Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  6 agosto 2019

Slanci antiformisti

Durante la teleconferenza di martedì 6 agosto, a cui si sono connessi 10 compagni, abbiamo commentato le ultime notizie provenienti da Hong Kong e da altri luoghi del mondo, traendo alcune considerazioni generali sui movimenti che negli ultimi tempi si stanno manifestando.

Lunedì 5 agosto a Hong Kong c'è stato lo sciopero generale. Il venerdì precedente, in preparazione alla mobilitazione successiva, hanno incrociato le braccia gli impiegati statali; ne ha parlato Asia News nell'articolo "Legge sull'estradizione: manifestano anche gli impiegati statali e delle banche", in cui si preannunciava il coinvolgimento dei lavoratori di 34 istituti bancari, ma non solo, nella giornata dello sciopero generale: "Fra essi vi sono persone che lavorano nelle banche locali, in quelle internazionali e perfino nelle banche statali cinesi. I sindacati del mondo finanziario vanno ad aggiungersi ai sindacati di altri 95 gruppi sociali dei settori pubblico e privato. Fra essi vi sono insegnanti, piloti di aerei, hostess e stewards, avvocati, artisti."

Lo sciopero di lunedì ha bloccato il traffico ferroviario e aeroportuale, causando la cancellazione di più di 100 voli. La situazione di forte tensione sociale ha spinto la governatrice Carrie Lam ad affermare che la città si trova sull'orlo del caos e che il governo sarà risoluto nell'assicurare l'ordine pubblico. Le manifestazioni, nate per protesta contro la legge sull'estradizione in Cina, si sono allargate all'intera società, e il governo di Pechino ha lanciato il suo monito: attenzione a non confondere la prudenza con la debolezza.

L'elenco dei luoghi nel mondo in cui si verificano mobilitazioni e movimenti di diverso genere si allunga di giorno in giorno. In Russia, durante due diverse manifestazioni di oppositori al governo, sono stati arrestati oltre 1700 manifestanti, tra cui molti giovanissimi; la motivazione ufficiale che ha portato alla mobilitazione sembra essere la decisione della commissione elettorale di escludere dalle prossime elezioni comunali i candidati indipendenti.

In alcune parti del pianeta le manifestazioni hanno assunto un carattere di regolarità, diventando una sorta di appuntamento fisso della settimana. Così avviene in Algeria ogni venerdì o in Francia ogni sabato, dove il 3 agosto scorso si è tenuta la 38° giornata di protesta dei gilets jaunes con scontri molto duri nella città di Nantes. In questi ultimi mesi la polizia francese ha cercato in tutti i modi di scoraggiare i manifestanti, compiendo centinaia di arresti e mettendo in campo una repressione feroce che ha provocato centinaia di feriti, anche gravi. Ma le manifestazioni non si sono fermate.

Ovunque scoppi la protesta, si tratta di flash mob autorganizzati, potenzialmente forieri di automatismi che, superata una certa soglia, portano in piazza centinaia di migliaia di persone. Ad Hong Kong si è assistito ad uno svolgersi degli avvenimenti che potremmo definire da manuale, con manifestazioni che iniziano in un modo e finiscono in un altro. Gli scioperi trascendono gli scopi per cui sono nati, passando da un livello rivendicativo-sindacale a quello politico, oppure, al contrario, da un carattere politico ad uno sciopero generale sostenuto dai sindacati.

