Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  30 ottobre 2018

L'auto-isolamento della borghesia

La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 13 compagni, è iniziata con alcune domande, poste da un compagno, in merito alla teoria rivoluzionaria della conoscenza.

Nel 1905 Albert Einstein sviluppa la teoria della relatività ristretta, e successivamente, nel 1916, la teoria della relatività generale. Quest'ultima viene elaborata in un momento storico di forte tensione sociale e sarà provata empiricamente solo nel 1922.

La mancata unificazione delle leggi che stanno alla base della teoria della relatività con quelle della meccanica quantistica rappresenta un grosso problema per gli scienziati. L'affermarsi della meccanica quantistica segna il trionfo della teoria dualistica, ovvero della separazione tra corpo e spirito, materia ed energia, ecc. Tale teoria sostiene che la realtà non esiste poichè costituita solo dalle informazioni che noi abbiamo su di essa. Nel Secondo Dopoguerra, nell'ambito dello studio sulla teoria della conoscenza, Bordiga si schiera decisamente per una concezione scientifica anti-dualistica, ponendosi contro l'interpretazione di Copenaghen, basata sul dualismo onda-particella e la cui metafisica viene definita da alcuni dei suoi seguaci come un ritorno ad Aristotele. Nel 1955 scrive un piccolo saggio a sostegno della tesi deterministica e monistica della natura, intitolato "Relatività e determinismo, in morte di Albert Einstein" (Il programma comunista n. 9 del 1955).

La teoria della relatività di Einstein può essere considerata come un'estensione dei lavori di Galileo e di Newton, ed è una teoria del continuum. La meccanica quantistica si fonda sulla discretizzazione della realtà. Significativo quanto diceva, sarcasticamente, il fisico e premio Nobel Richard Feynman riguardo ad essa: chiunque affermi di capirla, mente spudoratamente. La borghesia, nella fase della sua ascesa, sforna una visione sicura della realtà, di tipo meccanicistico; nella fase di decadenza apre invece le porte all'indeterminismo e all'impossibilità del conoscere.

Non è detto che la storia e le scoperte scientifiche vadano sempre di pari passo. Può accadere che le forme artistiche, così come le teorie scientifiche, anticipino le rivoluzioni. Intorno al 1789, il mondo scientifico giunge a scoperte che conducono a nuove chiarificazioni (ad esempio la prima tavola degli elementi di Antoine Lavoisier); ciò è una conseguenza del fatto che in quel periodo storico decine di scienziati lavorano in sincronia. La rivoluzione è di una potenza incredibile e quella francese segnerà notevoli progressi nel campo della matematica e dell'arte. Con Napoleone arriverà la conservazione, che porterà al periodo neoclassico e ad un realismo in netto contrasto con le caratteristiche delle forme artistiche precedenti. Alla Francia, sconvolta dalla rivoluzione, si contrapporrà una Germania sorda a questo movimento, e tesa a rappresentare rovine e nebbie, espressione del più cupo romanticismo (paradigmatici il romanzo I dolori del giovane Werther di Goethe e il dipinto Viandante sul mare di nebbia di Caspar David Friedrich).

La teleconferenza è proseguita con il commento dei risultati delle elezioni presidenziali in Brasile, che hanno visto la vittoria dell'ex militare Jair Bolsonaro. Sui social network circolano le riprese di convogli militari che sfilano per le strade di San Paolo, applauditi dai sostenitori del neo-presidente. Il fatto non stupisce più di tanto: i militari, che hanno governato il paese dal 1964 al 1985, sono scesi in campo già durante i mondiali di calcio del 2014, e recentemente nelle favelas dello stato di Rio per contrastare la criminalità. In realtà, la militarizzazione della società è un fenomeno mondiale. La situazione si sta polarizzando un po' ovunque, e solo con questa chiave di lettura si possono comprendere le vittorie elettorali di Trump negli Usa, e dei raggruppamenti di estrema destra in alcuni paesi europei dove prendono piede soluzioni "dure" che fanno piazza pulita di qualsiasi moderatismo. I governi riflettono una situazione strutturale fatta di tensioni di classe che possono anche sfociare in svolte impreviste dalla borghesia. In Brasile la violenza ha raggiunto livelli preoccupanti: omicidi in aumento (70 mila all'anno), favelas fuori controllo, crisi economica e tensioni politico-istituzionali.

