità operaia basata sull'organizzazione dell'industria degli inizi del '900: grandi concentrazioni industriali dove gli operai lavoravano gomito a gomito. Oggi il modo di produzione capitalistico è retificato e ultra-socializzato, e i proletari non possono che imboccare determinate "strade" organizzative che li condurranno verso delle biforcazioni. Il movimento avanza incurante della coscienza che gli individui o i gruppi hanno di sé stessi in un questo o quel momento.

Come i batteri rispondono a informazioni semplici per procacciarci il cibo, così la nostra specie è co-evoluta con l'ambiente che gli sta intorno partendo da un meccanismo conoscitivo di tipo elementare. La mente è emersa da processi non intenzionali della selezione naturale: è quanto troviamo scritto in Dai batteri a Bach. Come evolve la mente, l'ultimo saggio di Daniel Dennett in cui il neuro-filosofo americano si interroga sull'origine della mente, partendo dall'ipotesi che i memi, i bit d'informazione che viaggiano da uomo a uomo, siano elementi impalpabili di evoluzione extra biologica.

Richard Dawkins definisce il meme come un'unità di informazione autopropagantesi, una struttura che si diffonde attraverso dei simboli o dei messaggi provocando effetti materiali. Dennett si spinge a formulare una teoria della conoscenza che, pur partendo da premesse differenti, arriva alle nostre stesse conclusioni (vedi la rivista monografica "Per una teoria rivoluzionaria della conoscenza"). L'elemento comune è il seguente: nella struttura delle relazioni tra gli elementi che collegano la specie umana (siano essi geni o memi), c'è molto meno progetto e volontà di quanto si possa credere, e una vera conoscenza è impossibile se non si arriva a definire come fa, biologicamente, l'uomo a conoscere. La mente che cos'è?

La Natura è composta da strutture frattali che si ritrovano nel microrganismo più semplice come nelle forme più complesse di società, fino alle nostre capacità intellettive, che rappresentano una combinazione tra casualità e mutazione. Lo sviluppo del partito della rivoluzione soggiace alle stesse leggi dell'auto-organizzazione (Stuart Kauffman), come scritto nelle Tesi sulla tattica (Roma, marzo 1922), eppure, anche in ambienti che si richiamano alla Sinistra Comunista "italiana", si basa tutto sulla volontà ignorando che i grandi movimenti sociali vengono scatenati da forze sulle quali non abbiamo alcun controllo. La nostra corrente ci ha lasciato potenti strumenti teorici a disposizione; tra questi lo schema di rovesciamento della prassi presente in Teoria e azione nella dottrina marxista (1951) da cui si deduce che nella dinamica delle rivoluzioni prima c'è una spinta inconscia che parte dalle masse e, dopo alcuni passaggi organizzativi, al termine del processo, il rovesciamento della prassi per opera del partito:

"Nel singolo individuo (e quindi anche nel singolo proletario) non è la coscienza teorica a determinare la volontà di agire sull'ambiente esterno, ma avviene l'opposto, come mostra lo schema con frecce dirette dal basso verso l'alto: la spinta del bisogno fisico determina, attraverso l'interesse economico, un'azione non cosciente, e solo molto dopo l'azione ne avviene la critica e la teoria per intervento di altri fattori. [...] Il rapporto dialettico sta nel fatto che in tanto il partito rivoluzionario è un fattore cosciente e volontario degli eventi, in quanto è anche un risultato di essi e del conflitto che essi contengono fra antiche forme di produzione e nuove forze produttive. Tale funzione teorica ed attiva del partito cadrebbe però se si troncassero i suoi legami materiali con l'apporto dell'ambiente sociale, della primordiale, materiale e fisica lotta di classe."

Per non rimanere invischiati nelle eterne questioni (sindacale, nazionale, ecc.) serve una bussola, una teoria rivoluzionaria della conoscenza che spazi dalla "fisica della storia" alla cibernetica, dalla complessità alle teorie del caos, tutte discipline imparentate. Le idee politiche, le religioni e le ideologie rispondono alle stesse leggi della biologia perché sono biologiche. A tal proposito, è interessante studiare la dinamica evolutiva di Wikipedia, questa potente manifestazione del cervello sociale. Al suo esordio era snobbata perché considerata poco precisa, con voci scritte da anonimi partecipanti al progetto. Adesso sta diventando un punto di riferimento anche per i grandi filosofi e le università. Una grande vittoria dell'auto-organizzazione.