Questo tipo di manifestazioni, i flash mob autorganizzati, tendono inoltre a sincronizzarsi. Il 15 ottobre 2011, sull'onda di Occupy Wall street, migliaia di manifestanti coordinati in mille città ed in ottanta paesi diversi innalzarono cartelli e striscioni con un messaggio essenziale ed efficace. Siamo il 99% e quell'altro 1% detta legge, si pappa tutto e ci costringe al girone infernale del bisogno insoddisfatto. Il modulo Occupy è vincente: in effetti quanto accade in questi giorni ad Hong Kong è collegato alle manifestazioni del 2014, quando era nato Occupy Hong Kong. La seconda ondata non poteva che essere più radicale. Se è vero che Occupy Wall Street si è dissolto, il suo modus operandi l'abbiamo rivisto in Turchia con l'occupazione di Gezi Park, in Sudan, in Russia e in molti paesi dell'est Europa. Rispetto all'ondata del 2011 la novità di oggi è data dalla scadenza settimanale delle manifestazioni, che vanno oltre la ritualità del corteo che inizia la mattina e finisce la sera. A Sibiu, in Romania, ogni giorno a mezzogiorno da più di 500 giorni consecutivi, un gruppo di residenti organizza una protesta contro la corruzione fuori dalla sede del Partito socialdemocratico (PSD), al governo dal 2016.

In generale, le situazioni di caos sono sempre più frequenti. Nel Kashmir, l'India ha revocato lo "status speciale", che fin dagli anni Cinquanta dava una certa autonomia al governo locale, dividendo la regione in due stati e mettendo in allarme il vicino Pakistan. Negli Usa in due distinte sparatorie ci sono stati oltre 30 morti ad opera di giovani killer.

E' la struttura materiale della società che non funziona più. Robert A. Heinlein, nel racconto L'Anno del diagramma fa misurare ad uno scienziato, attraverso un grafico, i sintomi dell'assurdità del mondo: alle impennate della curva corrispondono le catastrofi collettive, finché un giorno la linea tocca un vertice e lo scienziato capisce che la civiltà sta per finire, cosa che puntualmente avviene. Effettivamente, è possibile fare un collegamento tra eventi fisici ed eventi sociali e difatti assistiamo ad una performance globale che va al di là di quello che i manifestanti dicono di sé stessi. Molte manifestazioni sono dovute non tanto a ragioni ideologiche ma a cause materiali. Se ne accorge l'Economist, che in un articolo sull'ingovernabilità dei maggiori paesi occidentali mette in parallelo la perdita di energia degli stati con la crescita di numero delle mobilitazioni. Solo a Londra lo scorso marzo sono scese in strada un milione di persone per dire no alla Brexit, ovvero per la paura provocata dalle conseguenze dell'uscita della Gran Bretagna dalla UE.

Quando un tale marasma sociale inizia a riguardare diversi paesi vuol dire che si sta inceppando qualcosa di profondo. Ma comunque, anche nella peggiore situazione di entropia, di disordine sociale, c'è sempre un elemento che si autocatalizza e trova un ordine (S. Kauffman, A casa nell'universo. Le leggi del caos e della complessità).

Le manifestazioni in Algeria sono iniziate contro il governo e la mafia che lo sostiene. Non esiste una rivendicazione chiara, ma c'è un indirizzo molto preciso. Il movimento iraniano, nato a Mashhad nel dicembre del 2017 per l'aumento del prezzo delle uova, si era spinto ad attaccare gli uffici della polizia e a scagliarsi sia contro i politici moderati che contro i conservatori. Queste manifestazioni sono degli slanci antiformisti, come scritto in "Tracciato di impostazione" (Prometeo, n. 1, luglio 1946). Il modo di produzione capitalistico è stato antiformista nei riguardi delle forme precapitalistiche e le annientò. La borghesia ruppe un determinato assetto della società per liberare le forze produttive incatenate dai precedenti rapporti di produzione. Oggi il capitalismo non ha più alcun compito distruttivo nei confronti del passato e ha perso ogni slancio. La rivoluzione borghese riguardava l'emancipazione di una classe che non aveva la libertà politica di cui necessitava, mentre la prossima rivoluzione è a titolo umano e sarà portata avanti da una classe che, abolendo tutte le classi, abolirà anche sé stessa.