Il rapporto Urban Operations in the Year 2020 è un'analisi della Nato che prevede per il 2020 il massiccio dispiegamento dei soldati nelle strade. Lo studio prevede che per quella data il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle metropoli e ci sarà un forte aumento della povertà. Oggi le guerre moderne si conducono in contesti urbani, come abbiamo visto a Mosul, Raqqa, Aleppo, e fanno largo uso della Rete, lanciando cyber-attacchi micidiali. Le forze di polizia da anni sono affiancate dai militari nel pattugliamento delle maggiori metropoli occidentali, senza scandalizzare più nessuno. In un articolo pubblicato sul sito Gli occhi della guerra e intitolato "Uk, l'esercito nelle città", si commenta così il dispiegamento delle forze militari nella città inglesi:

"Il report [Urban Operations in the Year 2020] si è dimostrato da subito non solo approfondito ma anche notevolmente capace di predire quanto sarebbe avvenuto nei futuri quindici anni: migrazioni di massa, concentrazione dei rischi nelle grandi città, urbanizzazione sempre più crescente e scenari bellici sempre più inerenti alle città e meno a terreni aperti. In particolare, si fa riferimento proprio alla possibilità che, oltre alla minaccia terroristica, si creino sempre più disordini all'interno delle grandi metropoli del mondo per via di un continuo afflusso di persone, di infrastrutture incapaci di colmare le richieste di tutti, e la presenza di gruppi sociali completamente diversi tra di loro."

Nel corso della sua rivoluzione, la borghesia si è data un elemento ordinatore potente e in grado di perfezionarsi: lo Stato. Ma questo elemento ha subìto la sorte dell'intero modo di produzione: ha perso energia, andando prima verso la sclerosi, poi verso il caos. Se in un primo tempo esso sembrava in grado di dominare le forze economiche ormai troppo grandi per essere lasciate alle decisioni dei singoli, in seguito ha dovuto piegarsi alle forze cieche dell'economia, perché nessuno era ormai in grado di tenerle sotto controllo. Lo Stato-nazione è ormai ridotto a pura espressione geografica, chinato alle esigenze di un capitale anonimo internazionale sul quale non ha più alcuna influenza. Gli eserciti per le strade altro non sono che la dimostrazione di un'inesorabile perdita di energia del Sistema, perché alla borghesia per mantenere il suo potere resta solo la forza.

La successione, dice la nostra corrente, non è fascismo-democrazia-socialismo; ma democrazia-fascismo-dittatura del proletariato. Perciò chi vuol essere progressivo, sia fascista (Prometeo n. 5 del gennaio 1947). Negli ambienti della sinistra radicale va per la maggiore la concezione di una borghesia che ha come fine l'attacco al proletariato; in realtà la borghesia cerca disperatamente un'alleanza con quest'ultimo, punta a coinvolgerlo nella sua politica corporativa, come abbiamo dimostrato nell'articolo "La socializzazione fascista e il comunismo". Esiste uno stretto legame tra la vittoria del primo fascismo (1922) e poi del demo-fascismo (1945) ed il riuscito coinvolgimento della classe operaia. Schierarsi con la parte della borghesia ritenuta più progressista ha sempre portato il proletariato a sottomettersi a programmi altrui, mentre i fronti unici politici, parlamentari o extra, sono sempre stati strumenti utili a disarmarlo.

La borghesia è con l'acqua alla gola, si ritrova barricata in ghetti dorati e circondata da sterminate banlieue dove abitano milioni di senza riserve che non hanno nulla da perdere se non le proprie catene (i 5200 soldati schierati da Trump al confine con il Messico per scoraggiare l'arrivo della carovana dei migranti non basteranno in futuro). L'isolamento dei ricchi dal resto della società produce anche della letteratura, come il romanzo Le vedove del giovedì di Claudia Piñeiro, che racconta di un quartiere di ville lussuose abitate da ricche famiglie che si trasforma in una specie di ghetto difeso da barriere e guardie armate.

Un senso di disgregazione e di impotenza accompagna la classe dominante, a cui altro non resta che affidarsi ai suoi sgherri, specie in quei paesi dove il capitalismo ha avuto uno sviluppo rapidissimo, strappando milioni di uomini dalle campagne e riversandoli in gigantesche metropoli tentacolari. Gli stessi redditi dei capitalisti vengono intaccati da qualcuno più ricco di loro, magari un super-manager o un CEO di una società per azioni. Non ci sono più molte alternative per la borghesia: scomparire dalla scena storica, o recuperare un rapporto di qualche tipo con il proletariato, cercando di realizzare un fascismo globale 2.0.

Articoli correlati (da tag)

  • Anniversari

    La teleconferenza di martedì 9 luglio, a cui hanno partecipato 11 compagni, ha avuto come tema principale il ricorso di alcuni anniversari.

    Tra il 7 e il 9 luglio del 1962, in Piazza Statuto a Torino, si verificano violenti scontri tra forze dell'ordine e operai in seguito alla firma di un accordo sindacale separato tra Uil e Fiat. La mattina del 7 luglio i maggiori stabilimenti industriali della città si fermano e gli operai incolleriti si concentrano di fronte alla sede della Uil in Piazza Statuto; ne nascono degli scontri con la polizia che durano per tre giorni con il risultato di più di un migliaio di fermi, quasi un centinaio di arrestati e svariate centinaia di feriti da entrambe le parti.