Abbiamo concluso la teleconferenza notando che la borghesia sta fallendo anche nei tentativi di conquista di Marte. Il programma per la costruzione di navette che sostituiscano le Soyuz russe non sta funzionando, il governo americano non ha più risorse e lo spazio intorno alla Terra è una discarica stracolma di rifiuti. La Stazione Spaziale Internazionale, distante solo qualche centinaio di km dalla Terra, è difficile da pulire e manutenere e si sta pensando ad abbandonare il progetto. Le prospettive di conquista del Pianeta Rosso si devono ridimensionare, comprese le promesse gite dei ricchi intorno alla Terra.

Articoli correlati (da tag)

  • Argomenti concatenati

    La teleconferenza di martedì, presenti 14 compagni, è iniziata con una breve rassegna stampa su diversi temi, tra cui il trattato di Aquisgrana, il disastro sociale ed economico in corso in Venezuela, e il cambio al vertice del maggiore sindacato italiano.

    Nella sua prima apparizione in TV come segretario della Cgil, nel programma "1/2 ora in più" di Lucia Annunziata, Maurizio Landini ha affermato di voler cambiare il sindacato proponendo una "contrattazione inclusiva" per aprire l'organizzazione al territorio dato che "il problema è la solitudine": bisogna "tornare alle origini per cui sono nate le Camere di lavoro" ha spiegato, "tornare alle nostre radici, che fanno i conti con le nuove condizioni di lavoro che ci sono." A parte le buone intenzioni, su cui ci sarebbe molto da dire, sappiamo che per cancellare l'effetto storico della assunzione del sindacato entro lo stato borghese occorre molto di più, e cioè uno stravolgimento sociale di potenza gigantesca. Se ciò invece non avverrà, ogni organizzazione sindacale non potrà far altro che mediare fra capitale e lavoro, secondo le regole della concertazione/contrattazione. E non basterà l'elezione di un leader movimentista per cambiare direzione, tanto più ad un sindacato corporativo come la Cgil.

  • Ionizzazione delle molecole sociali

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata parlando dei riscontri positivi avuti recentemente riguardo al lavoro di "n+1". Questo ci ha dato modo di fare il punto su quella che comunemente viene chiamata "propaganda".

    Tutti i mezzi di comunicazione sono validi per riverberare il nostro lavoro all'esterno, ma nell'epoca di Internet acquistano una certa importanza siti, blog e, soprattutto, social network. Detto questo, la discriminante non è data dal mezzo di comunicazione, ma dall'atteggiamento che si ha quando lo si adopera: che si intervenga in una radio oppure sul Web, l'importante è non partecipare a parlamentini o dibattiti, tenendo sempre presente che il compito dei comunisti è quello di conservare la linea del futuro della propria classe. Per Engels, come per la nostra corrente, l'opportunismo è il metodo che sacrifica l'avvenire del Partito al successo di un giorno. E come scritto nelle "Considerazioni sull'organica attività del partito..." del 1965, rivendichiamo tutte le forme di attività proprie dei momenti favorevoli nella misura in cui i rapporti reali di forze lo consentono. In quasi tutti gli ambienti politici si pratica il dibattito, perciò siamo stati piacevolmente colpiti dal fatto che alcuni compagni che abbiamo conosciuto recentemente hanno spontaneamente metabolizzato il lavoro della Sinistra Comunista "italiana" (SCi) e di n+1 rendendo possibile una proficua doppia direzione.

  • Non potete fermarvi...

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata commentando le ultime manifestazioni dei gilet gialli in Francia.

    Sabato 5 gennaio si è svolto l'atto ottavo (#ActeVIII) della protesta, durante il quale migliaia di persone hanno riempito le strade di Parigi, Bordeaux, Lione, Tolosa, e di altre città minori. Pare che ci sia stata una flessione nel numero di manifestanti, ma al tempo stesso si è verificata una recrudescenza degli scontri con diversi feriti, auto date alle fiamme e blocchi davanti a porti, hub logistici e raffinerie. Questa forma di lotta ha perso ormai i connotati originari legati all'aumento del prezzo del carburante e si è trasformata in protesta contro lo status quo, anche se alcuni settori dei gilet jaunes stanno cercando uno sbocco parlamentare. La caratteristica dei movimenti nell'epoca del capitalismo senescente è di essere tendenzialmente antisistema, nonostante il vecchio mondo tenti di recuperarli proponendo la via referendaria o quella elettorale.

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 232, 12 febbraio 2019

f6Per qualche dollaro in meno
f6La lunga notte della sonda cinese
f6Le nuove armi di Pechino
f6Shutdown
f6Venezuela
f6La valle della morte
f6Italia
f6Gilet gialli

Leggi la newsletter 232
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email