Un altro aspetto interessante affrontato nel "Tracciato d'impostazione" riguarda il posizionamento del proletariato nella lotta contro il vecchio modo di produzione: quando la borghesia era antiformista, era previsto che il proletariato lottasse al suo fianco per i propri fini (Manifesto), per favorire il crollo del vecchio regime. Ora, chiuso per sempre il ciclo della lotta borghese rivoluzionaria, non è più prevista una lotta del proletariato al fianco della borghesia, che rappresenta il vecchio regime contro cui battersi. La stessa borghesia nega sé stessa passando dalla fase rivoluzionaria a quella di stabilizzazione demo-fascista. Siccome non si può tornare indietro, si procede spediti verso la disgregazione del mondo capitalistico. La classe dominante, con il collasso del sistema dei partiti e dei sindacati, non riesce più a legare la società a sé stessa. La disaffezione verso le istituzioni, l'aumento dell'astensionismo, la crisi in cui si dibattono tutte le strutture di controllo sociale, sono da inserire nella parabola storica della borghesia, che si sta chiudendo.

Le motivazioni che hanno fatto nascere i recenti movimenti sono il prodotto di un modo di produzione che perde inesorabilmente energia. L'aumento del prezzo dei beni di prima necessità può, ad esempio, incrinare una già delicata situazione sociale. In Egitto hanno cominciato in piazza Tahrir e sono finiti a scioperare nei distretti del tessile, senza che arrivassero grandi notizie su quanto accadeva, con la polizia che metteva in campo una violenza terribile, come a Mahalla dove c'è stato uno sciopero generale che il governo ha tacciato di terrorismo.

Un legame tra la situazione sociale e il fatto che si manifesta in un certo modo è evidente nelle rivolte delle banlieue francesi dove venivano incendiate auto, scuole, stazioni di polizia e soprattutto i centri di integrazione sociale che avevano il compito di spezzare la communautarisation. Il vero grande problema con cui devono fare i conti gli stati è legato al fatto che intere popolazioni non hanno nessun futuro lavorativo (causa automazione dei processi produttivi), ed è normale che scendano in piazza contro lo stato di cose presente. Da un pò di anni a questa parte negli Usa e in Europa sta sparendo la classe media, quella che faceva da cuscinetto tra proletariato e borghesia. La polarizzazione dei redditi può essere tollerata dal sistema se è transitoria, ma il capitalismo non può sopravvivere solo con lo Stato che spinge in alto i consumi tramite redditi di cittadinanza o con i genitori che mantengono i figli perché sono senza lavoro. Se non viene prodotto nuovo plusvalore intere fette di popolazione non consumano, e quindi impediscono al capitale di riprodursi.

Articoli correlati (da tag)

  • Le curve della catastrofe

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata con la segnalazione di un articolo pubblicato sul Corriere della Sera, sulla relazione tra cambiamenti climatici e crisi finanziarie.

    Proprio in questi giorni si sta svolgendo a Davos il World Economic Forum per discutere delle questioni in materia di salute e di ambiente, ma soprattutto di business. L'ecologismo nasce con le prime organizzazioni di nobili inglesi che erano costretti a respirare i veleni della Londra dei primi dell'800. Essendo un argomento interclassista per eccellenza mette d'accordo tutti, nessuno può negare che l'impronta ecologica è data; mentre si nega invece, per principio, l'incapacità del capitalismo ad affrontare questa situazione. Nell'articolo "Un modello dinamico di crisi" del 2008 avevamo visto come già nel 1961 l'umanità consumava il 50% della biocapacità media del pianeta, mentre nel 2003 ne consumava già il 125%. L'impronta ecologica offre la misura di quanto s'è allargato il divario fra l'equilibrio termodinamico e la dissipazione di energia, cioè di risorse che, perdurando il sistema capitalistico, andranno irreversibilmente perdute, come la foresta primaria o l'acqua di molti fiumi a causa del prelievo per l'agricoltura e per le metropoli. La massa biologica sulla terra è una piccola parte rispetto alla massa del pianeta intero. L'uomo intacca la prima, logorando le possibilità per la sua stessa riproduzione. Tuttavia, la Natura ha prodotto l'uomo il quale si dovrà adeguare alla condizione della biosfera: una delle conseguenze della distruzione di massa biologica innescata dall'attività umana è la perdita di biodiversità sul nostro pianeta per cui si sta andando verso la sesta estinzione di massa, peggiore di quella del Cretaceo quando il 95% delle specie esistenti è scomparso dalla faccia del Pianeta.