    Dalle fila del PCI ai sinistri dei Quaderni Rossi, si alza un coro unanime di condanna dei fatti di piazza Statuto, giudicati una "squallida degenerazione" di una manifestazione di protesta operaia. L'Unità del 9 luglio definisce la rivolta come "tentativi teppistici e provocatori", ed i manifestanti "elementi incontrollati ed esasperati", "piccoli gruppi di irresponsabili", "giovani scalmanati", "anarchici, internazionalisti". Al contrario, il programma comunista n. 14 del 17 luglio 1962, esce con un potente articolo intitolato "Evviva i teppisti della guerra di classe! Abbasso gli adoratori dell'ordine costituito!", in cui si afferma che ha poco senso essere non violenti quando quotidianamente si subisce la violenza del lavoro salariato.

  • Conoscenza, marasma sociale e rivoluzione

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 16 compagni, ha preso le mosse dalla lettera di Elio Franzini, filosofo nonché rettore dell'Università di Milano, a Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera, intitolata "Studi umanistici e scientifici. La scissione non ha senso".

    In realtà, a dispetto del titolo, l'autore afferma che la discussione iniziata negli anni '60 da Charles P. Snow sulla necessità di unificare il sapere scientifico con quello umanistico, è superata, dato che le due culture esistono e che "non si può pensare di ridurre la complessità dei saperi ad artificiosi momenti unitari". Per Franzini, la filosofia ha dunque la preminenza su tutte le altre discipline:

    "Nella misura in cui tratta di una questione puramente tecnica, la soluzione dipende dagli strumenti tecnologico-scientifici che si riescono ad approntare. Ma, nel momento in cui il campo si allarga – ed è il caso della nostra contemporaneità – il ritmo del progresso tecnico impone alla coscienza umana l'obbligo di adattare le regole alle circostanze, precisando con le sue scelte i criteri che gli consentono di agire. Ed è qui che il pensiero filosofico innesta ancor oggi la sua forza di propulsione."

    Ciò che conta è quindi la profondità del pensiero filosofico, le altre discipline servono al massimo ad ampliarne l'orizzonte speculativo. Lo scritto di Franzini fa venire in mente lo scambio epistolare avvenuto qualche anno fa sulle pagine di Repubblica tra Eugenio Scalfari e Alessandro Baricco; il tema della discussione era l'avvento dei nuovi barbari, e mentre il primo difendeva l'importanza degli intellettuali e della cultura classica rivendicando il primato della filosofia rispetto all'emergere dell'intelligenza diffusa e distribuita, il secondo valutava abbastanza positivamente la superficialità barbarica.

  • Rovesciamento della prassi

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 9 compagni, è iniziata con la segnalazione dell'assemblea europea dei rider avvenuta lo scorso 25 e 26 ottobre a Bruxelles. Circa 60 fattorini, impiegati presso aziende del food delivery quali Deliveroo, UberEats, Glovo e Foodora, e provenienti da Spagna, Italia, Francia, Inghilterra, Irlanda, Scozia, Belgio, Paesi Bassi, Svizzera, Norvegia, Finlandia, Germania, si sono dati appuntamento nella capitale belga per dar vita a un coordinamento di lotta (Transnational Courier Federation). Dalle prime mobilitazioni del 2016 a Londra, il settore ha visto un continuo di scioperi e manifestazioni che hanno coinvolto sempre più paesi, fino a lambire Cina, Hong Kong e Australia. Durante l'incontro di Bruxelles i precari hanno scambiato informazioni sulle rispettive lotte e hanno lanciato uno sciopero europeo per il prossimo 1° dicembre. Il comunicato ufficiale si chiude con queste parole:

    "La lotta contro lo sfruttamento tramite piattaforme di consegna non può essere effettuata all'interno del quadro nazionale. Queste multinazionali si basano sull'elevato tasso di disoccupazione giovanile, le difficoltà per coloro che sono senza documenti di trovare lavoro per trarne profitto. L'approccio internazionalista attorno al quale si costituisce questa federazione rappresenta un passo in avanti per la nostra classe. Mentre il nazionalismo sta guadagnando terreno in Europa e le organizzazioni, anche di sinistra, hanno ripreso il discorso nauseante sui confini, noi rider abbiamo deciso di organizzarci contro queste operazioni e gridare a gran voce che i confini non ci dividono: fattorini di tutti i paesi unitevi!"

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 236, 18 novembre 2019

f6La sussunzione della società al capitale
f6Economia e Big Data
f6Di che colore è Hong Kong?
f6Iraq. Verso la guerra civile?
f6Bistecca vegana senz'osso
f6Olocrazia
f6Bisognava pensarci prima

Leggi la newsletter 236
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email