  • La guerra nel mondo globalizzato esiste sempre

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'attacco missilistico americano vicino all'aeroporto di Baghdad, che è costato la vita al generale iraniano Qassam Soleimani e alla sua scorta.

    Contrariamente a quanto affermato dal settimanale l'Internazionale, gli Stati Uniti non hanno iniziato con questa azione una guerra contro l'Iran, dato che un conflitto è già in corso da tempo: nel mondo globalizzato d'oggi la guerra esiste sempre, anche quando tacciono i cannoni. Nell'articolo "Dall'equilibrio del terrore al terrore dell'equilibrio", analizzando le trasformazioni avvenute negli ultimi cinquant'anni, abbiamo scritto che "la guerra all'ultimo sangue tra concorrenti non avviene più per conquistare aree di sbocco alle proprie merci e capitali ma per ripartire il plusvalore prodotto in un mondo ormai interamente conquistato dal Capitale."

    Soleimani rappresentava un importante hub nella rete di rapporti che l'Iran ha costruito negli anni in Libano, Yemen, Siria e Iraq, ottenendo risultati militari e politici non indifferenti. Il missile che ha colpito il suo generale nella capitale irachena è quindi un avvertimento, al quale potrà rispondere solo con azioni simboliche, o al massimo creando fastidi intorno all'importante stretto di Hormutz. Ma in ogni caso non potrà pestare troppo i piedi agli Stati Uniti, per il semplice motivo che non ne ha la forza.

  • Movimenti senza leader

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata prendendo spunto dal dibattito politico in corso riguardo la riforma del MES.

    Il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche fondo salva-Stati, è un'organizzazione intergovernativa dei paesi della zona euro che ha la funzione di mantenere la stabilità finanziaria dell'area. Il fondo ha una dotazione di 80 miliardi di euro, ma ne può raccogliere sui mercati fino a 700 attraverso l'emissione di titoli con la garanzia degli stati che vi aderiscono. Tutto sommato, si tratta di poco, specialmente se con questi soldi si pensa di poter contrastare gli effetti di un prossimo crack. Per fare un confronto, basti considerare che il PIL dell'eurozona si aggira intorno ai 16mila miliardi di euro.

    Al di là delle polemiche tra partiti, tra favorevoli e contrari, ciò che interessa mettere in luce è la contraddizione in cui gli stati dell'Unione Europea si dibattono: da una parte il fondo serve ad intervenire se un paese rischia di andare in default, dall'altra determina un controllo delle finanze sui singoli paesi togliendo autonomia agli esecutivi. Il capitalismo europeo ha la necessità di superare i confini nazionali per poter competere con giganti come Cina e Usa, ma al tempo stesso deve fare i conti con le singole borghesie, vincolate agli interessi nazionali. Un meccanismo in atto che vede le dinamiche centripete scontrarsi con quelle centrifughe. Lo stesso discorso vale per il capitalismo mondiale: essendo un sistema internazionale di scambio di merci e di flussi di valore, richiede organismi sovranazionali come la Banca Mondiale, il Fondo monetario internazionale, l'Organizzazione mondiale della sanità e il WTO, ma questi non funzionano come dei ministeri perché non fanno capo ad un esecutivo unico mondiale, ma alle esigenze dei singoli paesi, in primis di quelli più forti, che hanno maggior potere di ricatto. Non solo dal 2008 ad oggi non è stato recuperato il livello precedente di crescita, ma addirittura il commercio mondiale è sceso. Di fronte a tutto ciò, i provvedimenti della borghesia sono di una leggerezza incredibile: servirebbe un po' di coraggio, smettendo di foraggiare le banche e cominciando a versare i soldi direttamente nei conti correnti dei cittadini, come suggerito dal Wall Street Journal.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email